Provenza: la moto è pronta!

Breve viaggio in Provenza in sella alla nostra moto
 
Partenza il: 08/08/2010
Ritorno il: 16/08/2010
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

La moto è pronta.

Destinazione Trinacria, un viaggio in solitaria lungo sei giorni che mi porterà a vedere borghi, paesi, conoscere, incontrare e ritrovare persone.

Il primo viaggio assolutamente in solitaria, io e la moto.

Ho prenotato un albergo a Benevento, la seconda tappa a casa di un amico a Vibo Marina, per il ritorno un albergo a San Marco Argentano, in calabria, e a casa di un amico a Fiumicino.

Mi sono studiato il percorso, le tappe, la moto è in ordine, tagliando fatto da poco, non mi rimane che girare la chiave e partire.

Pochi giorni prima della partenza Silvia mi dice “e se ti proponessi di andare, insieme, in viaggio con Silvia e Nicola? (nei Balcani)”

La prima risposta è “non ci credo neanche se ti trovo vestita da moto ad aspettarmi”, poi vedo che ha preso con serietà la cosa, il primo pensiero è quello di riorganizzare tutto, annullare le prenotazioni, avvisare le persone che avrei dovuto trovare lungo il percorso e quelle che avrei trovato in Sicilia, ma è tutto relativamente semplice, la gioia di poter partire con Silvia è più grande.

Naturalmente chiamiamo Silvia e Nicola per proporci come compagni di viaggio, accettano molto volentieri, come speravamo.

Hanno già programmato tutto e noi ci adegueremo al loro percorso.

Ci incontriamo qualche giorno prima per organizzarci in maniera più precisa, la programmazione è dettagliata nei minimi particolari, noi ci adattiamo mentalmente alla nuova destinazione e assimiliamo tutte le informazioni che ci vengono fornite, manca solo l’assicurazione sanitaria, a quella ci penso io in agenzia da Vanessa (la nostra agente di viaggi di fiducia).

Partenza giovedì 2 agosto alle ore 14.00, finisco il mio turno di lavoro, passo da casa e partiamo.

Tutto procede come previsto fino alle 10,30, circa, del giovedì 2 agosto.

Il meteo è disastroso, temporale come non si vedeva da tempo, Silvia mi chiama al cellulare e mi avverte che sta piovendo in casa, siamo quasi alla disperazione, il tetto è stato fatto nuovo a febbraio, ad esclusione di una striscia a confine con la casa accanto.

Silvia e Nicola decidono di partire comunque, hanno i giorni contati, ma visto il meteo, disastroso anche nei balcani fanno una deviazione verso la Spagna, noi decideremo tra qualche giorno.

Nella settimana che segue passiamo il tempo con i muratori che ci hanno fatto i lavori, in poco tempo per fortuna sistemano il danno.

A questo punto dobbiamo decidere cosa fare e quale sarà la nostra destinazione, e la scelta cade sulla Provenza, partenza prevista lunedì 9 agosto.

In poco tempo cerchiamo tutte le informazioni possibili sulla nuova destinazione, è un posto vicino, che volevamo vedere da tempo.

Domenica 8 agosto, non ci rimane che passare la giornata in attesa della partenza del giorno seguente, tutto è pronto.

Perché aspettare il giorno seguente? Ci vestiamo, carichiamo la moto e partiamo.

Sono le 14.00 di domenica 8 agosto, comincia la nostra piccola avventura in moto, un ritorno in sella per Silvia dopo tanto tempo, un viaggio insieme, ormai quasi insperato, la sensazione, bellissima, di partire verso una nuova destinazione con la moto e Silvia con me, per quanti giorni? Non lo sappiamo decideremo sul momento, sulle sensazioni, e quasi senza un itinerario preciso e definito, sappiamo solo che andiamo verso la Provenza.

La prima parte del viaggio è naturalmente noiosa, autostrada fino a Nizza, accompagnata però da un bel sole e temperatura ideale per viaggiare in moto, cosa che ci accompagnerà per tutto il periodo, fortunatamente, inoltre troviamo pochissimo traffico, altro elemento positivo.

A Nizza comincia la nostra avventura provenzale. Ci incontriamo con Stefano e Michela, conosciuti su internet perché hanno vissuto sei mesi a Tonga, passiamo con loro una piacevole serata.

Da qui partiamo verso l’interno, verso le famose gole di Verdon, da tempo vogliamo visitarle, abbiamo visto tante immagini che ci hanno incuriosito, il paesaggio è molto bello, assomiglia alla nostra toscana, se non fosse per le caratteristiche case provenzali, con le imposte in legno colorate, non troveremo la lavanda, purtroppo, sappiamo che in questo periodo è stata già mietuta, ma percorriamo strade bellissime, fare in moto la Route Napoleon è una sensazione unica, si sale con curve dolcissime, asfalto perfetto, la moto viaggia da sola, la mia andatura prende il passo del bradipo, 50/60 km/h, ideale per gustarsi la strada, il panorama, il sole e la temperatura perfetta. Molti motociclisti, moltissimi GS, ci sorpassano e ci salutano, noi contraccambiamo il saluto, non abbiamo fretta, il paesaggio scorre intorno a noi, lento, sembra che anche lui osservi noi.

Arriviamo nella zona delle gole, a Castellane, è quasi ora di pranzo, ma decidiamo di passare oltre, verso Moustiers Sainte-Marie e costeggiamo le gole dal lato destro, la strada è sufficientemente larga e si percorre agilmente, ogni tanto passiamo sotto archi scavati nella roccia per stendere la striscia di asfalto, frequentemente si aprono sprazzi di paesaggio da lasciarci senza fiato, 21 km di canyon, per una profondità fino a 700 metri, il più grande d’Europa, spesso si trovano piazzali dove sostare e godere di questa meraviglia. Nei giorni seguenti faremo anche il lato sinistro, se possibile ancora più suggestivo, in basso si vede il fiume Verdon, di colore smeraldo in contrasto con la roccia ed il verde della vegetazione, in lontananza si vedono anche persone che fanno rafting e kayak.

Moustiers Sainte-Marie, è considerato uno dei paesi più belli della Francia, ed è così, un delizioso paesino arroccato, dove la maiolica fa la parte più importante dal XVII secolo, qui è praticamente impossibile trovare pernottamento in questi giorni, è tutto completo, ci lasciamo trasportare dai colori e dalle vie che attraversano il paese, negozi di maioliche, souvenir, una piccola cascata ed un torrente, ed in alto una chiesa, quella di Notre Dame de Beauvoir, non ce la sentiamo però di arrivare fin là.

Il fiume Verdon sfocia poi nel lago di Sainte-Croix, un grande lago dove troveremo il pernottamento per due notti. Nel frattempo comunichiamo con Silvia e Nicola, dalla Spagna, passeranno da Aix en Provence, e lì ci incontreremo.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Aix-en-Provence
    Diari di viaggio
    la provenza tra i campi di lavanda di valensole

    La Provenza tra i campi di lavanda di Valensole

    La Provenza, e in particolare il plateau di Valensole, da fine Giugno a fine Luglio, altro non è che un luogo magico, quasi mistico....

    Diari di viaggio
    nella patria di don chisciotte

    Nella patria di Don Chisciotte

    è nulla di che, anzi un po’ decadente. La sera abbiamo cenato presso un ristorante sito di fronte all’hotel.16/2 – Lasciata...

    Diari di viaggio
    inverno provenzale

    Inverno provenzale

    nel museo svizzero di Winterthur. Oggi questo edificio ospita l’Espace Van Gogh, centro polivalente con mediateca, archivi, sale...

    Diari di viaggio
    tour nella francia meridionale: auvergne, provenza, camargue, costa azzurra

    Tour nella Francia meridionale: Auvergne, Provenza, Camargue, Costa Azzurra

    Uno dei più bei tour nel Sud della FranciaL’intento della vacanza è quello di vivere la montagna e il mare e, già che ci siamo,...

    Diari di viaggio
    la magia della provenza: dieci giorni nella meraviglia

    La magia della Provenza: dieci giorni nella meraviglia

    Una destinazione da sogno L'anno scorso una mia cara amica del liceo, Giulia, mi ha proposto di fare un viaggio insieme nell'estate 2019,...

    Diari di viaggio
    il mare, la lavanda, il lago, la montagna: la provenza

    Il mare, la lavanda, il lago, la montagna: la Provenza

    un locale poco fuori dal centro storico ma comodo al parcheggio così che appena terminato possiamo affrontare il trasferimento verso...

    Diari di viaggio
    colori e profumi della provenza

    Colori e profumi della Provenza

    Inviaggioconimiei ama scegliere come tappa la Francia, ma soprattutto la Provenza. Per il ponte di Pasqua 2015, abbiamo optato per un...

    Diari di viaggio
    francia: in auto tra costa azzurra e provenza

    Francia: in auto tra Costa Azzurra e Provenza

    14 agosto 2015, Jour numéro un: da casa a Grasse (km percorsi 220 cIRca) Ed eccomi qui a raccontare il nostro primo giorno che sta...

    Diari di viaggio
    odori di provenza e sapori di linguadoca

    Odori di Provenza e sapori di Linguadoca

    Pensi alla Provenza e magicamente un profumo intenso di lavanda pervade l’aria. Magicamente anche i vestiti odorano di lavanda. I piatti...

    Diari di viaggio
    marsiglia e dintorni, la camargue e le gole del verdon

    Marsiglia e dintorni, la Camargue e le gole del Verdon

    GIORNO 1: Firenze-Marsiglia con stop per pranzo a Nizza Appena arrivate in città, visto tutto quello che avevamo letto sulla...