Relax nelle Filippine

Mare, sole, tranquillità e cordialità
 
Partenza il: 14/02/2011
Ritorno il: 06/03/2011
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Cercherò di esser il più coinciso e breve per non farvi annoiare e dare qualche dritta a chi volesse intraprendere una vacanza nelle Filippine simile alla nostra, interamente fai da te. Per cominciare la nostra vacanza è durata 3 settimane spendendo la cifra complessiva di 3000 EURO in 2 persone, me e la mia compagna. Siamo partiti il giorno di san valentino da Roma fiumicino direzione Manila. La compagnia di volo scelta è stata la QATAR, il biglietto lo abbiamo acquistato on-line e pagato 600euro a testaA/R (un affarone) vista la media che si aggirava sulle 750-800euro.Il viaggio è andato benissimo, partendo dallo scalo a Dhoa(solo 40min x cambio aereomobile) ad arrivare al servizio erogatoci.Arriviamo a Manila alle 9 del mattino, ritirati i bagagli e svolto l’iter doganale usciamo dal terminal 1 e ci trasferiamo al terminal 3 x prendere il volo interno che ci porterà a TAGBILARAN. Dunque, l’areoporto internazionale di manila è suddiviso in 3 terminal i quali sono collegati fra loro da un servizio shuttle bus(gratuito) o da taxi gialli o bianchi. Per chi non ha fretta, come me, consiglio il bus altrimenti con 100 peso si può optare x i taxi gialli a tassametro. Arrivati al terminal 3 prendiamo il nostro volo x Tagbilaran acquistato on-line (15 euro a testa) della CEBU PACIFIC AIRLINES solo andata. Da qui prendiamo un taxi che ci porta a PANGLAO dove avevo prenotato solo le prime 3 notti (20 euro a notte) e poi si vedrà… Il resort si chiama PARAGAYO ed è a 200 metri dalla spiaggia bianca, molto spartano ma funzionale e abbastanza pulito.In questi 3 gg ci siamo riposati sulla stupenda spiaggia di ALONA, molto intima, atmosfera tropicale e x niente caotica piena di ristorantini in riva al mare. Inoltre si ha la possibilità di fare escursioni di mare:Virgin island,Pamiclan l’isola dei delfini, bolicasag ecc… Mentre via terra da non perdere le scimmiette piu piccole del mondo (Tersier), le cascate e le chocolate hills.Decidiamo di restare altre 3 notti. Passata la prima settimana in questa meravigliosa chicca ci trasferiamo a BANTAYAN Island posta a nod-est dell’isola di Cebu. Per raggiungerla abbiamo dovuto prendere un traghetto per la traversata Tagbilaran-Cebu durata circa 2 ore con la compagnia OceanJet al costo di 500 peso a biglietto. Vorrei darvi un consiglio spassionato: quando decidete di spostarvi con traghetti, bus, taxi o aerei portatevi una felpa a maniche lunghe e cappuccio perché i filippini sparano aria condizionata a duemila e non vale la pena rovinare la vacanza per cavolate del genere. Una volta sbarcati al porto di Cebu si prende taxi fino al North terminal bus per poi farsi 3 ore di pullman fino al porto di HAGNAYA dove ci si imbarca in un altro traghetto ccon destinazione finale Bantayan. Qui l’unica nota dolente di tutta la vacanza: una volta arrivati al porto di Santa Fe i ragazzi del posto ti vengono incontro all’impazzata per portarti le valigie e andare su un loro triciclo x raggiungere il resort prenotato. Noi non avevamo riservato nulla quindi ci facciamo consigliare e portare da uno di questi a un resort chiamato TICKET BO situato sul lato ovest rispetto al porto di Santa Fe sulla spiaggia di Alice Beach. Questa zona, a mio modesto parere, è la più brutta dell’isola sempre esposta al forte vento, piena di alghe e sporcizie varie, per di più le reti dei pescatori estese fino al bagnasciuga, insomma impossibile fare il bagno o prendere il sole sulla spiaggia. Per quanto riguarda il resort un’altra delusione, spesso e volentieri mancava l’acqua, la corrente elettrica, la carta igienica, cattivo odore di fognature dentro la stanza, il ristorante c’era ma bisognava andare a cercare la cuoca in tutto il resort ecc ecc………. Per farla breve abbiamo pernottato 2 notti e ce ne siamo andati. La prox tappa è stata un piccolissimo resort a nord del paese gestito da un tedesco, gia visionato on-line dall’Italia WHITE BEACH