Sfumature di Cile

I paesaggi e i colori del Paese, dal deserto di Atacama alla metropoli di Santiago
 
Partenza il: 06/03/2014
Ritorno il: 24/03/2014
Viaggiatori: 3
Spesa: 2000 €

Quest’anno per scegliere la nostra meta di viaggio abbiamo deciso di accogliere la sfida lanciataci dalla nostra nonna ottantenne: accompagnarla a trovare alcuni parenti a Santiago del Cile.

Volo AirFrance con partenza da Verona alle 18.00; scalo a Parigi ed arrivo a Santiago dopo 16 ore di volo (totali).

Finiti i controlli doganali di routine (allungati da un pezzo di formaggio Grana messo in valigia dalla nonna) siamo finalmente riusciti ad abbracciare i nostri cari.

Del nostro primo giorno a Santiago abbiamo approfittato per fare la conoscenza di tantissime nuove persone e per riprenderci dal viaggio, ma già dal giorno successivo abbiamo iniziato la nostra visita a questo paese meraviglioso.

San Pedro di Atacama

Affidata la nonna alle cure dei parenti (o meglio, affidati i parenti alle 1.000 attenzioni di nonna), abbiamo preso un volo interno per Calama. Sull’aereo, contrariamente alle aspettative, i turisti erano pochissimi: la quasi totalità dei passeggeri era composta da minatori e ingegneri diretti al nord per iniziare la settimana lavorativa nelle numerosissime miniere di rame.

La cittadina di Calama, nonostante sia considerata l’orgoglio minerario del Cile, dal punto di vista turistico, viene spesso tralasciata in quanto usata solo come scalo per poi raggiungere San Pedro di Atacama in circa 1ora e ½ di autobus. L’impatto climatico è sicuramente molto forte: nonostante stia per finire l’estate cilena, i 35 gradi del deserto si fanno sentire. Caricati gli zaini in spalla ci siamo diretti verso il centro del paese per cercare un Hostal dove alloggiare per 3 notti: abbiamo scelto l’Hostal San Pedrino. Successivamente abbiamo cercato una agenzia turistica locale dove prenotare le nostre escursioni. Girando per le vie del centro le agenzie sono veramente numerosissime: i prezzi sono pressoché simili, ma con un po di pazienza è possibile trovare anche qualche offerta interessante. Per i primi due giorni,per evitare problemi legali all’altezza, ci hanno consigliato di fare delle escursioni pomeridiane a non più di circa 3.000 metri. Per il terzo giorno, invece abbiamo prenotato l’escursione ai Geyser del Tatio a circa 4.200 metri sul livello del mare.

Valle della Luna e Valle della Morte: si trova a circa 15 km da San Pedro e, per chi ha un po di allenamento, è facilmente raggiungibile anche con la bicicletta. Il paesaggio è veramente spettacolare; sembra di essere atterrati sulla luna. Lo sguardo si perde in mezzo a creste di roccia erose dapprima dall’acqua e poi dal vento e da dune di sabbia altissime che vengono utilizzate da sportivi appassionati di sandboard. Nella valle della morte (chiamata così in quanto si pensa non possa esistere alcuna forma di vita) ci godiamo il nostro primo tramonto in questo paesaggio veramente straordinario.

Laguna Cejar, Ojos del Salar e la Laguna Tebenquinche: Laguna Cejar si trova nel Salare di Atacama. Arriviamo alla laguna alle 17.00 circa, tuttavia il sole è talmente caldo che accettiamo molto volentieri di immergerci nell’acqua turchese del piccolo lago salato. Il paesaggio è veramente sensazionale: acqua azzurra, circondata da una spiaggia di sale bianchissimo…come se non bastasse il Licancabur (uno dei vulcani spenti della zona che misura 5.900 metri) ci guarda dall’alto. L’acqua è talmente salata che si riesce a rimanere a galla senza sforzi ed una volta usciti la pelle è tutta coperta da una patina bianca di sale.Continuiamo la nostra gita in pulmino verso “Ojos del Salar” due pozze d’acqua in mezzo al deserto perfettamente circolari. Il colore dell’acqua è sicuramente poco invitante, tuttavia molti usano questa sosta per togliersi di dosso un po del sale rimasto.

La nostra gita termina alla Laguna Tebenquinche: il paesaggio più candido che abbiamo mai visto. Inoltre i colori del tramonto creano delle sfumature incredibili. L’atmosfera è resa ancora più piacevole da una aperitivo di Pisco Suor servito dalla nostra guida.

Geyser del Tatio: partenza alle 04.30 del mattino e dopo circa due ore di viaggio in pulmino arriviamo a destinazione. Il mattino presto è il momento migliore per vedere questo spettacolo della natura: Tutta la zona é piena di vapore che esce dalla terra e la temperatura é di circa -9 gradi sotto lo zero. Passeggiamo e facciamo fotografie in mezzo alle colonne di fumo e circa dopo un’ora ci ritroviamo vicino al nostro pulmino dove ci aspetta la nostra guida con un banchetto a base di uova sode, panini, cioccolata calda, thè e caffè….la colazione perfetta per riprenderci dalle temperature glaciali. A mano a mano che passano le ore ed il sole sorge dalle montagne, la nebbia che avvolgeva l’intero paesaggio comincia a diradarsi. Ci spostiamo verso il lago termale poco distante dove i più temerari possono fare il bagno in una piscina con l’acqua a circa 25-30 gradi. Il problema è uscire dall’acqua, soprattutto se si considera che la temperatura esterna è di circa -5 gradi. Una sosta nel piccolissimo villaggio Machuca (dove vivono circa 7 persone) per consentire ad alcuni turisti di riprendersi dai problemi derivanti dalla pressione con una tisana e ad altri di assaggiare i buonissimi spiedini di llama.

