Reggio Emilia, viaggio nella città del Tricolore

Una città da scoprire passeggiando
 

Partite da Roma, Reggio Emilia, vi propone due modi per raggiungerla, con un treno veloce, ad accogliervi una stazione futuristica opera dell’architetto Calatrava o un regionale da Bologna, che vi porta dopo una passeggiata direttamente in centro.

Tanti sono i palazzi che si affacciano su via Emilia, molti ora ospitano diversi brand, all’interno però mantengono il loro passato.

Reggio Emilia è la città nella quale è nato il Tricolore italiano (Verde, Bianco, Rosso), e quando non utilizzata per i consigli comunali e per i matrimoni è possibile visitare la sala nella quale i rappresentanti di Reggio, Modena, Bologna e Ferrara si riunirono per proclamare la Repubblica Cispadana nel 1797, adottando quella che poi nel 1848 sarebbe diventata la nostra bandiera. Presente nello stesso edificio anche il Museo del Tricolore che racconta la sua storia attraverso gli occhi di 90 artisti.

Molte curiosità si nascondono tra le vie di questa città, come ad esempio in una viuzza (una traversa di via Roma, lo stretto vicolo Venezia) si nasconde il “primo murales”. Sulla facciata del Battistero di San Giovanni sono ancora visibili il “braccio reggiano” e la “pertica”, le misure commerciali dell’epoca con le quali si evitavano le truffe.

Raggiungendo l’interno della Biblioteca Panizzi trovate l’opera di Sol LeWitt, un aiutino? Alzate lo sguardo e verrete avvolti dalle sue dimensioni grandiose, si trova sulla volta della Sala Letture.

Trovandoci ad alloggiare in Piazza Grande, il centro di Reggio Emilia, basta girarsi sul posto per essere avvolti dai tanti edifici che vi si affacciano come il Duomo, il Palazzo Comunale, la Torre del Bordello, quella dell’Orologio. Una città dalle tante sfumature, conosciuta anche come la Città dei teatri, tutti raccolti intorno a Piazza della Vittoria, il Teatro Valli, il Teatro Ariosto e il Teatro Cavallerizza.

Reggio Emilia va visitata passeggiando, non importa come possa essere il meteo perché grazie ai suoi portici è possibile non bagnarsi, mentre le tante Chiese e i Musei offrono un riparo sicuro. Senza dimenticare osterie e ristoranti dove assaggiare le specialità del luogo come Erbazzone, Tigelle con salumi e non solo, Tortellini.

L’ingresso alle sedi dei musei civici è gratuito.

Proprio passeggiando qui siamo inciampate per la prima volta nelle “pietre d’inciampo”, un piccolo blocco quadrato posto davanti la porta della casa nella quale ebbe ultima residenza un deportato nei campi di sterminio nazisti, un’iniziativa dell’artista tedesco Gunter Demnig. Da quel momento in ogni città che visitiamo le cerco, in Europa ce ne sono oltre 70.000.

Da segnalare i Tortellini in brodo, se la stagione lo consente, altrimenti qualsiasi pasta fresca è ottima da Tabarin Osteria Popolare, dove abbiamo cenato. Per un pranzo veloce a base di Erbazzone ci siamo fermate da Dolce Charlotte.

Per dormire un salto nel passato, soggiornando nel Palazzo del Capitano del Popolo presso l’Hotel Posta, la colazione servita in una sala dallo stile liberty con un lampadario di Murano ad impreziosire il tutto, dove si degustano prodotti locali. Costo medio camera 100 euro.

Guarda la gallery
reggio emilia, sala del tricolore

dscn3038

dscn3062

dscn3065

dscn3071

dscn3093

dscn3110

dscn3129

dscn3138

dscn3146

dscn3243

dscn3244

dscn3332

dscn3337



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su RaccontaItalia
    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    in umbria, sulle tracce di san francesco

    In Umbria, sulle tracce di San Francesco

    Finalmente giungono le tanto desiderate ferie che ci vedranno per la prima volta nella regione verde per antonomasia, nonché cuore...

    Diari di viaggio
    sant'antioco e san pietro

    Sant’Antioco e San Pietro

    Quando ero piccola sfogliavo le riviste di viaggio convinta che quelle spiagge cristalline si trovassero solo dall’altro capo del mondo,...

    Diari di viaggio
    il castello fra le nuvole

    Il castello fra le nuvole

    Questo viaggio, che ha visto come protagonisti due coniugi di mezza età, si è svolto in estate, a cavallo fra i mesi di luglio e agosto....

    Diari di viaggio
    viaggio nell'anima del salento

    Viaggio nell’anima del Salento

    Salento. Il solo nome evoca immagini da cartolina. Tramonti infuocati. Infinite spiagge bianche. Acque azzurre che si amalgamano così bene...

    Diari di viaggio
    valle d'aosta in moto nella terra dei 4000
    ELY

    Valle d’Aosta in moto nella terra dei 4000

    Partiamo da Mantova con destinazione Gressoney Saint-Jean per visitare il Castel Savoia. Sembra la dimora di una fata con le sue torri...

    Diari di viaggio
    tra italia, slovenia e croazia a caccia di primati

    Tra Italia, Slovenia e Croazia a caccia di primati

    Un viaggio on the road di nove giorni con mio marito e nostro figlio Leonardo di sei anni, partendo in auto dalla Valtellina dove viviamo,...

    Diari di viaggio
    siracusa viaggio tra natura e storia

    Siracusa viaggio tra natura e storia

    Siracusa è una città magica. Ortigia, il suo mare, il papiro, le viuzze del centro, il frutto di anni e anni di contaminazioni e...

    Diari di viaggio
    reggio emilia: città del tricolore, dell'erbazzone e dei ponti di calatrava

    Reggio Emilia: città del Tricolore, dell’Erbazzone e dei ponti di Calatrava

    Focalizzate il pensiero sulla pianura padana, volate sull'unica regione “di traverso” – l’Emilia-Romagna - e ora cercate una...

    Diari di viaggio
    valle dei templi ad agrigento

    Valle dei Templi ad Agrigento

    Per il 1° Maggio di quest’anno, io ed i miei amici abbiamo deciso di visitare il Museo archeologico e la Valle dei Templi di Agrigento,...