Patagonia e Iguazù, la bellezza del sudamerica

Le principali mete Argentine fai da te
 
Partenza il: 13/02/2020
Ritorno il: 03/03/2020
Viaggiatori: 7
Spesa: 3000 €

Racconterò il nostro viaggio (febbraio 2020, 7 persone, poco prima dell’emergenza coronavirus in Italia/Europa) in Patagonia, con aggiunta di Salta e Iguazù, soprattutto dal punto di vista organizzativo. Non parlerò, quindi, della bellezza vista o delle emozioni provate: quelle saranno le vostre, quelle che vivrete se il mio racconto, anche solo un po’, vi spingerà ad andarci… Però permettetemi solo un accenno a un piccolo, grande rimpianto… l’Antartide. E poi, però, penso al deserto di Atacama, alla Patagonia cilena e Puerto Arenas, testa di ponte per il continente bianco… sarà uno dei nostri prossimi viaggi, siamo già pronti a ripartire !

Periodo

Quello consigliato è l’estate argentina, a meno che non abbiate interessi specifici: per esempio, per vedere le balene nella penisola di Valdes si va in ottobre/novembre, un po’ prima della vera estate; quindi, se si cercano cose specifiche, è utile navigare sul web e informarsi: si trovano tutte le informazioni che volete semplicemente cliccando su google una semplice domanda, e seguendo le tracce per i vari siti. Tornando al clima, noi, in febbraio, abbiamo sempre trovato il sole, da Buenos Aires a Ushuaia, da El Calafate a Iguazù: unica eccezione un po’ di nuvole a Salta e gocce di pioggia a Buenos Aires una sera dopo le 22 … ci è andata davvero bene !

Viaggio aereo

Il consiglio è sempre lo stesso: prenotate il prima possibile, per avere le tariffe più basse. Noi lo abbiamo fatto a luglio 2019, volando con Air Europa (con scalo a Madrid; non ci sono voli diretti da Milano a Buenos Aires) a 650 euro circa (1400 euro la business, pochissimi posti a quel prezzo, e solo con mesi e mesi di anticipo). Avevamo già utilizzato Air Europa per il nostro viaggio in Perù: è una buona compagnia, certo, per esempio, senza le attenzioni di Emirates, ma va bene, sono puntuali e con aerei nuovi (787 dreamliner). Andate su expedia, tripadvisor, skyscanner, o qualsiasi sito accorpi le possibili soluzioni delle varie compagnie aeree, e scegliete quella migliore per voi: l’importante è farlo con un buon anticipo.

Voli interni

Prenotati sul sito delle Aerolineas Argentinas: si va sull’icona Visite Argentina e si prenotano tutti i voli in sequenza, con una tariffa un po’ migliore rispetto alla prenotazione separata. Inoltre, attenzione agli sconti annessi al volo intercontinentale. Noi abbiamo fatto 7 voli interni senza alcun problema: operazioni di imbarco/sbarco veloci, voli in orario, bagagli sempre arrivati. A tale proposito, sono ammessi 15 kg di bagaglio in stiva: noi abbiamo optato per la tariffa flex che ne consente 15 + 15 kg. Attenzione, 15 + 15 kg vuol dire 2 bagagli da 15 kg, non 30 kg in totale: se ne portate 1 da 20 kg pagate il sovrapprezzo; è una cosa curiosa, ma ci siamo adeguati, utilizzando 2 trolley o un trolley e un borsone, e dividendo gli abiti pesanti da quelli leggeri. Hanno però un po’ di tolleranza, e 1-2 kg in più li fanno passare.

Alberghi

Tutti prenotati con Expedia (in Argentina è più conveniente rispetto Booking o Agoda), con attenzione alla posizione (in centro), alla presenza di wifi (che, in realtà, ormai, c’è sempre e funziona …), e a buone recensioni italiane. Abbiamo pernottato in questi alberghi: NH Buenos Aires Latino, Dazzler a Puerto Madryn, Canal Beagle a Ushuaia, Michelangelo a El Calafate, Balcon de la Plaza a Salta, Saint George a Iguazù. Con qualche risparmio, in alcuni casi, passando da cancellazione gratuita a non rimborsabile nei giorni immediatamente precedenti la partenza, quando eravamo sicuri di andarci. Niente di lussuoso (NH a Buenos Aires compreso), ma più che discreti.

