Panamà fai da te

1 febbraio 2008 malpensa-panama city Arriviamo all'aeroporto internazionale Tocumen di Panama la sera del venerdì che precede la festa del carnevale. Volo charter Livingston da malpensa con scalo tecnico a cartagena:un buon modo per arrivare qua senza troppi scali e a un prezzo(circa 1000 euro) allineato con le altre compagnie. Dopo le...
 
Partenza il: 01/02/2008
Ritorno il: 15/02/2008
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

1 febbraio 2008 malpensa-panama city Arriviamo all’aeroporto internazionale Tocumen di Panama la sera del venerdì che precede la festa del carnevale.

Volo charter Livingston da malpensa con scalo tecnico a cartagena:un buon modo per arrivare qua senza troppi scali e a un prezzo(circa 1000 euro) allineato con le altre compagnie.

Dopo le pratiche doganali, un taxi (25$) ci accompagna alla nostra sistemazione in centro citta’prenotata dall’Italia.

Ci accorgiamo che il telefono cellulare italiano non funziona (occorre avere un quadriband) e acquistiamo una tessera telefonica CLAROCOM che per 10$ ci permettera’ di telefonare a casa e in tutta panama’ a prezzi irrisori.

Cena nella zona del Cangrejo e poi a nanna…Domattina si parte destinazione Boquete.

2 febbraio 2008 panama city – david- boquete La mattina ci rechiamo alla stazione dei bus e facciamo i biglietti per David,circa 6-7 ore di viaggio con sosta per il pranzo, e da qui un taxi in 20 minuti (e 15$!) ci lascia ai bungalow di islaverdepanama di Boquete (80$),gestiti da ragazze tedesche, a cui avevamo telefonato la sera prima.

Boquete e’ un bel paesino situato a 1600 metri alle pendici del vulcano Baru’, la cima piu’elevata del paese.

Grazie alla sua posizione il paese ha un clima ottimo, caldo durante il giorno e fresco la sera, tanto da meritarsi l ‘appellativo di paese dell’eterna primavera.

Cena al Bistrò, dove mangiamo dell’ottima carne e trota alla griglia a prezzi da gringos americani (35$ in due).

3-4-5 febbraio 2008 boquete Come prima cosa ci spostiamo e ci piazziamo all’Hostal del rio,dove per 35$ al giorno abbiamo una bella stanza con bagno privato e acqua calda che terremo per le prossime tre notti.

E’ veramente piacevole passeggiare per le vie del paese e scoprirne gli angoli più nascosti. Dappertutto piante e fiori fanno da padroni e una piacevole brezza ti accarezza e non ti fa sudare. Qui molti americani in pensione si sono stabiliti e le loro ville non passano inosservate…Come dargli torto?La gente e’ cordiale , il clima ottimo, i prezzi più che abbordabili. Ce ne accorgiamo anche noi andando a colazione da Olga, meravigliosa nel suo Punto de encuentro Café, un posto che diventerà tappa fissa nelle nostre mattine. Cosa si può fare a Boquete? -Si può partecipare ad una visita guidata in una delle rinomate piantagioni di caffè della zona: noi siamo andati da KOTOWA prenotando al centro di informazioni turistiche. Interessante e piacevole. Abbiamo acquistato caffè e ce lo siamo portati dietro per tutto il viaggio…In realtà si trova allo stesso prezzo a panama city…

-Si può andare alle pozze di acqua calda di Caldera e a vedere i graffiti che sono non molto distanti. Noi ci siamo rivolti a una guida locale,Feliciano Gonzales, ottima persona che ci spiegato molto sulla vita in quella zona e che proponeva anche molte escursioni al parco del vulcano Baru’ -Si può fare visita a Paradise Gardens,vicino all’ufficio turistico, gestito da inglesi che si prendono cura di animali maltrattati e hanno un bel giardino botanico.

All’uscita fate una sosta alla gelateria lì vicino che e’ specializzata in fragole…Fantastiche! -Si possono provare gli ottimi ristoranti locali che possono contare su carne,pesce di fiume e frutta e verdura di qualità eccezionale. Segnaliamo,oltre al già citato Bistro, il peruviano Machu Picchu, i locali Lourdes e Sabroson e per un panino veloce e i frullati di frutta fresca Jawa Juice.

6 febbraio 2008 boquete-david-almirante-bocas del toro (isla bastimentos) Ci alziamo presto e prendiamo un vecchio scuolabus americano che in circa un’ora ci porta a David. Dal terminal un altro bus collectivo ci porterà in 5-6 ore a Almirante attraversando panorami bellissimi verso la costa del caribe.

