Parigi in 8 giorni

Mi sono incuriosita verso questa città, che avevo sempre snobbato, leggendo i vostri racconti di viaggio e così il 13 settembre scorso partiamo alla volta della “Ville Lumiere” per 8 giorni meravigliosi. 2 suggerimenti per chi intende intraprendere questo viaggio: 1 preparatevi un itinerario di viaggio giornaliero per evitare di perdere...
 
Partenza il: 13/09/2008
Ritorno il: 20/09/2008
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Mi sono incuriosita verso questa città, che avevo sempre snobbato, leggendo i vostri racconti di viaggio e così il 13 settembre scorso partiamo alla volta della “Ville Lumiere” per 8 giorni meravigliosi.

2 suggerimenti per chi intende intraprendere questo viaggio: 1 preparatevi un itinerario di viaggio giornaliero per evitare di perdere tempo, ma siate i più elastici possibile. Vi consiglio di cercare di “perdervi” ogni tanto tra le strade della città per scoprire alcuni angoli di Parigi magari non descritti nelle guide, ma comunque caratteristici e decisamente incantevoli; 2. se avete a disposizione pochi giorni per visitare Parigi vi propongo di salire sui bateaux mouches, per fare una mini crociera sulla Senna che vi consente di vedere la città da un’altra prospettiva. Inoltre, molte delle bellezze della città sono disposte lungo il fiume perciò potrete vedere parecchi monumenti stando comodamente seduti. Noi abbiamo preso il battello di notte e il viaggio è stato molto suggestivo oltre che estremamente romantico. Il battello si prende sotto il ponte de l’Alma; il biglietto costa €10,00 e il viaggio dura circa un’ora e 10 minuti. Analogo è poi il bus turistico che, però, non ho provato personalmente.

Cosa vedere.

Impossibile descrivere tutto quello che abbiamo visto in questa grande città, perciò mi limiterò a suggerire solo quello che mi ha affascinato di più.

In primo luogo vi consiglio di visitare il quartiere di Montmartre con la Basilica del Sacro Cuore e vi suggerisco di farlo, se possibile, in una giornata soleggiata perché dalla collina si può godere una bellissima vista della città quando il cielo è terso. Per chi non è amante delle camminate si può salire sfruttando la funicolare. Montmartre è il quartiere degli artisti, con i negozi di souvenir più convenienti di tutta Parigi e con alcune tipiche brasserie dove poter pranzare.

Assolutamente da non perdere è poi Notre Dame de Paris, che si trova nell’Ile de la Citè. Se gli esterni di questa Chiesa sono sicuramente affascinanti, gli interni vi lasceranno letteralmente senza fiato.

Ovviamente non può mancare una visita alla Tour Eiffel che, in notturna, è decisamente più suggestiva. In questo periodo, inoltre, abbiamo avuto l’inaspettata vista di una torre illuminata di azzurro con 12 stelle gialle disposte in un cerchio a richiamare la bandiera dell’Unione Europea.

Per chi è amante dei giardini e della vita all’aria aperta menziono 2 mete: 1. la Place des Vosges, che secondo molti è la più bella piazza di Parigi anche se a me ha parecchio deluso); 2. il giardino del Lussemburgo, che sicuramente merita una sosta specialmente se la giornata è soleggiata.

Infine, propongo una visita presso Les Invalides, dove potete trovare la scuola militare, un museo dedicato alle 2 guerre mondiali e, all’interno della Chiesa, la tomba di Napoleone I.

Musei. Non può mancare ovviamente una visita al Louvre. Oltre alla Gioconda, in questo museo sono conservati altri capolavori di Leonardo e di altri pittori italiani che meritano una visita. Le altre “chicche” di questo museo sono poi la Venere di Milo e Athena Nike, per gli amanti della scultura classica. Uscendo dal museo e dalla piramide di vetro vi trovate direttamente sui giardini delle Tuileries dove molti parigini ( non solo) si siedono a leggere un libro al sole. Lungo il selciato troverete delle sedie che si possono liberamente spostare e posizionare dove preferite.

Se poi avete abbastanza tempo concedetevi una visita anche al museo d’Orsay, in cui il pezzo forte sono i quadri dei pittori impressionisti. Troverete, tra gli altri opere fantastiche di Van Gogh, Gauguin, Renoir, Monet e Manet. Noi ci siamo avvalsi delle audio-guide (€5,00 l’una) che si sono rivelate utilissime perché oltre a fornire delle indicazioni stilistiche, fornivano delle curiosità sulle opere di volta in volta descritte.

Versailles.

