Normandia e Bretagna 10

Una coppia di 59enni a zonzo per la Francia
 
Partenza il: 29/07/2013
Ritorno il: 10/08/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

DIARIO DI VIAGGIO- NORMANDIA –BRETAGNA , dal 29.7 al 13.8.2013

Dino e Rita anni 59, Cerro Veronese (Verona) – AUDI A4 – Km.percorsi 4.492-

Per organizzare il viaggio ci siamo serviti di:

-Guida della Touring.

-Letto alcune recensioni sul sito “Turisti per caso” i diari.

-Cartina “Michelin” su cui abbiamo fissato le tappe.

-Il sito Booking per prenotazione alberghi.

-Navigatore: Programma della Sygic.

Note

-Munitevi di binocolo

– Il prezzo più basso del carburante lo trovate nelle aree dei discaunt.

1° giorno lunedì 29.07.2013 – CERRO VERONESE – ROUEN

Dopo circa un mese di preparativi, finalmente si parte!

Alla volta del traforo del Monte Bianco, nei pressi di Aosta un nubifragio rallenta la nostra tabella di marcia, ma non è un problema la nostra vacanza è iniziata ed anche questa sarà una emozione che segnerà i nostri ricordi di viaggio.

Entrati in Francia il tempo migliora, ma fino alla periferia di Parigi si alternano sprazzi di cielo sereno ad acquazzoni improvvisi; dopo un paio di soste nelle attrezzatissime aree di servizio francesi, giungiamo verso le 17.30 alla periferia della capitale, dove una deviazione per lavori in corso ci impedisce di prendere la rout de Normandie che doveva portarci diretti a Rouen. Ci perdiamo così tra dedali chilometrici di tunnel che ci portano al centro di Parigi!

Che piacevole imprevisto! Ecco apparire difronte a noi lo skai line della Defence e dopo qualche tentativo di uscita, l’Arco di Trionfo….poi inforchiamo un l’ennesimo tunnel e finalmente la strada per Rouen (il navigatore non riceve in galleria…)

Questo fuori programma ci fa arrivare a Rouen con due ore di ritardo rispetto la tabella di marcia, sono le ore 21 quando alloggiamo all’Hotel S.Severe in “Place de L’Eglise St.Severe”, la stanza è piccola ma pulita l’affaccio è proprio sulla omonima chiesa, anche se pioviggina e siamo un pò stanchi per i chilometri percorsi, facciamo comunque due passi nel quartiere di S.Severe , l’indomani avremo tutto il giorno per visitare Rouen.

2° giorno martedì 30.07.2013 – ROUEN

Piove ancora, prendiamo la metropolitana e in tre fermate siamo nel cuore della città. Percorriamo la via principale “Roue du Gros Horologe” e proprio dalla Torre del Le Gros Horologe inizia la nostra prima visita, 6 euro l’entrata, 40 minuti la visita con audioguida, ogni piano della Torre racconta la storia di uno dei più vecchi orologi d’Europa, dall’alto della torre si ammira il panorama sulla città punteggiato dalla cattedrale di Notre Dame, dalla moderna architettura di St.e Jeanne d’Arc in Place du Vieux Matché, dal Palais de Justice, la chiesa di St.Ouen; arriviamo in Place de la Cathédrale visitiamo Notre-Dame la chiesa resa famosa dai dipinti di Monet che l’ha dipinta in più tele per fissare l’effetto della luce in diversi momenti della giornata. Giriamo nelle viuzze incorniciate da fiabesche case a graticcio, prendiamo un caffè in un bar d’angolo nel cuore del medioevale ghetto ebraico, proprio difronte al Palais del Justice, una leggera pioggerella ci fa indugiare davanti all’eleganza architettonica di questo edificio di stile gotico civile.

La Place du Vieux-Marché è quasi interamente occupata da una struttura moderna a copertura del mercato, dalla chiesa che onora Ste.Jeanna d’Arc e dal monumento che ricorda il punto dove la “pulzella d’Orléans” venne arsa viva, queste architetture moderne contrastano troppo, a nostro avviso, con la parte antica della piazza con le sue case a graticcio e gli edifici in stile neoclassico. E’ l’ora di pranzo e in questa piazza non manca la possibilità di scelta fra ristorantini, brasserie e bistrot che propongono tutte le specialità della cucina tipica di Normandia, scegliamo di pranzare al ristorante “La Toque d’Or” dove assaggiamo i nostri primi piatti della tradizione francese, la cucina è ottima ed i prezzi modici, ma attenti al vino…

Con tutta calma verso le 17.30 decidiamo di rientrare, ma prima di salire in camera facciamo un giro nel centro commerciale St.Sever che fa parte dello stesso complesso in cui si trova l’hotel.