BUNGALOWS.COM dove abbiamo soggiornato 4 gg e stati a dir poco benissimo! Tranquillità assoluta, relax ma con tutte le comodità a portata di mano, immersi nella natura, mare stupendo & spiaggia idem. Abbiamo affittato il motorino per andare a Bantayan Town e vedere il loro mercato all’aperto, uno scorcio filippino da non perdere, invece con la barchetta del resort abbiamo visitato PARADISE BEACH, una spiaggia privata lunga circa 70metri molto ben tenuta e con un mare che non ha niente da invidiare alle Maldive. Vado a precisare che Bantayan è un isola molto tranquilla con un clima sonnolento ma piacevole e che non c’è assolutamente niente tranne il bel mare, quindi chi cerca un po’ di movida notturna o cose del genere non deve prendere in considerazione questo posto e forse neanche tutte le Filippine. I restanti giorni li abbiamo trascorsi nell’isola di BORACAY la più blasonata e turistica di tutta la repubblica filippina, difatti temevamo il passaggio dalla calma assoluta di Bantayan al caos,cosi descritto in rete, di Boracay che in realtà non si è dimostrato tale. Per arrivarci abbiamo fatto lo stesso percoso solamente a ritroso da Bantayan a Cebu city, tragetto e poi 3 ore di autobus. Giunti in città si va immediatamente all’aeroporto a prendere il nostro volo CebuPacific (bimotore a elica) prenotato dall’Italia (17euro a testa) che ci porterà a CATICLAN, avamposto più vicino dove vi è un piccolo porticciolo dal quale partono le “bagnarole” per Boracay. Quest’ultima è un isola lunga circa 7-8km e larga 2 scarsi, sulla parte occidentale vi è la famosa WHITE BEACH, davvero white, con la sua distesa di ristoranti,bar,hotel,resort e negozi di tutti i generi, mentre sulla parte orientale c’è un’altra spiaggia, meno corta, esposta al vento infatti viene frequentata da ragazzi che praticano Kate Surf ( non so come si scrive). Questa volta l’hotel lo abbiamo prenotato dall’Italia, qui ce né per tutti i gusti e per tutte le tasche, noi abbiamo scelto il SULU PLAZA direttamente sulla spiaggia e situato nella zona 3. Dimenticavo la white beach è suddivisa in boat station 1, 2 e la 3, più si va verso la 1 e più si alzano i prezz e il baccano notturno, a mio parere lo specchio d’acqua antistante la zona 1 e 2 è poco piacevole causa andirivieni di barche a motore che sporcano questa meraviglia. La scelta del Sulu è stata azzeccatissima, zona tranquilla, si mangia un ottimo tailandese e personale cordiale, certo da fuori sembrava una bettola ma la stanza era confortevole e pulita, d’altronde non ci si può aspettare molto dal prezzo di 125 euro per 5 nottià . Qua si possono praticare molte attivita sul mare e non, a partire dalle immersioni, snorkeling, sci d’acqua, banana boat,corsi di vela e via scorrendo, per non parlare delle infinite passeggiate in riva al mare con l’aria calda che accarezza la pelle e il cristallino dell’acqua che acceca e di tanto in tanto rinfresca. Bene, qui finisce la nostra vacanza, mi scuso se è venuto fuori qualche strafalcione ma non sono abituato a scrivere. Per chi volesse fare domande o delucidazioni nello specifico queste sono le mie mail: [email protected] oppure [email protected]

Guarda la gallery
boracay-k8dck

Paradise beach,Batayan



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bantayan
    Diari di viaggio
    viaggio nelle filippine tra nord luzon e le isole di bantayan e malapascua

    Viaggio nelle Filippine tra Nord Luzon e le isole di Bantayan e Malapascua

    Parlando di Filippine, in molti sono convinti che questo paese offra solo mare cristallino e spiagge bellissime, ma scavando a fondo c’è...

    Diari di viaggio
    filippine - isole visayas

    Filippine – Isole Visayas

    Volo impegnativo come al solito, all’insegna del risparmio. Abbiamo infatti trovato un'offerta molto vantaggiosa di Emirates su Hong Kong...

    Diari di viaggio
    relax nelle filippine

    Relax nelle Filippine

    Cercherò di esser il più coinciso e breve per non farvi annoiare e dare qualche dritta a chi volesse intraprendere una vacanza nelle...

    Video Itinerari