Ponte di primavera tra Napoli e la Costiera Amalfitana

Itinerario per scoprire in pochi giorni la città partenopea e lo splendido litorale, passando per la meravigliosa Reggia di Caserta
Scritto da: sally81-1
ponte di primavera tra napoli e la costiera amalfitana
Partenza il: 25/04/2018
Ritorno il: 01/05/2018
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Ho passato il ponte del 25/04 – 01/05 tra Napoli e la Costiera Amalfitana e scrivo questo racconto per dare qualche suggerimento a chi fosse interessato a questo itinerario.

Volo Bergamo Napoli Ryanair € 378 (con priority e scelta dei posti).

Avevamo 6 giorni a disposizione e ci siamo organizzati con 3 notti a Napoli e 3 a Sorrento.

Arrivati all’aeroporto di Napoli abbiamo preso il bus Alibus che porta alla stazione Garibaldi oppure al porto, il biglietto si fa a bordo e costa 5 euro. Noi siamo scesi alla stazione e da lì abbiamo preso la linea 2 della metro per Mergellina. La linea2 della metro è gestita da Trenitalia, è in effetti un treno, per cui le corse arrivano ogni 20 minuti, a volte anche mezz’ora.

A Napoli abbiamo alloggiato al B&B Torretta Chiaia in zona Mergellina, prenotata su Booking.com, 3 notti più tassa di soggiorno € 348.

Ottimo alloggio, camera molto ampia, è in pratica un piccolo appartamento con tanto di angolo cottura, pulito e confortevole. Colazione con cornetto e sfogliatelle napoletane. Unica piccola pecca, la strada trafficata e quindi la notte il riposo è un pochino disturbato. La posizione non è centralissima, ma la stazione Mergellina è a pochi passi, quando uscite dalla stazione vi trovate sulla destra una chiesa, attraversate la strada e prendete la via di fronte alla chiesa, dopo circa 300-400mt sarete arrivati, il B&B è all’interno di un portone verde al primo piano. Di fronte al B&B a due passi c’è il lungomare, meraviglioso, da lì proseguite verso sinistra e con una bella passeggiata passerete da Castel dell’Ovo e arriverete al Maschio Angioino. Qui c’è la stazione metro Municipio, se siete stanchi, se no costeggiando il Maschio Angioino e proseguendo arriverete a Piazza del Plebiscito , poi Via Toledo e da lì Spaccanapoli, San Gregorio Armeno, Via dei Tribunali. Vi consiglio la passeggiata sul lungomare la sera, magari mentre rientrerete al B&B, è davvero magica Napoli illuminata.

Per raggiungere il centro storico nel modo più veloce, senza fare troppa strada a piedi scendete alla stazione Dante, qui vi troverete in una piazza, scendete per via Toledo e poi prendete sulla sinistra Via Sant’Anna dei Lombardi, poco dopo vedrete sulla sinistra una freccia che vi indica la Basilica di San Domenico Maggiore, prendete quella via e vi troverete a Spaccanapoli. Una via ricca di negozi storici, di artigianato e soprattutto di cibo… prelibatezze campane a prezzi bassissimi !

Una volta arrivati a Piazza San Domenico Maggiore prendete sulla sinistra e andate a visitare la Cappella di San Severo con il meraviglioso Cristo Velato, una scultura che lascia senza fiato. Vi consiglio di prendere il biglietto salta la fila su internet se volete evitare ore di attesa.

Proseguendo per Spaccanapoli (Via S.Biagio dei Librai) si arriva alla famosissima Via San Gregorio Armeno che sale sulla sinistra, questa è la via dei presepi, si trovano statuine tra il sacro e il profano dove spiccano i calciatori del Napoli, Pino Daniele, Totò. Davvero molto caratteristica con tante cose particolari e carine. Percorrendo tutta la strada arriverete in Via dei Tribunali, altra via storica, qui troverete l’ingresso per la Napoli Sotterranea. Si scende a 40mt nell’antico acquedotto, poi chiuso e utilizzato nella Seconda Guerra Mondiale come rifugio antiaereo, le visite sono guidate , il biglietto costa €10. I passaggi sono ampi e alti, c’è solo un passaggio (facoltativo ma che vi consiglio di fare) tra cunicoli strettissimi e bassi che portano alle vasche. La seconda parte della visita è all’esterno, si entra in un’abitazione storica tipica “il basso” e lì spostando il letto si apre un passaggio, una scala che porta a quella che era la cantina, ma che in realtà si scoprì essere parte di un grandissimo teatro romano. Un’altra parte del teatro si può vedere in quella che fino a poco tempo fa era una falegnameria.

Lungo Via dei Tribunali c’è anche la famosa Pizzeria Sorbillo, fuori c’è sempre coda, ma se volete provare la loro pizza ( e ne vale la pena) andate verso le 18.30, la pizzeria apre alle 19 farete poca coda ed entrerete nel primo giro. La pizza è favolosa e i prezzi sono bassissimi , noi per tre pizze, più coca e acqua €20,50, la sera successiva con la birra €22. Da noi al Nord li spendiamo per due pizze da asporto…..

Mentre eravamo in coda un simpatico signore in una viuzza laterale si è affacciato dal terrazzo attrezzato con microfono e ci ha allietato l’attesa con diverse canzoni napoletane, in cambio di qualche moneta da mettere nella cesta che cala lui stesso dal terrazzo…. Il folclore napoletano, meraviglioso!

Volevamo andare anche nell’altra famosissima pizzeria Da Michele, ma c’era davvero troppa coda quando ci siamo capitati e avendo l’aereo dopo poche ore non ci siamo potuti fermare. Questa si trova in zona Forcella, da Spaccanapoli proseguite fino alla fine della via, attraversate Via Duomo e proseguite ancora , poco più avanti sulla destra troverete via Cesare Sersale e lì l’insegna Antica Pizzeria Da Michele.

Noi siamo stati due volte anche all’Antica Pizzeria Rosa Capasso, una piccola pizzeria lungo Spaccanapoli, pizza molto buona prezzi bassi, tavolini all’aperto.

Andate alla Taralleria Napoletana dove troverete i taralli napoletani in diverse versioni e non perdetevi una granita al limone con i limoni freschi spremuti!

Il giorno seguente siamo stati alla Reggia di Caserta, imperdibile! Abbiamo preso il bus da Piazza Municipio per €15 a testa, il biglietto lo potete fare online oppure direttamente lì prima di salire, la partenza è alle 9.30 e il ritorno alle 13.20 o 15.20 .

Abbiamo acquistato il biglietto per la Reggia in internet per i giardini e gli appartamenti. Prima abbiamo percorso tutto il parco fino alla cascata, da lì la vista è fantastica e il parco così immenso da fare fatica a vedere la stessa Reggia! Per chi non può o non vuole percorrerlo a piedi c’è un comodo bus a €2,50, evitate per favore di usufruire dei carretti trainati dai poveri cavalli che arrancano a fatica nelle salite, spronati a correre anche quando sono stremati (ho provato davvero tanta pena per quei poveri animali).



    Commenti

    Lascia un commento

    Amalfi: leggi gli altri diari di viaggio