Provenza on the road

Tra campi di lavanda, paesi arroccati e mare... accompagnati da formaggio di chevre, ostriche e foie gras
 
Partenza il: 20/07/2013
Ritorno il: 04/08/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Mi fa piacere condividere con altri viaggiatori questo bellissimo viaggio di due settimane in Provenza fatto a luglio 2013, dando suggerimenti che spero possano essere utili nell’organizzazione di un viaggio.

Abbiamo deciso di partire a luglio principalmente per riuscire a vedere la lavanda ancora in fiore e la scelta non poteva essere più azzeccata: meno turismo (soprattutto quello italiano), possibilità di scegliere le strutture dove soggiornare di giorno in giorno, modificando quindi anche l’itinerario di massima che avevamo prestabilito, possibilità di spendere un po’ meno rispetto ad agosto, pur essendo sempre alta stagione. La vacanza in Francia è una vacanza cara, soprattutto per quanto riguarda il discorso mangiare, ma se ci si organizza, come abbiamo fatto noi si riesce a trovare un giusto compromesso senza non farsi mancare proprio nulla. Di media abbiamo speso 200 euro al giorno in coppia comprensivi di tutto, dormendo in alberghi, deliziosi b&b, case trovate su AirB&B. In Provenza ci sono ristoranti stellati dove ovviamente non siamo stati, ma non per questo abbiamo mangiato male, anzi al contrario abbiamo apprezzato molto la cucina provenzale, il formaggio di capra, il foie gras, i vini, i ricci e le ostriche!

Abbiamo viaggiato in macchina, partendo da Roma con destinazione Nizza. L’itinerario è stato il seguente: Nizza, Gole del Verdon (Alta Provenza), paesi arroccati e vitigni del Luberon, Aix en Provence, Avignone, Arles, St Remy de Provence, Le Baux de Provence, un salto in Camargue, Cassis (Calanques) e poi costa del Var, Isola di Porquerolles e Costa Azzurra per ritornare poi indietro in Italia.

Nizza e Costa Azzurra

Abbiamo soggiornato a Nizza due notti. Ci è piaciuta tantissimo. Pulita, moderna, piena di gente e ricca di fascino. Abbiamo trovato una casa su Airb&b proprio in Piazza Massenà, in pieno centro, parcheggiando l’auto nel parcheggio sotterraneo, proprio sotto casa. La parte più bella è decisamente la zona intorno a Cours Saleya, dove ogni giorno si tiene il mercato ortofrutticolo. Solo il Lunedì invece quello dell’antiquariato che vale veramente la pena non perdere. Molto bella inoltre la zona intorno a Pl. Garibaldi, il porto, parc du Chateau e la Promenade des Anglais oltre la quale c’è una lunghissima e bella spiaggia con i ciottoli. Da Nizza, in giornata, siamo andati a Cap Ferrat, al Paloma beach, spiaggia cool su un promontorio davvero bello, con mare splendido e ville mozzafiato. Il giorno successivo siamo andati invece ad Antibes e Cap d’Antibes.

Gole del Verdon

Avevamo letto che è il secondo canyon al mondo dopo quello degli Stati Uniti e che molto amato da chi fa climbing. Effettivamente il posto è molto suggestivo: un profondo abisso che apre una fenditura lunga 25 km nell’altopiano calcareo dell’Alta Provenza ai piedi delle Alpi. Le gole sono parco naturale regionale e pertanto protette. Si raggiungono percorrendo da Cagnes sur Mer la via che porta a Grasse, la città dei profumi, e da lì la R.te de Napoleon, una bellissima strada che dalla collina, in circa un ora, ti porta fino in montagna al villaggio di Castellane, base di partenza per l’escursione alle gole (da qui partono varie escursioni organizzate). Solitamente i turisti decidono si sostare o a Castellane o a Moustiers Sainte Marie. La seconda è decisamente più bella e consiglio di visitarla, ma anche Castellane è particolarmente suggestiva. Abbiamo dormito nell’Auberge du Teillon lungo la R.te Napoleon, a 5 km da Castellane, famoso soprattutto per il suo ristorante, che però sfortunatamente di lunedì sera è chiuso. Abbiamo pertanto cenato a Castellane nell’ottimo Nouvel Hotel du Commerce, specializzato in cucina provenzale.

Il giorno successivo abbiamo attraversato le gole, seguendo l’itinerario in automobile e dopo un paio d’ore siamo giunti al bel Lago de Sainte Croix, da dove di affittano pedalò e kayak. Da lì, passando per Moustiers Ste-Marie in direzione del Luberon, abbiamo attraversato immensi campi di girasoli e lavanda, che sembravano senza fine.

Luberon

Siamo rimasti nella regione del Luberon 4 notti. Davvero bellissimo. E’ la Provenza più vera, vigneti, paesini suggestivi arroccati sulle colline, cura in ogni dettaglio. E’ un po’ come la Val d’Orcia in Italia! Abbiamo deciso di dormire a Lagnes, un piccolo paesino vicino a Gordes, davvero delizioso. La scelta è caduta su questo villaggio per via del b&b che avevamo scelto, Une vie sur la cour. Qui abbiamo passato giornate meravigliose. Il b&b ha due sole stanze, curate in ogni dettaglio, gestito dalla padrona di casa, Marie, una simpaticissima artista, con molto gusto per l’arredamento, che ci ha dato preziosi consigli sulla Provenza e le successive tappe del viaggio.

