Relax a Lampedusa

Una breve fuga d'amore in questo selvaggio e stupefacente lembo di terra nel Mediterraneo
 
Partenza il: 18/07/2017
Ritorno il: 21/07/2017
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Da qualche anno io e il mio compagno abbiamo deciso di conoscere meglio la nostra Sicilia e le sue isole, scegliendola come meta per delle brevi vacanze estive. Quest’anno è toccato a Lampedusa e anche stavolta ci abbiamo lasciato un pezzo di cuore.

PRIMO GIORNO

Il nostro viaggio comincia il 18 luglio da Palermo. Prendiamo la compagnia Mistral Air, che non avevo mai sentito nominare prima che iniziassi a cercare i collegamenti per Lampedusa e che scopro appartenere al gruppo Poste Italiane. L’aereo è piccolino, da 90 posti, ma per poco meno di un’ora va più che bene. Ci hanno offerto anche una bevanda e delle caramelle che oggi, in tempi di low cost che fanno pagare anche l’aria che respiri, sembra quasi insolito! Arriviamo intorno a mezzogiorno a Lampedusa e la vista dall’alto ce la presenta in un modo che non mi aspettavo: una specie di tavolone così piatto da sembrare quasi finto con scogliere sul lato nord interamente a picco sul mare! L’aereo passa sopra l’isola e ci fa uno spoiler del mare cristallino dell’isola dei conigli!

Ad attenderci all’aeroporto vi è il servizio navetta incluso nel noleggio dello scooter di Edonoleggio (molto gentili e disponibili!) che si trova proprio di fronte la nostra casa vacanze, nella zona del porto vecchio e alle spalle della strada principale. L’appartamento che abbiamo affittato ha la zona giorno purtroppo un po’ angusta, ma ha frigo, aria condizionata e balcone, che erano le cose per noi indispensabili insieme alla location, considerato anche il costo contenuto a cui ci è stato proposto.

Il tempo di indossare il costume e si parte alla volta della costa est! Fra le spiagge che avevo segnato come imperdibili vi era Cala Calandra, che i locali chiamano Mare Morto perché l’acqua è sempre calma. Imbocchiamo la strada in direzione Cala Creta e seguiamo le indicazioni che ci portano fino al Mar Morto, che si trova nello stesso golfetto di Cala Creta. Queste due cale sono rocciose e con un mare turchese e piattissimo con vari pesci che ti sfiorano in tutta tranquillità. Il primo bagno è rigenerante e anche se veniamo da Palermo avvertiamo subito che il sole picchia! Decidiamo di non strafare e di non superare le due ore di esposizione per il primo giorno. Risalendo intravediamo il faro di Capo Grecale e decidiamo di andare a dare un’occhiata. Siamo praticamente all’inizio della scogliera a picco sul mare del versante nord che avevamo intravisto dall’aereo e la vista è mozzafiato: il mare blu sotto di noi provoca un misto di vertigini e maestosità. Con queste sensazioni uniche facciamo rientro. Passiamo prima dal supermercato e con pochi euro compriamo affettati, frutta, acqua e bevande: i beni di prima necessità qui non costano tanto quanto nelle altre isole. Ci fermiamo anche al panificio a prendere pane e focacce e facciamo uno spuntino che visto l’orario è ormai quasi una cena. Ci riposiamo un po’ e ci prepariamo per una passeggiata.

La sera la gente si ritrova per lo più lungo la strada principale, la via Roma, che non ha nulla di caratteristico a livello architettonico (un po’ come tutto il centro abitato) rispetto ad esempio allo stile eoliano che rende inconfondibile Salina, Stromboli e co. Ma la strada è piena di vita, con negozietti che vendono prodotti tipici dalle spugne naturali ai capperi e con tanti bar e ristoranti da avere l’imbarazzo della scelta. Essendo ancora un po’ sazi dai panini, optiamo per un gelato e ci sediamo al Bar Isola delle Rose, dove assaggio il gelato al pistacchio più buono della storia e anche la granita al limone non è niente male! Si va a dormire: domani ci aspetta l’isola dei conigli.

SECONDO GIORNO

Sveglia, colazione al Caffè Cristal vicino casa, dove prendiamo anche qualcosa da portare via per il pranzo. Si parte alla volta dell’Isola dei Conigli! Attraversiamo il porto nuovo e saliamo da una strada che passa dalla Guitgia (la spiaggia accanto il porto) e da tutte le calette del versante sud. Capiamo di essere giunti a destinazione dal numero di auto e scooter parcheggiati lungo la strada! L’Isola dei conigli fa parte della riserva naturale ed un sentiero sterrato ci conduce fino ad un terrazzamento naturale da cui si ha una veduta pazzesca dell’isola e della spiaggia. Non credo di avere mai visto dal vivo una superficie d’acqua così chiara ed estesa in vita mia e qualunque foto o video che ho provato a fare non rende giustizia della bellezza del luogo. Scendiamo da un sentiero fino a giungere ad una spiaggia si sabbia bianchissima e finissima e ovviamente piena di gente ed ombrelloni (meno di Mondello comunque!). La attraversiamo interamente e troviamo dopo un paio di piccoli scogli un accesso al mare staccato dalla folla e sempre sabbioso. Ci tuffiamo e l’acqua luccica per quanto è limpida e trasparente, una piscina gigantesca da far girare la testa. A nuoto ci avviciniamo all’isola dei conigli dove ci sono anche diverse meduse che volteggiano inquietanti ed aggraziate al contempo!

