Periplo della Penisola Iberica in moto

Luogo di partenza e di arrivo: Siena KM PERCORSI: 8000 circa I BIKERS: Lucia e Maurizio LA MOTO: BMW 1200 GS, km alla partenza 16.000 circa. EQUIPAGGIAMENTO: bauletto centrale LT 56; bauletti laterali LT 40 ciascuno; zaino LT 25; navigatore tom tom go 720; Caschi Nolan con interfono F4 cellular line; abbigliamento antiacqua composto da...
 
Partenza il: 29/06/2010
Ritorno il: 31/07/2010
Viaggiatori: DUE
Spesa: 2000 €

coperto non promette nulla di buono.

21, 22,23 luglio 2010

Come previsto nei tre giorni di soggiorno a Noja è quasi sempre piovuto. D’altronde non si spiegherebbe altrimenti la presenza della verde vegetazione negli scogli sino al mare. La zona balneare è abbastanza carina ed è frequentata unicamente da Spagnoli ove possiedono la seconda casa. La pioggia non ci ha comunque impedito di raggiungere Bilbao che dista circa 100 km. Il Centro Storico è abbastanza gradevole ma non è un granché. In pieno giorno un balordo scippa la borsa ad una donna e, nel ritornare verso la nostra moto, altri due balordi ci avvicinano nel tentativo di venderci nell’ordine: Hashish, marijuana e cocaina. Ci siamo pentiti di non avere visitato il museo, forse l’unica attrazione della città. Anche le cittadine di Santona e Laredo vicino a Noja sono abbastanza carine ma il clima umido e molto variabile le rendono poco adatte per la balneazione.

24 luglio 2010 Noja – Lourdes (FR) Km 390 (8°tappa)

Si parte alle ore 8.30 con una temperatura di 16 gradi proseguendo per l’autopista del Cantabrico attraverso i Paesi baschi sino alla frontiera Francese. Poi lungo l’autostrada “Pyrenenne” abbiamo raggiunto Lourdes intorno alle ore 13.00. L’albergo ci conferma la nostra camera. Tutto è filato liscio, anche nell’ultima prenotazione On line delle strutture all’estero. Passiamo il pomeriggio in visita al Santuario, alla Grotta e in giro per la cittadina ma rimaniamo delusi dal business creatosi nella Lourdes moderna che stride con le attrazioni, tutte comunque legate alla apparizione della madonna, e i luoghi sacri ove numerosi credenti, accomunati dalla fede, si ritrovano nella speranza di sentire la presenza divina o di essere partecipi ad un nuovo miracolo, ad una nuova apparizione oppure ad una guarigione da un male incurabile. Comunque a Lourdes si “respira” una misteriosa energia originata dalla contemporanea presenza di migliaia di persone provenienti da ogni parte del mondo.

25 luglio 2010 Lourdes – Porto Maurizio Km 820 (9°tappa)

E’ la tappa più lunga del viaggio per cui ci si sveglia di buonora e si parte poco prima delle ore 7.00. Si prosegue lungo la “Pyrenenne” sino a Tolosa, poi lungo l’autoroute “des deux Mers sino a Narbonne ove si respira la calda aria del mediterraneo. Abbiamo già trascorso oltre venti giorni sull’atlantico (gli ultimi al freddo umido) e sentiamo nostalgia del “mare Nostrum” . Sino a Nimes forti ed improvvise raffiche di vento laterale ci provocano pericolosi sbandamenti ma si prosegue (soste per la benzina escluse) sino a destinazione, ovvero lo stesso B and B della partenza. Una indispensabile doccia e quindi prepariamo la cena in giardino. Si sta veramente bene, la temperatura è mite ma crolliamo letteralmente dalla stanchezza. Oggi è stata dura.

26 luglio 2010 Porto Maurizio – Livigno Km 490 (10° tappa)

Si parte alle ore 9.30 ma appena imboccata l’autostrada siamo costretti a circa 30 km di gimcana tra le auto ed i camions fermi a causa di un incidente. Non ci perdiamo d’animo e si prosegue verso Genova, Milano e quindi verso il lago di Como ove ci immettiamo nella statale della Valtellina sino a Tirano. Transitiamo dalla Svizzera verso Poschiavo e prima del valico del Bernina si inseriscono le imbottiture a giubbotti dato che in quota la temperatura è scesa a sei gradi. Si prosegue in direzione del passo Forcola immersi nel suggestivo panorama alpino e poi in discesa verso Livigno. La baita “Francisi” che abbiamo prenotato è molto carina e funzionale.

27, 30 luglio 2010

La stagione non è stata delle migliori (nottetempo è anche nevicato) ma ci ha comunque consentito di percorre con la nostra moto i più incantevoli passi alpini in ogni versante. Lo Stelvio, il Gavia, il mitico Mortirolo, ed il Bernina verso St. Moritz. Ci siamo anche rilassati a passeggio per le vie del centro. Dopo tanto mare ci volevano i 2.758 metri del passo dello Stelvio.

31 luglio 2010 Livigno – Siena Km 540 (11° tappa)

Siamo al giorno del rientro e ci sentiamo un po’ addolorati anche perché siamo stati veramente bene e tutto è trascorso senza particolari imprevisti. Si parte con calma verso Tirano, poi al valico dell’Aprica verso la Val Camonica, il Lago d’Iseo e quindi l’autostrada verso Bologna e Firenze. Nel percorrere, verso casa, gli ultimi 56 km dell’autopalio ci assale quella malinconia che contraddistingue ogni vacanza giunta al termine. Certo che per noi questa è stata una vacanza veramente particolare e siamo tristi di dover rientrare. Ogni luogo che abbiamo visitato, il suo paesaggio e la sua gente ci è rimasta nel cuore ma ci consoliamo pensando che d’altronde la fine di un viaggio è solo l’inizio di uno nuovo.

Guarda la gallery
liguria-23q8f

la costa a noja

liguria-nrm7t

il passo Gavia

liguria-qwz1f

il mitico Mortirolo

liguria-j4ace

rientro da Livigno

liguria-rxgpy

Algarve tramonto

liguria-ca5ha

Capo S. Vincente

liguria-pq9bb

Portogallo costa occidentale

liguria-rzshu

Porto panorama

liguria-xvh57

tramonto sul Douro

liguria-2t2ns

Portogallo costa occidentale

liguria-mrrp5

Sagres praia da Mareta

liguria-8ygdf

la spiagga a Noja

liguria-41d2q

la costa cantabrica



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Algarve
    Diari di viaggio
    portogallo on the road in 15 giorni

    Portogallo on the road in 15 giorni

    Visto il momento storico particolare che stiamo vivendo, siamo stati indecisi fino all’ultimo se partire oppure no per questo viaggio in...

    Diari di viaggio
    dalla storia di siviglia alla quiete di monte gordo, piccola frazione dell'algarve

    Dalla storia di Siviglia alla quiete di Monte Gordo, piccola frazione dell’Algarve

    Partiti di buon ora dalla stazione dei bus di Siviglia siamo pronti a lasciare la meravigliosa e calorosa Spagna per spostarci nella...

    Diari di viaggio
    l'algarve in tenda

    L’Algarve in tenda

    Arrivati a Faro intorno alle 17 30, ritiriamo la panda a noleggio che si rivela una fondamentale alleata per il fine settimana lungo....

    Diari di viaggio
    grotte marine dell’algarve: il sogno che meriti di realizzare

    Grotte marine dell’Algarve: il sogno che meriti di realizzare

    Le grotte marine Benagil sono il luogo perfetto per ammirare le bellezze di questa entusiasmante regione portoghese. Grotte dal cui...

    Diari di viaggio
    bem-vindo em portugal

    Bem-vindo em Portugal

    con patio e interni con azulejos interessanti, i resti di mura neolitiche rifatte dagli Arabi e forate dalle porte medioevali, la chiesa di...

    Diari di viaggio
    dall'andalusia all'algarve, tra meraviglie umane e naturali

    Dall’Andalusia all’Algarve, tra meraviglie umane e naturali

    Con moltissimo anticipo mi sono programmato questa vacanza all’insegna del massimo relax in posti meravigliosi spendendo il giusto. ...

    Diari di viaggio
    portogallo on the road 6

    Portogallo on the road 6

    Due settimane su e giù per il Portogallo, ecco il nostro itinerario 25.8 Sveglia alle 2,45, volo in partenza alle 6,05 da Orio (ma che...

    Diari di viaggio
    racconti dell'alhambra e dintorni

    Racconti dell’Alhambra e dintorni

    17.05.2012 Partiamo alle ore 09.25 da Milano - Malpensa diretti a Madrid - Barajas dove arriveremo alle 11.50 con un volo Easy Jet...

    Diari di viaggio
    algarve, un paradiso dietro l'angolo

    Algarve, un paradiso dietro l’angolo

    A settembre io, Katia, Laura e Lucia avevamo tutte la stessa settimana di ferie e quindi dovevamo festeggiare questa congiuntura astrale,...

    Diari di viaggio
    la prima volta in algarve

    La prima volta in Algarve

    (30 giugno/8 luglio 2010) Al posto che decantarvi le meraviglie “Algarviane”, parto invece con l’elencarvi tutti gli aspetti negativi...

    Video Itinerari