Nuova Zelanda e Fiji

Viaggio di nozze on the road in Nuova Zelanda e relax nello stupendo mare delle Fiji.
 
Partenza il: 07/09/2009
Ritorno il: 28/09/2009
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

In queste pagine troverete il racconto del nostro viaggio, anche se vi sembrerà lungo ho tentato di essere il più sintetica possibile. Tutti coloro che volessero ulteriori informazioni sul viaggio non esitino a contattarmi via mail. Prima di iniziare a narrarvi il viaggio vi voglio dare alcuni consigli.

Pernottamento: se escludiamo le 2 notti in albergo prenotate dell’italia, per il resto abbiamo scelto al momento; noi non abbiamo avuto problemi a trovare gli alloggi essendo bassa stagione, tuttavia consiglio in altri periodi più frequentati di rivolgersi agli i-site (corrispondono ai nostri uffici informazioni turistici presenti in tutte le maggiori località), i quali gratuitamente o a fronte di piccole commissioni offrono il servizio di prenotazione. Quindi il giorno prima si può prenotare l’alloggio per la località d’arrivo del giorno dopo. Come sistemazione noi consigliamo le “units” (strutture dotate d’ingresso/cucina, camera e bagno) di solito meno costose di alberghi e motel. Il prezzo in media si aggira ai 100$ per alloggio a notte che al cambio attuale sono circa 50€ quindi prezzi molto accessibili.

Clima: le parole che meglio lo descrivono sono instabile e variabile. Nonostante la Nuova Zelanda si trovi nell’emisfero a noi opposto non basta invertire le stagioni, in quanto sviluppandosi essa in ben 14 paralleli ed essendo interamente circondata da mari freddi le temperature a parità di stagione sono di diversi gradi più basse delle nostre. Il periodo da noi scelto corrisponde alla primavera e come da noi è una stagione molto bella soprattutto per il rifiorire della vegetazione dopo il lungo inverno. Il vestiario consigliato è vario, pratico e informale poiché bisogna essere pronti ad ogni evenienza essendoci in questo paese una varietà notevole di ambienti dalle calde spiagge alle montagne di oltre 3000 m.

Spostamenti: per visitare questo immenso paese vi consigliamo indubbiamente di noleggiare una macchina in quanto la rete ferroviaria e degli autobus non è ben sviluppata. Le strade sono tutte ben asfaltate e poco trafficate; sono interamente immerse nel verde e ovunque si rivolga lo sguardo si vedono colline con centinaia di mucche e pecore al pascolo. Bisogna fare particolare attenzione ai limiti di velocità che sono molto bassi e spesso ingiustificati in molte zone di aperta campagna. Molto facile è essere multati e alessio ve lo potrà confermare, in quanto dopo il rientro in italia si è visto recapitare una multa per eccesso di velocità presa nei pressi di dunedin immortalato da una speed camera senza accorgersene.

Valuta: essendo un paese moderno le carte di credito sono accettate ovunque ma se necessitate cambiare valuta, consiglio di rivolgersi agli exchange office che applicano commissioni più basse di quelle applicate dalle banche.

Infine vorrei dire che la nuova zelanda è un paese sicuro la cui popolazione è molto gentile e accogliente, tutte le persone da noi incontrate sono sempre state disponibili e cortesi.

7 settembre 2009 (venezia – dubai)

Finalmente si parte verso la nuova zelanda meta del nostro viaggio. Siamo partiti alle 16.00 da venezia con volo emirates e siamo arrivati a dubai a mezzanotte. Dopo aver lasciato i bagagli all’arabian park hotel (pulito e moderno ma immerso nel nulla)abbiamo preso un taxi che per circa 35 euro ci ha fatto fare un giro della città di 2 ore. Finalmente alle 3 andiamo a dormire stanchi ma soddisfatti del nostro tour della città.

