Ola! Que Pasa?

Tre giorni a Madrid con un'amica per dimenticare... un "periodaccio"!
Scritto da: ale1979
ola! que pasa?
Partenza il: 30/04/2010
Ritorno il: 03/05/2010
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Rimaste senza lavoro, dopo mesi e mesi di fatiche sottopagate, io e la mia ex collega Irene partiamo per Madrid. Fuga? Diciamo piuttosto un “mini viaggio terapeutico”, per alleggerirci dal troppo stress accumulato, per lasciarci alle spalle questa brutta esperienza, ma forse anche celebrare quanto c’è di buono nella vita, la nostra amicizia e la speranza che portiamo con noi di trovare, un domani, un posto migliore.

La meta è semplice semplice, vicina ed inedita per tutte e due. Prenotato il volo e l’hotel su internet per una spesa complessiva di 268 euro non resta che preparare una piccola valigia e partire.

Venerdì 30/4/2010

Partiamo puntuali da Fiumicino con il volo Easy Jet delle 10:45. In due ore siamo a Madrid, sotto un manto di nuvole grigie. Le indicazioni all’interno del terminal per raggiungere la metro sono talmente chiare che è impossibile perdersi. Compriamo un biglietto da 2 euro e, cambiate tre linee, in una quarantina di minuti arriviamo a Palos de la Frontera. La metropolitana di Madrid rappresenta la prima sorpresa. Non la immaginavamo così efficiente e pulita.

L’hotel AC Carlton è ad appena 300 metri. Si tratta di uno strepitoso 4 stelle, con camere moderne e un bagno enorme fornito di tutto.

Ci cambiamo e passiamo al Burger King più vicino per un panino veloce e una volta rifocillate entriamo nel bellissimo Parco del Buen Ritiro. E’ un vero e proprio polmone verde per la città, dove i madrileni vanno a rilassarsi o a fare sport. Ben presto ci renderemo conto che ogni quartiere a Madrid è arricchito di parchi e giardini. Altra sorpresa graditissima!!

Verso le 18 entriamo al Centro D’Arte della Reina Sofia. Paghiamo un biglietto di 6 euro, ma dalle 19 alle 21 si entra gratis. Già la struttura è affascinante, con quelle torri-ascensori trasparenti che si affacciano sulla piazza del Conservatorio, dove qualche artista di strada sta suonando una fisarmonica. Le sale sono minimaliste, grandi e luminose e offrono un’ ampia panoramica dell’arte più creativa e bizzarra, da Mirò a Dalì, dai manifesti di propaganda franchista a Picasso. Dopo la visita ci raggiunge Arturo, un amico di Irene che sta studiando nella capitale spagnola grazie al progetto Erasmus. Ci racconta di quanto si trovi bene, della sua scarsa voglia di tornare in Italia, dopo quasi otto mesi passati a contatto con i madrileni che definisce simpaticamente come “modaioli nottambuli”. Ci fa fare un giretto a piedi per la città, passando per Paseo del Prado fin su a Plaza de la Cibeles, ma non riusciamo a proseguire oltre: siamo stanchissime. Lo invitiamo a cena, ma purtroppo per stasera ha già un impegno, così lo salutiamo, con la promessa di rivederci tra sabato e domenica, cosa che non avverrà, e ce ne andiamo a mangiare nel Museo del Jamon… il nome promette bene! Assaggiamo il prosciutto serrano, una deliziosa caciotta locale e l’empanada, una specie di tortino farcito di tonno o di carne. Crolliamo dal sonno.

Sabato 1/5/2010

Colazione da Starbucks, uno dei pochi locali aperti alle 8:30 del mattino, e passeggiata per il Paseo del Prado per raggiungere l’omonimo museo ma, una volta arrivate scopriamo che oggi, per la Festa dei Lavoratori, è chiuso. Visitiamo allora il centro della città partendo da Plaza de la Cibeles fin giù a Calle de Alcalà costeggiando meravigliosi palazzi dalle cupole dorate, come il Metropolis, e il Casinò. A Plaza de la Puerta del Sol, tra manifesti che gridano a una pensione più dignitosa per i lavoratori, ci imbattiamo nel simbolo di Madrid, l’orso che mangia i frutti del corbezzolo. Peccato che abbiamo già fatto colazione… qui c’è la famosa pasticceria La Mallorquina e il profumo che proviene dall’interno è fin troppo invitante. I negozi sono quasi tutti chiusi, tranne qualcuno che vende souvenir davvero molto originali. Da Plaza de Isabel II oltrepassiamo il Teatro Real e ci ritroviamo nella splendida Plaza de Oriente, proprio di fronte al Palazzo Reale. C’è tantissima gente, c’è molta allegria, complice il giorno di festa o semplicemente l’estate che sembra già arrivata in Spagna. Visitiamo un altro parco curatissimo, i Giardini di Sabatini, poi, imbattendoci in ballerini di flamenco e improbabili illusionisti da marciapiede, ci inoltriamo per Calle de Santiago e Plaza Mayor, stupenda. Sotto gli archi i locali e i ristoranti sono presi d’assalto da turisti affamati, mentre al centro si sta svolgendo uno spettacolo folkloristico con ballerini in costume che danzano sulle note di nacchere e tamburi. Con questi ritmi è impossibile star fermi! Sono bravissimi, nonostante l’età media sia intorno ai 60 anni, ed è bello vederli alla fine dello spettacolo con un po’ di fiatone e tanta soddisfazione negli occhi. Per pranzo vorremmo provare le famose tapas a 1 euro l’una nel Mercato di San Miguel, ma a quest’ora è una massa informe di persone. Preferiamo fermarci nelle vicinanze in un localino chiamato Los Nobles de Castillia. Assaggiamo delle tapas a base di paella, calamari fritti e patate ali oli, con una gustosa salsa di maionese insaporita all’aglio e al prezzemolo. Sempre a piedi proseguiamo per Plaza de Espana, dove hanno allestito un mercatino per gli adulti e un parco giochi per i bambini. Dalla Gran Via, piena di cinema, ristoranti e teatri rieccoci a Plaza de la Cibeles, quindi tempo di un succo di frutta, e ce ne torniamo in albergo per riposare un po’. La sera andiamo a cena nella Cerveceria 100 montaditos, dove assaggiamo anche dell’ottima birra.

Domenica 2/5/2010

Passeggiando per il Parco del Buen Ritiro, popolato già alle 9 del mattino da corridori, musicisti e scoiattoli, arriviamo al Prado dove, in occasione della giornata della cultura, entriamo gratuitamente. La cartina presa all’ingresso ci guida per le sale del museo, un po’ troppo caotiche nell’esposizione. Principalmente vediamo Goya, Velasquez, El Greco, qualche pittore fiammingo e italiano. Restiamo due ore abbondanti e stanchissime usciamo per andare a pranzo all’Hard Rock Cafè scendendo alla fermata metro Colon. Comprati altri regali per parenti e amici ci buttiamo sul prato del parco dirimpetto al ristorante, i Jardines de Descubrimiento, dove troneggia un’enorme bandiera spagnola e, una volta riposate, riprendiamo la metro e scendiamo alla fermata Sol per un pomeriggio di puro shopping!



    Commenti

    Lascia un commento

    Madrid: leggi gli altri diari di viaggio