Puglia in tour

Borghi bianchi arroccati, ricche città e posti unici...
 
Partenza il: 19/04/2011
Ritorno il: 29/03/2011
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Molte regioni d’Italia, sarebbero da prendere a piccoli morsi, avendo il lusso di poterseli godere con calma, ma quello che vi andiamo a raccontare è il ns. piccolo ma meraviglioso tour de force in giro per la Puglia. Lascio la scrupolosa preparazione del viaggio, come sempre, a Daniela che è riuscita ancora una volta ad inserire delle meravigliose tappe turistiche. Il tour inizia il 19 Aprile 2011 per terminare il 29 percorrendo circa 2200 km con poco più di 600 euro a testa. Il tempo è stato sempre discreto e forse quello che più è mancato è l’acqua “calda” del mare, che di questi tempi non si può certo dire tale. C’è chi dice, che qua, la stagione inizia prima che in Romagna o più al nord, ma non ci è sembrato così, anche perché le poche strutture sul mare erano ancora chiuse e molti camping ancora in letargo. Terra di contrasti; la costa adriatica, con rocce e scogli, che si buttano in mare, come nella zona del Gargano, Polignano a mare o Torre dell’orso. Ricca di spiagge di sabbia fine, quella ionica, con Torre Lapillo, Punta Prosciutto o Marina di Pesculosa. Ovunque piccoli borghi bianchi, arroccati come Peschici, Vieste, Otranto, Ostuni, che ricordano i paesi greci e fanno da contrapposizione a ricche città come Lecce, Bari. Posti unici come Alberobello.

19/04/11

Prima tappa in terra di Puglia, Lesina. In questo periodo sicuramente non dà il meglio di sè e a Marina di Lesina, dove ci fermiamo, deve ancora partire tutto e ci lascia un po’ sconcertati. Dopo una breve ricognizione proseguiamo per la SS 693 ed entriamo ufficialmente nel Gargano con la prima vera tappa; Rodi Garganico. Antico borgo marinaro arroccato su uno sperone. La cittadina si è saputa rinnovare con la sua nuovissima Marina, lasciando immutato nel tempo il suo piccolo paesino, con strade e vicoli strettissimi che vi si inerpicano. Peschici appare in seguito come un gruppo di casette bianche, costruite sopra una rupe a picco sul mare. La parte più antica, circondata da mura ancora visibili, si pone in netto contrasto con l’espansione moderna, puntata com’è verso la montagna. Le spiagge scure si fanno più ristrette, circoscritte sempre di più tra mare e le rocce di questa terra. Gradevole il giro della città vecchia. S’iniziano a vedere i primi Trabucchi, che qui sono una vera istituzione, per i pochi che li possiedono ovviamente, e che rappresentano i vecchi strumenti di pesca che si sporgono come ragni di legno sul mare. Tra Peschici e Vieste si possono trovare quelli meglio conservati. Vieste è l’ultima cittadina che facciamo nella giornata ed è anche la più grande e rinomata località di mare del Gargano. Nel centro storico case bianche edificate su frammenti di roccia, strette viuzze e vicoli che confluiscono nella piazza centrale. Dalla sommità del paese, troneggia il Castello, tuttora presidio militare e quindi non visitabile, a pianta triangolare. In lontananza, poco distante dal promontorio, il faro di Sant’Eufemia. Bella la sua cattedrale del XI secolo che sorge nei pressi della Chianca Amara, pietra che ricorda l’eccidio perpetrato dai pirati turchi agli abitanti. Sul lato sud il faraglione di Pizzomunno, bianco monolito che si erge per 25mt sul litorale sabbioso. Il grosso masso, narra la leggenda, è la pietrificazione di Pizzomunno che seppe resistere alle seduzioni delle sirene per amore della sua Cristalda, e che per vendetta fu trasformato lui in pietra e trascinato lei nelle profondità del mare in maniera che solo ogni 100 anni i due possono tornare ad amarsi. Trascorriamo la notte presso l’hotel Falcone 60,00 euro con colazione. Buona sistemazione. Per la cena, il ristorante Box 19 ci offre, un antipasto di mare, un risotto di pesce, un piatto di trofie con calamaretti ricci e vongole, un calice di vino ed acqua a 35,00 euro- Buono, il migliore nel ns. percorso per rapporto qualità e prezzo. Nella serata la cittadina dà il meglio di sé per i colori e gli effetti unici del suo paesaggio.

20/04/11

Dopo un’abbondante colazione, iniziamo tardi la ns. giornata che comincia col sole. Nell’estremo sud della spiaggia di Vieste, ammiriamo il paesaggio che si appresta a diventare più roccioso e ricco d’anfratti unici nel loro genere. Molte di queste insenature si presentano con accessi al mare difficili da raggiungere e nei pochi casi in cui questo è possibile sono ad ingresso privato (residenze o camping), quindi non apprezzabili come vorremmo. Non entriamo dentro il Parco Nazionale del Gargano, la “Foresta Umbra”, che ci dicono essere molto affascinante, ma proseguiamo per Monte Sant’Angelo. Dall’alto dei suoi 843 m, domina la pianura sottostante e tutto il golfo di Manfredonia. E’ rinomato per il suo Santuario di San Michele Arcangelo che fu costruito nel 1274 ed è fonte di pellegrinaggio. Poco più in là un altro paese importante per il suo continuo afflusso di pellegrini, questa volta a Padre Pio, San Giovanni Rotondo. Sicuramente irriconoscibile se confrontato anche con il più recente passato, essendo cresciuto vorticosamente all’ombra del suo uomo più famoso. Alberghi e residenze fanno da contrasto ad un luogo di culto che, anch’esso si è erto a sfarzo dei tempi ns. Così alla piccola chiesina e dimora del Santo si contrappongono le tre chiese sovrapposte d’oggi, nella sua parte più nuova, così come il suo ospedale che si è arricchito recentemente di due nuovi padiglioni. Personalmente mi sono sentito più vicino al santo nella sua vecchia dimora che in quella nuova….. sintomo dei tempi. Facciamo un po’ di km per arrivare a Margherita di Savoia, località balneare che si affaccia sul golfo di Manfredonia, conosciuta per una delle saline più grandi d’Italia. Ci sistemiamo per la notte all’Hotel Rinelli per 70 euro con colazione. Nei pressi anche l’omonimo ristorante che noi, io in particolare snobbo a favore del Canneto Beach 25,00 euro dove mangiamo una pizza. Di questi tempi non ci sono molti ristoranti aperti, sebbene la cittadina sia ricettivamente ben strutturata.

21/04/11

Prosegue dopo un lungo tratto in macchina, la ns. tappa d’avvicinamento al Salento, passando per Barletta. La città fu teatro della famosa disfatta tra francesi e spagnoli nel 500. E’ ricca di vestigia medioevali e la testimonianza del passaggio dei crociati la troviamo nella “Cantina della Sfida”. Visitabile il Castello, oggi anche biblioteca, il Duomo, Palazzo della Marra, il Colosso Eraclio. Di qui a Trani, il passaggio è breve. Arriviamo all’ora di pranzo e la cattedrale è chiusa. La riapertura prevista sulle 15,00 c’impone un giro per il paesino visitando il mega giardino e consolandoci con un sonoro pranzo. Osteria Corte in Fiore, senza “quasi” rendermene conto ordino 4 antipasti di cui uno fatto di crudità ed uno di frutti di mare oltre a due della casa; ad un primo di triglie e seppie ed uno di paccheri scampi e carciofi, sorbetto, acqua e calice di vino per 80,00.- Bello il contesto, memorabile il conto…. se ci ritorno, ci ripasso. La cattedrale vale l’attesa, esempio del romanico pugliese, si erge maestosa sul promontorio, e si rivolge al vicino castello svevo, Sono tre chiese sovrapposte e di storia ne hanno sicuramente da raccontare. Bari, capoluogo della puglia si affaccia sul mare adriatico, la prima vera città. Il centro storico si presenta unico, bianco, antico con vicoli e profumi caratteristici, tra i quali ci sembra che spicchi la Basilica di San Nicola, costruita nel 1187 per conservare le reliquie del santo. Per dormire scegliamo Polignano a Mare, dove ci fermeremo per due notti. Nel suggestivo paesino a strapiombo sul mare ci arriviamo verso sera e troviamo alloggio al B&B Silvestri, praticamente lo rinnoviamo. Nuova e moderna la camera per 70,00 euro con colazione al bar. Incantevole la cittadina di giorno ed ancor di più la sera. Città natale di Domenico Modugno, viene qua ricordato con una statua. erta sulla roccia viva così come d’altronde la città fronteggia i flutti del mare. Trattoria della Nonna, buono per 61,00 euro. Qui assistiamo ad una suggestiva processione pasquale.