8 settembre

Dopo una levataccia impegnativa, dovuta alle sole 3 ore di sonno, e una buona colazione ci rechiamo in aeroporto. Dove dopo aver espletato di nuovo le pratiche del check-in scopriamo che, per i voli intercontinentali che prevedono uno scalo tecnico a dubai di durata inferiore alle 24 ore è possibile fare a meno di ritirare le valigie poiché questo viene considerato come un semplice transito quindi ci si può risparmiare un check-in e guadagnare tempo….magari da dedicare a ore di sonno! nonostante gli scongiuri di alessio, in aereo a fianco a noi ci sono dei bambini che alla fine però si sono rivelati abbastanza tranquilli, infatti siamo riusciti a dormire qualche oretta.

9 settembre (Auckland)

Erano circa le 13 ora locale, quando dopo uno volo di 18 ore con scalo tecnico a melbourne, siamo giunti ad auckland, detta città delle vele, situata nell’isola nord. Una volta recuperati i bagagli, abbiamo preso il bus airport-city che, con 15$ a testa ci ha portato in centro dove avevamo prenotato il mercure hotel (l’unico insieme a quello a christchurch prenotato dall’italia). Dopo la sistemazione dei bagagli ci siamo diretti subito a vedere il porto e poi siamo saliti sulla sky tower ( 28$ a persona ) dalla quale si gode un magnifico panorama della splendida baia. Scesi dalla torre, abbiamo deciso di fare un giro per negozi ma purtroppo qui chiudono quasi tutti alle 18. Visto la stanchezza dovuta al viaggio abbiamo deciso di cenare presto al thai chili vicino all’albergo: abbiamo mangiato bene a prezzi abbordabili. Dopo una doccia rigenerante, ci siamo infilati a letto stremati e ci siamo addormentati all’istante.

10 settembre (Auckland – Coromandel town 160 km)

Sveglia alle 8 e dopo aver fatto colazione al bar, ci avviamo di nuovo all’esplorazione della città. La mattina l’abbiamo dedicata ai parchi situati in centro, prima siamo andati all’albert park e poi all’auckland domain. Entrambi i giardini sono ben curati e al loro interno vi sono moltissimi alberi secolari di notevoli dimensioni. All’interno del domain abbiamo ammirato gratuitamente i winter gardens, che non sono altro che due grandi serre ricche di numerose varietà di fiori. Poi, incuriositi da un depliant, siamo andati a visitare gli eden garden (24,omana avenue) e trovarli non è stato facile. A dover essere onesta sono carini ma niente di spettacolare. Visto la lunga passeggiata per arrivarci al ritorno abbiamo preso il bus ( 0.80 cent a pax ) che in 5 minuti ci ha riportato in centro. Alle 14 siamo andati a ritirare l’auto che avevamo prenotato dall’italia (budget car and truck rental),per paura che ci assegnassero un auto con il bagagliaio troppo piccolo per le valigie avevamo scelto una berlina. Ci hanno consegnato una toyota berlina quasi nuova e grandissima con cambio automatico immaginatevi quindi la difficoltà di alessio all’inizio per guidarla considerando soprattutto che qui c’è la guida a sinistra!!! dopo una partenza difficile, ci siamo diretti verso la coromandel peninsula. Lungo la strada è indubbiamente la natura l’unica protagonista: è tutto un susseguirsi di pascoli e di boschi con vegetazioni di varia specie da quella tropicale alle grandi foreste di kauri. Durante il tragitto siamo stati incuriositi dalla scritta hot-pools nei dintorni della località miranda: una volta arrivati abbiamo scoperto essere un piccolo complesso termale. Questa deviazione ci è costata un’ora di strada e per di più ci siamo trovati nel bel mezzo di un acquazzone tanto breve quanto intenso. Lungo il percorso abbiamo attraversato la città di thames, di cui sicuramente si può evitare la visita. Dal momento che erano le 17.30 ci siamo diretti verso coromandel town dove avevamo deciso di dormire. La distanza è solo di 54 km ma non avevamo considerato che essendo una strada costiera l’andatura si sarebbe notevolmente ridotta anche a causa dell’imbrunire; infatti ci abbiamo messo un’ora e mezza. Purtroppo per noi, considerando che il sole tramonta verso le 18.30, non abbiamo potuto godere a pieno del panorama che abbiamo immaginato essere davvero meraviglioso. Arrivati in città, ci siamo resi conto che era molto più piccola di quanto pensavamo; e allora abbiamo dedotto che le dimensioni delle città visualizzate nelle loro cartine sono proporzionali alla loro densità di abitanti che è molto più bassa della nostra. Dopo una breve ricerca abbiamo trovato un cottage all’anchor lodge, al prezzo di 85$, molto carino e pulito. Il problema invece è stato quello di trovare un ristorante per mangiare perché essendo bassa stagione molti sono chiusi e i pochi aperti chiudono presto. Alla fine siamo riusciti a trovare degli ottimi club sandwich/hamburger al coromandel hotel/restaurant dove per la modica cifra di 37 $ abbiamo mangiato. Abbiamo deciso che, considerando che il sole tramonta presto in nz,ci alzeremo presto la mattina e andremmo a letto prima la sera per sfruttare al massimo la giornata con il sole….quando c’è!!!!