Lungo la strada per il ritorno, riusciamo anche a vedere alcune Vicune, un branco di Llama, dei Fenicotteri e degli enormi cactus alti più di 8 metri.

Arrivati a San Pedro approfittiamo della mezza giornata rimasta per guardare le bancarelle e i coloratissimi negozietti, comperare qualche ricordino e gustarci un’ottima cena al ristorante “casa de pietra”.

Lungo la costa settentrionale

Il giorno seguente in nostro viaggio ricomincia e con i puntualissimi autobus turistici (TurBus,Condor Bus, Pullman Bus e molti altri) iniziamo la nostra discesa lungo la costa settentrionale.

Nonostante la nostra intenzione iniziale fosse quella di trascorrere alcune giornate al mare per prendere un po di tintarella, purtroppo, il cielo nuvoloso e le temperature di circa 15 gradi, non ce lo hanno permesso. Ad ogni modo ogni paesino o città in cui abbiamo sostato, ci ha lasciato un ricordo indimenticabile:

Come Chanaral, cittadina d’appoggio per visitare il parco Naturale Pan de Asucar, che con tutte le problematiche che la legano profondamente all’estrazione del rame ci ha rubato un pezzetto di cuore;

Guarda la gallery
cile-6nhtw

dall'alto di Santiago...

cile-fwf1g

spirito cileno

cile-kr3k6

chioschetto di mote

cile-dxrfz

Momento di riflessione-Valparaiso

cile-rfjvx

Laguna Tebenquinche-Deserto di Atacama

cile-6wc3n

sanddoard-Valle della Luna

cile-33qpg

Valle della Luna-Deserto di Atacama

cile-zwjra

Parco Naturale Pan de Azucar

cile-zujjc

leoni marino al porto di Caldera

cile-766fn

Geyser del Tatio-Deserto di Atacama

cile-yqs98

gigante di spine: San Pedro de Atacama

cile-b52sv

Valparaiso una città di colori

cile-k337z

La natura in festa- La Serena



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Cile
    Diari di viaggio
    attraversando la panamericana cilena, tra poesia e profumo di vino

    Attraversando la panamericana cilena, tra poesia e profumo di vino

    Il 18 Febbraio si parte da Roma Fiumicino con un volo diretto Alitalia di 15 ore, uno dei voli diretti più lunghi che partono...

    Diari di viaggio
    i moai e l'isola di pasqua: fascino e mistero

    I moai e l’isola di Pasqua: Fascino e mistero

    È un'isola sperduta in mezzo all’Oceano Pacifico e lontana da tutti e da tutto. Situata ad una distanza di circa 4000 km dalle coste del...

    Diari di viaggio
    capilla de marmol, cile

    Capilla de marmol, Cile

    È proprio nella parte cilena del lago che si trova la cattedrale di marmo, nel territorio di Puerto rio Tranquilo. la cattedrale è solo...

    Diari di viaggio
    cile, la terra alla fine del mondo

    Cile, la terra alla Fine del Mondo

    Giugno 2018: all'improvviso mi ritrovo a vivere a Santiago del Cile, dopo esserci stata di passaggio nel 2006. Avevo visto molto poco di...

    Diari di viaggio
    argentina e cile

    Argentina e Cile

    Arriviamo a Buenos Aires in mattinata presto, rinfrescatina in albergo e passeggiata nel quartiere di Sant’Erasmo, pranzo veloce e...

    Diari di viaggio
    3 settimane tra cile del nord e bolivia

    3 settimane tra Cile del Nord e Bolivia

    Viaggio di 3 settimane nel Cile del Nord e in Bolivia, partendo da Santiago del Cile. 10 giorni on the road con auto a noleggio sugli...

    Diari di viaggio
    patagonia, terra del fuoco e falkland: la selvaggia bellezza del sud del mondo

    Patagonia, Terra del Fuoco e Falkland: la selvaggia bellezza del sud del mondo

    skua e i caracara, pronti ad approfittare di qualche pulcino abbandonato o di qualche adulto ferito. Assisto alla scenetta di un gruppo di...

    Diari di viaggio
    amato cile: dai mille volti e le molteplici meraviglie

    Amato Cile: dai mille volti e le molteplici meraviglie

    "Meravigliati ogni giorno per qualcosa e la tua anima ti sorriderà sempre" Pianificare un viaggio è un po’ come viverlo in anticipo....

    Diari di viaggio
    argentina e cile fai da te in sei settimane tutto in macchina

    Argentina e Cile fai da te in sei settimane tutto in macchina

    particolare e caratteristico di questa zona. Visita alla distilleria Pisquera AbA. Pranzo al ristorante Donde Martita, famoso per le...

    Diari di viaggio
    cile e isola di pasqua in solitario

    Cile e Isola di Pasqua in solitario

    a Viña Del Mar, una ridente cittadina turistica lì vicino famosa per le spiagge. In inverno è quasi deserta, ma comunque merita un breve...

    Video Itinerari