Quattro giorni nel cuore d’Abruzzo

Dalla Transiberiana d’Italia alla barca a vela, un itinerario a tappe tra escursioni ed esperienze uniche
Scritto da: giada_antonini
quattro giorni nel cuore d’abruzzo

Cosa fare quattro giorni nel centro Italia? Noi abbiamo visitato posti incredibili e vissuto esperienze meravigliose nel cuore dell’Abruzzo, tra Sulmona e la Val di Sangro. Io e la mia amica, entrambe trentenni con la passione per la fotografia e la natura, abbiamo organizzato una breve gita estiva per scappare dalla città e passare un po’ di tempo all’aria aperta, con la voglia di scoprire questo luogo attraverso attività originali, dal treno storico della Transiberiana d’Italia, alle escursioni guidate nel Parco Nazionale della Maiella con osservazione astronomica del cielo stellato, fino a un tuffo nel lago con lezione di barca a vela!

Il nostro itinerario si svolge tra il 7 e il 10 agosto 2021, partiamo dall’Umbria e facciamo base a Sulmona, punto strategico per visitare le zone circostanti e goderci un po’ la città di sera.
Abbiamo percorso in totale 400 km in quattro giorni, ma se avessimo avuto più tempo a disposizione, lo avremmo dedicato sicuramente alla visita di tanti altri gioielli di questo incredibile territorio.

Alloggiamo presso il B&B Amores, nel cuore di Sulmona, ma fuori dalla zona pedonale in modo da trovare facilmente parcheggio. La struttura è molto piccolina e il proprietario, gentilissimo e super disponibile, abita al piano superiore. Ci siamo trovate benissimo nella camera carina ed essenziale, con un bagno molto comodo e una cucina in comune con un’altra camera. In due minuti a piedi si arriva a Piazza Garibaldi e Corso Ovidio e nei pressi della casa è possibile parcheggiare la macchina a pagamento (noi, tornando di sera e ripartendo ogni mattina, non abbiamo mai dovuto pagare).

Giorno 1: in viaggio con la Transiberiana d’Italia

Si parte col botto! Alle 9.00 ci aspetta alla stazione di Sulmona la Transiberiana d’Italia, il meraviglioso treno storico che percorre la Ferrovia dei parchi, che va da Sulmona a Isernia. Il nostro itinerario di andata e ritorno comprende il tratto da Sulmona a Roccaraso, attraversa il Parco Nazionale della Maiella e gli Altipiani Maggiori d’Abruzzo, con soste lungo il percorso. Il biglietto, che prenotiamo online con un po’ di anticipo al sito www.latransiberianaditalia.com, viene 40€ a persona, a cui aggiungiamo altri 15€ per la visita guidata all’eremo celestiniano di Palena.
Il treno parte dalla stazione di Sulmona e ci accoglie una caratteristica carrozza anni ’30, dove prendiamo posto vicino agli enormi finestrini, da cui ammireremo il paesaggio. Viaggiare con un mezzo del genere è un’esperienza nuova ed emozionante, che ci catapulta indietro nel tempo!

La prima sosta è per una visita nel grazioso centro storico di Campo di Giove, che si raggiunge in pochi minuti a piedi dalla stazione ed è circondato da un bellissimo panorama verso la Maiella. Dopo un’ora si riparte alla volta della seconda tappa: Palena, dove troviamo ad accoglierci la banda e alcuni banchi di street food con panini, arrosticini e tante altre prelibatezze del luogo. Ci dirigiamo verso il punto di ritrovo e un autobus ci accompagna fino al bellissimo eremo della Madonna dell’Altare, risalente al XIV secolo e incastonato nella rupe a 1300 metri di altezza, da cui si ha uno splendido panorama. Sostiamo sotto l’ombra di alcuni alberi per rilassarci e pranzare, poi iniziamo la visita guidata di un’ora e mezza, che comprende l’interno dell’eremo e una facile escursione nel bosco che lo circonda.

Torniamo alla stazione e ripartiamo alla volta di Roccaraso, dove arriviamo dopo un’ora e scendiamo per una passeggiata nel centro e una merenda. Il treno riparte alle 17.30 per rientrare a Sulmona alle 19.00. Lungo il viaggio di ritorno continuiamo ad ammirare il paesaggio tra i monti e le valli coltivate, nell’atmosfera caratteristica data dalla storica carrozza con panche e cappelliere in legno.

Ripresa l’auto, raggiungiamo la nostra sistemazione in dieci minuti, facciamo il check-in e chiediamo al nostro host qualche informazione di visita per i giorni seguenti. Per cena scegliamo l’Hostaria dell’Arco, a pochi passi dalla nostra camera, che ci stupisce piacevolmente per l’accoglienza del personale, l’ampia offerta del menù a prezzi modici, l’ottima qualità delle materie prime e l’ampio antipasto a buffet.

Giorno 2: lago di Scanno

Nel nostro itinerario non poteva mancare il lago di Scanno, diventato celebre per la particolare forma a cuore, che si può ammirare dal punto panoramico raggiungibile percorrendo l’omonimo sentiero. Parcheggiamo l’auto nei pressi dell’inizio del percorso, all’interno del paese di Scanno e raggiungiamo la meta in circa un’ora e mezza. Il tragitto è dapprima abbastanza semplice e solo nell’ultimo tratto leggermente impervio. Superiamo l’Eremo di Sant’Egidio e continuiamo a salire fino a quando non arriviamo all’incredibile affaccio sul lago: uno spettacolo davvero suggestivo, un enorme cuore blu incastonato tra il verde delle montagne. Ci fermiamo per riposarci e scattare qualche foto e riscendiamo per pranzare e rilassarci sulle rive del lago, presso lo stabilimento La Spiaggetta. Nel pomeriggio facciamo un lungo bagno rigenerante, ammirando la natura circostante.

Per chiudere la giornata in bellezza, nel tardo pomeriggio abbiamo prenotato una gita in barca di circa cinquanta minuti, presso la struttura Lago a Vela, dove i proprietari ci forniscono qualche interessante nozione di vela e ci fanno provare a stare al timone. È un’esperienza molto particolare che consiglio a tutti, adatta anche ai bambini.
Ci dirigiamo poi al borgo di Scanno, dove facciamo una passeggiata e ci fermiamo per un aperitivo in piazza San Rocco.

Per cena scegliamo il ristorante Il Vecchio Muro a Sulmona, caratteristico per il suo incantevole giardino tra le mura in pietra, dove passiamo una piacevole serata mangiando benissimo.

Giorno 3: Roccascalegna, Pennadomo e Pescocostanzo

Il giorno seguente partiamo di buonora per raggiungere Roccascalegna, un bellissimo borgo con il suo affascinante castello a picco sulla rupe. Arriviamo dopo circa un’ora e mezza di viaggio, con qualche sosta lungo il percorso per scattare alcune foto al paesaggio. Acquistiamo i biglietti per la visita guidata del castello di quarantacinque minuti, con partenza ogni mezz’ora (il biglietto viene 4€). Alla fine della visita ci sono due percorsi panoramici esterni al borgo, per ammirare le mura del castello in tutto il loro splendore.

Guarda la gallery
pennadomo_2_

barca_scanno

lago_scanno

lago_scanno_2

majelletta

pacentro

palena

passo_san_leonardo

pennadomo

pescocostanzo

roccascalegna

roccascalegna_2

scanno

transiberiana

transiberiana_2

transiberiana_3



    Commenti

    Lascia un commento

    Italia: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari