Safari mania

Si parte il 26 Dicembre per l’Africa che tanto ci è piaciuta questa estate a Mauritius. Ma stavolta cambiamo, niente mare ma safari in SudAfrica (che paura che non ci piacesse!)… ma il mal d’Africa esiste sul serio e il mio ragazzo Marco ed io ne siamo stati contagiati…. Partiamo da Roma con scalo a Francoforte, lì ci attende...
 
Partenza il: 26/12/2005
Ritorno il: 06/01/2006
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Si parte il 26 Dicembre per l’Africa che tanto ci è piaciuta questa estate a Mauritius. Ma stavolta cambiamo, niente mare ma safari in SudAfrica (che paura che non ci piacesse!)… ma il mal d’Africa esiste sul serio e il mio ragazzo Marco ed io ne siamo stati contagiati… Partiamo da Roma con scalo a Francoforte, lì ci attende addirittura la neve, ci sembra quasi impossibile pensare che dopo una notte di volo saremo al caldo. Sbarchiamo a Johannesburg eccitatissimi, facciamo una corsa ai voli nazionali (seguiti dagli impiegati dell’aeroporto che vogliono aiutarci in tutti i modi ma noi con gentilezza e decisione evitiamo) per imbarcarci su un aereo di 20 posti che in un’ora circa ci farà raggiungere la destinazione: regione MPUMALANGA, meta KRUGER NATIONAL PARK.

Decidiamo di impiegare così le 7 notti che ci dividono dal viaggio di ritorno: 4 per l’esplorazione della natura selvaggia di questa famosa provincia ad est di Johannesburg e 3 notti di safari. La macchina che abbiamo affittato, di cui io non ho imparato il nome, ma Marco la considerava la più brutta al mondo, è risultata essere il nostro punto di forza e nonostante la guida a sinistra non abbiamo trovato troppe difficoltà grazie alle strade larghe e ben asfaltate.

Decidiamo di pernottare nella cittadina di Nelspruit, non bellissima ma sicuramente dotata di tutti i servizi, facciamo la spesa al supermercato (cosa che abbiamo scoperto piacerci molto, sia per la varietà di prodotti che da noi sono presenti solo l’estate, sia per l’ottimo vino sudafricano e soprattutto perché i prezzi sono molto più bassi che a Roma), passiamo al centro informazioni a raccogliere materiale e il resto della giornata lo dedichiamo a dormire per riprenderci dal lungo viaggio.

Il giorno dopo decidiamo di sfruttare subito le mille opportunità di fare sport che la regione offre, ci dirigiamo verso la cittadina di Hazyview e ci fermiamo in mezzo ad un bosco attirati dalla possibilità di affittare un quad, quelle moto a 4 ruote che promettono mille avventure. Premettendo che è stata un’esperienza incredibile e che per più di due ore si sono alternati panorami meravigliosi a praterie e foresta vergine, fiumi e laghetti, l’esperienza si è dimostrata più difficile e pericolosa del previsto vista la strada impervia a volte neanche tracciata, talvolta in mezzo all’erba alta 1 metro o pendenza dell’80% in salita e discesa. Stanchi e infangati dalla testa ai piedi rientriamo a “casa” promettendo di tornare il giorno dopo per una “passeggiata” di 2 ore di rafting.

Ma quando ci alziamo ci attende un cielo plumbeo e una pioggerellina fitta fitta stile inglese. Non ci scoraggiamo e prendiamo la macchina per andare in esplorazione del Famoso Blyde River Canyon che ci promette panorami mozzafiato e cascate rigogliose ma resterà, per noi, una cosa letta sulla nostra lonely planet perché le nuvole basse e la foschia non permettevano di vedere oltre i 3 metri di distanza. Ci dirigiamo allora verso il paesino di Pilgrim Rest, noto per essere stato un villaggio di cercatori d’oro di inizio secolo e pur essendo un po’ troppo turistico alla fine risulta pittoresco. Ci consoliamo con i rinomati pancakes del posto e un po’ di shopping da turisti.

Ma noi siamo dei viaggiatori mi ripeto io, anche se il giorno successivo il tempo addirittura peggiora e senza spostarci molto visitiamo il rettilario e il giardino botanico di Nelspruit. Ci facciamo una bella cenetta italiana nel nostro cucinino ma il nostro umore è un po’ giù…

Il 31 partiamo per il Kruger con la solita pioggia che ci accompagna ma dopo soli 50 km notiamo che il tempo ha avuto un po’ di clemenza e dopo 100 ci sembra di aver cambiato vacanza. Il sole e il paesaggio che si trasforma, i centri abitati che si diradano ci accompagnano fino all’entrata del Kruger. Dopo le formalità di accettazione (sono molto scrupolosi e ci hanno fornito un lungo elenco di regole del parco) ci dirigiamo verso il rest camp (sono mezzi villaggi, mezzi campeggi super attrezzati e gestiti dallo Stato). Sulla strada per Skukuza (il nostro primo camp) ci accoglie un branco di impala, la nostra emozione è alle stelle, scattiamo 2000 foto (per fortuna hanno inventato le digitali) ma già al secondo giorno ci rendiamo conto che sono gli animali più comuni del parco e non hanno il minimo timore delle auto, al terzo giorno non facciamo neanche più caso alla loro costante presenza.

Il bungalow anche se un po’ caro ha proprio tutto, bagno, aria condizionata, cucina e barbecue.

Andiamo in esplorazione e ci rendiamo conto che il posto è veramente stupendo, 2 ristoranti, di cui uno allestito in una vecchia stazione in disuso con tanto di locomotiva e vagoni, supermarket, centro informazioni, distributore di benzina, fiume che scorre e terrazza per ammirarlo (sarà qui che avvisteremo il nostro primo ippopotamo). Ci invogliano a fare un bagnetto indicandoci 2 piscine ma sinceramente non abbiamo mai visto acque più sporche e rinunciamo subito anche se a malincuore. Decidiamo per un’uscita serale con i ranger. Le sensazioni sono veramente indescrivibili, il tramonto sulla savana, i nostri primi elefanti con i loro cuccioli, anche un po’ infastiditi dalla nostra presenza, e poi proprio quando comincia a fare buio una famiglia di rinoceronti. Quando cala la sera si gira con dei fari per illuminare gli occhi degli animali e vediamo una iena. Ci rendiamo presto conto, al rientro, che una torcia faceva parte delle cose indispensabili da portare visto che i camp non sono assolutamente illuminati e ritrovare la strada per il bungalow è un’impresa. Inoltre, rimaniamo scioccati dagli insetti che sono per quantità e dimensioni ben diversi da quelli a cui siamo abituati …Ma è l’Africa. Gli spazi, le stelle nel cielo e soprattutto, gli insetti… tutto è più grande.

Ma è di capodanno, ci vestiamo e andiamo a cena fuori, ma, sorpresa, qui non organizzano niente per festeggiare. Sgomenti ci ricordiamo di una bottiglia di spumante nel nostro frigo al bungalow ma non è una prospettiva molto attraente e dopo aver interrogato due camerieri grazie alla loro simpatia e cordialità (forse pietà?) veniamo a sapere di una festa organizzata presso il campo da golf dagli impiegati stessi del camp. Il problema è, pero, che i turisti non possono uscire dal camp dal tramonto all’alba a meno che non si abbia un permesso speciale.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Africa
    Diari di viaggio
    the gambia, the smiling coast of africa

    The Gambia, the smiling coast of Africa

    braccia e testa. C'è comunque anche una minoranza cristiana (più che altro anglicana) e diverse chiese.- I locali sono pulitissimi...

    Diari di viaggio
    zambia in autonomia

    Zambia in autonomia

    Mia figlia era in Zambia da un paio di mesi per ricerca e raccolta dati, con la sorella abbiamo deciso di raggiungerla e visitare lo Zambia...

    Diari di viaggio
    kenya bis

    Kenya Bis

    In Kenya c’eravamo già stati nel settembre 2010, ma abbiamo deciso di tornare per far sì che nostro figlio di due anni e mezzo potesse...

    Diari di viaggio
    il mio sudafrica

    Il mio Sudafrica

    Come molti TPC consigliano di fare, suggerisco anch’io di leggere alcuni libri sull’apartheid, su Nelson Mandela (“Lungo Cammino...

    Diari di viaggio
    una meta insolita: gibuti

    Una meta insolita: Gibuti

    Meta sicuramente insolita, ma, per quanto sono appassionata di avventure, disavventure e economia dei paesi emergenti, il Gibuti non poteva...

    Diari di viaggio
    kenya, un paradiso dimenticato

    Kenya, un paradiso dimenticato

    Quando si arriva in Kenya si entra in un universo parallelo. Un mondo silenzioso, pacifico, di naturale bellezza e ricco di sentimenti. Un...

    Diari di viaggio
    uganda e kenya low budget per sei

    Uganda e Kenya low budget per sei

    leggera. Ma il "Villaggio" ti fa rileggere, nel suo finto stile veneziano, il tuo mondo occidentale come se tutta la nostra storia e...

    Diari di viaggio
    emozioni e pensieri dal mio viaggio in marocco in solitaria

    Emozioni e pensieri dal mio viaggio in Marocco in solitaria

    Un po’ intimorita e ansiosa come sempre parto per questo viaggio in solitaria di 10 giorni in Marocco consapevole che appena arrivata a...

    Diari di viaggio
    trekking sul kilimangiaro

    Trekking sul Kilimangiaro

    Domenica 22 Luglio La nostra avventura inizia domenica 22 luglio al Machame Gate (1.800 mt), uno dei diversi punti di accesso al Parco...

    Diari di viaggio
    il giro del mondo in quaranta giorni

    Il giro del mondo in quaranta giorni

    Per lavoro mi hanno chiesto di seguire tre manifestazioni in tre continenti diversi, in un tempo così ristretto che non si poteva "passare...