3° giorno mercoledì 31.7.2013 – STRADA delle ABBAZIE – FECAMP – ETRETAT – HONFLEUR

Lasciamo Rouen alle 8.30 per dirigerci all’abbazia di St.Martin de Boscerville, impostiamo il navigatore e via attraverso lussureggianti pascoli, campi di grano, coltivazioni agricole, allevamenti di mucche e cavalli, fattorie e piccoli villaggi in cui sembra che il tempo si sia fermato; intorno alle ore 10 arriviamo nel silenzioso borgo che ospita l’imponente e deserta abbazia di St.Martin de Boscerville, la visitiamo con l’aiuto della guida Touring, poi proseguiamo alla volta di quella di St.Wandrille una delle più antiche della Normandia in cui tutt’oggi vive una comunità di monaci Benedettini, arriviamo al momento della S.Messa, che si celebra nella chiesa costruita nel granaio delle decime.

Proseguiamo il viaggio verso il nord della Normandia fino alla costa per vedere le falesie di Fecamp, ma prima facciamo un giro nel centro per visitare le “palais Bénédictine” museo di arte sacra e distilleria dove ancora oggi si produce, con spezie e piante di 27 specie diverse, il liquore Bénédectine secondo un’antica ricetta creata dai monaci nel secolo XVI. Riprendiamo l’auto e ci dirigiamo al porto dove parcheggiamo; percorriamo il lungo mare e davanti a noi si staglia una delle falesie più alte della Normandia. Sono le ore 13 e per pranzare ci fermiamo in un ristorantino sul porto: “La Plaisance” ottimi piatti di pesce! Dopo il pranzo, percorriamo un pontile che porta vicino ad un piccolo faro in direzione della falesia, ci godiamo un po’ di sole sulla spiaggia ghiaiosa, scattiamo alcune foto e partiamo per Etretat.

Giungiamo nella piazzetta dove si trova l’ufficio turistico, entriamo a prendere la piantina di Etretat e vediamo che siamo a cento metri dalle falesie, imbocchiamo Roue Monge traboccante di negozi di souvenir ed in breve arriviamo alla piccola spiaggia delimitata a sud dalla falesia di Aval dalla forma di proboscide di elefante che si tuffa nel mare e a nord dalla falesia d’Amont raggiungibile anche in macchina e su cui si trova la graziosa cappella di Notre Dame de la Garde. Il panorama è incantevole ma fa troppo caldo e il luogo e troppo affollato decidiamo di non salire alle falesie ma di proseguire verso Hnfleur.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bretagna
    Diari di viaggio
    normandia e bretagna 2022

    Normandia e Bretagna 2022

    Diario di viaggio in Normandia e Bretagna (Francia)Considerazioni generali e info utiliPersone: 2 adulti Spesa finale: circa 1400...

    Diari di viaggio
    bretagna e normandia on the road 2

    Bretagna e Normandia on the road 2

    MONT SAINT-MICHEL, NORMANDIA E DINTORNI (17-21/05/2018) Mont Saint-Michel è sempre stato per me un luogo magico, ma chissà...

    Diari di viaggio
    assaggio di francia

    Assaggio di Francia

    Siamo atterrati a Parigi Beauvais nel tardo pomeriggio, giusto il tempo di prendere l’auto in affitto già prenotata su internet, e...

    Diari di viaggio
    bretagna on the road 2

    Bretagna on the road 2

    Partenza il 12 agosto all’alba da Druento (TO) e via Briançon dopo 830 Km e 9h e 15’ di viaggio siamo a Tours, dove pernottiamo....

    Diari di viaggio
    in bretagna tra oceano e antiche tradizioni

    In Bretagna tra oceano e antiche tradizioni

    Iraq, i ruggenti anni ’60 americani, ecc.), una fantastica sezione dedicata alla Formula Uno (con foto, cimeli, filmati e ovviamente...

    Diari di viaggio
    normandia e bretagna 10

    Normandia e Bretagna 10

    DIARIO DI VIAGGIO- NORMANDIA –BRETAGNA , dal 29.7 al 13.8.2013 Dino e Rita anni 59, Cerro Veronese (Verona) - AUDI A4 –...

    Diari di viaggio
    sbarco in normandia 2

    Sbarco in Normandia 2

    soddisfatti e ci dirigiamo verso Rouen. Capitale storica della Normandia, Rouen fu teatro del martirio di Giovanna d’Arco condannata al...

    Diari di viaggio
    meravigliosa bretagna

    Meravigliosa Bretagna

    ITINERARIO BRETAGNA: questo è un diario di viaggio per dare un’idea di quali paesi visitare e di quelli che è meglio evitare....

    Diari di viaggio
    uno scrigno chiamato bretagna

    Uno scrigno chiamato Bretagna

    In verità non sapevo proprio bene cosa aspettarmi, pensavo però che ormai dopo il boom del mercato immobiliare che ha rovinato tanti...

    Diari di viaggio
    normandia e bretagna più paris

    Normandia e Bretagna più Paris

    Questo è il resoconto del nostro viaggio che ha toccato Parigi, la Normandia, la Bretagna e la valle della Loira. Tutto in auto da Milano...