Romantische Strasse e Castelli di Ludwig in camper

A spasso tra borghi e castelli
Scritto da: Sere80
romantische strasse e castelli di ludwig in camper

Romantische Strasse e Castelli di Ludwig

7 agosto 2022

Finalmente dopo tanto parlarne questo è l’anno giusto, questa volta si parte per la Romantische Strasse!

Da buoni appassionati di castelli decidiamo di vedere oltre alla strada romantica anche uno dei castelli più famosi. Emozionati, e anche un po’ impauriti perché questo è il nostro primo viaggio all’estero con il camper, partiamo con tutta calma; sono infatti quasi le 11 quando facciamo gasolio al distributore vicino a casa e ingraniamo la prima. L’equipaggio è composto da me, mio marito e le nostre due ragazze di 13 e 16 anni. Dopo aver valutato quale strada fare tra le varie opzioni scegliamo di passare dall’Austria; ci serve quindi la vignetta (che varrà dieci giorni), che acquistiamo sull’autostrada nei pressi del confine con il Brennero. Proseguiamo verso il Brennero e poco dopo attraversiamo anche il ponte Europa. È ormai buio quando arriviamo alla prima tappa del nostro viaggio, Fussen. L’indomani, di prima mattina, abbiamo prenotato i biglietti per il castello che sogniamo di vedere da molto tempo: Neuschwanstein! Siccome nel parcheggio del castello non è possibile dormire, troviamo un posticino lungo la strada dove ci sono già altri camper.

8 agosto 2022

Lunedì mattina sveglia molto presto, colazione veloce e via verso il castello che ispirò Walt Disney. Qui c’è un ampio parcheggio a pagamento aperto anche ai camper. La sensazione che proviamo è quasi surreale, è così strano trovarsi finalmente qui dopo aver visto innumerevoli foto e devo dire che non ha per nulla deluso le nostre aspettative. Qui i castelli da vedere sono due, ma quando giorni fa abbiamo prenotato i biglietti online, quelli per Hohenschwangau erano esauriti, però decidiamo di tentare la fortuna con la biglietteria sul posto; non ora però perché dobbiamo entrare con il primo ingresso a Neuschwanstein. La salita fino al castello consiste in una passeggiata di circa 20 minuti in salita, ma in alternativa si può usufruire del calesse trainato dai cavalli (a pagamento naturalmente). Da bravi camminatori optiamo per la passeggiata, non troppo impegnativa. Arriviamo di fronte all’ingresso e aspettiamo il nostro turno per entrare (i tedeschi spaccano il secondo quindi sempre meglio arrivare qualche minuto prima). Appena entrati percepiamo subito la magnificenza di questo luogo, peccato che non si possano fare fotografie. Ci danno un’audioguida in lingua italiana e seguiamo il nostro gruppo. Purtroppo la visita non è lunghissima, ma è stata sufficiente… all’uscita dal castello noi ragazze siamo follemente innamorate di re Ludwig. Per fortuna il marienbrücke è stato riaperto, così possiamo andare sul ponte nel punto panoramico e fare anche noi la foto da calendario al castello.

Una volta ridiscesi verso il parcheggio, proviamo a dirigerci alla biglietteria e abbiamo fortuna, riusciamo a trovare i biglietti per Hohenschwangau nel tardo pomeriggio. Decidiamo così di pranzare in camper e poi di fare un giro sul lago, dove noleggiamo una barca a remi. Puntualissimi come i tedeschi ci dirigiamo all’entrata del “castello giallo” per la nostra seconda visita: anche qui siamo dotati di audioguida. Terminato anche questo interessante tour torniamo al nostro camper e ci dirigiamo verso Fussen, dove speriamo di trovare posto in una delle 3 aree camper… purtroppo la fortuna non è dalla nostra parte perché sono tutte piene. Vediamo che nel parcheggio di un supermercato ci sono già altri camper parcheggiati e decidiamo di sistemarci qui anche noi cercando di ingombrare il meno possibile. Siamo un po’ demoralizzati per non aver trovato posto, così un po’ sottotono facciamo un giro in centro (peraltro molto bello). Dopo cena facciamo il punto e decidiamo che il nostro viaggio ci porterà anche a vedere tutti i castelli di Ludwig, anche per questo ci piace il camper, per poter cambiare la meta se ne vale la pena!

9 agosto 2022

L’indomani mattina ci svegliamo di buon’ora, facciamo carico e scarico in una delle aree sosta e ci dirigiamo verso Linderhof. La strada per arrivarci non è corta, ma è molto bella, attraversiamo ai boschi e costeggiamo laghi. Parcheggiamo anche qui senza problemi, compriamo i biglietti e ci incamminiamo: più che un castello è un palazzo, è immerso in un grande parco e ci sono da vedere molte cose, come il chiosco moresco.

La visita qui è con una guida che parla italiano, molto meglio di un’audioguida! Il parco è talmente grande che non riusciamo a vederlo tutto, ma non ci dispiace, torneremo sicuramente perché purtroppo la grotta di Venere è chiusa per ristrutturazione e siamo molto curiosi di vederla. Lasciato Linderhof ritorniamo sui nostri passi sulla strada romantica. Ci fermiamo a visitare la  Wieskirche, il santuario del Cristo Flagellato che è patrimonio dell’Umanità UNESCO, molto bello e suggestivo. Troviamo posto in un’area sosta vicino a Steingaden, molto carina, è anche un b&b, le piazzole sono spaziose e c’è a disposizione un ampio bagno dove si può fare la doccia calda.

Prendiamo le bici e andiamo a visitare Steingaden, l’area sosta è praticamente sulla ciclabile. Dopo un giro veloce torniamo in area sosta e approfittiamo della doccia calda (ed enorme) e ci concediamo tutti e 4 una lunga doccia.

10 agosto 2022

La mattina abbastanza presto ripartiamo e ci addentriamo sulla strada romantica: come prima tappa ci fermiamo a Schongau dove troviamo un parcheggio gratuito che i camper possono utilizzare durante alcuni giorni nel mese di agosto; facciamo un giro nel centro e percorriamo un pezzo delle mura coperte.

Tappa successiva Landsberg am Lech: qui troviamo posto in un parcheggio non lontano dal centro, anche questo gratuito. Questa volta ci fermiamo un po’ di più perché questo paese ci piace molto, il centro è molto carino e ne fotografiamo ogni angolo; entriamo in una pasticceria attirati dai dolci in vetrina e torniamo al camper per fare pranzo.

Dopo pranzo proseguiamo per Friedberg: qui parcheggiamo al cimitero, dove ci sono alcuni posti riservati ai camper dove si può sostare anche di notte, anche qui tutto gratuito. Ci fermiamo poco però, probabilmente complice la stanchezza questo paese non ci ha entusiasmato molto.

Guarda la gallery
img_0192



    Commenti

    Lascia un commento

    Chiemsee: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari