Route 66… and more

Viaggio on the road alla scoperta della route 66... con alcune deviazioni
 
Partenza il: 17/04/2014
Ritorno il: 03/05/2014
Viaggiatori: 2
Spesa: 3000 €

Ponte pasquale e ponte del 1° maggio ….. idea! Un bel viaggio on the road negli U.S.A., e poi quest’anno è anche il nostro 25° anniversario di matrimonio. Quale miglior occasione per programmare un bel viaggio?!

Uno dei “sogni americani” di mio marito è sempre stato quello di percorrere la Route 66 da Chicago a Los Angeles. Dopo aver valutato bene i tempi e le tappe necessarie per la completa percorrenza della 66, abbiamo optato di intercettarla a Clinton e percorrerla fino a Los Angeles con alcune deviazioni.

Dopo aver definito le tappe, abbiamo preferito prenotare i Motel/Hotel direttamente dall’Italia ed è stata una scelta azzeccata: alla sera, stanchi morti dopo le miglia percorse, avevamo già un porto sicuro a cui approdare senza preoccuparci di prenotare ogni volta.

17/04

Siamo partiti dall’Italia con Luftansa (via Francoforte) atterrando a Dallas nel primo pomeriggio. Abbiamo noleggiato un’auto fullsize completa di GPS con Alamo, per fortuna era disponibile una bellissima Dodge Charger che avevamo visto sul sito internet al momento della prenotazione dall’Italia. Ci siamo subito diretti a Wichita Falls, a metà strada tra la Route 66 e Dallas dove abbiamo dormito al “Homewood Suites by Hilton”. Abbiamo fatto questa prima tappa di 200 Km.circa per riprenderci dal jet-leg e partire al meglio il giorno successivo.

18/04 – 1° obiettivo: raggiungere la Route 66 a Clinton (ca. 232 Km.)

Finalmente abbiamo avvistato il primo caratteristico cartello che segnalava che avevamo raggiunto il nostro obiettivo! La tappa del primo giorno era ancora lunga, passando per Elk City, Erick, Texola (una ghost town in cui sembrava di essere in un film!), Shamrock con una vecchia stazione di servizio Conoco perfettamente ristrutturata art decò, Mc Lean con una vecchia stazione di servizio della Phillips 66 restaurata, Groom dove ci siamo fermati alla “Groom Cross” che con i suoi 57 metri di altezza è la più grande croce dell’emisfero ovest, Conway con il suo Bug Ranch e, infine, Amarillo dove, dopo un totale di circa 450 Km., abbiamo finalmente dormito al “Comfort Suites Amarillo”.

19/04

Sveglia al mattino presto per visitare il famoso Cadillac Ranch di Amarillo: piuttosto insolito, solo le Cadillac piantate nel terreno senza nulla intorno reso ancora più affascinante dall’impetuoso vento che ci costringeva a ripararci tra le auto! E poi via ancora sulla Route 66 per arrivare ad Adrian esattamente a metà della Route dove naturalmente abbiamo fatto una seconda colazione all’Adrian Cafè (storico anni ’50) che sforna delle ottime “ugly crust pie” con una calda tazza di caffè. Interessante anche il vicino Sunflowers Station per acquistare qualche ricordino di questo primo traguardo! Si prosegue per Glenrio (ghost town) e per Tucumcari paesino con vecchi motel tra cui il Blue Swallow Motel che è uno dei simboli della Route 66, aperto dal 1949; certo, di sera con le insegne al neon l’impatto sarebbe stato sicuramente più suggestivo! Arriviamo poi a Santa Rosa dove fatichiamo un pochino per trovare il cenote menzionato sulla guida, ma alla fine ci siamo riusciti ed effettivamente è insolito trovare un cenote proprio da queste parti… innaffiato anche da un bel temporale che ci ha colto proprio in quel momento. Infine arriviamo ad Albuquerque dopo circa 465 Km. dove soggiorniamo due notti al “BEST WESTERN PLUS Rio Grande Inn” per avere il tempo di percorrere il loop della 66 verso Santa Fe.

20/04

Si parte presto per Santa Fe, bella cittadina in stile adobe con cattedrale sicuramente da visitare, facciamo una deviazione fino a Los Alamos paese con case a traliccio dove il fisico Oppenheimer ha progettato la prima bomba atomica, qui risiede il “Los Alamos National Laboratory”. Proseguiamo per il Taos Pueblo in stile adobe, il più antico e famoso pueblo del New Mexico ora Patrimonio mondiale dell’Umanità. L’idea è di percorre ora la “Turquoise Trail” per tornare ad Albuquerque e vedere la Las Vegas del New Mexico e le tre ghost town sulla strada (Cerrillos-Madrid-Golden), ma la stanchezza è tanta che decidiamo di puntare direttamente su Albuquerque fermandoci a cena al caratteristico “66 Diner” (1405 Central Avenue NE) fast-food anni ’50 stile “Grease” o “Happy Days” ed effettivamente ne è valsa la pena, sembrava proprio di essere in uno dei telefilm che guardavamo da ragazzi!

21/04

Partenza per il deserto dipinto e la foresta pietrificata; paghiamo l’ingresso con l’auto e seguiamo la strada che passa attraverso queste meraviglie da fotografare ad ogni angolo; ad un certo punto troviamo un cartello che ci avverte che la “nostra” Route 66 un tempo tagliava in due quest’area, ma ora questo tratto è completamente abbandonato ed è diventato parte del meraviglioso paesaggio. A seguire puntatina a Holbrook per fotografare il famoso Wigwam Motel dove le stanze sono dei teepees indiani. Infine torniamo indietro a Gallup, un bel paesino in cui si possono comprare interessanti manufatti indiani, dove sostiamo al “Red Roof Inn”. Questa tappa in tutto è stata di circa 450 Km.

22/04

L’idea iniziale era di recarci al Chaco Culture National Historical Park, uno dei principali nuclei della civiltà degli Anasazi, ma purtroppo si dovevano percorrere ca. 30 Km. di strada sterrata e la nostra Charger se pur bellissima non ci è sembrata funzionale per percorrere strade sterrate in mezzo al nulla; purtroppo visita saltata! Ci siamo ripromessi, la prossima volta che torneremo negli USA, di noleggiare assolutamente una 4×4 tipo piccola jeep perché in effetti le strade sterrate nelle nostre deviazioni sono state parecchie e ad alcune abbiamo dovuto rinunciare! Proseguiamo comunque per Farmington dove visitiamo l’Aztec Ruins National Monument un complesso che ospita un antico pueblo degli Anasazi con al centro la ricostruzione del più grande “kiva” del mondo. Proseguiamo poi per Durango grazioso paese di montagna sull’Animas River dove pernottiamo al “Durango Downtown Inn” in ottima posizione centrale. La cena al Diamond Belle Saloon, come consigliato dalla guida, con atmosfera di un tempo e musica dal vivo. Questa tappa in tutto è stata di circa 300 Km.

23/04

Partenza al mattino presto da Durango per visitare la Mesa Verde National Park con abitazioni spettacolari costruite nella roccia e panorami mozzafiato dall’alto della mesa che purtroppo negli ultimi anni è stata parzialmente devastata dagli incendi. Nel pomeriggio proseguiamo per il Four Corner Monument il punto in cui si incontrano Arizona, New Mexico, Colorado e Utah. Poi Via verso Kayenta alla scoperta della Monumet Valley. Consigliamo di percorrere la I163, passando dal “Mexican Hat” (roccia particolare che assomiglia ad una persona con in testa un sombrero), per godere della famosa vista che tante volte abbiamo ammirato nei film. Arriviamo al tramonto al visitor center della Monument Valley …. è stata una fortuna perché abbiamo potuto godere dello stupendo panorama delle formazioni rocciose accarezzate dalla luce del sole che donava colorazioni uniche da noi ammirate in estasi senza badare all’orario! Abbiamo anche provato, sempre con la nostra bellissima berlina poco funzionale in questi casi, a scendere lungo il percorso sterrato giù vicino alle formazioni rocciose. Il sentiero sterrato nella prima parte è piuttosto accidentato, poi si fa più levigato, ma abbiamo preferito arrivare solo ai piedi delle formazioni e non proseguire sullo sterrato per evitare eventuali problemi con l’auto (in ogni caso è possibile acquistare sul posto diversi tours con fuoristrada). Anche quel punto di vista è stato veramente emozionante! Arriviamo in tarda serata a Kayenta, dopo aver percorso in tutto circa 300 Km., dove pernottiamo al “Kayenta Monument Valley Inn”.

