Safari in Botswana e mare in Mozambico

Safari in Botswana dal delta dell'Okavango alle cascate Vittoria e mare alle Bazaruto in Mozambico
Scritto da: leonepf
safari in botswana e mare in mozambico
Partenza il: 09/07/2011
Ritorno il: 31/07/2011
Viaggiatori: 4
Spesa: 4000 €

Ciao a tutti, quest’anno (2011) ci siamo regalati un viaggio in Botswana (safari) e Mozambico (mare). Per il safari ci siamo appoggiati all’agenzia viaggi Mokoro tours, è un agenzia italiana specializzata in viaggi in Africa che lavora su internet. Per i Safari la Mokoro si appoggia a operatori locali, si tratta quindi di gruppi di diverse nazionalità, nel nostro caso c’era una famiglia di americani e 2 coppie australiane, le guide erano del Sud Africa e dello Zimbabwe. Come agenzia ha un approccio sportivo ma si è dimostrata seria, tutto ciò che era previsto a programma è stato rispettato ed ha anche avuto l’attenzione di chiamarci telefonicamente poco prima del viaggio per sapere se era tutto a posto e se avevamo dubbi dell’ultimo minuto. L’abbiamo scelta perché i tipi di viaggio ci sono sembrati più interessanti e con prezzi competitivi, nel fare i conti bisogna però notare che per tutti i safari bisogna aggiungere 300$ a testa (come correttamente scritto in cosa non è incluso nel viaggio) da pagarsi in loco.

I voli li abbiamo prenotati noi avendo delle “miglia” da spendere.

Prima del dettaglio del viaggio, una precisazione: noi siamo andati a luglio e abbiamo patito un gran freddo. Soprattutto nella zona ovest, delta dell’Okavango e parco Moremi, la temperatura la mattina era intorno agli 8 gradi, ma partendo per i safari alle 7, 7.30 con jeep completamente aperte, arrivava un’aria veramente gelida e abbiamo rimpianto guanti e cappucci di lana (che non avevamo).

Come safari abbiamo scelto “I grandi fiumi del Botswana”, tutti i trasferimenti sono stati effettuati con un pulmino e la quasi totalità dei pranzi inclusi viene consumata in qualche piazzola a bordo strada o nei parchi. Si tratta di pranzi freddi e veloci con pane, affettati e insalate di riso o di pasta. Non certo eccezionale, ma pratico e veloce. In queste occasioni, come per le notti al campo con tende igloo è richiesto di dare una mano e cucinare, a montare le tende e a lavare i piatti.

Ecco nel dettaglio le tappe:

Maun, Crocodile camp, si tratta di un lodge che abbiamo usato di passaggio per l’arrivo in Botswana e per le partenze verso l’Okavango e il Moremi. Lodge senza infamia e senza lode situato in una bella posizione sul fiume.

Delta dell’Okavango, 2 notti in tenda su un’isola nel delta con giri in Mokoro e passeggiate a piedi. E’ stato veramente bello, girare in Mokoro per le acque tranquille del delta crea un contatto con la natura fantastico, per non parlare dei colori dei riflessi sull’acqua e dei tramonti. Si dorme in tende igloo molto spartane (tutta l’attrezzatura è a carico del tour operator) e non si vedono molti animali, abbiamo avuto la fortuna di incontrare un branco di zebre durante una passeggiata mattutina e un paio di ippopotami durante i giri in mokoro, ma la bellezza qui è la natura ed i colori.

Per questi 2 giorni non abbiamo potuto portare tutti i bagagli, ma solo uno zainetto a testa. Conviene quindi portarsi uno zaino di dimensioni medie, in modo da poterlo usare per tutto quello che serve per sopravvivere 2 giorni.

Parco Moremi, 2 notti in un campo tendato semi permanente Hyena Pan camp. Il parco non è eccezionale per avvistamenti di animali essendo pieno di alberi che ne limitano la visuale. Noi abbiamo avuto la fortuna (anche grazie alla notevole abilità e caparbietà della guida) di vedere 3 leonesse ed 1 leone oltre a gazzelle, impala, giraffe, ecc.

Per ciò che riguarda la struttura la promuovo con un 10 e lode. Si tratta di un campo piuttosto spartano con tende molto grandi e con bagno vero in una parte separata all’interno della tenda. Al momento non c’era l’acqua calda ma bastava dire di voler fare una doccia e riempivano una sorta di boccione presente in ogni tenda così da potersi fare la doccia nel proprio bagno. Si stavano comunque organizzando per aggiungere dei boiler in ogni tenda in modo da avere acqua calda corrente.

La bellezza del campo sta nella posizione, è vicino ad un laghetto dove al tramonto abbiamo visto una ventina di elefanti venire ad abbeverarsi mentre eravamo comodamente seduti attorno al fuoco, grande spettacolo. E poi c’è un ottimo servizio e un ottima cucina (che non guasta).

Magadigadi Pans, 1 notte in campo tendato fisso di lusso Nata Lodge. Si tratta di un lago salato che nella stagione secca tende a prosciugarsi ma che a luglio ha ancora molta acqua, molto bello da vedere al tramonto con in più uno stormo di fenicotteri rosa. Le tende sono molto belle e spaziose. Unica caduta di stile, la colazione, invece di farla nel ristorante del campo l’abbiamo fatta vicino al pulmino, organizzata dal tour operator.

Parco Chobe, 2 notti al Chobe Marina Lodge. Il parco si sviluppa sul fiume Chobe, qui le attività sono state un safari mattutino in jeep e una crociera al tramonto. Il safari viene fatto in modo molto industriale, la guida non si sforza per nulla di trovare animali ma segue semplicemente il solito percorso di 3 ore. Per dare un esempio, mentre passavamo, abbiamo visto poco davanti a noi 3 jeep ferme a guardare qualcosa, qualsiasi guida un minimo scrupolosa sarebbe corsa a vedere cosa c’era di interessante, la nostra si è fermata una cinquantina di metri prima per farci vedere degli avvoltoi. Per carità, carini anche loro, però se non gli avessimo chiesto espressamente di andare dove c’erano gli altri, non avremmo visto una iena trascinarsi via una carcassa seguita da uno sciacallo. Comunque parco carino con molte giraffe qualche bufalo e qualche elefante. Ci sono anche i grossi felini, ma noi non li abbiamo visti.

La crociera al tramonto è molto bella, oltre al tramonto sul fiume si vedono molto da vicino decine di elefanti, bufali, ippopotami e coccodrilli che si abbeverano o semplicemente si godono il fresco del fiume.

Ottimo anche il lodge, molto lussuoso.



    Commenti

    Lascia un commento

    Bazaruto: leggi gli altri diari di viaggio