Una settimana a Creta, tra spiagge e monasteri

Fra storia e spiagge
 

Programmo le vacanze per la metà di Luglio, e prenoto sul sito della Ryanair a fine aprile, costo 143,00 euro a persona per la tratta Roma Fiumicino – Chania (con 10 kg di bagaglio e posto scelto, le note appendici speculative della compagnia). Per la sistemazione Zinovia Apartments & studios a Kato Daratso, ottima scelta.

11 Luglio, Lunedì

Il volo colleziona un’ora e mezzo di ritardo, secondo una consuetudine che oramai sta diventando una regola, e atterriamo a Chania mezz’ora dopo la mezzanotte, dove ad attenderci troviamo un incaricato della Agenzia di noleggio Timecar che ci consegna una Fiat Panda in buone condizioni (44000 Km). Una settimana di noleggio 365,00 euro, la più economica trovata quest’anno, ma con prezzi triplicati. Il tragitto è abbastanza semplice, passando la baia di Souda e prendendo la Strada Nazionale in direzione ovest (Kissamos), uscita Omalos. Nel giro di venti minuti arriviamo ad Agioi Apostoloi, a  destinazione.

12 Luglio, Martedì

La mattina partiamo alla volta di Falasarna, direzione ovest, bella spiaggia bagnata da acque cristalline: è la località di un certo fascino meglio servita e più facilmente raggiungibile da Chania. Optiamo per Playa Paradiso, 8 euro ombrellone e due lettini. È una bella sabbia, acqua piuttosto freddina e vento sempre in agguato, ma fino all’ora di pranzo siamo stati fortunati. Il primo pomeriggio visitiamo la vicina area archeologica, ingresso libero, ma abbastanza scarna e tutto sommato deludente; c’è ancora molto da fare, così che in mezz’ora risolviamo la questione. Rientriamo, e dopo una doccia partiamo per Chania, percorrendo la strada meno transitata che costeggia il mare.

Troviamo posto in un parcheggio sul lungomare neanche molto distante dal bastione del porto vecchio. Raggiunto il vecchio porticciolo dove sono ancorati solo i battelli turistici, lo costeggiamo per giungere alla piazza con la bella fontana. Risaliamo la via sostando alla chiesa ortodossa con il suo vasto piazzale, quindi la chiesa cristiana, di fronte, internata in un cortile, con una copia della “Pietà” di Michelangelo all’ingresso.

Il Museo archeologico si trova lì, sempre sul lato destro della strada. In fondo alla via percorriamo la strada che divide la parte vecchia dalla nuova voltando a sinistra, e giungiamo al mercato coperto, la quotidianità degli abitanti, quindi ritorniamo verso la piazza per proseguire alla volta della vecchia moschea ed il porto, dove sono ormeggiate le imbarcazioni dei turisti. Il vero spasso però è passeggiare negli angusti vicoli. Al ritorno verso il parcheggio, risalendo un corridoio verso le vecchie mura incontriamo la Sinagoga, internata, ma è chiusa. La sera saliamo a Galatas alla Taverna Elia, dove avevamo cenato dieci anni fa; purtroppo dobbiamo annotare un aumento esponenziale dei turisti, e un corrispondente calo della qualità dei servizi. Ceniamo senza infamia e senza lode, in una taverna che ricordavamo come la tipica taverna greca frequentata esclusivamente da gente locale.

13 Luglio, Mercoledì

Partenza per Heraklion, per la visita del palazzo di Cnosso, percorrendo la Old National Road in direzione est, un centinaio abbondante di chilometri. Largo parcheggio gratuito in prossimità dell’ingresso, che non guasta, 8 euro il costo del biglietto + 10 per la guida, ottimo italiano e ottima preparazione (consigliatissimo) che ci illustra gli elementi salienti dell’immenso Palazzo. Ci vuole un poco di fantasia perché di strutture in piedi ce ne sono poche, ma quel poco comunque rende l’idea del passato lustro; su tutto si erge il pezzo di muro con le tre colonne e l’affresco con il toro.

Terminata la visita agli scavi ci dirigiamo in città, direzione ovest, dove troviamo posto in un piccolo parcheggio a pagamento in prossimità del Museo archeologico, che possiamo visitare dopo i lavori di ammodernamento del 2014: i soldi del biglietto sono senz’altro spesi bene. Si procede in senso cronologico dalla prima stanza visitando ampie sale con tantissimi reperti ben conservati, concludendo al piano superiore, dove alle pareti sono affissi mosaici di pregevole fattura. Proseguiamo con la visita della città lungo la strada principale che conduce al porticciolo ed alla fortezza veneziana, fermandoci ad un bar a prendere un “freddo”, bicchierone di caffè nero freddo shakerato, semplice, con latte o panna. Disseta. Meritano alcuni minuti la bella fontana, la loggia veneziana e la chiesa di San Tito, che conserva il teschio del Santo. La fortezza è chiusa, ma vale un’occhiata dall’esterno.

