Parma: la città “grassa” a misura d’uomo

Viaggio/Vacanza di due giorni a Parma, un tour enogastronomico-culturale
 
Partenza il: 04/12/2019
Ritorno il: 05/12/2019
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Due giorni in quella che sarà la capitale della cultura 2020! Partiamo il 4 dicembre 2019 per Parma, io e mio marito da Torino, utilizzando il treno. Parma sarà da marzo la capitale della cultura 2020 e decidiamo di vederla ora, in questo inizio inverno, regalandoci due giorni con un piccolo tour culturale ed enogastronomico. Arriviamo a Parma alle 13, una passeggiata di 10 minuti dalla stazione fino al centro città, con in mezzo una piccola pausa x assaggiare i famosi tortelli di zucca……che dire? Ottimi!

Posiamo la piccola borsa in un hotel, il Button, situato nel cuore di Parma (doppia con colazione 60 euro) e partiamo alla volta di un po’ di cultura. Visitiamo il Duomo, considerato il più bell’esempio di Romanico lombardo. Correggio nel 1500 realizzò la grande cupola con un ciclo di affreschi ispirato all’assunzione della Vergine. Il colpo d’occhio è maestoso, sfarzoso, scenografico. Di seguito, nella stessa piazza, il Battistero,costruito da Antelami a fine 1100, l’esterno è in marmo rosa di Verona,ed è tutto un racconto per immagini sulla vita di Gesù, di Maria, la morte e la resurrezione ,la cupola interna racconta una Gerusalemme dopo la fine del mondo. Imperdibile.

Procediamo camminando sotto il sole di una meravigliosa giornata fredda ma azzurra e ci fermiamo alla mostra dei burattini con ingresso gratis nel Monastero di San Paolo. Una mostra che nasce dalla collezione di Giordano Ferrari, molto carina. Questo monastero di San Paolo contiene un capolavoro del Rinascimento italiano, La Camera della Badessa,affrescata dal Correggo sempre nel 1500.Lo straordinario sta nell’affresco che ha un effetto illusionistico, la camera , quasi cubica è quasi nascosta dalle decorazioni, putti, pergolati di fronde, teste di ariete, figure mitologiche. Superba

È tardo pomeriggio e ci fermiamo nella meravigliosa basilica di Santa Maria dello Steccato. Il nome è dovuto al fatto che durante la costruzione a fine 1300 apparve l’immagine di una Madonna. Accorsero tantissime persone per vederla e fu necessario costruire uno steccato. Per proteggere quella preziosa immagine fu eretto questo santuario. Il capolavoro è il sottarco della cupola del presbiterio affrescato dal Parmigianino, ultima sua opera prima della pazzia. Ci capitiamo durante la messa. Ne siamo rapiti. Finiamo il nostro giro nel quartiere Ghiaia, con i suoi negozietti, la piazza, i ristoranti ed i tanti locali dove bere un aperitivo. Ceniamo alla Degusteria Romani in Borgo Palmia 2 , nel cuore di Parma, con ottimi taglieri e buon vino.

5 Dicembre. Dopo una mega colazione lasciamo la valigia in hotel e ci rechiamo alla Pilotta che apre alle 8,30. Il palazzo della Pilotta è un complesso monumentale, bellissimo e grande, ben visibile appena si entra nel cuore della città .Oggi questo palazzo ospita il Museo archeologico nazionale,il Teatro Farnese,la biblioteca palatina, la galleria nazionale ed il museo bodoniano. Il costo del biglietto è di 10 euro e permette di vedere tutto quello che contiene il Palazzo. Entriamo nel Teatro Farnese, esempio in tutto il mondo. Edificato in legno e stucchi dipinti nel 1600 fu costruito in pochissimo tempo e fu il primo teatro moderno dell’Occidente. Un teatro in legno, vasto e creativo, che conserva ancora oggi il ricordo della fastosa vita di corte. I Farnese lo usarono come teatro privato , non aprendolo mai alla città. Fu distrutto in gran parte sotto le bombe Nel 1944, recuperato negli anni 50, fu ricostruito sul disegno originario. Bellissimo

Continuiamo all’interno del Palazzo visitando la Galleria nazionale, ammirando nelle sue sale i dipinti ,dal 400 al tardo 700 , con un percorso cronologico scopriamo capolavori del Medioevo,Beato Angelico, Correggio, Parmigianino,Leonardo, Caracci, Tintoretto, Tiepolo ed altri. Sono le 11 del mattino e nel percorso per recuperare la borsa all’hotel ci attende un’altra meraviglia: Il monastero di San Giovanni Evangelista ,formato dalla chiesa ,dal convento e dalla antica spezieria di San Giovanni. La chiesa è stata affrescata in gran parte dal Correggio, la cupola ha uno straordinario gioco prospettico, un immaginario cielo aperto sulle cui nubi sono appoggiati gli apostoli con al centro la figura di Gesù. Accanto si accede al Monastero con i suoi 4 chiostri e alla spezieria o farmacia. Notevole

È ora di andare in stazione per ritornare verso casa, ci dispiace. Parma è una cittadina a misura d’uomo, ricca di cultura, buon cibo, accogliente, elegante. La sua storia ci ha parlato di illustri signorie ( dai Visconti agli Este,agli Sforza,ai Farnese, ai Borboni) i cui sfarzi sono ancora ben visibili e la fanno risplendere. E’ una città verde, i suoi parchi sono un polmone importante per la città. E’ piccola, ma non bastano poche ore per visitarla, merita una visita più attenta e non frettolosa. Un’eccellenza, in tutti i sensi.

Luisa Deninotti

Guarda la gallery
cultura-1w4vg

ravioli di zucca parma

cultura-mk3q7

santa maria dello steccato parma

cultura-ar6me

parco davanti pilotta parma

cultura-k7hhw

chiesa san giovanni parma



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Emilia-Romagna
    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    reggio emilia: città del tricolore, dell'erbazzone e dei ponti di calatrava

    Reggio Emilia: città del Tricolore, dell’Erbazzone e dei ponti di Calatrava

    Focalizzate il pensiero sulla pianura padana, volate sull'unica regione “di traverso” – l’Emilia-Romagna - e ora cercate una...

    Diari di viaggio
    un natale alternativo

    Un Natale alternativo

    L'utopia di ogni anno è passare le feste al riparo, lontani da pranzi e cene con parenti e vicino a luoghi che curano l'anima. Questa...

    Diari di viaggio
    montebello, misteri e buon cibo sulle colline della valmarecchia

    Montebello, misteri e buon cibo sulle colline della Valmarecchia

    Chi pensa che la Romagna sia solo mare, ombrelloni e piadina, si sbaglia di grosso. Se per un giorno lasciate le spiagge di Rimini...

    Diari di viaggio
    dove andiamo in vacanza quest'estate? a cattolica, nella regina dell'adriatico!

    Dove andiamo in vacanza quest’estate? A Cattolica, nella regina dell’Adriatico!

    Sta arrivando di nuovo la stagione estiva ed in tanti si chiedono dove passare le vacanze quest’anno. Io un’idea ce l’ho e oggi ve ne...

    Diari di viaggio
    la terra dei motori

    La terra dei motori

    Primo o ultimo non conta... L'importante è avere dato il meglio di sé in ogni singolo giro.Zaino in spalla, giusto qualche cambio...

    Diari di viaggio
    saludecio, una capitale antica sulle colline della romagna

    Saludecio, una capitale antica sulle colline della Romagna

    Appollaiato su di un poggio che degrada dolcemente verso il mare, si trova uno dei borghi più interessanti del panorama della bassa...

    Diari di viaggio
    la via del sale, varzi - sori in 3 giorni

    La via del sale, Varzi – Sori in 3 giorni

    Questa mia avventura è stata decisa al più qualche giorno prima della partenza. Ho avuto uno spiraglio di tempo per buttarmici e.. direi...

    Se non ora, quando? Tour in moto lungo tutta l’Italia

    È dal 2014 che viviamo in the road insieme (io, Andrea; Sonia, la mia ufficiale in seconda; la nostra moto, una Royal Enfield Classic...

    Diari di viaggio
    un weekend in emilia romagna nelle terre dei malatesta

    Un weekend in Emilia Romagna nelle terre dei Malatesta

    Giorno 1 - da Santarcangelo a Rimini Santarcangelo di Romagna Quando giungo a Santarcangelo di Romagna è metà mattina di una soleggiata...

    Video Itinerari