Anche oggi il sole si fa sentire e visto che ci attende una risalita cocente di circa 20 minuti decidiamo di non farci friggere del tutto e ritorniamo a casa. Doccia e si parte alla volta del versante ovest. Attraversare l’isola è un’esperienza quasi mistica per l’unicità del territorio. Non si incontrano monti né collinette, ma una distesa pianeggiante e infinita con un paesaggio quasi lunare e stepposo. Giungiamo all’Albero Sole, il punto più alto dell’isola coi suoi 133 metri e da lì vediamo il famoso faraglione a forma di vela. Diverse persone arrivano per godere dello spettacolo del tramonto ma noi ci spostiamo ancora più ad ovest fino a Capo Ponente, dove si arriva passando per un sentierino sterrato che si snoda in prossimità di una base militare. Vedere calare il sole in solitudine e in quel nulla, con le scogliere a strapiombo sul mare, è una di quelle esperienze che non scorderemo più nella vita. Unica pecca: il rumore del radar dell’area militare (cui dopo un po’ comunque ci si abitua). Subito dopo il tramonto ci affrettiamo a dirigerci verso casa perché le temperature la sera si abbassano molto più che a Palermo, sicuramente per via della conformazione dell’isola che la espone al vento in qualunque direzione, rendendo il clima mite nonostante la latitudine. Di sera ceniamo al ristorante Il saraceno ma non ne restiamo impressionati: poca scelta nel menu e cibo non indimenticabile.

Guarda la gallery
mare-1gw3k

Mare Morto

mare-9b1bq

Faraglione a forma di vela presso Albero Sole

mare-fy7ym

Isola dei conigli

mare-hhjvx

Tramonto a Capo Ponente

mare-h1gyd

Cala Pisana

mare-he21q

il paesaggio tipico all'interno dell'isola

mare-hgzbg

Scogliera a strapiombo - Capo Ponente



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Lampedusa
    Diari di viaggio
    innamorarsi dei blu di lampedusa

    Innamorarsi dei blu di Lampedusa

    Premessa: Lampedusa è una piccola isoletta di circa 20km2 raggiungibile in aereo con volo diretto (da Milano sono poco meno di 2 ore), con...

    Diari di viaggio
    lampedusa, un frammento d'italia nel mediterraneo blu

    Lampedusa, un frammento d’Italia nel mediterraneo blu

    Lampedusa, un frammento d’Italia nel Mediterraneo blu. Sera davanti alla tv, siamo ancora in zona gialla, non se ne puo’piu’: -...

    Diari di viaggio
    lampedusa, la perla in mezzo al mare

    Lampedusa, la perla in mezzo al mare

    La meta delle nostre vacanze 2018 l'abbiamo decisa lo scorso anno... e al momento di prenotare abbiamo superato qualche dubbio: Lampedusa....

    Diari di viaggio
    da lampedusa alle dolomiti

    Da Lampedusa alle Dolomiti

    imponente del Croz dell'Altissimo, comincia a spuntare sopra la gobba verde che stiamo scaldando. Giunti al rifugio, non possiamo che...

    Diari di viaggio
    relax a lampedusa

    Relax a Lampedusa

    Da qualche anno io e il mio compagno abbiamo deciso di conoscere meglio la nostra Sicilia e le sue isole, scegliendola come meta per delle...

    Diari di viaggio
    lampedusa, paradiso per le coppie

    Lampedusa, paradiso per le coppie

    I 25 anni di matrimonio ci hanno fruttato un bel regalo dai miei genitori e mio fratello: una vacanza tutto mare a Lampedusa. Conosciamo...

    Diari di viaggio
    una settimana a lampedusa 2

    Una settimana a Lampedusa 2

    Lampedusa 01-06-2016 L’isola è piccolissima. A Lampedusa scordatevi il lusso. Case essenziali, strade pessime. l'acqua inizio giugno...

    Diari di viaggio
    tesori d’italia: agrigento e lampedusa

    Tesori d’Italia: Agrigento e Lampedusa

    buttiamo puntualmente in mare. Finita la cena, ovviamente a base di pesce locale, un po’ ubriachi e stanchi siamo letteralmente svenuti a...

    Diari di viaggio
    lampedusa, nel blu dipinto di blu 2

    Lampedusa, nel blu dipinto di blu 2

    Lampedusa non si può descrivere a parole, bisogna visitarla, viverla, osservarla dal mare, dalla terra, dalle strade gialle e silenziose...

    Diari di viaggio
    lampedusa, nel blu dipinto di blu

    Lampedusa, nel blu dipinto di blu

    In tre coppie di ragazzi tra i 20 e i 25 anni, partiamo alla scoperta di Lampedusa per la settimana di Ferragosto. Volo Meridiana con...

    Video Itinerari