Guarda la gallery
puglia-rqekk

Polignano a Mare

puglia-vnp6a

Peschici



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bari
    Diari di viaggio
    puglia: il tacco della stivale come non l'avevi mai visto

    Puglia: il tacco della stivale come non l’avevi mai visto

    Ciao amici viaggiatori,mi chiamo Aurora ed oggi voglio portarvi con me nel tacco dello stivale, nella meravigliosa Puglia!Tappa...

    Bari: cosa fare nel capoluogo pugliese

    Basilica di San Nicola La Basilica si trova nel quartiere vecchio della città ed è stata realizzata secondo i criteri dello stile...

    Puglia: cosa fare in 2 settimane

    Se volete visitare i must della Puglia e avete a disposizione 2 settimane allora non vi resta che continuare a leggere!Abbiamo creato...

    Diari di viaggio
    itinerario in puglia tra le cattedrali romaniche

    Itinerario in Puglia tra le cattedrali romaniche

    Cattedrali romaniche di Puglia, sconfinando poi in Basilicata. Il filo conduttore di un itinerario così, nato quasi per caso, mettendo...

    Diari di viaggio
    6 giorni tra la puglia e matera

    6 giorni tra la Puglia e Matera

    La squadra è sempre la stessa, piccola, affiatata e spensierata: io e mio marito che dopo la pausa covid abbiamo deciso di riprendere a...

    Diari di viaggio
    a caccia di esoterismi nella città dei trulli di alberobello

    A caccia di esoterismi nella città dei trulli di Alberobello

    anche dei numerosi pellegrini che ogni anno, soprattutto per la fine di Settembre arrivano qui ad omaggiare i due santi, in occasione della...

    Diari di viaggio
    matera e bari: due fantastiche bellezze del nostro sud

    Matera e Bari: due fantastiche bellezze del nostro sud

    Partecipanti: un gruppo di sette amiche PRIMA DI PARTIRE Il 2019 è l’anno di Matera capitale della cultura: per questo motivo, un...

    Diari di viaggio
    kotor, santorini, corfù e creta in crociera, con msc opera

    Kotor, Santorini, Corfù e Creta in crociera, con MSC Opera

    Scrivo questo diario di viaggio dedicato ai crocieristi alle prime armi che hanno bisogno di informazioni, che sono quelle che avrei...

    Diari di viaggio
    weekend lungo a matera e bari

    Weekend lungo a Matera e Bari

    Weekend lungo a Matera (e Bari). Il 16 febbraio festeggio il mio cinquantacinquesimo compleanno e mi viene in mente un bel weekend lungo a...

    Diari di viaggio
    da crema a bari, tra sacro e profano

    Da Crema a Bari, tra sacro e profano

    Arrivano le vacanze invernali, qualche giorno di meritato riposo, e la consueta voglia di fare la valigia e partire per una nuova meta,...

    Video Itinerari