Guarda la gallery
christchurch-fc26j

Nugget Point

christchurch-5f582

Foca

christchurch-9r881

Auckland

christchurch-nm5gy

Yasawa2

christchurch-xfy32

Wanaka

christchurch-5h8k7

Yasawa1



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Auckland
    Diari di viaggio
    nuova zelanda in moto: racconti di un altro mondo
    ELY

    Nuova Zelanda in moto: racconti di un altro mondo

    di bestiame e greggi di pecore.Dunedin – Christchurch Ripartiamo per la nostra meta finale costeggiando l’oceano; durante il...

    Diari di viaggio
    road trip in van alla scoperta della nuova zelanda

    Road Trip in van alla scoperta della Nuova Zelanda

    Road trip in van alla scoperta della Nuova Zelanda MAORI E INGLESE Un road trip per immergersi nella cultura della Nuova Zelanda, che ci...

    Diari di viaggio
    nuova zelanda in autonomia

    Nuova Zelanda in autonomia

    Questa è la seconda parte del nostro viaggio di tre mesi in Vietnam, Nuova Zelanda, Polinesia Francese, Nuova Caledonia e Corea del...

    Diari di viaggio
    grand tour sulle orme di bilbo baggins

    Grand tour sulle orme di Bilbo Baggins

    Grand tour sulle orme di Bilbo Baggins Dal 16 febbraio al 22 agosto 2016.Costo volo Emirates/Quantas €2.910 (prezzo complessivo)...

    Diari di viaggio
    viaggio di nozze in nuova zelanda

    Viaggio di nozze in Nuova Zelanda

    Aotearoa, "la terra della lunga nuvola bianca" come la chiamano i Maori Oggi è il mio trentesimo compleanno e per non pensarci troppo ecco...

    Diari di viaggio
    sydney e nuova zelanda

    Sydney e Nuova Zelanda

    Prima di raccontarvi il nostro viaggio a Sydney e nella North Island della Nuova Zelanda, qualche informazione utile:I tanti opuscoli...

    Diari di viaggio
    il viaggio dei sogni... diventa realtà

    Il viaggio dei sogni… diventa realtà

    DOMENICA 12 APRILE Dopo tanta attesa finalmente ci siamo sposati e non poteva mancare il viaggio di nozze dall'altra parte del mondo,...

    Diari di viaggio
    il sogno di una vita: viaggio di nozze in nuova zelanda

    Il sogno di una vita: viaggio di nozze in Nuova Zelanda

    Nuova Zelanda, il sogno di una vita Ricordo ancora la prima volta che ho sentito parlare della Nuova Zelanda come meta per un viaggio....

    Diari di viaggio
    asia e oceania

    Asia e Oceania

    11 gennaio La nostra avventura inizia col volo della easy jet Cagliari/Malpensa, dove facciamo tappa fino all'indomani mattina....

    Diari di viaggio
    nella terra dei kiwi

    Nella Terra dei Kiwi

    La Nuova Zelanda è la Terra dalle lunghe nuvole bianche come la chiamano i Maori (Aotearoa), cosa che si è dimostrata vera fino alla fine...