Parigi… Parigi a noi va bene di Le strade dei Francesi di Daniele Silvestri

Giovane coppia innamoratissima alla scoperta della citè per eccellenza, in soli 3,5 giorni.
 
Partenza il: 05/12/2010
Ritorno il: 08/12/2010
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Alloggio: Avenir Montmartre. Hotel 2stelle di fronte la metro Anverse (Linea 2). Nel complesso ci siamo trovati bene: la pulizia e la dimensione delle camere sono stati soddisfacenti e ben proporzionati al prezzo (61€/notte per doppia). L’hotel è molto semplice, la reception non è altro che l’atrio di un palazzo, ma considerato il poco tempo che abbiamo trascorso in hotel (praticamente solo la notte) siamo rimasti contenti. Avevamo una camera con vista sulla chiesa del Sacro Cuore: vi consiglio di richiederlo all’arrivo in hotel. La vicinanza metro (100m) è ottima come lo è anche la zona: Montmartre. L’hotel è sufficientemente lontano dal quartiere a luci rosse, che comunqueè alla portata per un passeggiata d’obbligo (con tappa al Moulin Rouge). Essendo una zona non centrale i prezzi dei souvenir erano praticamente dimezzati e anche i Bistrot erano piu’ abbordabili. Inoltre, potete facilmente raggiungere la chiesa del Sacro Cuore e fare una passeggiata nel quartiere caratteristico di Montmartre. Offrono anche una decente colazione per 6€, ma noi abbiamo preferito una piu’ tipica boulangerie in Rue Gerando (proprio una traversa dietro l’hotel): la boulangerie è una tipica pasticceria/panetteria dove abbiamo provato tutti i prodotti da forno (pane al cioccolato, croissant, crostate, fagottini ripieni di marmellata…mmm, svengo al solo ricordo del forte odore di burro) e un decente caffè/cappuccino.

Trasporti: Per la METRO abbiamo usato i carnet da 10 biglietti metro, al prezzo di 12€ anzichè 17€, visto che dovevamo stare solo 4 giorni e che a noi piace tanto camminare. Infatti li usavo principalmente a fine giornata o per grandi spostamenti. Per soggiorni piu’ lunghi invece è forse consigliabile l’abbonamento settimanale, che però richiede una fototessera (casomai portatela da casa). Chiudo questa parte di aspetti logistici, con i voli RM–>Parigi–>RM. Il volo di andata è stato con EasyJet, fino al comodissimo aeroporto di Orly: molto vicino alla città (circa 25 min) e il trasferimento è economico (6,6€ per il bus fino ad una fermata metro). Il ritorno, invece con Ryanair ma dall’aeroporto di Beauvais: puntuali ma l’aeroporto è veramentescomodo! E’ necessario partire 3h15m prima del decollo, si perde circa 1h30m peril viaggio e (essendoci una sola compagnia di bus che ha il monopolio del trasporto) il biglietto è carissimo (15€!)! Un ristorante che consiglio, se alloggerete nella zona del hotel da noi scelto, è LA MARMITE ); consiglio la fondue Bourgignonne o di formaggi, nonchè una delle loro insalatone tra le quali ho particolarmente gradito quella con il patè d’oca e la carne d’anatra. Riguardo il cibo sottolineo di: ordinare sempre l’acqua di rubinetto e non in bottiglia (che costa tanto) e di non ordinare il contorno (le patate sono sempre incluse). Assolutamente da provare sono le tipiche baguette: paninoni farciti in vari modi (inclusi i puzzosi ma gustosi formaggi francesi) con cui fare un pranzo veloce.

Andando agli itinerari, considerata la nostra permanenza ridotta, abbiamo escluso Disneyland e Versailles e abbiamo scelto il Louvre come unico museo da visitare (a proposito la prima domenica di ogni mese i musei sono ad ingresso gratuito).

Itinerario 1 (3/4 giornata): visita al Louvre, Palazzo Reale, Giardini di Tuillieres, passeggiata sui Champs Elisee addobbati con varie bancarelle per il periodo natalizio, giro sulla ruota panomica, Arco di trionfo. Il tutto accompagnato da un vin santo e una crepe dolce –> Il louvre merita un bel pò di tempo, ma già un quarto del museo vale il biglietto.

