Prima a New York, poi a Exuma di prima parte

Viaggio bellissimo, un po' impegnativo economicamente, ma molto bello. Abbiamo combinato le camminate a New York con il relax puro di Exuma! La prima parte del viaggio è dedicata alla Grande Mela
Scritto da: seca75
prima a new york, poi a exuma di prima parte
Partenza il: 16/08/2012
Ritorno il: 02/09/2012
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

Itinerario di viaggio

Partenza da Linate 16 agosto, arrivo a New York il 16 agosto (sera).

Dal 16 al 19 New York.

19 notte a Newark

20-29 agosto Exuma (Bahamas)

29 agosto ritorno su Newark

30 agosto-1 settembre New York

1 settembre rientro a Milano Linate

Premessa

Ovviamente viaggio costruito “fai da te”. I voli ho preferito prenotarli tramite l’agenzia. Bene o male è stato organizzato tutto a marzo, sia a livello di voli che di alloggi.

Assicurazioni

Ne ho fatte due, una con i voli la Mondial Assistance (per due € 87) e poi ho fatto l’assicurazione Argento con esonero franchigia di Viaggi Sicuri (per due € 128,90). Entrambe non ci sono servite… quindi non posso commentare.

Voli

Tratta Milano Linate-NY JFK e ritorno con Aer Lingus, scalo breve a Dublino. Voli puntualissimi, personale cortese € 775 (a testa).

Tratta NY Newark-GGT Exuma e ritorno con la United Airlines, con scalo a Fort Lauderdale. Anche questi voli super puntuali, € 460 (a testa). Tra l’altro da segnalare che all’andata avevamo solo 55 minuti di scalo a Fort Lauderdale (perchè ci hanno anticipato il secondo volo di più di un’ora). Siamo ripartiti dal Gate di fronte. Io ero convinta di perdere il secondo volo ed invece siamo arrivati un pò prima. E poi l’imbarco per il Volo per Exuma è iniziato circa 10 minuti prima di partire, sul volo eravamo in una decina.

Per i bagagli nessun problema. A parte il fatto che per il volo per e da Exuma ci hanno fatto pagare $ 25 (a tratta a bagaglio!) e non lo sapevamo.

Quando invece siamo tornati a NY da Exuma, lo scalo a Fort Lauderdale è stato lunghissimo, perché ci siamo “incrociati” con altri voli!

Transfer

Per il trasferimento dall’aeroporto JFK all’albergo di Manhattan abbiamo preso un Taxi, prezzo $ 55.

Per il trasferimento dall’albergo di Manhattan a quello di Newark e dall’albergo a all’aeroporto, alla fine abbiamo optato per una soluzione che è una via di mezzo sia a livello economico che a livello di “comodità/scomodità”, per € 68,97 (andata e ritorno).

Ho prenotato uno shuttle con Go Airlink, sono venuti a prenderci al nostro albergo di Manhattan. Ci hanno portati all’aeroporto di Newark. Dal Terminal dell’aeroporto abbiamo preso il trenino (Airtrain) interno che collega i vari terminal e siamo arrivati al Parcheggio 3 (quello vicino al terminal C). Lì ci sono i telefoni gratuiti e preimpostati per chiamare lo shuttle dei vari alberghi.

Mentre eravamo a Newark ne abbiamo approfittato per fare il Checkin dei voli, visto che lì avevamo la mattina presto. La notte, dall’albergo ci hanno portati (in 5 minuti) all’aeroporto con la navetta gratuita. E per il ritorno stessa cosa. Mentre per tornare al JFK da Manhattan abbiamo prenotato di nuovo Go Airlink, per € 37,42.

GUIDE

La prima che ho acquistato a fine 2011 è stata la Lonely Planet. Ma da subito, non mi sono trovata. Ho così acquistato la Routard… è andata decisamente meglio! Ringrazio gli amici di TripAdvisor che, come sempre, mi hanno aiutata tantissimo. Cos’altro dire… parto con il viaggio!