Guarda la gallery
usa-usa-b75cy

Obiettivo raggiunto!

usa-usa-2ehd2

Shamrock

usa-usa-qbwrx

Amarillo

usa-usa-6bvh1

Partiamo!

usa-usa-84ufw

Il deserto dipinto

usa-usa-zfz7q

Monument Valley

usa-usa-48257

Siamo a metà!

usa-usa-zwgfv

Tucumcari

usa-usa-646ng

Antelope Canyon

usa-usa-my1h7

Seligman



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Death Valley
    Diari di viaggio
    il giro del mondo in quaranta giorni

    Il giro del mondo in quaranta giorni

    Per lavoro mi hanno chiesto di seguire tre manifestazioni in tre continenti diversi, in un tempo così ristretto che non si poteva "passare...

    Diari di viaggio
    states on the road

    States on the road

    Il mio primo tour negli Stati Uniti nel 2014 avevamo fatto un coast to coast di 15 giorni partendo dalla California per finire a New...

    Diari di viaggio
    parchi dell’ovest e città della california

    Parchi dell’Ovest e città della California

    INFO GENERALI VoloA gennaio acquisto i biglietti aerei con Lufthansa per € 1.761,00 per due persone per le seguenti tratte:...

    Diari di viaggio
    viaggio nel mito

    Viaggio nel mito

    Monica. Foto sul molo, End of the trail e passeggiata di mezz'oretta fino a Venice. Qui si respira (in tutti i sensi)una certa atmosfera...

    Diari di viaggio
    california e grandi parchi con bambini al seguito

    California e grandi parchi con bambini al seguito

    USA 2016 – California, Nevada, Utah, Arizona – Viaggio con bambini Quest’anno abbiamo approfittato delle vacanze Pasquali...

    Diari di viaggio
    west coast e grandi parchi usa on the road

    West Coast e grandi parchi Usa on the road

    Domenica 24 Aprile 2016 Ci attende una lunga giornata, il viaggio Cagliari-Zurigo-Monaco-San Francisco inizia alle 9 del mattino e...

    Diari di viaggio
    usa west coast: avventure di e disavventure del nostro primo on the road

    USA West Coast: avventure di e disavventure del nostro primo on the road

    Ci giravamo intorno da un anno ma vuoi per un motivo, vuoi per un altro, rimandavamo sempre. La "brutta bestia" che appena 6 mesi dopo il...

    Diari di viaggio
    fuga ad alcatraz

    Fuga ad Alcatraz

    Premesse Chi: Sonia, Uccio, Mateo, io.Quando: 8-22 agosto 2015.Dove: Southwest USA da San Francisco a San Francisco. Abbiamo...

    Diari di viaggio
    da denver a san francisco…

    Da Denver a San Francisco…

    - Periodo: Aprile/Maggio (VE 24/04-DO 10/05) - Temperatura: Min 3 Max 24 con punte anche sopra i 30- Tempo: sempre bello- Giorno:...

    Diari di viaggio
    california on the road 3

    California on the road 3

    La lunga attesa è finita, finalmente si parte per il selvaggio west: volo KLM da Linate (in realtà effettuato con Alitalia fino a Parigi)...

    Video Itinerari