Per il weekend scappo a Ibiza!

Un'oasi di pace dove meno te l'aspetti
 
Partenza il: 08/04/2011
Ritorno il: 11/04/2011
Viaggiatori: 4
Spesa: 500 €

E se fosse… Ibiza? Giuro, non lavoro per la nota compagnia aerea low cost, ma come dire no quando basta un click, una cifra che basterebbe appena per una cena in un buon ristorante (quota pro capite) e 30 minuti di strada fino all’aeroporto, per essere.. in paradiso? Volo da Orio al serio, all’alba (sennò non è Raynair), e in un’ora e mezza circa siamo ad Ibiza. È il primo w-e di aprile, la temperature è mite già di prima mattina. Colazione in uno dei locali posizionati lungo la strada che attraversa il centro cittadino, la Cava. Ci sediamo al sole, ordiniamo due colazioni continentali e ci godiamo l’assoluta tranquillità. Sì, tranquillità, perché anche qui, come in tutte le località balneari del Mediterraneo, è fuori stagione, una parola tanto amata dal mio portafoglio. Chi pensa che il prezzo basso sia sinonimo di ‘pacco’, si sbaglia. O meglio si sbaglia se non è benedetto da S.Meteo. E’ una scommessa, è vero, viaggiare ‘fuori stagione’, un po’ come prendere un gratta evinci dal tabacchino sotto casa e diventare miliardario. Ma a qualcuno succede, e a chi conosce i siti meteo, capita spesso, nel caso specifico, di arrivare in una meta nota per il chiasso (e il divertimento, of course) e trovare un’oasi di pace. L’hotel dove alloggiamo è il Plaza royal hotel, un quattro stelle vero: sulla terrazza piscina, servizio bar e..jacuzzi, in una spa dove è possibile fare sedute di sauna e massaggi. Il prezzo della camera, con balcone e tutti i comfort, compresa la vasca da bagno, è adeguato al periodo: basso rispetto allo standard. Con la macchina noleggiata presso una delle tante rent company, con sede aeroporto, andiamo all’avanscoperta dell’isola. Siamo in quattro, due coppie, la prima alla guida, la seconda a godersi il panorama (eh, sì, essere delle totali frane alla guida ha dei vantaggi, a volte). Per quattro giorni il prezzo del noleggio è 20€ a testa e ne vale la pena: le spiagge, raggiungibili, più o meno, a mezzora/quaranta minuti dall’albergo, sono incantevoli, e con i mezzi pubblici difficili da vedere in poco tempo. La prima, grazie al consiglio di un barman, è Cala Salada. All’arrivo non un’anima viva, solo mare, natura e una scogliera che si allunga sulla destra. Decidiamo di affrontarla e dopo qualche minuto si apre sotto di noi una caletta deliziosa, evidentemente nota agli spagnoli: non è infatti deserta, come ci aspettavamo. Ci sono però solo piccoli gruppi di persone, e certamente nessun problema a stendere i teli dove vogliamo. L’acqua è cristallina, di una bellezza che fatico a descrivere, non una roccia, non un’alga. Il sole è caldo, decisamente estivo, se non avessi saputo in che mese eravamo, avrei detto ‘come ha fatto presto ad arrivare giugno..non ci sono più davvero le mezze stagioni..’ (quella sulle merendine la risparmio). Nessuno dei miei compagni di viaggio ha il coraggio però di farsi il bagno, si sciacquettano tutti allegramente sulla riva, io invece, che adoro il mare , adotto la mia personale tecnica di adattamento all’ambiente circostante, ovvero, come diceva la nonna: ‘non buttarti di corsa, che ti prende un colpo, bagnati poco a poco le gambe e le braccia’, la temperatura del corpo si abbassa e puoi farti un bel bagno. Nonostante la temperatura esterna, il mare infatti è ancora freddo, con la tecnica della nonna è possibilissimo però fare una bella nuotata e godersi una sensazione unica. Si nuota in una baia naturale, solo acqua pulitissima, sabbia sul fondo, gabbiani che ogni tanto svolazzano a caccia di pesci e una sola barca, ormeggiata al largo. L’idea che si prova è di essere un tutt’uno con la natura (qualche ora prima eravamo a..Milano???? Nooooo, pas vrai!). Quando ce ne andiamo altri avventurieri sono in acqua a godersi la baia. La sera sorseggiamo un cocktail nella piazzetta di Ibiza, non prima di esserci rilassati nella jacuzzi (fuori stagione vuol dire anche che l’albergo è semi-vuoto, e la spa, che nei mesi estivi sarà sicuramente congestionata dal pubblico, è tutta per noi 😉 La piazzetta è piacevolissima, i locali all’aperto sono tutti affollati, ma in modo gradevole. Facciamo un giretto tra le viuzze popolate di localini e negozietti coloratissimi. Molti sono ancora chiusi, ma quelli aperti hanno delle chincaglierie interessanti ed abiti scontati. Come souvenir io e la mia amica scegliamo un bel bracciale vintage, ma ci sono anche tante collane ed orecchini modello chandelier, che in Spagna vanno alla grande. Ceniamo in un ristorante consigliatoci da una commerciante: è un locale tipico, La Marina, frequentato da gente del posto, cosa che la maggior parte delle volte risulta essere una garanzia di qualità. Il cibo è genuino, i piatti cucinati ad arte sono dei must della cucina spagnola. Noi optiamo per antipasti iberici ( diverse qualità di prosciutto, salame e formaggio) e pesce, accompagnato da vino in bottiglia. E’ tutto squisito, ci alziamo soddisfatti, anche se qui il prezzo è adeguato non alla stagione, bensì alla bontà dei piatti (quando si paga per qualcosa che vale la pena, si va via comunque contenti).

Il giorno seguente ci dirigiamo alle spiagge Comte. Ci dicono che sono bellissime, e lo sono, ma c’è troppo vento e non sarebbe piacevole prendere il sole qui, essendo un punto poco riparato e al contrario esposto ai venti. Il tempo di qualche foto e facciamo rotta verso Cala Tirada, meno suggestiva, forse, ma molto più godibile. Scendiamo una rampa di scale e ci troviamo in una spiaggia molto grande, protetta dalle alture. Alle nostre spalle catene di alberghi, veramente non troppo belli, a mio parere, ma il mare compensa la vista delle costruzioni: è cristallino e senza ombre. Anche qui, grazie alla tecnica della nonna, faccio una nuotata defatigante, quasi fino ad una piccola insenatura accanto alla spiaggia più grande. Gli altri mi raggiungono fino alla secca davanti alla riva, che permette di stare in poche decine di cm d’acqua, anche lontani dalla bagno-asciuga. Al ritorno una birra fresca (qui costa pochissimo) e siamo di nuovo ad Ibiza. La sera ceniamo in una pizzeria napoletana, io entro piuttosto scettica, ma ne esco ricreduta: la grigliata di carne è buona ed abbondante, a giudicare dai tavoli intorno anche gli altri piatti più italici sono all’altezza, e paghiamo una cifra in linea con gli altri locali (il mio scetticismo è, in generale, per i ristoranti italiani all’estero, non sempre degni della reputazione che la nostra tradizione gastronomica giustamente vanta).

Guarda la gallery
dscn6896-56660-h64zv

scappoa..ad ibiza!



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Baleari
    Diari di viaggio
    minorca: l'isola della pace

    Minorca: l’isola della pace

    PRIMO GIORNO: Partiamo da Malpensa il 27 agosto di buon mattino: alle 7:00 il volo Easyjet decolla e alle 8:25 atterriamo puntualissimi...

    Diari di viaggio
    in viaggio con la mati: maiorca e minorca

    In viaggio con la Mati: MAIORCA e MINORCA

    Per prima cosa le info pratiche. Durata: dal 15 agosto al 2 settembre 2019 (in particolare dal 15 al 25 maiorca, dal 25 all'1 a minorca,...

    Diari di viaggio
    minorca e cami de cavalls

    Minorca e Cami de Cavalls

    Quest’anno, io e mio marito, siamo partiti la seconda settimana di giugno per l’isola di Minorca. E’ stata la nostra prima volta...

    Diari di viaggio
    ibiza con una bimba di 4 anni

    Ibiza con una bimba di 4 anni

    Dopo Minorca, Maiorca ora è la volta di Ibiza!VOLI - prenotati a metà febbraio, Partenza 1 giugno e ritorno 8 giugno, con rayanair...

    Diari di viaggio
    ibiza, la isla bonita

    Ibiza, la isla bonita

    Sono partita dall'aeroporto Marconi di Bologna martedì 18 settembre e dopo circa due ore di viaggio sono atterrata ad Ibiza. Da lì,...

    Diari di viaggio
    diario de mallorca

    Diario de Mallorca

    La motivazione principale per cui ho deciso di scrivere questo articolo è stata data dal fatto che, prima di incominciare questa...

    Diari di viaggio
    un tuffo nelle baleari

    Un tuffo nelle Baleari

    LE ISOLE BALEARI Domenica 17 settembre, la sveglia suona molto presto, ma dobbiamo raggiungere l'aeroporto di Bologna da dove...

    Diari di viaggio
    maiorca, un piccolo paradiso a due passi da casa

    Maiorca, un piccolo paradiso a due passi da casa

    mare, vi troverete a Cap Formentor con lo splendido faro da cui mentre vi godrete il giusto ristoro, potrete godere di uno dei panorami...

    Diari di viaggio
    ibiza: mare, divertimento e paesaggi bucolici

    Ibiza: mare, divertimento e paesaggi bucolici

    Ibiza è un'isola dalle mille anime e sfaccettature: meta prediletta di teenagers festaioli, ma anche rifugio per famiglie che cercano...

    Diari di viaggio
    ibiza y formentera: non solo festa

    Ibiza y Formentera: non solo festa

    Ma se si partisse qualche giorno a maggio? Ecco che la mente corre velocemente e una volta trovato 4 giorni liberi da impegni, vado sul...

    Video Itinerari