Ritorno a new york!

...stavolta con la mamma! Il viaggio di Emy e Giusi
 
Partenza il: 06/01/2010
Ritorno il: 13/01/2010
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Sottotitolo: stavolta con la mamma! Protagoniste: Emy (la figlia, 32 anni, seconda volta a NY, discreta viaggiatrice) e Giusi (la mamma, qualche anno in più, prima volta a NY, assai poco viaggiatrice).

Per me (Emy) un viaggio a NY molto diverso rispetto a quello fatto dodici mesi fa con il maritino: stavolta c’è un po’ più di tempo, conosco già un pochino la città e, soprattutto, c’è da organizzare la vacanza tenendo conto delle esigenze della vecchia e sedentaria mamma, a cui non posso proprio chiedere di camminare per 20 e più km ogni giorno! Ne è venuta fuori una “quasi settimana” intensa ma non frenetica, 6 giorni abbondanti dedicati alla scoperta e riscoperta di una città assolutamente incredibile, stupenda ed emozionante che, non mi stancherò mai di dirlo, tutti dovrebbero vedere e vivere almeno una volta nella vita. Personalmente, dopo questa seconda visita, sono più che mai convinta che assolutamente non sarà l’ultima: la Grande Mela dà dipendenza e grave astinenza! Ecco dunque il diario di questa vacanza “madre e figlia”, augurandomi che possa contenere indicazioni e suggerimenti utili ad altri viaggiatori che stanno programmando di andare a NY.

Il viaggio

La mezza idea di andare a NY è diventata concreta principalmente a partire dalla tariffa scontatissima trovata per il volo: € 368 a testa a/r, con Alitalia, Genova-Roma-JFK, prenotata al volo il 24 settembre! Come farsela scappare??? Il 6 gennaio è poi finalmente arrivato e così siamo partite: benissimo il check-in a Genova e il volo per Roma, malissimo le due ore di ritardo accumulate al gate a Fiumicino a causa dei controlli di sicurezza imposti per gli USA dopo il fallito attentato di natale. La totale disorganizzazione nelle operazioni rende l’imbarco una vera via crucis. Il volo è poi andato via liscissimo e circa trequarti d’ora sono stati recuperati, ma avrei qualcosina da ridire sul comfort a bordo: un volo intercontinentale senza gli schermini nei sedili e con la programmazione di un solo, sconosciuto film italiano sugli schermi comuni per un volo di più di nove ore??? Velo pietosissimo anche sul cibo: assolutamente immangiabile, sono stata salvata solo da salatini e formaggino Belpaese e dal cioccolato comprato in aeroporto.

Una volta arrivate, procedure di immigration e ritiro bagagli rapidissime (tipo venti minuti per entrambe le cose!) e così nel giro di poco siamo fuori a scoprire il mio regalo di Natale alla mamma (ignara di tutto!): un americanissimo SUV nero con l’autista per il transfer in hotel (a/r circa euro, prenotato e pagato online su http://www.Goairlinknyc.Com/index.Php )! L’hotel Una volta prenotato il volo, mi ero messa subito alla ricerca di un hotel con una buona tariffa ed una buona posizione e, non appena ho visto sul sito del Paramount ( https://www.nycparamount.com/ ) un preventivo che mi convinceva, ho prenotato ad occhi chiusi: è lo stesso albergo dove avevo alloggiato nel 2009 e mi ero trovata benissimo! In questo 2010 ho trovato l’hotel tutto rimesso a nuovo (l’altra volta i lavori erano in corso) e, naturalmente, la stessa stratosferica posizione: a due passi da Times Square, in mezzo ai teatri di Broadway! Personale gentilissimo, pulizia eccellente, tutto rinnovato e un prezzo assai competitivo: il preventivo per 6 notti in Queen Superior (la Standard ha il letto ad una piazza e mezza anche se è venduta per due persone: ricordarselo sempre!) era di $ 1.005, ovvero circa 710 euro. Qualche giorno prima della partenza ho poi ricevuto la mail di riepilogo e benvenuto che conteneva diciamo un “buono” che dava la possibilità di richiedere, al momento del check-in, un aupgrade a camera di livello superiore con soli 15 dollari in più al giorno e così, alla fine, spendendo in tutto circa 770 euro (dunque 385 a testa), abbiamo avuto una bellissima e spaziosa stanza con due letti ad una piazza e mezza, nuovissima e con tutti i comfort (non essendo una coppia, i due letti separati ci hanno ovviamente permesso di stare molto più comode)! Ci erano state anche proposte le colazioni a prezzo scontato, ma il breakfast in hotel non conviene mai: se le fanno pagare uno sproposito, quando con la metà o anche meno si può mangiare benissimo e fino a scoppiare in uno dei migliaia Cafè, Déli, Starbucks, etc etc sparsi ovunque.

6 gennaio 2010 Arrivate in hotel distrutte dal viaggio e dal fuso (a NY era pomeriggio ma in Italia già ora di nanna!) abbiamo fatto solo quattro passi a Times Square (la mia mammina doveva assolutamente vederla subito!) e preso un po’ di frutta da mangiare in camera prima di crollare addormentate prestissimo.