Escursioni

Da casa abbiamo prenotato solo quelle a Valdes e Salta perchè eravamo stretti con i tempi, scegliendo di farlo sul posto nelle altre destinazioni. Anche così, non abbiamo avuto problemi, in questo periodo (seconda metà di febbraio) a farlo direttamente in Argentina: con il vantaggio di aver scelto il giorno, ad esempio per la navigazione sul canale Beagle o per quella sul lago Argentino, in base alle previsioni meteo sul computer dell’agenzia (sole ! e venti e mare mosso compresi). Se poi pagate in contanti (e dopo parliamo anche del cambio) vi fanno uno sconto, a volte molto interessante, anche valutando l’euro molto di più del cambio ufficiale … Ricordate che le escursioni non comprendono l’ingresso ai parchi, che va pagato a parte, quasi sempre in pesos e in contanti. Infine, un suggerimento: portate il passaporto, se volete, nei vari posti (a Valdes centro turistico, a Ushuaia Fin del mundo, ecc), avere dei timbri ricordo.

Tour operators Arg Tour per Buenos Aires, All Peninsula Valdes (Bottazzi) per Puerto Madryn, Canal Fun e Tolkeyen per Ushuaia (ma ci sono ovunque),

Hielo y Aventura e Solo Patagonia per El Calafate, Incanan per Salta

Valuta

Gli euro vanno benissimo. Il cambio ufficiale al momento era di 1 euro= 67-68 pesos. Tuttavia, in molti negozi, pagando in euro, valutavano il pesos fino a 80 (cioè: 1 euro= 80 pesos). A Buenos Aires, poi, è molto facile (Calle Florida) cambiare per strada (dietro baracchini o in piccoli uffici nascosti) a 82-84 pesos per 1 euro. Questo non succede a Ushuaia o nei centri minori, anche se, ad esempio, a El Calafate, si cambiava a 78 (chiedere …). Quindi, il consiglio è quello di cambiare molto a Buenos Aires e di pagare cash il più possibile (escursioni e hotel compresi), perchè si risparmia un bel po’ … Ricordando che in hotel bisogna utilizzare la carta di credito se non si vuole pagare il 21% di IVA in più rispetto al prezzo di internet, ovviamente con le solite eccezioni (un paio di volte abbiamo pagato cash senza il 21% in più, e con cambio molto favorevole …). Il peso fuori dall’Argentina non vale niente, e quindi vanno spesi tutti.

Buenos Aires

Ci siamo organizzati per essere la domenica a San Telmo per la fiera, in realtà, rivelatasi poi non così fondamentale …. Per il resto, 2 giorni pieni vanno bene per vedere le cose principali. Il giorno di arrivo, dopo essersi liberati dall’aeroporto di Buenos Aires (un po’ caotico), e avere fatto il check in precoce in hotel (quasi tutti permettono di farlo la mattina), abbiamo girato per il centro senza problemi: casa Rosada, calle Florida (shopping, adatto a noi poco o nulla …), cafè Tortoni (belli i quadri alle pareti; spettacolo di tango dopo le 17, ma senza orchestra live: dicono molto carino e, comunque, poco caro rispetto ai prezzi di quelli serali live), Cattedrale. Il secondo giorno, il gruppo ha optato per una visita guidata di un giorno con un minivan privato, visitando così alcune cose che non avevamo visto del centro (caffè Branca, librerie, piccole chiese), la Boca, Puerto Madero, Palermo: carino cercare i graffiti a Palermo, turistico il Caminito a Boca, ma comunque bello, da vedere assolutamente. La sera, cena con spettacolo di tango a San Telmo (ristorante Alijbe Tango); io non ci sono andato perchè non mi piaccioni molto questo tipo di spettacoli: i 5 che ci sono andati, e sono persone affidabili, hanno detto che è stato molto carino, non troppo lungo, e con una cena più che buona: quindi, raccomandato ! La domenica, come detto, fiera di San Telmo e poi, con un po’ di tempo a disposizione, ci siamo divisi e io ho scelto il Museo delle Belle Arti a Recoleta, non lontano dal cimitero: parere personale, niente di che il cimitero a Recoleta, assolutamente da vedere il Museo delle Belle Arti. Assolutamente consigliata la cena da Tanta Gaston Acurio (cucina peruviana), anche per cambiare un po’ dalla solita carne. Informazioni sparse: fa molto caldo, vestirsi leggeri; i taxi costano pochissimo, utilizzateli anche per girare da soli, facendovi portare, dopo aver studiato il vostro proprio tour, nei vari quartieri (sono distanti, Buenos Aires è grande). Sulle bancarelle della fiera di san Telmo (iniziano in Plaza de Mayo, via Defensa, fino a Plaza Dorrego) trovate un po’ di cose comprabili, tipo le magliette o gadgets di Mafalda (??!!), o piccoli e carini caleidoscopi, magneti, decorazioni da appendere in vetro, ecc. In Plaza Dorrego la fiera diventa un vero e proprio mercato di antiquariato, e i prezzi si adeguano.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Argentina
    Diari di viaggio
    argentina e cile

    Argentina e Cile

    Arriviamo a Buenos Aires in mattinata presto, rinfrescatina in albergo e passeggiata nel quartiere di Sant’Erasmo, pranzo veloce e...

    Diari di viaggio
    alla scoperta della terra guarani, della foresta amazzonica e delle famose cascate dell’iguazù

    Alla scoperta della terra Guarani, della foresta amazzonica e delle famose cascate dell’Iguazù

    Viaggio spettacolare alle cascate del Iguazù. Partenza in macchina dall’Uruguay 1300 km in un paio di giorni per arrivare a questo posto...

    Diari di viaggio
    tre grandi viaggi che si possono fare in 10 giorni di provati da noi! - argentina

    Tre grandi viaggi che si possono fare in 10 giorni di provati da noi! – Argentina

    È l’occasione per ritrovare una carissima amica argentina - che già ero andata a trovare molto tempo fa - e di vedere finalmente uno...

    Diari di viaggio
    patagonia e iguazù, la bellezza del sudamerica

    Patagonia e Iguazù, la bellezza del sudamerica

    Racconterò il nostro viaggio (febbraio 2020, 7 persone, poco prima dell'emergenza coronavirus in Italia/Europa) in Patagonia, con aggiunta...

    Diari di viaggio
    il viaggio di nozze da sempre sognato: il meglio di argentina e brasile fai da te!

    Il Viaggio di Nozze da sempre sognato: il meglio di Argentina e Brasile fai da te!

    Da sempre Viaggiatori e non Turisti fai da te, in occasione del Viaggio di Nozze abbiamo pensato di sfruttare la nostra Esperienza sul...

    Diari di viaggio
    argentina fai da te

    Argentina “Fai da Te”

    Sono uno che considera il piccolo intoppo o l’improvvisazione sul posto parte integrante del fascino di un viaggio, per cui quando mi...

    Diari di viaggio
    argentina e cile fai da te in sei settimane tutto in macchina

    Argentina e Cile fai da te in sei settimane tutto in macchina

    particolare e caratteristico di questa zona. Visita alla distilleria Pisquera AbA. Pranzo al ristorante Donde Martita, famoso per le...

    Diari di viaggio
    massimo e florence in argentina

    Massimo e Florence in Argentina

    nero, l’Oca di Magellano, lo zafferano meridionale, ecc. La traversata arriva fino al Faro Les Eclaireurs, piazzato su uno degli isolotti...

    Diari di viaggio
    argentina insolita: la puna e le cascate di iguazù

    Argentina insolita: La Puna e le Cascate di Iguazù

    La Puna, chi è costei? E’ una regione super naturale che trova collocazione nella parte settentrionale dell’Argentina nelle Ande...

    Diari di viaggio
    puna argentina, un altopiano andino dalle mille sfaccettature

    Puna Argentina, un altopiano andino dalle mille sfaccettature

    Il mio primo viaggio con avventure nel mondo. Il mio primo viaggio, non di lavoro, al di fuori dell'Europa: Argentina. In particolare il...