Nel Luberon abbiamo visitato le cittadine di Gordes e Roussillon, che però abbiamo trovato troppo turistiche e, forse, un po’ finte e ancora, la bellissima Abbazia di Notre Dame de Senanque, immersa in un campo di lavanda, Bonnieux, Lacoste con il suo castello dove la sera in estate organizzano spettacoli musicali, Menrbes, dove consiglio di fare un salto. In generale abbiamo trovato più interessanti i paesi meno famosi, molto più genuini e anche più belli. Decisamente bella Isla sur la Sorge, una cittadina che sorge tra i canali e che è particolarmente famosa per i suoi negozi d’antiquariato. Suggerisco di informarsi sui giorni di mercato nei vari paesi, sono davvero suggestivi. Un pomeriggio siamo andati ad Avignone, fino a tarda sera. Durante tutto il mese di luglio si svolge il festival d’Avignon, famoso per le sue rappresentazioni teatrali ad ogni ora del giorno e della notte. La città era in festa e piena di gente, davvero molto bello. Il Palazzo dei Papi è da non perdere.

Cassis, Calanques e Aix en Provence

Una giornata, l’abbiamo dedicata alla visita di Cassis, nella costa del Var (consiglio anche Bandol), appena dopo Marsiglia, e alle Calanques, le formazioni rocciose che caratterizzano quella parte di costa francese, creando suggestive insenature. Cassis è un porticciolo e ridente località balneare. Da lì con un’imbarcazione abbiamo fatto il giro delle Calanques di Port Miou, Port Pin e d’En Vau, dove sorge una bellissima spiaggia difficilmente raggiungibile a piedi. Sulla strada di ritorno per Lagnes abbiamo visitato Aix en Provence, elegante e raffinata, caratterizzata da viali alberati e tante fontane. Non male ma abbiamo visto di meglio.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Canyon Verdon
    Diari di viaggio
    il mare, la lavanda, il lago, la montagna: la provenza

    Il mare, la lavanda, il lago, la montagna: la Provenza

    un locale poco fuori dal centro storico ma comodo al parcheggio così che appena terminato possiamo affrontare il trasferimento verso...

    Diari di viaggio
    in harley verso la francia

    In Harley verso la Francia

    Siamo partiti il giorno 17/08 consapevoli del fatto di dover fare quasi 400 Km in moto, su due 883 Harley Davidson. Siamo partiti carichi...

    Diari di viaggio
    francia: in auto tra costa azzurra e provenza

    Francia: in auto tra Costa Azzurra e Provenza

    14 agosto 2015, Jour numéro un: da casa a Grasse (km percorsi 220 cIRca) Ed eccomi qui a raccontare il nostro primo giorno che sta...

    Diari di viaggio
    marsiglia e dintorni, la camargue e le gole del verdon

    Marsiglia e dintorni, la Camargue e le gole del Verdon

    GIORNO 1: Firenze-Marsiglia con stop per pranzo a Nizza Appena arrivate in città, visto tutto quello che avevamo letto sulla...

    Diari di viaggio
    gole del verdon

    Gole del Verdon

    Con un gruppo di amici, Memo, Roberto, Daniele, Roberto, Luca e relative consorti, Isabella, Cinzia, Maurizia, Patrizia, Anna, e Beatrice...

    Diari di viaggio
    vacanze al profumo di lavanda in costa azzurra e provenza

    Vacanze al profumo di lavanda in Costa Azzurra e Provenza

    19 giugno Partiamo da Torino verso le 9, attendiamo qualche minuto al semaforo della galleria a senso unico del Col di Tenda, sostiamo...

    Diari di viaggio
    due amici in moto dalla romagna a saint tropez, passando per il verdon

    Due amici in moto dalla Romagna a Saint Tropez, passando per il Verdon

    Viaggio in motoNon è che ci voglia poi molto, dico a partire, non ci vuole molto. Pieno di benzina, due spicci, un’occhiata al...

    Diari di viaggio
    provenza on the road

    Provenza on the road

    Mi fa piacere condividere con altri viaggiatori questo bellissimo viaggio di due settimane in Provenza fatto a luglio 2013, dando...

    Diari di viaggio
    provenza la via  dei colori

    Provenza la via dei colori

    Abbiamo deciso di intraprendere questo viaggio di quattro giorni in Provenza all'ultimo minuto, quindi la disponibilità degli hotel, a...

    Diari di viaggio
    viaggio in moto tra francia germania austria e italia

    Viaggio in moto tra Francia Germania Austria e Italia

    Questo viaggio è stato fatto da me e Laura con la Rockster 1150 in 15 giorni dal 13 al 28 luglio. I km sono stati quasi 3.700, i passi...