Itinerario 2 (1 giorno): Opera, LaFayette, passeggiata con un parigino, Torre Eiffel, Pigalle e Moulin Rouge –> Di questo itinerario consiglio fortemente 2 cose:

  1. Per andare a visitare la torre eiffel, recatevi alla fermata metro Trocadero, dove si può godere di un’ottima vista della torre, che poi è raggiungibile con soli 5 minuti di cammino. Sconsiglio di acquistare il biglietto per l’ultimo piano nelle giornate con scarsa visibilità: noi abbiamo osato in una giornata nuvolosa e ce ne siamo pentiti: si vedeva meglio al piano 2.
  2. “Passeggiata con un parigino” è una bellissima iniziativa con la quale dei volontari parigini si mettono a disposizione per fare da guida gratuita; ovviamente non sono guide di professione, ma devo dire che queste 2 ore alla scoperta di una Parigi “meno turistica” a spasso con un abitante del posto sono state favolose. Basta prenotarsi con un pò di anticipo e si può anche scegliere la lingua della guida (INFO: http://www.parisiendunjour.fr/index.php?lang=it)

Itinerario 3 (1 giorno): Ile de la cite, Notre-Dame, Cappella Santa, Quartiere Latino e Giardini di Lussemburgo, Bastiglia –> Non rifarei le tappe di Bastiglia (ormai non c’è piu’ nulla) e la Cappella Santa (ingresso 8€, fila lunga, la piu’ bella cosa da vedere sono le vetrate che sono però così alte da non essere a portata di occhio umano) Itinerario 4 (1/3 giornata): Basilica del Sacro Cuore, quartiere di Montmartre. In questo periodo abbiamo trovato tanto ma tanto freddo, ha pure nevicato per 2 giorni: il freddo è stato veramente tagliente ma la neve ha reso tutto un pò piu’ magico. Comunque, se andrete in questo periodo, preparatevi a temperature intorno allo zero.

Non abbiamo fatto vita notturna, anche perchè la sera eravamo quasi sempre stanchi e abbattuti dal freddo. Siamo partiti in coppia alla ricerca di un posto romantico e devo dire che lo abbiamo trovato. La città è pervasa da un’atmosfera speciale e non si può restarne indifferenti. Devo comunque dire che certe cose mi sono sembrate confezionate per turisti e in questi casi il tutto pareva organizzato solo per fare soldi e quindi senz’anima e senza la magia cercata. Probabilmente ritorneremo a Parigi per completare il giro dei posti non visti.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Francia
    Diari di viaggio
    la lavanda in provenza

    La lavanda in Provenza

    La lavanda fiorisce in Provenza da metà giugno e raggiunge il culmine solitamente verso la metà di luglio, dopodiché viene tagliata e...

    Diari di viaggio
    provenza: go camping

    Provenza: Go Camping

    Descrizione pratica di un viaggio di due settimane on-the-road (9/14 agosto 2021), itinerante e un po' barboneggiante nella regione...

    Diari di viaggio
    da parma a annecy, nancy, stoccarda: un viaggio fai da te come piace a noi!

    Da Parma a Annecy, Nancy, Stoccarda: un viaggio “fai da te” come piace a noi!

    Da Parma a Annecy, Nancy, e Stoccarda, sempre due coppie e il mitico WuilliNoi e la nostra passione "viaggi in auto fai da...

    Diari di viaggio
    provenza, svizzera francese ed italiana in tenda

    Provenza, Svizzera Francese ed Italiana in tenda

    Premessa: i protagonisti del viaggio sono una coppia di ragazzi di 25 anni, un’auto ed una tenda canadese. Eravamo alla ricerca di una...

    Diari di viaggio
    la traversata longitudinale della alpi: da trieste a nizza in bicicletta

    LA TRAVERSATA LONGITUDINALE DELLA ALPI: da Trieste a Nizza in bicicletta

    24/07/21 Inizia una nuova avventura in sella. Oggi giornata dedicata al trasferimento da casa a Trieste in treno.Pedaliamo fino alla...

    Diari di viaggio
    il medoc delle meraviglie

    IL MEDOC DELLE MERAVIGLIE

    Non ero mai stata in Médoc e l'occasione giunge andando a trovare un amico innamorato delle sue foreste e del suo oceano. Ho vissuto...

    Diari di viaggio
    un grazioso fine settimana a nizza

    Un grazioso fine settimana a Nizza

    Un grazioso fine settimana a Nizza (spendendo poco)Quando si pensa alla Costa Azzurra vengono i mente i festival del cinema il lusso...

    Diari di viaggio
    normandia e bretagna 3

    Normandia e Bretagna 3

    Le piccole case a graticcio di Rouen, le impressionanti falesie bianche e i panorami mozzafiato di Fecamp ed Etretat, il brutalismo di Le...

    Diari di viaggio
    jumieges: le rovine più belle di francia

    JUMIEGES: le rovine più belle di Francia

    Partecipanti: la sottoscritta insieme al maritoPRIMA DI PARTIRE Victor Hugo le definiva “le più belle rovine di Francia” ed in...

    Diari di viaggio
    reims e il gotico francese

    Reims e il gotico francese

    Partecipanti: La sottoscritta e mio marito INTRODUZIONE Sono una grande amante dell’architettura gotica, con una predilezione per il...