Almirante e’ forse la cittadina più brutta che abbiamo visto: nata come porto per il commercio delle banane,da quando le multinazionali della frutta hanno deciso di cambiare i luoghi di produzione , sta lentamente morendo…Meno male che scesi dal bus subito un taxi (1$), poi la lancia per bocas(4$) e poi ancora un’altra per l’isola bastimentos(2.5$) ci permetterà di sistemarci nel carino Hostal bastimentos (40$ la camera doppia con ac e vista sul mare) e di passare il pomeriggio nella bella playa larga sul caribe. Cena nel ristorante El Pellicano di Marco,simpatico cuoco siciliano che dopo aver girato 4 anni per l’America ha deciso di stabilirsi qui, in queste isole da pirati.

7 febbraio 2008 isla bastimentos Oggi tour delle isole:baia dei delfini, cayo coral e red frog beach, escursione che tutti propongono a 20$. Piacevole giornata di relax e poi a cena da Roots, buon ristorante caribeno sul mare. 8 febbraio 2008 isla bastimentos-bocas-almirante-chiriqui’-las lajas Rifacciamo a ritroso il viaggio che ci ha portato al caribe e che ci permettera’ nello stesso giorno di vedere i due oceani. Scendiamo a chiriqui e poi un altro colectivos ci porta al paesino di Las Lajas, a una decina di km dal mare, e un taxi (5$) ci accompagna alle cabanas panama’ (38.5$) forse la sistemazione più lussuosa che questa bella spiaggia del pacifico che volevamo assolutamente vedere. E’ veramente particolare, al tramonto come il mattino presto l’effetto della marea che allunga la spiaggia per centinaia di metri, proprio come avevamo sentito da Massimo ed Elisa, una coppia italiana che ha deciso di stabilirsi qui e ha aperto un ristorante (Laspiaza) e tra un po’ anche bungalow e che sono tra le persone che più ci hanno dato info recenti e dettagliate su questo paese in continua trasformazione. 9-10-11 febbraio 2008 las lajas-santa clara Lasciamo Las Lajas e ci trasferiamo a Santa Clara in circa 3 ore di bus.

Ci concediamo qualche giorno di relax in questa bella spiaggia del pacifico.

Consigliatissime le cabanas las veraneras,sulla spiaggia con piscina e ottimo ristorante (55$).

Siamo nel fine settimana e possiamo notare come molti panamensi interpretino il relax in spiaggia ,bevendo birre ghiacciate che estraggono da enormi frigo , una dietro l’altra (le birre nazionali si chiamano Balboa, Atlas,Soverana e Panama’ e sono tutte leggere), sistemati sotto un tetto di paglia tra il fuoristrada parcheggiato a pochi metri e il ristorante! E basta fare quattro passi per essere di nuovo soli sulle spiagge immense del pacifico! 12 febbraio 2008 santa clara – panama city (albrook) – contadora Mattinata ancora in spiaggia,poi dopo mezzogiorno prendiamo un bus per panama city sulla panamericana che in un paio d’ore ci lascia ad albrook. Visita al centro commerciale e poi un taxi ci lascia all’aeroporto dei voli nazionali, a poca distanza, dove nel tardo pomeriggio prendiamo un aereo di Aeroperlas per Contadora, già prenotato da casa sul sito della compagnia (circa 75$).



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Boquete
    Diari di viaggio
    panama, il paese delle nuvole

    Panama, il Paese delle nuvole

    20/2 Non ho mai capito se la prospettiva migliore per vedere le cose sia dall'alto o dal basso o, ancora, se sia meglio riuscire vederle...

    Diari di viaggio
    panama... ma che ci andate a fare, ci dicevano!!

    Panama… ma che ci andate a fare, ci dicevano!!

    per l'esperienza di conoscere il popolo dei Kuna, fiero ed orgoglioso della propria storia, cultura e tradizioni... Indimenticabile. -...

    Diari di viaggio
    panama, caribe

    Panama, Caribe

    Panamà, 04 – 23 Agosto 2007 L’inizio di questo viaggio a Panama risale al 2003, in Costa Rica; precisamente nel Parco Manuel Antonio....

    Diari di viaggio
    panamà fai da te

    Panamà fai da te

    1 febbraio 2008 malpensa-panama city Arriviamo all'aeroporto internazionale Tocumen di Panama la sera del venerdì che precede la...

    Diari di viaggio
    la tierra entre los dos oceanos

    La tierra entre los dos oceanos

    25/12/2006 – MILANO MXP – ATLANTA (USA) – PANAMA Oggi è Natale. La tradizione vorrebbe che restassimo a casa per dedicarci alle...

    Diari di viaggio
    panama, il posto giusto al momento giusto!

    Panama, il posto giusto al momento giusto!

    Panama City mi compare arrivando dall’aeroporto ed è una collana di grattacieli che cinge la riva dell’ oceano; alla fine, sulla punta...