Proseguiamo a questo punto sempre in direzione est alla volta di Agios Nikolaos, un bel paese arroccato sul fianco di una collina che degrada fino al mare, dove facciamo uno spuntino ad un bar del porto. Bello il colpo d’occhio, ma scarso, a mio avviso, di attrazioni di un certo interesse, a parte un bel negozio di antiquariato. Sulla strada del ritorno facciamo sosta ad un tipico monastero ortodosso, del quale si intravedono la classica cupola e la torre da lontano. Anche qui ho l’impressione di essere entrato nel mercato del Tempio. La sera ceniamo da Dimitris & Sakis, sulla strada che conduce a Galatas, appena svoltato dopo il semaforo, sulla sinistra. Buone le orate con le verdure grigliate, onesto il prezzo.

14 Luglio, Giovedì

I cretesi si dividono nella scelta della spiaggia più bella, quindi è d’obbligo visitare quella di Elafonissi, la spiaggia rosa. Si procede lungo la Old National Road in direzione Kissamos, e si trovano le indicazioni sulla sinistra; qui inizia un percorso ameno in mezzo a boschi ed olivi, ma è bene organizzarsi per tempo, perché la strada è transitata anche dagli autobus turistici, e se ne raggiungi uno, te lo tieni avanti fino a destinazione. Alla spiaggia è disponibile un ampio parcheggio, ma quest’anno gli abitudinari asseriscono che hanno serrato le fila degli ombrelloni, e già alle dieci c’è una bella folla. Lo spettacolo comunque ripaga di tutto: ne vale la pena.

Al ritorno facciamo una sosta al monastero di Krisoskalitissa, che ha perso quell’aria mistica che aveva gli anni passati: la chiesetta di San Gregorio, all’ingresso, è stata smantellata, ed è comparso un negozio di souvenirs (hops rettifico, di ricordi di arte sacra). Dopo aver arrancato sulla ripida scalinata, dalla cima si gode una bella vista.

Guarda la gallery
famous,sandy,beach,of,falasarna,at,the,north,west,of



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Creta
    Diari di viaggio
    una settimana a creta, tra spiagge e monasteri

    Una settimana a Creta, tra spiagge e monasteri

    Programmo le vacanze per la metà di Luglio, e prenoto sul sito della Ryanair a fine aprile, costo 143,00 euro a persona per la tratta Roma...

    Diari di viaggio
    due settimane di mare a creta

    Due settimane di mare a Creta

    Due settimane a Creta24 giugno - 8 luglio 2022Partecipanti: io e FrancaPrologoCon la situazione Covid che non è...

    Diari di viaggio
    creta ovest con bambina di quasi 4 anni

    Creta ovest con bambina di quasi 4 anni

    VOLI: Ryanair da Bologna per Chania per 2 adulti e 1 bambina di 3 anni e mezzo: 450€ PERNOTTAMENTO: Molos Bay Hotel di Kissamos prenotato...

    Diari di viaggio
    la nostra creta in un insolito 2020

    La nostra Creta in un insolito 2020

    Si può essere rivoluzionari semplicemente viaggiando? Nel 2020 evidentemente si. Rientrando nel novero di coloro che non si sono fatti...

    Diari di viaggio
    creta: un'isola tutta da scoprire

    Creta: un’isola tutta da scoprire

    Scordatevi spiagge mozzafiato senza fare qualche chilometro in macchina o senza avventurarsi in un angusto sentiero tra le rocce.Se...

    Diari di viaggio
    creta nel cuore

    Creta nel cuore

    Siamo di nuovo qui. Dopo lunga preparazione abbiamo finalmente chiuso le valigie, gli zaini e le borse ed il 31 agosto ci imbarchiamo con...

    Diari di viaggio
    creta in sette giorni

    Creta in sette giorni

    I diari di ARMIC Michele Armenise Premessa: E’ L’isola maggiore dell’Egeo, si trova al centro di tre continenti...

    Diari di viaggio
    santorini&creta: un'accoppiata mica male

    Santorini&Creta: un’accoppiata mica male

    AVVERTENZE “turista per caso”, questo diario di viaggio ti servirà ben poco se:- sei “stanziale”: una volta disfatta la...

    Diari di viaggio
    kotor, santorini, corfù e creta in crociera, con msc opera

    Kotor, Santorini, Corfù e Creta in crociera, con MSC Opera

    Scrivo questo diario di viaggio dedicato ai crocieristi alle prime armi che hanno bisogno di informazioni, che sono quelle che avrei...

    Diari di viaggio
    creta 2018, ritorno a casa

    Creta 2018, ritorno a casa

    Ci risiamo, quest’anno si va dal 31 agosto al 21 settembre. Abbiamo prenotato il volo di andata con Aegean, Fiumicino/Atene e...

    Video Itinerari