La Provenza tra i campi di lavanda di Valensole

La Provenza, e in particolare il plateau di Valensole, da fine Giugno a fine Luglio, altro non è che un luogo magico, quasi mistico.
Scritto da: Marianna Alvarenz
la provenza tra i campi di lavanda di valensole

La Provenza, e in particolare il plateau di Valensole, da fine Giugno a fine Luglio, altro non è che un luogo magico, quasi mistico. Distese di campi di lavanda si alternano a piccole distese di girasole, per un viaggio all’insegna dei profumi più inebrianti che l’estate può regalarci.

Il consiglio è quello di arrivare a Marsiglia e prendere questa magnifica città  come base per gli spostamenti, affittando una macchina all’aeroporto. Marsiglia è una citta dalle mille sorprese dove oriente ed occidente si incontrano, lungo le splendide spiagge del Parco dei Calanchi. Somiglia un po’ a Parigi, e un po’ a Casablanca; sa accoglierti sotto un elegante arco di trionfo e coccolarti con uno dei migliori caffe da sorseggiare in uno dei tanti bar marocchini lungo il porto.

Ci si lascia alle spalle Marsiglia in direzione Valensole, ma non dopo aver fatto un giro nel piccolo borgo di Goux Les Bains. Un pranzo in uno dei piccoli ristorantini a conduzione famigliare, e un breve giro in una città caratteristica della Provenza. Qui si possono gustare piatti tipici a base di pesce, come il baccalà mantecato e verdure di stagione alla piastra.

Si prosegue così per Valensole, dove piano piano, una distesa viola inizia ad abbagliare la vista. Un odore dolciastro di lavanda da il benvenuto, avvolto dal ronzio delle api che però non pungono. Fotografi e visitatori si destreggiano tra le stradine brulle e colorate, mentre onde violette si perdono all’orizzonte. Qui si è a stretto contatto con la natura, è raro incontrare bar o punti di ristoro, al più aziende agricole pronte a venderti prodotti a base di lavanda: oli, saponi, mazzetti di fiori secchi e artigianato puro. Verso il tramonto ci si spinge verso le alpi per cercare un tramonto estivo che da sollievo alla calura di luglio. Paesaggi mozzafiato incastonati nell’entroterra.

Il giorno successivo vale la pena fare un salto ad Aix -en -Provence, dai contorni arabeggianti e pittura gialla delle case. Merita un salto alla casa di Cezanne, visitabile gratuitamente e architettonicamente stupenda.

Il rientro a Marsiglia ci impone di visitarla e vi consiglio un giro turistico col traghetto, lungo la costa direzione isola di Montecristo. Qui invece è d’obbligo un aperitivo a Les Goudes, non distante dal porto. Sugli scogli della zona si possono ammirare tramonti pazzeschi, magari sorseggiando una birra.

La Provenza è un luogo magico!

Guarda la gallery
provenza valensole

img_9457

img_9474ok

img_947ok

img_9499



    Commenti

    Lascia un commento

    Aix-en-Provence: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari