Passeggiate romane: il quartiere EUR tra metafisca e inquietudini visive

Un passeggiata nel quartiere avveniristico, nella zona sud-ovest di Roma
 
Partenza il: 24/08/2015
Ritorno il: 25/08/2015
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Passeggiate romane – La solennità dell’EUR

La reputazione di Roma degli ultimi tempi è in caduta libera. Mafia capitale, sporcizia, insicurezza, funerali di Casamonica, classe politica (tutta) inefficiente, ecc. Diciamo che questo stato di cose fa da pendant alla bellezza intrinseca della capitale che, anche se in parte sfiorita, rimane pur sempre sublime, fascinosa, estraniante. Forse si dovrebbe trovare una via di mezzo, perché di certo l’unicità dell’Urbe è indiscutibile.

Io però, che frequento Roma da anni (pur non essendo romano), riesco a subirne il fascino non già (o meglio, non solo) nelle zone eminentemente turistiche (Colosseo, San Pietro, Piazza di Spagna, Piazza Navona, ecc) bensì nei luoghi meno frequentati, ma non per questo meno magnetici.

Prendiamo l’EUR. E’ vero, è il quartiere simbolo dell’architettura fascista dove Mussolini volle ricreare una Roma in stile imperiale. Ma, giudizi storici a parte, è letteralmente impossibile (almeno per me è così) non rimanerne attratti. Quando la Cristoforo Colombo, arteria pulsante (ed assai pericolosa) della zona sud-ovest della città, giunge in Piazza Guglielmo Marconi, in pieno EUR, davanti allo svettante obelisco, apre di fatto un altro mondo, un’altra Roma.

Strade larghe e scorrevoli, palazzi enormi che ricordano tanti quadri metafisici, colorati di un bianco accecante. Austeri, solenni ed inquietanti. Soavemente ingombranti, ma ariosi. E’ un paesaggio del tutto particolare che va vissuto, tra la piazza suddetta ed il laghetto dell’EUR, ma anche lateralmente dove un tempo c’era il Luna Park o nelle strade dai nomi geografici (Oceano Atlantico, Oceano Pacifico, Asia, ecc).

Merita senz’altro una visita il Museo Etnografico “Pigorini” se non altro per l’immenso androne e le architetture metafisiche.

L’inquietudine fascinosa del quartiere è stata “fissata” nel grande schermo in tanti film, ma ricordo in particolare “Tenebre” di Dario Argento con le riprese delle strade in prospettiva che non si sapeva bene dove finissero e, soprattutto, se finissero.

Anche di giorno si percepisce una sottile inquietudine tra queste vie grandi e ventose. Basta fare pochi passi sopra il laghetto dell’EUR, pure in una calda giornata estiva piena di persone, per rendersene conto. Oltre ogni curva, di fianco a ville ed ambasciate di austera bellezza, non si bene che cosa ci attende.

Il rumore della Cristoforo Colombo è vicino eppure ovattato. Soltanto un altro quartiere di Roma mi ha donato le stesse sensazioni, il Coppedè.

Un turista non distratto, dovrebbe perlomeno passare dall’EUR e rendersi conto di quanto la metafisica applicata (a tratti sembra di essere dentro un quadro di De Chirico) doni un senso di inquietudine e, al tempo stesso, di solare bellezza.



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo Leggi i Diari di viaggio su Italia
Diari di viaggio
insolita trieste

Insolita Trieste

Io e il mio compagno siamo stati a Trieste per il ponte dell’8 dicembre (8 – 12 dicembre 2021): 5 giorni che per noi, provenienti da...

Diari di viaggio
primavera in umbria

Primavera in Umbria

Ferie ad aprile, la primavera è alle porte e così, da amante della natura, scelgo una delle regioni più verdi in cui in passato ho...

Diari di viaggio
parco naturale regionale della lessinia

Parco Naturale Regionale della Lessinia

Parco Naturale Regionale della Lessinia - Ponte di Veja In una giornata di pioggia, lungo l’impervio sentiero che mi portavano ai...

Diari di viaggio
cosa vedere a matera in 2 giorni

Cosa vedere a Matera in 2 giorni

Meravigliosa Matera la città dei Sassi, due giorni in questa splendida e affascinante città che mi ha letteralmente rapita. Matera...

Diari di viaggio
viaggio nell'eremo di santa caterina del sasso

Viaggio nell’Eremo di Santa Caterina del Sasso

Quello che vi porto a scoprire oggi è un luogo particolare, incastonato tra le rocce del Lago Maggiore. Ammetto e faccio mea culpa: questo...

Diari di viaggio
weekend nelle langhe

Weekend nelle Langhe

Quale periodo migliore per visitare le Langhe se non l’autunno? Il primo fine settimana di novembre decidiamo di partire per un weekend...

Diari di viaggio
napoli e capri connubio perfetto

Napoli e Capri connubio perfetto

Fare una vacanza a Napoli e Capri era da sempre il desiderio di mia sorella e il mio. La sua amica ci invitò alcuni giorni a casa sua e...

Diari di viaggio
una giornata tra mare e trulli

Una giornata tra mare e trulli

Il nostro itinerario comincia da Matera, la città dei Sassi: dopo aver soggiornato 2 notti qui, spinti da consigli di amici e parenti, e...

Diari di viaggio
passeggiata per le vie di bobbio, il borgo più bello d'italia

Passeggiata per le vie di Bobbio, il borgo più bello d’Italia

Un programma televisivo di qualche anno fa l'ha decretato borgo più bello d'Italia ed io non potevo farmi sfuggire l'opportunità di...

Diari di viaggio
alla scoperta di san miniato

Alla scoperta di San Miniato

Percorrendo la superstrada Fi-Pi-Li, esattamente a metà strada tra Pisa e Firenze, si trova uno dei borghi più caratteristici della...