Risalendo verso nord

 Premessa Come mai due torinesi (Carla e Dario) decidono di fare un tour della Croazia partendo da Bari? Ovviamente il motivo c’è : si tratta del matrimonio dei carissimi amici Adriana e Claudio avvenuto in Puglia (noi eravamo i testimoni !) per cui abbiamo deciso – vista l’occasione – di traghettare verso la Croazia per...
Scritto da: dagh
risalendo verso nord
Partenza il: 24/09/2006
Ritorno il: 03/10/2006
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

 Premessa Come mai due torinesi (Carla e Dario) decidono di fare un tour della Croazia partendo da Bari? Ovviamente il motivo c’è : si tratta del matrimonio dei carissimi amici Adriana e Claudio avvenuto in Puglia (noi eravamo i testimoni !) per cui abbiamo deciso – vista l’occasione – di traghettare verso la Croazia per ritornare verso casa risalendo appunto la costa croata.

Sicuramente degno di segnalazione in Puglia è stato il bed & breakfast **** di Cisternino che ci ha fatto provare l’emozione di dormire in un trullo perfettamente ristrutturato!  Domenica 24/9/2006 Ore 22 traghetto Bari – Dubrovnik (linea Jadrolinija). Spesa: € 228,00 per cabina esterna + auto.

Le operazioni di imbarco sono a dir poco caotiche (non oso pensare a cosa possa avvenire in alta stagione…) con evidente carenza di informazioni (a momenti salivamo su un traghetto in partenza per la Grecia!). Comunque siamo poi riusciti a prendere possesso della nostra cabina che si rivela molto “attempata”, come tutta la nave del resto… La navigazione è fortunatamente tranquilla e di prima mattina ci viene anche offerta la prima colazione.

 Lunedì 25/9/2006 Arrivo a Dubrovnik ore 7 : primo giro per il centro storico.

Un solo aggettivo : imperdibile ! A quell’ora la città è ancora semi-deserta ed ha un fascino incredibile. Più tardi arriveranno turisti in massa e si camminerà nelle strade cittadine in mezzo alla folla. Come sistemazione abbiamo affittato – tramite l’Ufficio del Turismo della via principale (Stradun) – un appartamento vicino al centro storico per € 50,00. Consiglio per chi viaggia in auto : il parcheggio a Dubrovnik è veramente problematico; quelli a pagamento sono carissimi e forse conviene lasciare l’auto distante per recarsi poi in centro con i mezzi pubblici.

Al tramonto percorriamo il perimetro delle mura che circondano la città vecchia: vedute spettacolari! A cena scopriamo che la maggior parte dei ristoranti, anche di buon livello, non accettano le carte di credito (e sarà così per tutto il viaggio) per cui è sempre meglio avere una scorta di kune.

Anche il giro serale conferma che questa città merita assolutamente una visita.

 Martedì 26/9/2006 Cielo coperto. In viaggio verso Ston, che raggiungiamo dopo 55 chilometri. Le strade sono in buone condizioni, ci sono severi limiti di velocità (abbastanza rispettati) e il traffico non è troppo intenso. Rapida visita alle saline (deludenti), quindi si prosegue per Orebic (in tutto km. 115) dove ci imbarcheremo sul traghetto per l’isola di Korcula. Ne parte uno ogni ora e anche qui sale a bordo chi è più pronto ad “inserirsi”. Trovato appartamento vista mare a Korcula dal sig. Toni (di mestiere – ci ha detto lui – poliziotto), in Ulica Bernarda Bernardi al prezzo di 300 kune (circa € 40,00).

Nel pomeriggio giro dell’isola fino a Vela Luka, che nonostante la pioggia, ci è parso un paese grazioso. Qui inoltre apprendiamo che non ci sarà possibile raggiungere direttamente l’isola di Hvar in quanto il battello carica solo persone e non auto. Domani dovremo quindi rifare la stessa strada già percorsa all’andata.

Korcula rivela il meglio di sé alla sera nel centro storico “entro le mura”, per questo viene anche definita “la piccola Dubrovnik”.

 Mercoledì 27/9/2006 Partenza da Korcula h. 8.30 dopo colazione in appartamento (di solito dotati anche di Nescafè).

Ripercorriamo le strade già fatte all’andata, ma fortunatamente il tempo è cambiato in meglio: è una bella giornata di sole con temperatura sui 26°.

Primo pieno di gasolio (eurodiesel) : costa un po’ meno che in Italia e i distributori di solito accettano le carte di credito. Poi in viaggio verso Mostar (Bosnia Erzegovina). Alla frontiera, oltre ai passaporti, ci viene anche richiesta la carta verde dell’auto.

Mostar è una cittadina più grande e trafficata di quello che ci aspettavamo e la ricerca del famoso ponte – abbattuto durante il conflitto e recentemente ricostruito – è un po’ difficoltosa; le indicazioni sono solo nella lingua locale ed anche i giovani interpellati dimostrano di non conoscere molto la lingua inglese. Girando per la cittadina sono ancora molto evidenti i segni dell’ultima guerra: numerosi sono infatti gli edifici completamente sventrati mentre altri appaiono seriamente danneggiati a testimonianza della durezza degli attacchi ricevuti.

Torniamo in Croazia con destinazione Brela, graziosa località sul mare, dove troviamo alloggio in una bella camera con terrazzino vista mare ad € 36 per notte (compresa un’ottima prima colazione preparata dalla proprietaria sig.A Mirjana Sosic!). Sotto di noi c’è l’accesso tramite una scalinata ad una bella spiaggia con acqua limpidissima (ma purtroppo anche freddissima…!) che è stata anche scelta dal tour operator Columbus quale copertina del loro catalogo 2006 riguardante la Croazia.

A cena sperimentiamo la “pasticada dalmata” (polpa di manzo marinato), accompagnata da vino rosso “Plavac”.

 Giovedì 28/9/2006 Eccoci in viaggio verso Primosten (bel sito turistico; ottime le foto panoramiche scattate dall’alto). Segue Trogir (Traù) : sicuramente una tra le più belle cittadine della costa dalmata, con un interessante centro storico ed un elegante lungomare.

Infine Split (Spalato), anch’essa con importanti monumenti, tra cui spicca il famoso Palazzo di Diocleziano.

Ritorniamo a Brela per la cena in terrazza alla konoba (trattoria) Ivandica Dvori a base di ramstek punjeni (carne con prosciutto e formaggio).

Chiudiamo la giornata con una passeggiata serale sul bel lungomare di Makarska.

 Venerdì 29/9/2006 Anche oggi splende il sole! Ultima ricca colazione a Brela, poi si parte in direzione di Split dove imbocchiamo l’autostrada, che è stata ultimata da poco e in cui il traffico è veramente scarso. Usciamo a Murter con l’intenzione di imbarcarci per una gita in battello alle isole Kornati, ma purtroppo apprendiamo che sono previste solo partenze al mattino presto con ritorno nel tardo pomeriggio e così dobbiamo a malincuore rinunciare e puntare quindi su Zadar.

A Zadar (Zara) passeggiando per la via principale (Calle Larga) ammiriamo i numerosi monumenti, tra cui spicca la chiesa di San Donato. Ci rechiamo quindi sul lungomare per vedere il singolare “organo del mare”: si tratta di una scalinata che emette dei suoni (effetto strumenti a fiato) dovuti all’arrivo delle onde.



    Commenti

    Lascia un commento

    brela: leggi gli altri diari di viaggio