Sardegna in caicco

La nostra vacanza in barca, un'esperienza indimenticabile
Scritto da: laraverona1981
sardegna in caicco
Partenza il: 06/07/2013
Ritorno il: 13/07/2013
Viaggiatori: 10
Spesa: 2000 €

La mia vacanza in caicco è nata in quanto sono appassionata del mare e di questo tipo di vacanza, ho cercato un pò su internet ed ho trovato il sito del Caicco Scorpion v, ho visto le immagini, mozzafiato, sia per la splendida imbarcazione mantenuta in maniera maniacale che dei luoghi presentati, ho letto il guest book e mi sono fidata. Contatto il capitano e prenoto la vacanza. Fatti i biglietti aerei non ci rimane che aspettare la data di partenza.

Parto sabato 06/07/2013 da Verona con destinazione Olbia, all’arrivo in Aeroporto trovo già il capitano che mi attendeva, gli lascio i bagagli in quanto l’imbarco poteva avvenire nel primo pomeriggio e dovevano ancora arrivare i rimanenti del gruppo e mi accompagna in una splendida spiaggia, quella di Porto Istana, vicino all’aeroporto, alle 15,00 mi torna a prendere e siamo pronti per la nostra magnifica vacanza. Iniziano le presentazioni con il gruppo, siamo in 8 partecipanti.

Partiamo immediatamente verso l’isola di Tavolara, sostiamo in questa meravigliosa baia, Mare Forza olio 🙂 Calmissimo, scendiamo a terra e ne approfittiamo per visitare il cimitero dell’isola dove vi sono sepolti tutti i Rè, in quanto quest’Isola era il Regno più piccolo del mondo. Torniamo a Bordo, ci viene servita una magnifica cena, e poi andiamo a dormire stanchi dal viaggio. La mattina mi alzo a buon ora in quanto per abitudine mi Lavo in Mare :), un bel bagno in un acqua cristallina circondata da tanti pesciolini, l’acqua è un pò freddina ma ci sono abituata. dopo la splendida nuotata torno a bordo per la colazione, un bel tavolo apparecchiato con ogni ben di dio, di tutto di più, faccio colazione e mi sdraio a prendere il sole. Alle 9 circa Scorpion V riparte navighiamo verso nord, il nostro itinerario era Nord Sardegna e Corsica. l’Isola di Tavolara è veramente meravigliosa, con le sue alte pareti, l’arco naturale, vederla in foto è una cosa ma dal vivo è proprio emozionante. un pezzo di mare aperto e arriviamo a Capo Figari, la nostra direzione doveva essere cala sabina, ma Alessandro il Capitano ha deciso di andare all’isola di mortorio in quanto più riparata dal vento, anche quest’isola è meravigliosa, pura natura incontaminata, acqua più pulita di quella che esce dal rubinetto di casa mia, sostiamo per altri bagni e tuffi, e inizio a conoscere gli atri ospiti della barca, inizialmente un pò di timidezza e riservo poi tutti i prossimi giorni ci scompisciamo dalle risate, con lorenzo un’altro ospite che ci racconta sempre barzellette, e prende per i fondelli la moglie giulia. nel pomeriggio andiamo nel golfo di Marinella, passando sotto alla famosa Certosa, e pernottiamo qui. un salto in spiaggia per un aperitivo e la cena è servita. la mattina seguente siamo già nell’arcipelago di La Maddalena, iniziamo con Caprera, per andare poi a pernottare in una laguna tra Budelli e Razzoli. il giorno seguente rimaniamo in questo luogo e il marinaio ci accompagna con il gommone tra le piscine naturali, mi sembra di essere in un paradiso, nel pomeriggio si fà rotta verso il porto di La Maddalena, ne approfittiamo per una visita a Caprera alla casa di Giuseppe Garibaldi dopo di che torniamo a Bordo, ci prepariamo per la cena e il capitano ci ha prenotato per 6 di noi un ristorantino immerso nel verde dove ci facciamo una bella abbuffata di porcetto, lo avevo sempre sentito nominare ma ora quando lo risentirò sicuramente mi verrà l’acquolina in bocca solo sentendo il nome. dopo un’abbondante scorpacciata seguita da del buon mirto il gestore del locale ci riaccompagna in barca con la sua macchina, un servizio veramente eccellente.

La mattina seguente ripartiamo verso la Corsica Isola di Cavallo, anche qui panorami bellissimi, nel frattempo cerco di convincere gli altri ospiti per pernottare a Bonifacio, con l’aiuto del mio oramai amico barzellettiere riusciamo ad ottenere la maggioranza e quindi Vaiiii si pernotta a Bonifacio. Arriviamo con il calr del sole a Bonifacio, queste alte pareti bianche dove il sole si riflette illuminando il canale d’ingresso uno spettacolo unico. arriviamo in porto e via alla scoperta di questo luogo, devo dire un pò faticosa la salita della scalinata che porta al paese vecchio ma una volta arrivata mi convinco che ne è valsa proprio la pena, bellissimo paesino tra vicoletti storici, con il suo castello che domina sul mare. Rientriamo in barca per la cena, e poi vaiiii un pò di movida tra i pub sul lungo mare.

La Mattina seguente sono un pò triste è già giovedì la vacanza sta per finire. Ripartiamo verso l’isola di Lavezzi, poi nel pomeriggio verso Porto rafael. il giorno seguente si inizia a tornare verso Olbia, riusciamo ad andare alla spiaggia della ferrovia che avevamo saltato il secondo giorno per poi andare a dormire in una baia vicino a Golfo Aranci. Uffaaaaaaaaa è già sabato. La valigia è pronta e il capitano mi riaccompagna all’aeroporto e rientro a casa. Devo dire una splendida vacanza, sia per i luoghi visitati, per la professionalità e competenza del capitano, sia per lo splendido caicco, comodo e confortevole. una vacanza che consiglio a tutti e sicuramente rifarò di nuovo. Un Ringraziamento doveroso al capitano e a i ragazzi dell’equipaggio sempre pronti, gentili e disponibili.



    Commenti

    Lascia un commento

    Italia: leggi gli altri diari di viaggio