Sardegna del nord

In giro tra Santa Teresa, Palau, Costa Smeralda
sardegna del nord
Partenza il: 04/07/2014
Ritorno il: 20/07/2014
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Abbiamo traghettato da Genova a Porto Torres con Grandi Navi Veloci, prenotando con un paio di mesi di anticipo aiamo riusciti a trovare un buon prezzo. Abbiamo acquistato la cabina a bordo per 80 €. Soggiorniamo a Palau nel residence Baia del Faro in un monolocale tipo C, trovato tramite il sito homeaway. 400 € circa a settimana. Il posto è molto bello, arredamento minimale ma c’è tutto quello che serve.

Giorno 1: arrivo e spiaggia della Sciumara a Palau. Un po’ di vento ma spiaggia bella. Per focaccine buone consiglio lo snack bar tavola calda tabacchi in piazza del molo: Ma.bi.ba. Arrivati in fondo al porto prima della stazione marittima andare a sinistra su per la salita. Si trova dopo il distributore. Gentili, focacce buone prezzo ottimo.

Giorno 2: spiaggia del Grande Pavero. Da Palau si segue per Porto Cervo, dopo il bivio Cala di Volpe si gira a destra per Piccolo Pavero. Parcheggio a pagamento 1,50/h o 7,50 tutto il giorno. Mare dal colore fantastico, spiaggia fine bassa. Lato negativo: molti yacht e tanti ombrelloni.

Giorno 3: piove. Andiamo ad Arzachena x visitare tombe e nuraghi. La visita guidata non è ancora attiva. Si possono fare biglietti comulativi. Noi scegliamo Tomba di Li Longhi, necropoli di Li Muri, nuraghe La Prisgiona. In 2 abbiamo speso 17,00€.

Andiamo a fare un giro in costa smeralda. A Baja sardinia nella discesa che porta al mare sulla dx troviamo un buon piccolo alimentari: Via col vento. Panini da asporto molto buoni e prodotti tipici. Andiamo poi al Bar Baia, un po’ fuori ho letto buoni commenti sul cibo. Fanno succhi freschi sul momento. Porto Cervo parcheggio in porto 2€/h. Un’oretta x un giro in piazzetta basta. Golfo Aranci ha un bel lungo mare ma non ci siamo fermati perché pioveva. Porto Rotondo si trova anche parcheggio non a pagamento. Un giro poi aperitivo al Boccondovino, in fondo al porto la strada che sale con il lastricato con i disegni dei pesci. Locale carino, si beve bene 10€ a cocktail ma siamo a Porto Rotondo! Bella la chiesa di San Lorenzo. Cena porceddu al Cucumiao, rimane poco fuori Palau. Il porceddu va prenotato anche solo qualche ora prima. Devono essere ottimi anche gli altri piatti. Prezzo medio.

Giorno 4: spiaggia di Capriccioli vicino a Porto Cervo. Spiaggia bellissima. Mare caraibico, fondale prima basso poi alto. Spiaggia fine scogli rosati. Parcheggio pagamento. Sono 4 spiagge. 2 erano molto affollate perché giorno ventoso e di là era deserta.

Giorno 5: ancora vento. Andiamo alla spiaggia di Li Cossi. Si arriva con la macchina a Costa Paradiso. Si prosegue fino in fondo al paese e si parcheggia (no pagamento) poi si prende una stradina sulla sx che costeggia il mare. 10 minuti a piedi e si arriva alla spiaggia. La spiaggia è ben riparata e lo spettacolo del mare che si infrange sugli scogli è unico.

Giorno 6: traghetto x La Maddalena. 2 persone senza auto 22€andata e ritorno con Delmar. Affitto scooter subito all’ attracco del porto. Siccome era pomeriggio tardi 25€. Siamo stati a Caprera: Museo Casa Garibaldi 6€ cad., spiaggia il relitto e giro x l’isola. Sosta al bar I Mille, bel posto per riposarsi un po’. Giro panoramico della Maddalena in motorino. Rientro e nuova cena da Cucumiao.

Giorno 7: La Cinta a San Teodoro. Spiaggia lunga e bel mare. Quando a Palau tira maestrale.. li no. Parcheggio 1,50 €/h. Ai bar è possibile fare docce (fredde) 50cent 30 secondi! La sera a S. Teodoro, abbiamo parcheggiato leggermente fuori dal centro. Cena Pizzeria Da Fabio, pizze ottime (consiglio la Sarda) e servizio veloce. A S. Teodoro la sera è pieno di banchetti.

Giorno 7: sempre vento. Spiaggia Le Piscine. Da Palau verso Canniggione il primo parcheggio segnalato sulla sx. Ci sono 2 spiagge. Mare spettacolare (sembra una piscina) ma un po’ freddo. Non ci sono bar

Giorno 8: spiaggia Barca Bruciata/Mennena. Rimane subito dopo le Piscine, sempre con parcheggio sulla sinistra. La spiaggia è semiattrezzata. Lunga ma con fondali di sabbia mista a scogli. Molto riparata dal vento.

Giorno 9: brutto. Abbiamo grovato a Palau un negoIo che si chiama Artigianato Pasella. È un negozio piccolo c’è una ragazza che è stata molto gentile e ci ha dato un sacco di consigli. Aperitivo al bar del porto buono ed economico.

Giorno 10: spiaggia Rena Maiori. Da Palau dopo S. Teresa dopo qualche km sulla dx. Portatevi moneta x il parcheggio! La spiaggia è bellissima..grande e con il mare con i cavalloni.. divertimento! Siamo stati fino al tramonto. Ci sono 2 bar. Cena dinuovo al cucumiao. Filetto alla brace a paura!!

Giorno 11: Caprera! Comprando il biglietto il giorno prima con Delcomar si spende meno x l’auto. Volevamo andare a Cala Coticcio ma ci han detto che la strada è pericolosa. Le spiagge un po’ piene vista la bella giornata. Ne abbiamo scelta una meno affollata, qualche km dopo il chiosco I Mille sulla destra. Spiaggia piccola ma tranquilla. Consiglio maschera e pinne o scarpine per gli scoglietti e i ricci.

Giorno 12: giro delle isole. Abbiamo scelto la motonave Garibaldi, che si trova sulla sx poco dopo la stazione marittima verso il centro. Costa 35€ cad. Compreso il pranzo, se si paga il giorno prima 30€ cad. La nave era un po’ piena ma il giro è molto bello ed è a detta loro l’unica a fermarsi per sosta bagno nelle piscine naturali di Budelli. Siamo passati davanti alla spiaggia rosa (non ci si può fermare) poi oltre alle piscine 2 soste bagno più lunghe, una a Santa Maria e una a Spargi. Abbiamo poi costeggiato La Maddalena (chi vuole si può fermare qui), Caprera e Santo Stefano. Abbiamo visto Capo d’Orso dal mare. Partenza h 10,20 rientro h 17,30 circa. Ci sono anche escursioni più care in barca a vela o in imbarcazioni più piccole da 10 persone circa. Si possono anche affittare gommoni ma per il primo giro lo sconsiglio perché l’arcipelago è un po’ un labirinto. Inoltre è meglio non partire con il vento, noi abbiamo trovato un po’ di mare anche in una giornata calma.



    Commenti

    Lascia un commento

    Costa Smeralda: leggi gli altri diari di viaggio