Pedalando da Asiago a Caporetto

Prima tappa del viaggio di Daniele dalla Val d'Aosta ad Atene in bicicletta
Viaggiatori: 1
Spesa: 500 €

(dal diario di viaggio…)

Ad Asiago mi fermo a pranzo da Gianbattista Rigoni Stern, figlio di Mario lo scrittore. Lui ha dei bellissimo progetti di cooperazione a Srebrenica, in Bosnia, dove passerò in bici e proprio per questo l’ho voluto incontrare. Ieri accoglienza bellissima a Valdagno, dove ho proposto alla giunta comunale di abbracciare il progetto Boudza-té… Loro molto interessati! Primo esperimento di ospitality-free: i genitori della vice sindaco di Valdagno Anna Tessaro mi hanno ospitato con grande generosità! Mi lascio alle spalle Gianni Rigoni Stern e il suo Altopiano di Asiago e mi dirigo al confine sloveno pensando alle sue parole: ”L’importante è non farci l’abitudine a guardare la natura e i suoi paesaggi e vederci dentro il male degli uomini”. Parla dei campi bruciati della guerra in Bosnia, che sta cercando di far tornare alla vita dai quali passerò nelle prossime tappe.

La strada per Atene, passando per Tolmino mi porta a Caporetto attraverso quella piana che fu teatro nella guerra austro-italiana del 15-18. Tolmino è posta nella conca dell’Isonzo: a destra il torrente Tolminza, una serie di terrazzi che scendono verso il Monte Nero, di fronte le Prealpi del Matajur. Ricca di natura, gole di rara bellezza… e via per la disfatta italiana. La salita è faticosa, Fernanda (la mia Bicicletta) arranca un po’… mi fermo ad ammirare il paesaggio e a riposare. Poi, via verso Caporetto! La storia ha riconsegnato alla memoria il nome di Caporetto come tragico emblema di sconfitta totale, proprio in tal senso si usa nel gergo figurato per indicare un sonoro fallimento: “È STATA UNA CAPORETTO”, si dice. La zona è piena di testimonianze di quel periodo bellico: è possibile percorrere un itinerario di 5 km chiamato oggi “Sentieri di Pace” che tocca tutte le più importanti attrattive di carattere storico, culturale e ambientale: dalle linee difensive italiane sul colle Toconov Grad e nell’Alto Isonzo al Ponte di Napoleone, all’Ossario Italiano. Mi attende una guida locale grazie a Goradz di Lovely Trips Travel. La guida, una ragazza gentilissima e preparata, incarna l’amore di questa gente per il proprio territorio e le proprie radici.

Per ringraziare chi mi offre ospitalità e informazioni porto in dono un oggetto semplice ma utile: un’apribottiglie. L’ho costruito io, nasce dal legno delle mie montagne in Valle d’Aosta. Simbolo di condivisione. L’apertura di una bottiglia, di pivo (birra) da bere insieme, convivialità, ristoro, aggregazione, scambio, terra, natura. Il colore rosso sembra quasi simboleggiare il sangue, la vita data e resa in questi luoghi. Poi il viaggio riprende,la mia Itaca è ancora lontana e Fernanda sembra dirmi: ANDIAMO!

Guarda la gallery

17 la vista di caporetto da uno dei sentieri di pace che ho percorso, luoghi bellissimi...

Il cavatappi

22 lago di bled, luogo bellissimo, curato e tranquillo. unico debole, le tante auto

24 lago di bled, luogo bellissimo, curato e tranquillo. unico debole, le tante auto

20 panorama!

19 volce e le dolcissime montagne colline slovene

18 vista di tolmin e volce, dove sono ospite di gorazd skrt

15 il sacrario italia di caporetto

14 la bella ed intensa visita al museo di caporetto grazie alle guide competenti e...

13 l'arrivo nella amena caporetto

12 il confine con la slovenia

7 a pranzo da gianbattista rigoni stern

16 scorcio dal sacrario

9 il panorma sull'altopiano

8 a pranzo da gianbattista rigoni stern

6 museo del ponte degli alpini a bassano

5 ponte di bassano

4 arrivo a roana

3 altopiano di asiago

2 altopiano di asiago

1 asiago



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
Patrizio Roversi Slow Tour padano

Slow Tour Padano: tutte le puntate della seconda serie

La seconda serie di Slow Tour Padano è andata in onda su Rete4 dal 23 ottobre al 4...

Città bellissima

città bellissima

L’Antica Salumeria a Roma, Piazza Rotonda

L'Antica Salumeria a Roma, Piazza Rotonda

Leggi i Diari di viaggio su asiago
Diari di viaggio

Pedalando da Asiago a Caporetto

(dal diario di viaggio...) Ad Asiago mi fermo a pranzo da Gianbattista Rigoni Stern, figlio di Mario lo scrittore. Lui ha dei bellissimo...

Diari di viaggio

Montagna da amare

Non vi è mai capitato di decidere di partire all'ultimo momento, pianificando il percorso poche ore prima di mettersi alla guida? A...

Diari di viaggio
Asiago

L’Altopiano di Asiago tra storia e natura

Un'Altopiano da vivere e quattro giorni per scoprirlo, tra bellezze naturalistiche e riferimenti storici alla Prima Guerra Mondiale. PRIMO...

Diari di viaggio

Week end olimpico ad asiago

Alla fine, dopo vari tentennamenti ed indecisioni, Marco ed io siamo partiti per un week-end sulla neve! La destinazione scelta era Asiago,...

Diari di viaggio

Asiago, il magico altopiano dei cimbri

Venerdì 13 giugno 2003 Partiamo per Asiago (VI), ridente località posta nell’altipiano dei sette comuni, a circa 1100 mt s.L.M....