I Palij di Sant’ Alberto a Pietramontecorvino

Una gita fuori porta tra Fede e Natura!
 
Viaggiatori: 1
Spesa: Fino a €250 €

Pietramontecorvino,”Préte” in dialetto petraiolo, uno dei borghi più belli d’ Italia e bandiera arancione del Touring Club Italiano, ogni 16 di Maggio si prepara al pellegrinaggio del Santo Patrono, Sant’ Alberto, un vescovo cattolico italiano.

Una carovana di fedeli che per 7 chilometri sviluppa un cammino di devozione, tradizione e identità culturale…e per chi non è credente non c’è molta differenza, lo spettacolo è ugualmente suggestivo e difficile da spiegare.

Ovviamente io e mio marito non potevamo mancare.

Ci svegliamo di buon ora perché la processione parte alle 8.00 del mattino da Pietramontecorvino, per dirigerci verso la “Vecchia Cattedrale del Borgo” un sito archeologico in cui si trovano i ruderi dell’antica Cattedrale dimora di Alberto il Normanno e la “Sedia del Diavolo”, la vecchia torre di Montecorvino.

Una volta arrivati, parcheggiamo a valle e percorriamo i 7 chilometri a piedi e in salita, tira un vento fortissimo anche se caldo che ci destabilizza un po’ però il panorama è mozzafiato e ripaga gli sforzi. Arriviamo con netto anticipo e cominciamo a gironzolare, ci spostiamo verso l’antica torre incuriositi dal nome e per le nostre solite foto! Ci godiamo il profumo che arriva dai campi di grano ancora verde e a dire il vero ripensiamo a tutta la storia che da più di 100 anni spinge tutti questi partecipanti a percorrere il sentiero in terra battuta sino a questi ruderi.

La leggenda narra che Sant’Alberto il Normanno apparve in sogno a due donne, dicendo loro che per alleviare l’opprimente sete dei campi, la popolazione locale avrebbe dovuto compiere un pellegrinaggio penitenziale fino alla vicina Montecorvino. Così fecero e al ritorno le nuvole riversarono sui campi la pioggia promessa.

Devo dire che, considerando la rigogliosa vegetazione che si vede da quassù, un miracolo ai tempi deve essere davvero avvenuto. Aspettiamo circa un’oretta e da lontano cominciamo a sentire grida di incitamento e a vedere questa lunga fila di uomini e pali salire. Il vento tira fortissimo, deve essere molto faticoso reggere in equilibrio questi pesantissimi fusti: pali di legno che possono pesare fino a 150 kg, sorretti per lo più da giovani, tantissimi giovani che li mantengono dritti come aste di bandiera attraverso delle lunghe funi. C’è tantissima euforia nell’aria e tantissima soddisfazione, lo leggo sui volti stanchi di questi ragazzi dalle maglie madide di sudore e dall’animo più leggero.

È ormai ora di pranzo e vedere tutta quella fatica ci ha fatto venire fame. Attendiamo la Benedizione del Santo e la fine della celebrazione religiosa, poi ripercorriamo tutti e 7 i chilometri per ritornare alla macchina. Per fortuna, questa volta, la strada è in discesa! Decidiamo di raggiungere il centro storico di Pietramontecorvino, che merita assolutamente una visita sia per la Torre Normanna che per la Chiesa Matrice che per il Palazzo Ducale e di andare a mangiare un bel panino col ” capecolle”, salume tipico, accompagnandolo ad un bicchiere di Cacc’e mitte, il celebre vino della zona di Lucera.

Guarda la gallery
i palij di sant' alberto a pietramontecorvino

20170516_101533

20170516_102328

20170516_102352

20170516_103415

20170516_104447

20170516_110726



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
malaga e dintorni

Malaga e dintorni

la via francigena a modo nostro

La Via Francigena a modo nostro

La genesi  Quando il capo conferma le ferie, scatta l’Inferno! E nel mezzo del cammin...

lanzarote, l'isola che non ti aspetti

Lanzarote, l’isola che non ti aspetti

Dopo mesi di prigionia forzata da pandemia ed altri problemi finalmente sembra di vedere...

Leggi i Diari di viaggio su Puglia
Diari di viaggio
pulo di altamura e altopiano delle murge

Pulo di Altamura e Altopiano delle Murge

La grande dolina carsica che mi era difronte, era immensaMente inquietante, mi rimanevano due scelte: Fermarmi e aggirarla o scendervi...

Diari di viaggio
viaggio in italia: 7 giorni tra basilicata e puglia

Viaggio in Italia: 7 giorni tra Basilicata e Puglia

Vista l’incertezza del periodoIo, io e il mio compagno non avevamo pianificato di fare un viaggio, ma alla fine, dalla mattina alla sera,...

Diari di viaggio
puglia: il tacco della stivale come non l'avevi mai visto

Puglia: il tacco della stivale come non l’avevi mai visto

Ciao amici viaggiatori, mi chiamo Aurora ed oggi voglio portarvi con me nel tacco dello stivale, nella meravigliosa Puglia! Tappa...

Diari di viaggio
viaggio nel mondo del fico mandorlato

Viaggio nel mondo del Fico Mandorlato

Golosi di tutta Italia, dico a voi! Quello che vi racconto oggi non è un luogo, è più un esperimento di scrittura antropologica....

Diari di viaggio
jazz nel sud italia in vespa

Jazz nel Sud Italia in Vespa

Sarà una lunga notte. Lunga, lunga, lunga. Lunga perché domani, nel primo pomeriggio, inizieremo il nostro nuovo lento viaggio (che...

Diari di viaggio
grotta della poesia

Grotta della Poesia

Nel cuore del Salento, nel territorio di Melendugno si trova la Grotta della Poesia (o meglio, LE Grotte della Poesia, una grande e una...

Diari di viaggio
una giornata tra mare e trulli

Una giornata tra mare e trulli

Il nostro itinerario comincia da Matera, la città dei Sassi: dopo aver soggiornato 2 notti qui, spinti da consigli di amici e parenti, e...

Bari: cosa fare nel capoluogo pugliese

Basilica di San Nicola La Basilica si trova nel quartiere vecchio della città ed è stata realizzata secondo i criteri dello stile...

Gita a Trani, una città romantica

Se si pensa a Trani viene subito alla mente la sua cattedrale, magnificamente affacciata sul mare. La Cattedrale di Santa Maria Assunta è...

Castel del Monte tra storia e misteri

Una giornata del nostro tour l’abbiamo voluta dedicare a Castel del Monte, quello raffigurato sulla moneta di un centesimo, giusto per...