Che dire del momento in cui, arrivando dall’aeroporto, come per magia ti compaiono davanti i grattacieli dello skyline più famoso del mondo? Indescrivibile!!! Come indescrivibile è Times Square, con le sue luci accese giorno e notte, grande, viva, grandiosa, chiassosa, unica, fantastica! 7 gennaio 2010 Dopo una dormita colossale con risveglio prima dell’alba ed un altrettanto colossale colazione al sconsigliatissimo Cranberry Déli sulla 45esima (dopo un anno è stato bellissimo tornarci!) eccoci pronte ad affrontare la giornata, che prevede un tour in bus per vedere le location dove sono stati girati un bel po’ di famosi film e telefilm (prenotato ondine su http://www.Citysightsny.Com/ , 38 dollari a testa). Ma, prima dell’orario di partenza del tour, abbiamo tutto il tempo di fare una prima bella passeggiatona newyorkese e così decido di portare la mia mammina fino al palazzo di vetro dell’ONU percorrendo fino in fondo la 45esima e tornando poi verso Times Square lungo la bellissima 42esima e visitando così al volo l’atrio del fantastico Chrysler Building e la bellissima Grand Central Terminal (la grande stazione centrale di Madagascar!), ad un passo dalla quale c’è Model’s, un convenientissimo e fornitissimo negozio di abbigliamento sportivo (ma ci sono anche altre sedi in città) che gli appassionati e/o tifosi di sport e squadre USA non possono lasciarsi sfuggire! Alle 11.00 partiva il tour, che ci ha fatto passare 3 ore e mezza piacevolissime ed interessanti e che, anche al di là del tema cine/televisivo, si è rivelato un ottimo modo per esplorare un po’ Manhattan standosene comodamente sedute al caldo, in particolare per quanto riguarda Greenwich Villane, East Villane, SoHo, Chelsea e Tribeca, delle vere città dentro la città, nel senso che sono proprio un altro pianeta rispetto a midtown: casette basse e colorate, giardini e porticine di legno, vecchie palazzine colorate con le scale antincendio, oppure ex magazzini e vecchie fabbriche trasformati in loft milionari abitati da celebrità di musica, cinema, moda e TV. Il tour è in inglese e la guida era una simpaticissima e preparatissima attrice con un’eccellente dizione: basta una decente conoscenza dell’inglese per riuscire a seguire il tutto senza troppi problemi ma, comunque, anche mia mamma che di inglese non sa una parola, con qualche mia sommaria traduzione si è goduta la gita e si è divertita.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Grandi Capitali
    Diari di viaggio
    parigi: il nostro indimenticabile weekend lungo nella ville lumière

    Parigi: il nostro indimenticabile weekend lungo nella Ville Lumière

    Approfittiamo del weekend lungo di Ognissanti per tornare a Parigi, visitata da sola, in coppia e ora con i bimbi.Per la prima...

    Diari di viaggio
    budapest in quattro meravigliosi giorni

    Budapest in quattro meravigliosi giorni

    Decidiamo di partire alla volta di Budapest!L’impressione è di essere in una piccola Vienna: Giorno 1 Nonostante le decisioni...

    Diari di viaggio
    vienna e praga... un tour guidato

    Vienna e Praga… un tour guidato

    1° Giorno 26 Dicembre 2018: Montefiascone – Empoli – Siena – Padova. Quest’anno doppie ferie! Dopo 6 anni ferie per Capodanno con...

    Diari di viaggio
    un salto a bratislava

    Un salto a Bratislava

    Quest'anno pare proprio che da noi il freddo non voglia arrivare, quindi lo andiamo a cercare, atmosfera pre-natalizia compresa, in una...

    Diari di viaggio
    navigando lungo il danubio

    Navigando lungo il Danubio

    L'esperienza di navigare su un fiume importante, l'avevo già provata quando da Mosca la motonave aveva terminato il suo viaggio a San...

    Diari di viaggio
    hola madrid! 3

    Hola Madrid! 3

    Io e il mio amico Andrea partiamo alla volta di Madrid con il volo di Iberia delle ore 06.50 di venerdì 18 ottobre in decollo da Bologna....

    Diari di viaggio
    56esimo compleanno a londra

    56esimo compleanno a Londra

    Per festeggiare il mio 56esimo compleanno ho deciso di andare a Londra con mia moglie. Per noi da Genova andare a Londra è molto comodo ed...

    Diari di viaggio
    moien, lussemburgo vi saluta

    MOIEN, Lussemburgo vi saluta

    M-O-I-E-N Saranno queste cinque enormi lettere luminose ad accoglierci all’aeroporto di Lussemburgo. È questo il saluto...

    Diari di viaggio
    primavera a new york 2

    Primavera a New York 2

    Questa primavera cogliamo l’occasione di una defezione da parte di un paio colleghi, per partecipare all’ultimo momento a un viaggio di...

    Diari di viaggio
    berlino un connubio perfetto tra antico e moderno

    Berlino un connubio perfetto tra antico e moderno

    Finalmente eccomi a Berlino, dopo vari tentativi andati a vuoto. Dopo aver trovato col Ciber Monday un volo a 10 euro A/R da Bergamo mi...