Per fortuna sono riuscita a convincere il mio fidanzato ad andare anche a Versailles perché, malgrado la sua titubanza, l’escursione si è rivelata estremamente piacevole. Anche in questo caso consiglio di andarci in una giornata soleggiata, perché una delle cose più belle della reggia è sicuramente il parco e, in particolar modo, il piccolo Trianon ed il gran Trianon. Il parco ha un’enorme estensione, ma vi garantisco che non rimarrete delusi e che è piacevole dedicare un’intera giornata alla visita. Ad ogni modo, per coloro che non se la sentono di affrontare la lunga camminata, è possibile noleggiare delle biciclette o delle macchinine elettriche a 4 posti (analoghe a quelle che si usano nei campi da golf). Anche gli interni della reggia sono meritevoli di una visita (anche in questo caso per chi, come noi, non è esperto di arte, si può rivelare molto utile l’audio-guida).

Fin qui ho descritto solo gli aspetti positivi della nostra vacanza, ma per dovere di cronaca, non posso evitare di citare anche alcuni aspetti negativi (minimi, a dire il vero).

Molti degli hotel a Parigi (e il nostro non faceva eccezione) pur essendo classificati come 3 stelle in realtà equivalgono , secondo i nostri standard, alla categoria 2 stelle: è bene tenere a mente questo aspetto nel momento in cui si fa la prenotazione.

I parigini sono davvero così antipatici come si dice. Specialmente con chi non parla il francese e specialmente con gli italiani. Un trucchetto (noi lo abbiamo adottato spesso) è quello di spacciarsi per spagnoli (!).

Occhio al periodo in cui si sceglie di partire, perché oltre al problema del clima, si può presentare anche quello del “sovraffollamento” con il rischio di fare dovunque file interminabili. Se il piano ferie del vostro ufficio lo consente, vi suggerisco di partire in primavera oppure in settembre.

Buona vacanza a tutti.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Francia
    Diari di viaggio
    normandia e bretagna 2022

    Normandia e Bretagna 2022

    Diario di viaggio in Normandia e Bretagna (Francia)Considerazioni generali e info utiliPersone: 2 adulti Spesa finale: circa 1400...

    Diari di viaggio
    la lavanda in provenza

    La lavanda in Provenza

    La lavanda fiorisce in Provenza da metà giugno e raggiunge il culmine solitamente verso la metà di luglio, dopodiché viene tagliata e...

    Diari di viaggio
    provenza: go camping

    Provenza: Go Camping

    Descrizione pratica di un viaggio di due settimane on-the-road (9/14 agosto 2021), itinerante e un po' barboneggiante nella regione...

    Diari di viaggio
    da parma a annecy, nancy, stoccarda: un viaggio fai da te come piace a noi!

    Da Parma a Annecy, Nancy, Stoccarda: un viaggio “fai da te” come piace a noi!

    Da Parma a Annecy, Nancy, e Stoccarda, sempre due coppie e il mitico WuilliNoi e la nostra passione "viaggi in auto fai da...

    Diari di viaggio
    provenza, svizzera francese ed italiana in tenda

    Provenza, Svizzera Francese ed Italiana in tenda

    Premessa: i protagonisti del viaggio sono una coppia di ragazzi di 25 anni, un’auto ed una tenda canadese. Eravamo alla ricerca di una...

    Diari di viaggio
    la traversata longitudinale della alpi: da trieste a nizza in bicicletta

    LA TRAVERSATA LONGITUDINALE DELLA ALPI: da Trieste a Nizza in bicicletta

    24/07/21 Inizia una nuova avventura in sella. Oggi giornata dedicata al trasferimento da casa a Trieste in treno.Pedaliamo fino alla...

    Diari di viaggio
    il medoc delle meraviglie

    IL MEDOC DELLE MERAVIGLIE

    Non ero mai stata in Médoc e l'occasione giunge andando a trovare un amico innamorato delle sue foreste e del suo oceano. Ho vissuto...

    Diari di viaggio
    un grazioso fine settimana a nizza

    Un grazioso fine settimana a Nizza

    Un grazioso fine settimana a Nizza (spendendo poco)Quando si pensa alla Costa Azzurra vengono i mente i festival del cinema il lusso...

    Diari di viaggio
    normandia e bretagna 3

    Normandia e Bretagna 3

    Le piccole case a graticcio di Rouen, le impressionanti falesie bianche e i panorami mozzafiato di Fecamp ed Etretat, il brutalismo di Le...

    Diari di viaggio
    jumieges: le rovine più belle di francia

    JUMIEGES: le rovine più belle di Francia

    Partecipanti: la sottoscritta insieme al maritoPRIMA DI PARTIRE Victor Hugo le definiva “le più belle rovine di Francia” ed in...