Oman itinerante in autonomia

Viaggio in 4x4 con due bambini al seguito ammirando splendide albe sulle dune, castelli, mercati caratteristici, città e piccoli villaggi, canyon e paesaggi costieri
Scritto da: cesena
oman itinerante in autonomia
Partenza il: 27/01/2017
Ritorno il: 06/02/2017
Viaggiatori: 4
Spesa: 2000 €

Il programma di questo viaggio è impegnativo. Abbiamo cercato di concentrare in soli 10 giorni quanto di meglio, dopo varie letture, ci è sembrato che questo paese potesse offrire. Km in auto circa 1900. Non è adatto pertanto a chi è in cerca di una vacanza rilassante. La pianificazione è stata fatta per raggiungere Ibra il mercoledí per il mercato delle donne (col senno di poi non ne vale la pena), Nizwa il venerdì per il mercato del bestiame (assolutamente degno di nota) e Muscat il venerdì e sabato per riposarci e fare shopping quando molte attrazioni sono chiuse per festività religiosa.

Periodo per il viaggio: ottobre-febbraio

Gli occidentali che vivono in Oman ci hanno detto che già marzo sia sovrapponibile ad un torrido agosto italiano. In estate si raggiungono tranquillamente i 45-50 gradi, difficilmente tollerabili.

Visto turistico: ottenuto e pagato on-line con carta di credito direttamente sul sito ufficiale della polizia del Sultanato: https://evisa.rop.gov.om/voa. Per chi volesse solo richiederlo ma non pagarlo on-line (lo sconsigliamo perché la procedura è più lunga dovendo cambiare € o $ in valuta locale allo sportello del cambio che inoltre in aeroporto è notevolmente svantaggioso) il link è www.rop.gov.om/english/index.asp.

Costo visto turistico per una permanenza inferiore ai 10 giorni: 5 OR (da 11 a 30 giorni il costo è 20 OR). Passaporto valido per i 6 mesi successivi. Meglio avere pronta una fototessera (così ci ha suggerito l’addetta dell’ufficio consolare di Roma) ma a noi non è stata richiesta. Va acquistato un singolo visto per ogni viaggiatore, anche se minorenne ed il costo non varia.

Volo: diretto Milano Malpensa – Muscat con Oman Air, compagnia affidabilissima, 4 stelle su Skytrax (per intenderci Alitalia ne ha 3). Biglietto acquistato direttamente on-line sul sito della compagnia che ha un ufficio di rappresentanza a Milano con call canter che risponde in orario di ufficio dal lunedì al venerdì al seguente numero 02 87247500. Abbiamo programmato un “volo con destinazioni multiple”:Milano-Salalah all’andata, poi Salalah-Muscat e Musacat-Milano al ritorno. Bagaglio consentito in stiva: 30 kg. Dimensioni massime del bagaglio: 157 cm (sommatoria misure).

Totale: 1719,22€ per quattro persone usufruendo della promozione del 50% sul solo biglietto (tasse escluse) che Oman Air saltuariamente propone. Questo prezzo include anche il volo interno per Salalah.

Parcheggio auto Malpensa: GP parking www.gpparking.it/parcheggio-malpensa 33€ per 11 giorni, parcheggio scoperto ma con possibilità di tenere le chiavi a discrezione del cliente. Volendo parcheggio coperto ad un prezzo superiore. Leggermente più distante rispetto ad altri dai Terminal ma con personale cordiale (non è la prima volta che lo utilizziamo) e molto economico. Sul navigatore, a differenza di quanto riportato sul sito è molto più agevole impostare: Via Maddalena 10, 21019 Somma Lombardo

