Seychelles a febbraio

Un viaggio tra La Digue e Mahe
 
Partenza il: 17/02/2013
Ritorno il: 26/02/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Dopo gli ultimi viaggi più culturali ed impegnativi, abbiamo sentito il bisogno di regalarcene uno all’insegna del relax, a contatto con la natura per ricaricarci nel corpo e nello spirito. Siamo partiti da Milano-Malpensa con volo Emirates, con sosta e cambio aereo a Dubai. Lì nessuna cosa ti lascia indifferente perché è tutto esagerato, e pur sentendoti un pesce fuor d’acqua, ti piace vivere questa esperienza osservandone le sfumature…. Ed è lì, all’aeroporto di Dubai che, tra quel continuo incessante brulicare di viaggiatori di ogni razza del mondo, abbiamo deciso di salire al piano superiore per curiosare cosa mai ci fosse di così sfarzoso…. Lassù, attraverso ampie vetrate, si intravedono accoglienti salotti con luci calde e viaggiatori in comoda attesa con i volti di chi si assapora il benessere. Ad un tratto una porta a vetro si è aperta automaticamente per lasciare uscire un tizio, e da lì siamo entrati, consapevoli di non averne diritto, ma trasportati da una curiosità troppo travolgente da poter essere ignorata. Eravamo nelle “Business Rooms” cioè nelle sale di attesa riservate a chi vola con la Business-Class! Lì dentro c’è un altro mondo, puoi usufruire di tutto e tutto è gratuito per il viaggiatore. Puoi usare i computers nella sala P.C., mangiare e bere comodo al tavolo o semi sdraiato su poltroncine e divanetti in pelle, leggere giornali e quotidiani a scelta, alzarti e provare cosa offre di più gradito qualche altro ristorante o bar se così lo vogliamo chiamare. I buffet e tutti i servizi sono a disposizione dei clienti che trovano davvero di tutto per ogni esigenza. Così… per soddisfare il capriccio di fare qualcosa che non capiterà più, ci siamo seduti ad un tavolo con un piccolo assaggio di frutta esotica per non voler esagerare, ignari persino di mostrare in evidenza sul bagaglio a mano che portavamo appresso, l’etichetta “economy class”! Con un gesto furtivo l’abbiamo rimossa, gesto che ci ha aiutato a sentirci meno intrusi! Abbiamo visitato i bagni, più suntuosi di una hall di un hotel di lusso, completi di doccia per ciascuna toilette, rivestite a mosaico azzurro cielo, asciugamani in cotone, candidi e ben piegati, a formare pile geometricamente perfette, e kit per l’igiene dei denti, specchi specchietti e tutto il resto! Poi ci siamo fiondati verso l’uscita… dalla stessa porta-vetro automatica da cui eravamo entrati, prima di essere davvero fermati da qualcuno preposto al controllo… e via di sotto, divertiti e soddisfatti! Ora ci aspettava la seconda parte del viaggio, che ci avrebbe portato in una realtà assai diversa da quella… Le Seychelles! Sono isole di formazione granitica uniche al mondo: non ne esistono altre di queste dimensioni distanti così tanti chilometri dalla terraferma… Sfoggiano altissimi graniti tondeggianti e sinuosi tra bellissime spiagge coralline immacolate come la neve. Il paesaggio esotico, l’acqua cristallina e calda, le numerose specie endemiche di piante e uccelli, ti fanno sentire in un Paradiso terrestre! Altre isole minori, che non abbiamo visitato, sono di origine corallina e sono per lo più disabitate. Soltanto 46 su 115 sono abitate, da questo popolo così solare che il sorriso negli occhi, e la fretta e lo stress anni luce lontano da sé. La Digue, la piccola isola dove abbiamo soggiornato più a lungo, è una chicca, percorsa da decine di biciclette. Le usano per tutto, per andare a fare la spesa, persino per trasportare i bagagli dei turisti: le usano le mamme con i loro piccoli a seguito, seduti sui minuscoli seggiolini, che girano il capo a destra e sinistra incuriositi dal mondo intorno a loro. Tranquilli, pacifici, i bimbi non piangono mai, hanno già negli occhi l’entusiasmo della vita, rassicurati dall’istinto materno delle madri che affiora dalla loro gestualità così genuina da incantare. I taxi sono singolari carri di legno decorosamente rifiniti, trainati dalle mucche. Ci sono anche i Camion- driver, con quelle possenti sponde in legno intarsiato e dove dentro i clienti seduti si guardano in faccia. Per me è nata la grande occasione di allenarmi in bici, imbranata come sono… anche se pedalare… costa sudore! Abbiamo attraversato anche un tratto di foresta … ed essere in bici dentro la foresta tropicale non è cosa di tutti i giorni! La pedalata diventa silenziosa, assediata dai richiami reciproci degli uccelli. L’unico incontro tre cacciatori col bottino dentro una carriola: un cinghialone, ancora vivo per poco tempo, stava facendo il suo ultimo viaggio… Sparsi qua e là sull’isola, i “rasta” danno un tocco personale di intrigante mistero. Del resto la nostra limitata conoscenza di francese e inglese e nulla di creolo, non ci ha permesso di comunicare con loro per capire, neanche poco, la loro filosofia di vita. Meglio approfondire al nostro rientro a casa. Il nostro “nido” è stato un accogliente chalet immerso nel verde e nei fiori della foresta, disturbato solo la notte dalle litigiose “volpi volanti”, una specie di pipistrelli giganti … che si contendono i grossi frutti degli alberi il cui bersaglio finale é il tetto del nostro chalet, proprio sopra la camera da letto! La mattina si apriva con la colazione, in compagnia di graditissimi ospiti alla ricerca di briciole e frutta: sono passerotti dal colore rosso vivo o arancio, discreti ed intraprendenti insieme… Al ristorante tornavamo la sera per una succulenta e ricca cena a buffet dove trovavamo immancabilmente molto pesce di vario tipo sapientemente cucinato e tante altre pietanze che stuzzicavano la voglia dell’assaggio… il tutto in stile creolo. Con i ragazzi Manuela ed Alessandro, in viaggio di nozze, ci siamo incontrati ogni sera unendoci al solito tavolo per scambiarci le esperienze vissute durante la giornata. Abbiamo esplorato tutta l’isola, raggiungendo le spiagge più belle che portano nomi affascinanti.

Anse Source d’argent è un luogo magico che si raggiunge percorrendo un parco ricco di curiosità naturali. C’è poi una stradina bianca, ai piedi di immensi graniti, che tra ombre e sole ci accompagna su spiagge da sogno. Alle spalle le palme da cocco sventolano lievemente i rami al vento, conferendo al paesaggio un rilassante sapore tropicale. Qua e là incontriamo tipici artigianali banchetti che vendono cocco e frutta freschi, ornati da fiori di hibiscus rossi come il fuoco. La sabbia, anche sotto il sole, è sempre gradevole al tatto tant’è che siamo invogliati a toglierci le calzature per assaporare il suo piacevole contatto con la pianta del piede. E’ quasi un “delitto” calpestare le madrepore lungo la battigia e i frammenti di corallo rosso lasciati dal mare lungo la spiaggia di Anse Banana. Non appena la luce violenta del sole si attenua, per far posto al tramonto ormai prossimo, tanti piccoli granchi bianchi, esili e veloci, escono dalla sabbia in cerca di cibo. Li conosciamo già, sappiamo che sono discreti e timidi con noi umani… Grand Anse e Petite Anse con i loro colori e il mare azzurro turchese, ti conquistano e non le potrai dimenticare. Ti siedi lì a guardare il ricciolo dell’onda che si ripete e non serve parlare per confrontare le nostre sensazioni. Il profumo dell’oceano mi inebria e forse da lì mi rendo conto, anche solo per un istante, quanto spazio ci separa da casa… Ma il mare separa ed unisce e dovunque lo guardi non smette di affascinarti. Pensi che a casa tornerai presto, ma lì in quel preciso istante non ci sarai mai più… Anse Coco è ancora più lontana; fa caldo ed è una sfacchinata raggiungere questi luoghi. Questo contribuisce a renderli più apprezzabili. Sicuramente i vip che bazzicano l’arcipelago non sono vocati a questi disagi e sono certa che frequentino solo le spiagge riservate ai propri Resorts. Al ritorno, raggiunte le bici, occorre percorrere a ritroso la strada già fatta. A metà ci gusta una sosta “da Simon”, per un frullato di frutta mista, due chiacchiere succinte, una foto assieme ed una dedica sul quaderno dei ricordi. In poco tempo la fresca veranda spartana si è riempita di persone che sono state attratte dal nostro stesso desiderio. Probabilmente come spesso ci accade attiriamo coloro che leggono le nostre sensazioni sui nostri volti trasparenti…. Cediamo loro il posto, ignari che proprio il giorno seguente avremmo incrociato Simon in bici verso il porto, e ci avrebbe riconosciuto subito salutandoci affettuosamente con un sorriso a trentadue denti!! Del resto il mondo è piccolo….lì a La Digue! E’ stato bello l’incontro con la tartaruga gigante, tanto grande che per poco passa inosservata! E poi l’aver conosciuto il cane che mangia persino il cocco, e sguazza in acqua per inseguire i pesci lì a riva, dove già in due dita d’acqua nuotano ignari della nostra vicinanza. E’ stato curioso osservare la vita del porto, seduti sulla panchina sotto la veranda. C’è chi parte e chi arriva, chi scarica il proprio bottino generoso fatto di pesci pregiati come dentici, pezzogne, tanute, branzini, e tante altre specie a noi prima sconosciute come ad esempio lo wahoo. I sacchetti di plastica davvero non servono, basta un filo di lenza infilato tra le branchie per trasportarli dalle barche agli scogli di granito, dove il bottino viene diviso prima di compiere l’ultimo, breve trasporto appeso al manubrio della bici, sino a casa. Sotto alla grande pianta, che di giorno regala una bella porzione di ombra, i più attempati ragionano delle loro questioni, rimuginano sul passato e brontolano sul presente. Poco più in là i giovani pensano al futuro, cercano di vendere gite in barca verso le isole o trekking guidati per esplorare a piedi La Digue. Ma ad un tratto un vento insolito porta nubi minacciose. Per aria vola di tutto, ed il catamarano con a bordo i nostri amici di viaggio deve ancora raggiungere l’ormeggio. Inizia una pioggia decisa, ma i seychellesi sembrano tutt’altro che preoccupati: sanno che tra poco finirà tutto e sanno anche che i tetti in lamiera possono parare con successo anche le noci di cocco e i rami degli alberi che potrebbero finirvi sopra!… La più preoccupata ero io, pedalavo come non mai, scartando tutte le buche e scansando le pozzanghere, sotto gli occhi increduli di Sauro che mi seguiva. Dovevamo raggiungere la base prima di essere avvolti dal buio pesto….non esistendo illuminazione pubblica e approfittando della pausa di pioggia che non si sapeva quanto potesse durare…. Arrivati appena umidi, Sauro ha mostrato la sua meraviglia, consapevole che, così inesperta, la forza di volontà aveva valicato ogni mia difficoltà. Una cena di pesce dopo una doccia rigeneratrice ci ha rimesso subito in sesto. E’ stato bello ogni sera tornare in camera con la torcia in mano, nessun inquinamento luminoso disturbava lo spettacolo di quel cielo stellato. Solo l’ultima sera la luna si era fatta piena e ci ha pensato lei ad illuminarci il cammino… Il giorno seguente di buon ora siamo partiti per Mahè, l’isola più grande con capitale Victoria, a bordo del catamarano. Abbiamo salutato la disponibile e accomodante Jacqueline, tutto lo staff di cuochi, camerieri, la piccola gestione familiare della Guest-house sapientemente scelta da Sauro all’atto della prenotazione del viaggio, che è stata davvero un successo. Abbiamo lasciato i silenzi ed i piccoli rumori come quello dei rametti spezzati dal rotolare cauto delle bici, delle foglie cadute a terra, dei canti degli uccelli, dei saluti calorosi della gente, del verso singolare delle tartarughe in accoppiamento, della sabbia spostata dal piede al nostro passaggio, del timido sciacquio dell’acqua sulla riva, frenata al largo dalla barriera corallina… L’isola che ci accoglie è più chiassosa e “fa meno Seychelles”. Con un’auto a noleggio con tanto di guida all’inglese, l’abbiamo girata tutta. Anche qui abbiamo esplorato spiagge spiaggette ed angoli più nascosti. Non dimenticherò la passeggiata lungo la spiaggia ad Anse Louise, ai piedi del Maia Resort SPA, dove ci siamo concessi il lusso di “rubare” una doccia ayurvedica che scende a pioggia sottile dalla bocca spalancata di un grande pesce di rame sopra alle nostre teste, tra il profumo dei fiori veri e quello degli oli essenziali della beauty-farm. Ci siamo immersi nella vita semplice della città con negozi e supermercati che non sono davvero come i nostri. A Victoria c’è un mercato del quotidiano dove si trova davvero di tutto, dai generi alimentari ai souvenir. Finalmente si capisce perché i supermercati sono così sguarniti e di che cosa si cibano gli abitanti: pesce in quantità, anche i più poveri se lo possono permettere, ed anche frutta e verdura! Gli scatolami e i preconfezionati, o le pietanze pronte non sono di moda, meglio orientarsi sul fresco! Ci godiamo fino a toccarle con mano schegge di vita quotidiana, che ogni mercato in ogni angolo del mondo sa regalare. Fa bene agli occhi e al cuore, e ci fa sentire vicini a loro anche se veniamo da lontano. All’Hotel abbiamo trovato il fratello di Jacqueline, Dani, proprietario delle strutture. Possiede quindici pescherecci e, ci dicono, gestisce quasi tutto il commercio del pesce delle Seychelles, persona squisita, molto semplice, che adora mangiare e bere in compagnia. Ogni sera dunque il buffet offre sino a undici tipi diversi di pesce cucinati in vari modi, alla creola, alla provenzale, o, più semplicemente ma sapientemente, grigliato al momento. Non mancano carni e verdure ed talvolta pasta, per accontentare tutti i palati. Dani siede al solito tavolo in angolo con alcuni amici italiani che ogni anno soggiornano sull’isola, e lì cenano assieme. L’ultima sera ci siamo avvicinati per stringergli la mano e ringraziare per l’ospitalità. Il proprietario ha contraccambiato la sua gratitudine ordinando lo Champagne per brindare tutti insieme finendo in bellezza. Erano già pronte le sedie per farci accomodare al loro tavolo, ma la mattina seguente alle 4.30 ora locale ci aspettava la partenza, e le valige non erano ancora completamente a posto…Ci siamo salutati con la promessa di fare una buona pubblicità anche se ad onor del vero l’hotel non si trova proprio in una posizione magnifica, ma si fa perdonare con altri requisiti come i servizi offerti, il buon cibo, la gentilezza del personale. Un viaggio di rientro regolare e confortevole ci ha riportati in Italia. Giunti alla Malpensa, restavano ancora residui della grossa nevicata di alcuni giorni prima, che con un solo grado di temperatura non si potevano davvero sciogliere! Ci siamo avviati verso casa con il riscaldamento dell’auto “a paletta”, sicuri che presto verrà la primavera…



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Digue
    Diari di viaggio
    vienna + seychelles

    Vienna + Seychelles

    Agosto 2019 - Quest'anno partiamo con l’idea di fare un viaggio rilassante. Ne abbiamo bisogno. Il lavoro ci ha messo a dura prova e...

    Diari di viaggio
    seychelles fai da te 9

    Seychelles fai da te 9

    bellissima, come del resto in tutto il tratto est, però lo snorkeling è piuttosto deludente. C’è abbastanza ombra, solo il parcheggio...

    Diari di viaggio
    seychelles: prasline e la digue fai da te!

    Seychelles: Prasline e La Digue fai da te!

    Abbiamo organizzato il nostro viaggio alle Seychelles da soli, prenotando voli, pernottamenti, spostamenti vari su internet. Premetto che...

    Diari di viaggio
    il paradiso delle seychelles: mahè - praslin - la digue

    Il Paradiso delle Seychelles: Mahè – Praslin – La Digue

    Le paradisiache isole dell’arcipelago delle Seychelles: alcune tra le più belle isole granitiche e coralline al mondo, nel cuore...

    Diari di viaggio
    seychelles a febbraio

    Seychelles a febbraio

    Dopo gli ultimi viaggi più culturali ed impegnativi, abbiamo sentito il bisogno di regalarcene uno all'insegna del relax, a contatto con...

    Diari di viaggio
    seychelles, si può fare

    Seychelles, si può fare

    Dove andiamo in vacanza ad ottobre? Io e la Marty riflettiamo per qualche settimana... Vorremmo il mare, il caldo e la possibilità di...

    Diari di viaggio
    praslin e la digue di ilaria e ivan

    Praslin e La Digue di Ilaria e Ivan

    Seychelles. Le perle dell’Oceano Indiano. Un posto di una bellezza che ci ha lasciato sbalorditi! A mio parere, a confronto con...

    Diari di viaggio
    seychelles low cost come, dove, quando e perchè

    Seychelles low cost come, dove, quando e perchè

    E’ vero, il Paradiso è lì che vi aspetta, perché farlo attendere? E le Seychelles sono un autentico Paradiso per tutti. Dimenticatevi...

    Diari di viaggio
    seychelle fai-da-te con 5 bambini: diario di un viaggio fantozziano

    Seychelle fai-da-te con 5 bambini: diario di un viaggio fantozziano

    Siamo 2 famiglie in cui una mamma e un papà sono gemelli tra di loro, una famiglia ha 2 bambini di 2 e 4 anni (l'unica femminuccia!), e...

    Diari di viaggio
    seychelles fai da te in honey moon

    Seychelles fai da te in honey moon

    15 Luglio 2011 La nostra luna di miele continua,destinazione Seychelles. Partenza da Dubai ore 8.25 con volo Emirates.Volo molto...