Suddividerò in due il mio viaggio: Parte 1 – New York; Parte 2 – Exuma

Parte 1: new york

Partenza da Linate, come già detto volo puntualissimo, anzi mezz’ora in anticipo. Arriviamo al JFK verso le 19. Uscita e controlli all’aeroporto, velocissimi. Forse abbiamo avuto la fortuna di arrivare prima di altri voli, comunque in pochissimo tempo siamo in coda per il taxi con il nostro bagaglio. Arriviamo al nostro albergo a Manhattan, il Flatiron Hotel (9 West 26th Street). Posizione ottima, a 2 passi dalla 5′, ad una altezza buona, perchè è in una via di mezzo sia per andare a sud che a nord di Manhattan. L’albergo l’ho prenotato da Booking, cogliendo l’offerta lampo ancora a marzo, abbiamo pagato € 124,50 a notte (incluse tasse e spese di gestione varie) la camera doppia standard. L’albergo è bello, di recente ristrutturato. Sicuramente paga l’occhio. Premetto che per quello che lo abbiamo pagato…anche troppo per tutto (quindi sono contentissima della scelta fatta!). Ma per il prezzo a cui danno le camere sul sito, avrei qualche appunto da fare. La standard ha un letto di 1 piazza e mezza. La camera non è piccolissima, ma il letto si. Comunque è arredata bene, con un bel bagno. Altro appunto. Siamo stati in questo albergo sia all’inizio della vacanza che alla fine. La prima volta per tre notti al sesto piano alla 606, la seconda volta per 2 notti al nono alla 906. Nonostante l’altezza, le camere sono rumorose. Il kaos che c’è fuori sulla strada e sotto, si sente parecchio. E’ anche vero che noi la sera eravamo talmente cotti che non abbiamo avuto grossi problemi a dormire. L’albergo è abbastanza vicino alla metro, ma non vicinissimo, bisogna andare o alla 23’th o alla 28’th. Nella bella Hall c’è un piano bar, dove fanno musica dal vivo…anche quei rumori arrivano in camera! Comunque nel complesso, bell’albergo. Pulito. Personale gentile e disponibile. Ha una postazione pc disponibile per i clienti, con stampante collegata… postazione da noi utilizzata per fare il check-in dei voli per il rientro a casa. Wi-fi free in tutto l’albergo, che funziona abbastanza bene anche per telefonare, sia dalla camera che dalla reception.

Venerdì 17 agosto

Ci alziamo presto e facciamo una colazione velocissima da Starbucks, di fronte all’albergo. Prendiamo la metro e scendiamo a BOWLING GREEN. Tour pre-prenotato da casa per le ore 9, destinazione Statua della Libertà-Ellis Island (Prenotata con www.statuecruises.com) $ 34 in due. Sinceramente c’era gente, ma non la ressa che mi aspettavo di trovare, considerato il periodo. Arriviamo al molo e partiamo con il primo barcone. Proviamo la nostra prima forte emozione! E’ imponente, elegante…è da vedere! Peccato per la corona in restauro, altrimenti sarei salita! Gita molto bella, a Ellis Island decidiamo di non dedicare più di un’oretta…preferiamo camminare per Manhattan. Giornata bellissima e caldissima. Al rientro dalla gita facciamo un giro a Trinity Church (che è in ristrutturazione) a Wall Street (ed edifici adiacenti), St. Paul’s Chapel (che merita una visita anche veloce, per iniziare ad entrare nello “spirito del ricordo”), WTC (entrata libera), dove entriamo e rimaniamo senza parole davanti ai due “vasconi”, a me è mancato il fiato! Ammiriamo anche il nuovo progetto che sta prendendo forma attorno alla zona delle torri gemelle.



    Commenti

    Lascia un commento

    Bahamas: leggi gli altri diari di viaggio