Sette giorni alle Isole Faroe (o Fær Øer)

Un viaggio tra natura incontaminata, magia e avventure alla scoperta di questo sorprendente arcipelago
 
Partenza il: 04/08/2021
Ritorno il: 10/08/2021
Viaggiatori: 2

CONSIGLI UTILI

  • Come abbiamo letto in diversi blog, consigliamo l’opzione “tunnel illimitati” se presente tra gli extra della compagnia di noleggio auto. Per una certa cifra giornaliera, tutti i passaggi nei tunnel a pagamento (ad eccezione del Eysturoyartunnilin) sono inclusi. Facendo i conti della serva, a noi è convenuto.
  • Per i pranzi, ci siamo sempre preparati i panini al mattino prima di partire, facendo la spesa o al Bónus o al FK. Ci siamo portati delle borracce che riempivamo con acqua di rubinetto (comprare l’acqua in bottiglia, oltre che caro, è completamente inutile). I paesini non sono ben attrezzati (se non per i wc e le aree di sosta sempre disponibili gratuitamente), e a volte è difficile trovare qualcosa di aperto. In questo modo abbiamo ottimizzato i tempi e abbiamo mangiato in posti davvero unici. Per le cene, abbiamo sempre mangiato cucinando a casa, tranne l’ultima sera a Tórshavn, ma siccome le opzioni sono poche, consigliamo di prenotare al ristorante con largo anticipo in alta stagione, altrimenti è letteralmente impossibile trovare un posto.
  • Sistemazione: purtroppo, a causa della situazione COVID-19 e incertezze ad essa connesse, non abbiamo prenotato la sistemazione con largo anticipo. Abbiamo scelto Klaksvík come casa base per tutte le notti, tranne l’ultima a Tórshavn. La città è molto tranquilla, ed è comodissima per l’escursione a Kalsoy che, come spiegheremo più avanti, è quella più “critica”. Qui probabilmente gli alloggi e gli appartamenti costano anche meno che nella capitale. Ovviamente, pernottando qui, abbiamo dovuto fare avanti-indietro per le varie isole diverse volte, ma i panorami valgono i viaggi e le distanze non sono improponibili (un’ora e mezza di viaggio tra i punti più estremi delle isole collegate via terra).
  • È possibile pagare praticamente ovunque con la carta, ad eccezione (ad oggi che stiamo scrivendo questo diario) di alcune cose, ad esempio il traghetto per Kalsoy. Noi abbiamo optato quindi per prelevare una certa quantità di corone, in modo che fossimo coperti per ogni evenienza.
  • Siccome il meteo è imprevedibile e può cambiare da un momento all’altro, è opportuno vestirsi “a strati”, e avere a disposizione pantaloni e giacca impermeabili (l’ombrello è inutile quando piove). Anche un buon paio di scarponcini con la suola in Goretex è raccomandato, specialmente se si vogliono fare le camminate (i cui terreni possono essere fangosi e scivolosi). Noi col meteo siamo stati molto fortunati (pioggia -nemmeno troppo forte- solo praticamente un pomeriggio), ma eravamo preparati a tutte le condizioni.
  • Attrezzatevi di una capiente memoria per la fotocamera, sgomberate la mente e godetevi queste perle dell’Atlantico Settentrionale.

GIORNO 1 (04/08/2021)

Abbiamo preso il volo da Malpensa con scalo a Copenaghen (SAS + Atlantic Airways), con arrivo alle 19 locali. Dopo il tampone all’arrivo (obbligatorio) e aver ritirato la macchina, ci siamo diretti verso Klaksvík e il nostro appartamento.

GIORNO 2 (05/08)

La giornata inizia percorrendo tutte le isole per raggiungere il porto di Sørvágur, da cui parte il traghetto per Mykines (alle 10:20), prenotato con largo anticipo (praticamente in concomitanza con la prenotazione del volo). Il meteo era inizialmente clemente, e appena sbarcati sull’isola ci siamo diretti verso la parte più alta di essa, per ammirare migliaia di puffin (le pulcinelle di mare). Uno spettacolo unico. Peccato soltanto che il ponte che collega il sentiero fino al faro fosse in ristrutturazione, per cui non fosse possibile compiere tutto il percorso. Poco male, ci siamo più che consolati restando seduti come bambini ad ammirare la miriade di puffin attorno a noi. Dopo pranzo abbiamo percorso l’unico sentiero disponibile, venendo colti da freddo, nebbia e pioggia (ma d’altronde si sa, il meteo alle Faroe è più che imprevedibile). Quindi, breve sosta nel paesino di Mykines prima di riprendere il traghetto (17:05). Sulla via del ritorno verso casa ci siamo fermati a vedere Bøur, Gásadalur e la cascata di Múlafossur, e il Nix, tutti imperdibili punti di interesse sull’isola di Vágar.

GIORNO 3 (06/08)

Questa giornata l’abbiamo dedicata a visitare una serie di paesini molto caratteristici sull’isola di Streymoy, raggiungibili tutti in auto su strade panoramiche mozzafiato (alcuni sono anche collegati tra loro tramite delle camminate, ma viste le nubi basse e il poco tempo a disposizione non abbiamo voluto rischiare). Abbiamo quindi visto Gjógv (con la suggestiva camminata sulla parte alta della scogliera alla sinistra del paese guardando il mare), la cascata di Fossá (la più alta delle isole), Tjørnuvík con la sua spiaggia dalla quale si vedono i due faraglioni di Risin og Kellingin (il gigante e la strega, tramutati in pietra dopo aver tentato di rubare le Faroe per annetterle all’Islanda), Saksún e la camminata Út á Lónna lungo la costa (per la quale si deve pagare una fee di 75 corone), percorribile in condizioni di bassa marea. In seguito, ci siamo diretti verso il centro abitato più a nord dell’arcipelago, ovvero Viðareiði, che a causa della nebbia fitta sembrava più che altro un paese completamente abbandonato.

GIORNO 4 (07/08)

Visto il meteo promettente, la sera prima abbiamo deciso di puntare la sveglia presto per tentare di prendere il traghetto per Kalsoy. Quello che si legge ovunque su internet è vero: bisogna andare presto, perché la nave può ospitare solo 12 veicoli e i faroesi hanno la priorità, indipendentemente dal loro arrivo. Noi siamo arrivati alle 07:15 e abbiamo trovato una sola macchina davanti. Per onore di cronaca, il nostro traghetto delle 8 non si è riempito; tuttavia, abbiamo poi scoperto che alle 10 il traghetto ha effettuato un doppio giro (che non credevamo fosse possibile, non essendo segnalato da nessuna parte) data l’alta concentrazione di auto in quella fascia oraria. Quello che ci pare di aver capito è che questo “secondo giro” viene effettuato solamente se le macchine riescono a riempire due navi (non quindi in caso di 13 o 14 veicoli). A nostro avviso la macchina è indispensabile sull’isola, date le distanze; tuttavia, è presente una linea di bus oppure, in caso ci si muova a piedi, si troverà sicuramente qualche altro turista che può dare un passaggio. Appena sbarcati, ci siamo diretti verso Mikladalur, da cui è possibile ammirare la statua di Kópakonan (la donna foca) in tutta la sua bellezza. Dopo questa breve sosta, abbiamo raggiunto Trøllanes e percorso la camminata (facile, circa 2 h tra andata e ritorno) verso il faro di Kallur. Il panorama da quest’ultimo è mozzafiato e la giornata stupenda, sole e una ventina di gradi che rendono questo posto il nostro preferito in assoluto delle Faroe. Dopo il pranzo a Trøllanes, su una scogliera da cui scorgiamo diversi puffin, ci siamo diretti (un’ora prima!) verso il porto, per prendere il traghetto delle 14:20. E qui abbiamo scoperto, nostro malgrado, di essere la tredicesima macchina della fila. Dopo attimi di sconforto, abbiamo visto che la fila continuava ad aumentare sempre di più e abbiamo scoperto che, anche questa volta, la nave avrebbe effettuato un secondo giro. Sbarcati a Klaksvík verso le 16, vista la giornata stupenda dal punto di vista del meteo, ci siamo diretti verso Miðvágur (isola di Vágar), per percorrere la camminata di Trælanípa e Bøsdalafossur, da cui si ammira il lago di Sørvágsvatn (o Leitisvatn, a seconda di dove lo si guardi) che sovrasta l’oceano. La camminata, dal costo di 200 corone, dura circa 3 h in tutto e anche in questo caso, sempre con il meteo più ottimale che potessimo trovare, i paesaggi sono stati da togliere il fiato. Stanchi e felici, siamo tornati quindi verso Klaksvík. Dopo cena, abbiamo visitato uno dei due pub di Klaksvík (il Roykstovan), frequentato da gente locale e dove si stabilisce il prezzo della birra lanciando cinque dadi, assolutamente da provare!



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Danimarca
    Diari di viaggio
    interrail con le ali tra le capitali del nord europa

    Interrail con le ali tra le capitali del Nord Europa

    Un viaggio con tre giorni in media per ogni capitale, con la permanenza in ogni città influenzata dalle tariffe che si riuscivano a...

    Diari di viaggio
    sette giorni alle isole faroe (o fær Øer)

    Sette giorni alle Isole Faroe (o Fær Øer)

    CONSIGLI UTILICome abbiamo letto in diversi blog, consigliamo l’opzione “tunnel illimitati” se presente tra gli extra della...

    Diari di viaggio
    un weekend a copenhagen

    Un weekend a Copenhagen

    DIARIO DI VIAGGIO: Giorno 1: in occasione del nostro anniversario di matrimonio, decidiamo di organizzare un weekend in Europa. La nostra...

    Diari di viaggio
    il grande nord europa in camper

    Il grande Nord Europa in camper

    L’avvicinamento alla penisola scandinava Erano anni che avevo in testa questo viaggio, e solo ora, dopo averlo terminato, dopo aver...

    Diari di viaggio
    le tre capitali del nord: oslo, stoccolma e copenaghen

    Le tre capitali del nord: Oslo, Stoccolma e Copenaghen

    Un viaggio alla scoperta delle capitali scandinave: la verde Oslo incuneata tra i fiordi; le architetture della regale Stoccolma con...

    Diari di viaggio
    copenhagen, la città più felice del mondo

    Copenhagen, la città più felice del mondo

    Copenhagen è sempre stata nei nostri pensieri come città da visitare per chiudere (o quasi) la lista di Paesi del Nord Europa in cui...

    Diari di viaggio
    girovagando per le faroe: aspre, solitarie e spettacolari

    Girovagando per le Faroe: aspre, solitarie e spettacolari

    PREMESSA Come si può scegliere di fare un viaggio nelle isole Faroe? Beh, sicuramente una vacanza del genere non è per tutti. Il clima...

    Diari di viaggio
    danimarca on the road con bimbo al seguito

    Danimarca on the road con bimbo al seguito

    Itinerario: Copenaghen, Helsingor (Castello Kronborg), Alla ricerca dei Giganti (Vallensbaek, Ishoj e Hoje Taastrup), Roskilde, Odense...

    Diari di viaggio
    da milano alle lofoten in auto

    Da Milano alle Lofoten in auto

    Condivido informazioni utili per un viaggio on the road fino alle Lofoten, con rapida descrizione delle tappe, da Milano in poi. Hotel:...

    Diari di viaggio
    weekend in danimarca: copenaghen

    Weekend in Danimarca: Copenaghen

    Partenza: Mercoledì 17 Aprile Ritorno: Domenica 21 Aprile Durata: 4 notti Partecipanti: 3 Costo a testa: meno di 500€Visitiamo...