Auto: noleggio con Budget tramite il broker Rental Cars sul sito e-dreams. L’addetto contattato telefonicamente ha verificato direttamente con la compagnia che l’auto da noi prenotata fosse un 4×4 (non è scontato!). L’auto avrebbe dovuto essere una Hyunday Tucson. In entrambe le sedi ci è stata invece data una Suzuki Gran Vitara a benzina, appartenente alla stessa categoria. Si è rivelata essere comunque una buona scelta, salvo i consumi un po’ elevati, in un paese in cui però il carburante costa davvero poco. Auto prima tratta 115,74 € (2gg) più 5$ di tasse aeroportuali con full cover, inclusi pneumatici e cristalli, stipulata direttamente con Rentalcars. Auto seconda tratta 444,79 € (7gg) più 5$ di tasse aeroportuali con full cover inclusi pneumatici e cristalli stipulata direttamente con Rentalcars. Per il guidatore aggiuntivo: 3 OR al giorno. Per il seggiolino bimbo (che in Oman non è attualmente obbligatorio per nessuna fascia d’età): 2-3 OR al giorno. Noi abbiamo messo i nostri in uno scatolone ed imbarcati in stiva in aereo, tanto con 30 kg disponibili di bagaglio a persona non c’era alcun problema.

Patente: l’addetto della Budget prima del nostro arrivo ci aveva scritto si potesse tranquillamente stipulare il noleggio con la patente italiana (ho quella formato “carta di credito” con la traduzione anche in inglese), ma so, che in caso di controversie soprattutto legali per collisione, sarebbe sempre meglio avere quella internazionale.

Codice della strada: limite massimo sulle superstrade 120 km/h, mentre sulle strade è 100. I controlli radar sono numerosissimi e la legge è molto severa a questo riguardo. La nostra auto aveva un segnale sonoro impostato non appena si superavano i 120 km/h. Sono moltissimi anche i controlli rosso-semaforici. Passare con il rosso può costare una notte in galera, quindi attenzione. Il manto stradale è perfetto e la segnaletica precisa e bilingue ovunque. Circolare con l’auto non è assolutamente un problema. Il carburante è molto economico, ma non tutte le pompe di benzina, anzi pochissime fuori dai grandi centri abitati, accettano le carte di credito.

Assicurazione: Columbus 129,69 € per 4 persone per 11 giorni (abbiamo scelto la proposta intermedia tra 3, più l’opzione aggiuntiva per l’abbattimento della franchigia). Abbiamo valutato anche Worldnomads che oggettivamente offre una copertura migliore ad un premio più contenuto, ma l’abbiamo scartata perché non è possibile abbattere la franchigia e soprattutto perché, qualora ci fossero delle controversie, ci troveremmo a dibattere via mail con un ufficio in Australia, mentre la Columbus ha una sede a Milano. Prima di stipularla cercate sul web dei codici sconto per entrambe, ce ne sono sempre, del 10% solitamente. Entrambe possono essere stipulate fino al giorno stesso della partenza.

Cambio: conviene nei numerosi sportelli degli uffici di cambio nelle malls (di solito vicino all’ingresso dei supermercati). Ottimo cambio presso il Purshottam Kanji Exchange accanto all’ingresso dell’ipermercato Lulu a Salalah. Evitare l’aeroporto, il tasso è pessimo. Per fare un esempio, se presso le malls 1 € equivaleva a 0.40 OR, all’aeroporto il tasso era 0.36 a cui si aggiungeva 1 OR di commissioni. È indifferente cambiare € oppure $.

Abbigliamento: nonostante in Oman vi siano molti immigrati indiani, pakistani, cinesi che vedrete circolare con abiti simil-occidentali sarebbe buona norma evitare gli shorts per gli uomini, mentre per le donne evitare abbigliamento attillato e spalle scoperte (sono sufficienti le maniche corte). Non è necessario avere il capo coperto.

Guarda la gallery
oman-j7mmj

Deserto Wahiba

oman-dte4b

Moschea Muscat

oman-fqs2b

Fruttivendolo Salalah

oman-dz3t8

Barca Taqah

oman-w6us8

Fortezza Jabreen

oman-ku57v

Spiaggia Salalah

oman-4x5y2

Cammelli

oman-nk9uc

Fortezza Bahla

oman-mevky

Mercato del pesce Muscat



    Commenti

    Lascia un commento

    Muscat: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari