Santander y Bilbao: mucho gusto!

Eravamo già stati in Spagna, ma queste due città del nord ci hanno stupito con le particolari bellezze e qualità di vita, evidenza della ricchezza economica della zona e della cultura cantabrica e basca
 
Partenza il: 19/07/2013
Ritorno il: 21/07/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Non è la prima volta che Ryanair ci spinge verso strane mete e non di rado queste ci stupiscono: Santander e Bilbao rientrano decisamente in questa categoria. Eravamo già stati in Spagna, ma queste 2 città del nord ci hanno stupito con le particolari bellezze e qualità di vita, evidenza della ricchezza economica della zona e della cultura cantabrica e basca

1° GIORNO

Arriviamo a Santander dopo circa 2h20m di volo: l’aeroporto è a 15min dalla città (trasferimento in bus ogni 30min, per 2,2€, con arrivo al centro città) e ospita un ufficio turistico dal quale fornirsi di cartine e consigli. Lì abbiamo scoperto che quel giorno sarebbe iniziata la Semana Grande, ovvero la festa più importante dell’anno dedicata al patrono Santiago. Consiglierei vivamente di approfittare di questa ricorrenza (ultima decade di luglio) per visitare la città che si è fatta trovare addobbata a festa: tutte le piazze decorate e con bancarelle, spettacoli vari nelle piazze e per le strade.

Santander si potrebbe idealmente dividere in 2 parti: il centro con il porto (a cui abbiamo dedicato un pomeriggio) e le spiagge (una giornata intera). Si potrebbe alloggiare indifferentemente in una delle 2 parti, vista la fitta ed efficiente rete di bus urbani (1,2€ ogni corsa), ma io consiglierei il centro. Noi abbiamo alloggiato tramite AirBnb in un appartamento presso Plaza Ayuntamento: da lì passano le strade principali della città e la stazione dei bus è a soli 5min (questo ci è tornato comodo anche per andare a Bilbao).

Tralasciando un pezzo del porto che era un cantiere aperto, la città è un gioiellino nonostante il suo quartiere industriale: zone pedonali, parchi e giardini, piazze, il porto, spiagge, lungomari, un faro, un casinò, poca calca, un caldo mite, buon pesce.

Dopo un pranzo al volo, abbiamo fatto un tour del centro partendo da Mercado de la Esperanza (mercato coperto di pesce locale), Plaza Ayuntamento, i negozi sulle vie pedonali, passando dalla Cattedrale di Nostra Signora (2 chiese su 2 livelli) e il suo chiostro, Plaza Porticada e fino a Puerto Chico, per poi completare il giro e ritornare percorrendo il lungomare (con foto al palazzo storico del Banco di Santander) fino ai Jardines de Pereda. Vicino questo parchetto consiglierei una tappa da 100montaditos, che è una catena che vende 100 tipi di paninetti a soli 1€ (+1€ per la birra): bisogna ovviamente provarne 4/5 per saziarsi ma sono sfiziosi e poi quando vi ricapita di poter scegliere tra 100 farciture?

La sera abbiamo assistito al chupinazo, ovvero l’inaugurazione della Semana Grande: uno spettacolo di circo, uno di flamenco, fuochi d’artificio e tanta euforia nelle strade per questa festa molto sentita dai santanderinos.

Per la cena: da provare la paella cantabrica o una parrillada de marisco (piatto grande di crostacei e cozze), oppure sfiziarsi con in pinchos (che significa stecchino, in quanto sono tapas più elaborate il cui condimento è retto con uno stecchino) tipici della zona.

2° GIORNO

Il 2° giorno è stato dedicato a Bilbao, la capitale dei paesi Baschi. E’ possibile raggiungerla tramite bus (1h30min con WiFi a bordo) della ALSA (partenze circa ogni ora). I biglietti li abbiamo acquistati il giorno prima (è possibile acquistarli online con 1€ in più), poiché la tratta è molto richiesta: conviene fare andata e ritorno, sia per prenotare il posto sia perché si risparmiano un paio di euro (costo A/R=12€) .

Appena arrivati ci siamo diretti verso il Parco di Doña Casilda Iturrizar (il più bello dei 18 parchi della città) e attraversatolo si arriva al fiume (che divide la città nella parte vecchia e la nuova) fino a raggiungere il Guggenheim, il pezzo forte della giornata. Questo museo è già spettacolare dall’esterno, grazie alla sua struttura particolare e alle originali sculture giganti che stanno al suo ingresso (un cane di fiori e un ragno di metallo) che sono diventati i simboli del museo. La visita del Guggenheim è un must (13€, audio guida inclusa) visto che è tra i musei migliori al mondo; entrando non se ne rimane delusi soprattutto nel cercare di assecondare le sue strane forme e nel provare ad interpretare le strane opere d’arte che contiene: si tratta di arte moderna e contemporanea (artisti italiani inclusi) che riesce a meravigliare e a disorientare qualunque spettatore.

Dopo circa 3 ore di museo (difficile fare più velocemente) abbiamo fatto una lunga e piacevole passeggiata (circa 1 ora) sul lungofiume, ammirando alcuni dei particolari ponti e la modernità di questo versante della città. Subito colpisce la pulizia e la poca presenza di auto: Bilbao è stata premiata per l’efficienza dei mezzi di trasporto pubblico (metro inclusa)… ad esempio sul lungofiume vi può capitare di incontrare EuskoTran, un tram con design futuristico che passa attraverso un prato (le rotaie sono mimetizzate tra l’erbetta).

Allungando il passo, visto che era gia ora di pranzo, abbiamo attraversato il ponte Arenal per entrare in Casco Viejo, ovvero il quartiere storico. Subito sosta a Plaza Nueva: un’affascinante piazza sotto i cui portici è possibile trovare una miriade di Pinchos-bar (consigliati: Café Bar Bilbao e Victor Montes), ognuno con un suo tipo di pinchos orginale. Ne abbiamo provati alcuni visto che Bilbao è la patria dei Pinchos (o Pintxos in basco): con seppia ripiena di riso, con jamon e funghi, con formaggio di capra e crema di cipolla… ce ne è per tutti i gusti. Poiché costano 1.5/2€ l’uno e bisogna mangiarne almeno 4/5 per saziarsi, i pinchos non risultano un pranzo economicissimo ma certamente sfizioso, divertente (nello scegliere tra tutti i tipi) e imperdibile.

In 2/3 ore abbiamo visitato Casco Viejo: la cattedrale di Santiago, Mercado de la Ribera e la vicina chiesa di Sant’Antonio, le siete calles (sette stradine parallele), la chiesa di San Nicola. Per i più coraggiosi, è interessante visitare la Basilica de Begoña che però è posta in una parte alta e leggermente fuori mano. Nelle varie stradine del centro (deserte tra le 14 e le 16) ci siamo fermati in un bar per sorseggiare una cedrata: il sapore è un po’ strano ma lì è molto usata come bibita rinfrescante.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bilbao
    Diari di viaggio
    spagna del nord. io, lei e 5.000 km tra guggheneim, finisterra e il trono di spade

    Spagna del Nord. Io, lei e 5.000 km tra Guggheneim, Finisterra e il Trono di Spade

    Sono Edo, 56enne immaturo e pigro.Guidare non è la mia passione, infatti negli ultimi 3 anni ho macinato più di 10.000 Km.Ora...

    Diari di viaggio
    appunti di viaggio – si fa manovra all'astronave e si torna a casa

    Appunti di Viaggio – si fa manovra all’astronave e si torna a casa

    19 agosto Arrivo a Bilbao e, fino al primo pomeriggio, ci immergiamo nel Guggenheim.Tutta la nostra stima ai teatranti geniali...

    Diari di viaggio
    paesi baschi 2

    Paesi Baschi 2

    Avevamo già provato a visitare i Paesi Baschi nel 2017. Volevamo fosse il primo viaggio all’estero di nostro figlio che, all’epoca,...

    Diari di viaggio
    un viaggio a bilbao e un po' di santander

    Un viaggio a Bilbao e un po’ di Santander

    Bilbao è una città meravigliosa Bilbao è una città meravigliosa, un esempio da seguire, la dimostrazione che cambiare totalmente una...

    Diari di viaggio
    4350 km dall'italia a gijon e ritorno in moto

    4350 km dall’Italia a Gijon e ritorno in moto

    Bellissimo viaggio in moto a tappe dal 10 agosto al 28 agosto attraverso la Francia e la Spagna per scoprire e rivedere paesaggi, città,...

    Diari di viaggio
    inaspettati paesi baschi!

    Inaspettati Paesi Baschi!

    Circa due mesi prima della partenza, abbiamo prenotato il volo a/r Milano MPX – Bilbao sul sito della easyJet, 227.00 euro per due...

    Diari di viaggio
    spagna: i parte camino del norte + palencia, salamanca, segovia

    Spagna: I parte Camino del Norte + Palencia, Salamanca, Segovia

    Convento di S. Esteban, poi Casa de las Conchas (che ci riporta al Camino) e tanti altri siti, piazze incredibili, scorci scenografici...

    Diari di viaggio
    viaggio in auto nei paesi baschi, cantabria e asturie

    Viaggio in auto nei Paesi Baschi, Cantabria e Asturie

    La scorsa estate visitammo con grande soddisfazione i Paesi Baschi Francesi, così quest’anno abbiamo deciso di intraprendere un viaggio...

    Diari di viaggio
    tour meraviglioso tra asturie, cantabria e paesi baschi

    Tour meraviglioso tra Asturie, Cantabria e Paesi Baschi

    Dopo che l’anno scorso la Galizia, la regione alla punta Ovest del Nord della Spagna, ci ha entusiasmati con i suoi panorami e il...

    Diari di viaggio
    tour nella spagna del nord

    Tour nella Spagna del Nord

    Prima di iniziare il diario vero e proprio di questa vacanza volevo fare delle considerazioni che potrebbero essere utili...