Pranzo in slovenia

23 agosto 2008 La nostra filosofia di viaggiare può essere sintetizzata in questo modo “se aspettiamo di stare via il tempo giusto per visitare qualche posto non partiamo mai !” e così sabato 23 agosto siamo partiti con tutta la famiglia da Bologna per raggiungere la Slovenia per un solo giorno ! Come mai proprio la Slovenia ? perché...
 
Partenza il: 23/08/2008
Viaggiatori: fino a 6
Spesa: 500 €

23 agosto 2008 La nostra filosofia di viaggiare può essere sintetizzata in questo modo “se aspettiamo di stare via il tempo giusto per visitare qualche posto non partiamo mai !” e così sabato 23 agosto siamo partiti con tutta la famiglia da Bologna per raggiungere la Slovenia per un solo giorno ! Come mai proprio la Slovenia ? perché abbiamo partecipato ad un meeting di Eurobilltracker… Ma andiamo con ordine ! Mio marito Andrea ha un hobby che a molti può sembrare strano (a volte anche a me) che ha iniziato con un amico qualche anno fa: in pratica inseriscono in un sito Internet tutti i numeri di serie (due uno grande sul retro e uno piccolo sul fronte delle banconote) delle banconote che passano dalle lori mani: in questo modo le tracciano, nella speranza che un altro utente in un’altra parte della zona Euro le trovi. Il giochino è gratuito, il sito è simpatico, non si vince nulla !! (in tanti lo chiedono) e si fanno incontri sui blog, hanno le loro statistiche, per esempio il numero di banconote inserite per utente, oppure quante Hit hanno fatto, cioè quante volte un utente trova una banconota inserita da un altro, la distanza percorsa dalle banconote ecc… Il sito è di origine finlandese, gratuito e senza pubblicità, ed è un modo come un altro per conoscere nuovi utenti e per passare il tempo. Ogni anno queste persone si incontrano in località dell’Euro per conoscersi e per parlare del loro hobby e a questo meeting erano presenti finlandesi, belghi, francesi, tedeschi, austriaci, sloveni, spagnoli e naturalmente italiani. Quest’anno l’incontro era a Ljubljana ma per Andrea non era facile per problemi di lavoro fare ven-sab e dom e così lo abbiamo accompagnato io e le figlie in questa avventura di un giorno ! Partenza ore 5.30 da Mezzolara (20 km da Bologna) e alle 8.30 avevamo già varcato il confine Sloveno. Un consiglio per i TPC, se avete intenzione di percorrere la A4 e di passare da Mestre mi raccomando munitevi di Telepass per evitare le code, inoltre la vignetta (35 Euro per viaggiare sulle strade della Slovenia) non compratele all’ultima area di servizio in Italia con file lunghe ma appena varcato il confine, eviterete le code.

Abbiamo visitato oltre il confine le grotte di Skocjan (località San Canziano) a circa 15 km dal confine, siamo entrati con il gruppo delle 11 e siamo usciti verso le 13.30.

Le grotte sono belle, con una temperatura quasi constante di 12°C, la prima parte sul genere di Frasassi anche se a mio avviso più brutte sia per formazioni che per i colori. La seconda parte della visita è invece quella che ha meritato alle grotte il titolo di patrimonio dell’Unesco dal 1986. In pratica il fiume Reka dopo avere percorso km all’esterno va sotto terra dando origine a immense caverne (circa 150 mt di altezza) .

L’emozione è grande perché si percorre su scale (1000 scalini circa) ricavate nella roccia e illuminate, un sentiero che costeggia il fiume ad una altezza di circa 40-50 mt. Si attraversa il fiume su un ponte a 45 metri di altezza e devo dire che dà un senso di inquietudine essere dentro alla montagna sopra al ponte, sembrava di essere nelle miniere di Morian (gli amanti del Signore degli anelli capiranno al volo !).

Il fiume sottostante forma cascate e il suo rimbombo accompagna in questa passeggiata che è abbastanza faticosa per chi non è molto allenato alle salite ! La prima parte della grotta si chiama “del silenzio” mentre la seconda “del rumore”. Una volta fuori si percorre un sentiero con altri scalini fino ad arrivare ad una cremagliera che permette di fare gli ultimi 100 metri in comodità ! La consiglio a tutti anche perché è vicino all’Italia, sono belle nel complesso e meno conosciute di quelle di Postumia.

