Parco Naturale Regionale della Lessinia

Ponte di Veja
 

Parco Naturale Regionale della Lessinia – Ponte di Veja

In una giornata di pioggia, lungo l’impervio sentiero che mi portavano ai siti archeologici  delle grotte di Fumane, scendendo verso il Riparo Solinas, nel Parco Naturale Regionale della Lessinia, in Italia; osservavo il paesaggio che mi circondava, e come un film che si ripete, mi ricordava mille altri posti che avevo già visitato in precedenza. Come se i nostri antichi avi cercassero posti seriali dove lasciare attraverso il fare dell’arte, tracce del segreto di antiche verità, libri viventi di Storia e Natura.

E il ponte di Veja è il simbolo di quell’arco d’unione temporale con altri prestigiosi siti francesi (grotta Chauvet Vallon-Pont-d’Arc), spagnoli e mondiali. Territorio con  pitture rupestri e resti di antichissimi insediamenti preistorici, ricco d’acqua, oggi anche Parco delle cascate Molina a Verona. Uno dei luoghi Italiani più importanti in Europa per la frequentazione sia dell’homo neanderthalensis che dell’homo sapiens dell’Aurignaziano abitato dal 100.000 a.C., ma forse anche molto prima da antichissimi esseri provenienti dall’Africa. Seguendo il mio filo sapevo quello che stavo cercando in questi luoghi e anche che lo avrei trovato  attraverso l’arte.

Le Origini risalgono all’archeoStoria, ma visibili nel loro percorso nell’arte Parietale e Mobiliare. Tecniche potenti e chiavi interpretative della semplicità complessa del loro dispiegarsi. Così gli Esseri Preistorici hanno dato realtà alle loro Opere, raccontandone il lato nascosta e segreto che nacque con l’art’è sei milioni di anni fa, e così preservandolo dallo scorrere del Tempo ci è giunto fino a noi.

Tecniche effettuate con Strumenti complessi, consapevoli e utilizzati intelligentemente. I quali sfruttavano il rilievo naturale dei materiali che le ospitavano, e giunsero a ideare il disegno, il colore, la pittura, la scultura con il modellato in argilla, il suono, la danza, il movimento delle figure, anticipando idealmente la cinematografia, dando vita al linguaggio, alla scrittura e alla nostra Storia.

Nella culla dell’umanità in Africa troviamo giacimenti intenzionali di frammenti d’ocra, pitture, gusci con incisioni geometriche e sculture monolitiche risalenti dai 200.000 ai 70000 anni fa; rappresentanti antiche credenze. Tecniche presenti anche a Fumane che hanno dato vita alla figura antropomorfa in ocra dello Sciamano, scoperta dal Prof. A. Broglia nel 1996, oggi in esposizione al museo Paleontologico e Preistorico di Sant’Anna D’Alfaedo. La curiosità è che lo stesso Sciamano l’ho potuto ammirare alla Grotta del Genovese in Sicilia, datata al 9680 a.C. e in altri posti precedentemente visitati, fino ad arrivare nella Val Camuna.

Inoltre dai livelli musteriani della grotta di Fumane, risalenti a 44-45 mila anni fa, sono emersi di recente altri straordinari reperti, alcuni ossicini di uccelli con la straordinarietà di avere microscopici ma nettissimi segni di tagli intenzionali effettuati con schegge di pietra, in modo da rimuovere le penne per decorarsi; né più né meno come gli indiani d’America.  Inoltre nel 1995 in Slovenia, nella Grotta di Divjebabe I, è stato trovato un flauto antico di 43.100 anni. Tutto questo è stato ricondotto ai neanderthal, i quali ad oggi risultano molto più pensanti di quello che si era creduto fino a qualche decennio fa, e un tre per cento del loro DNA è stato trovato nel nostro dalla ricerca scientifica.

Il ponte di Vejo lo troviamo presente nel dipinto di Andrea Mantegna riprodotto a Mantova nel Palazzo Ducale, all’interno degli affreschi della Camera degli Sposi. È nota la passione archeologica del Mantegna e il collezionismo dei Gonzaga. Nel 1488 Francesco Gonzaga inviò Mantegna dal Papa a Roma, e nel viaggio tramite Melozzo degli Ambrogi, passò in visita alla bottega di Domenico il Ghirlandaio in cui conobbe il giovanissimo Michelangelo, influenzandolo per sempre nel suo Pensiero, quello  poi espresso negli affreschi della  Cappella

Adele Arati ArtiStà

Guarda la gallery
01_ponteveja_081217_adelearati

007ok_fumane_081217_adelearati

008ok_fumane_081217_adelearati

00_fumane_081217_adelearati

02_ponteveja_081217_adelearati

03_fumane_inesplorate_081217_adelearati

04_grotte_fumane_inesplorate_081217_adelearati

05_fumane_081217_adelearati

06_fumane_081217_adelearati



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Italia
    Diari di viaggio
    alpe veglia, i pascoli del cielo

    Alpe Veglia, i pascoli del cielo

    Il titolo non è mio ma calza a pennello al posto in cui vi voglio portare con questo breve racconto.Cominciamo dall’ubicazione:...

    Diari di viaggio
    napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Desideravo fare una vacanza che fosse piena di colori, di profumi, che mi riempisse il vuoto grigio lasciato dai due anni di Covid. Mentre...

    Diari di viaggio
    ostia antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Ostia Antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Il meraviglioso spettacolo che Ostia Antica offre al visitatore è qualcosa di magico, e solo percorrendo le sue strade lastricate in...

    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    tra italia, slovenia e croazia a caccia di primati

    Tra Italia, Slovenia e Croazia a caccia di primati

    Un viaggio on the road di nove giorni con mio marito e nostro figlio Leonardo di sei anni, partendo in auto dalla Valtellina dove viviamo,...

    Diari di viaggio
    autunno tra le dolomiti ampezzane

    Autunno tra le Dolomiti Ampezzane

    Ho sempre adorato viaggiare e stare in mezzo alla natura, amo scattare fotografie che mi ricordino per sempre panorami mozzafiato e ogni...

    Diari di viaggio
    umbria, il cuore verde dell'italia

    Umbria, il cuore verde dell’Italia

    Il cuore dell'Italia ha la forma e i colori dell'Umbria, una piccola Regione adagiata sugli Appennini nel bel mezzo dello Stivale, a metà...

    Diari di viaggio
    quattro giorni nel cuore d’abruzzo

    Quattro giorni nel cuore d’Abruzzo

    Cosa fare quattro giorni nel centro Italia? Noi abbiamo visitato posti incredibili e vissuto esperienze meravigliose nel cuore...

    Diari di viaggio
    montebello, misteri e buon cibo sulle colline della valmarecchia

    Montebello, misteri e buon cibo sulle colline della Valmarecchia

    Chi pensa che la Romagna sia solo mare, ombrelloni e piadina, si sbaglia di grosso. Se per un giorno lasciate le spiagge di Rimini...

    Diari di viaggio
    i campi viola di orciano pisano

    I campi viola di Orciano Pisano

    Spettacolare il colpo d’occhio dei campi di lavanda in fiore, non più un’esclusiva della Provenza. Da qualche anno li possiamo...

    Video Itinerari