Ci siamo poi diretti per il pranzo (merenda ormai) sul mare a Piran. La macchina occorre parcheggiarla fuori paese (naturalmente a pagamento) e poi a piedi si raggiunge il porto e poi il centro. E’ una località molto carina che si protende nel mare con punta Madonna dove una chiesetta domina il paesaggio, nel centro ci sono diverse case “venete” e stradine che ricordano un poco le calli veneziane; sono numerose le case barocche e gotiche alternate a case che probabilmente erano di pescatori. La piazzetta è dominata dall’alto dal campanile del Duomo da cui dicono che si goda una bella vista ma non abbiamo avuto il tempo di salire.

La scelta infatti per il dopo pranzo è stata quella di fare il bagno ! non esiste la “spiaggia” ma il mare è bellissimo e ce lo siamo proprio goduto. Alle 19.30 abbiamo fatto un salto a PortoRose visto che è tanto famoso ma restando in macchina perché non c’era posto per un parcheggio veloce. Abbiamo potuto vedere che è un centro molto più raffinato, sia per gli alberghi lussuosi del lungomare sia per come erano vestite le persone. Alle 20.10 circa eravamo di nuovo in Italia, ma per arrivare a casa questa volta abbiamo dovuto fare i conti con il rientro di tanti vacanzieri e con una coda interminabile (circa 15 Km) alla barriera di Mestre.

Gita consigliata davvero… E se siete curiosi sull’hobby che ci ha condotti là, visitate anche il sito e magari sarete sedotti anche voi da questa nuova attività.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Piran
    Diari di viaggio
    i feel slovenia!

    I feel sLOVEnia!

    6/7 AGOSTO Incuriositi dalla visita al padiglione EXPO 2015 della Slovenia, che niente aveva a che fare con il tema nutrire il pianeta, ma...

    Diari di viaggio
    anniversario slovenioso

    Anniversario slovenioso

    Abbiamo deciso di festeggiare il nostro primo anniversario di nozze, concedendoci un fine settimana in Slovenia. Siamo partiti il...

    Diari di viaggio
    piran, piccola perla slovena

    Piran, piccola perla slovena

    Piran è un piccolo paesino sulle coste slovene del mar Adriatico. C'è chi, girando sul web, lo paragona alla Venezia della Slovenia, ma a...

    Diari di viaggio
    a zonzo per trieste con un salto in slovenia

    A zonzo per Trieste con un salto in Slovenia

    Quest’anno abbiamo deciso di concederci qualche giorno di relax invernale a zonzo per la città di Trieste, che ci ha sempre attratto e...

    Diari di viaggio
    trieste e slovenia tra natale e capodanno

    Trieste e Slovenia tra Natale e Capodanno

    Primo e secondo giorno: Trieste Arriviamo alla stazione ferroviaria di Trieste verso le 19 del 25 dicembre e dopo una breve passeggiata...

    Diari di viaggio
    slovenia, madre natura dell’alto adriatico
    Buk

    Slovenia, Madre Natura dell’alto Adriatico

    lusso di un 3 stelle. Essendo appunto in periferia il centro città è raggiungibile esclusivamente in macchina o in bici e per questo...

    Diari di viaggio
    una piacevole sorpresa… la slovenia

    Una piacevole sorpresa… la Slovenia

    Ritorno a voi con il racconto del mio ultimo viaggio in… Slovenia. Io e mia moglie abbiamo prenotato un aereo della compagnia di bandiera...

    Diari di viaggio
    otto giorni tra slovenia e croazia

    Otto giorni tra Slovenia e Croazia

    Quest’anno io e il mio ragazzo abbiamo abbandonato la nostra beneamata Italia per concederci una vacanza all’estero e dedicarci...

    Diari di viaggio
    i feel slovenia 2

    I Feel Slovenia 2

    Identikit Turista per Caso n°1 : Nicola, 34 anni, romagnolo. Nella sua vacanza ideale vuole: riposarsi, rilassarsi, non stancarsi....

    Diari di viaggio
    piacevole sorpresa

    Piacevole sorpresa

    Quest’anno, nel mese di luglio, avevamo soltanto una settimana di vacanza e così abbiamo deciso di andare in un paese vicinissimo...