Non il solito messico

VENERDI’ 8 AGOSTO – 1° GIORNO Finalmente ci siamo! Si parte! Abbiamo atteso 8 mesi questo giorno, è da dicembre che abbiamo prenotato il volo per paura di non trovare posto, e … abbiamo veramente deciso di andarci in Messico, sì, non il solito Messico, ma uno un po’ alternativo, fuori dai canoni… Siamo in tre, tutte donne ovviamente,...
 
Partenza il: 08/08/2003
Ritorno il: 30/08/2003
Viaggiatori: fino a 6
Spesa: 2000 €

VENERDI’ 8 AGOSTO – 1° GIORNO Finalmente ci siamo! Si parte! Abbiamo atteso 8 mesi questo giorno, è da dicembre che abbiamo prenotato il volo per paura di non trovare posto, e … abbiamo veramente deciso di andarci in Messico, sì, non il solito Messico, ma uno un po’ alternativo, fuori dai canoni… Siamo in tre, tutte donne ovviamente, è più divertente: io (Tiziana), Gioia e Fabiana. Arriviamo in anticipo all’aereoporto di VENEZIA, è un week-end caldo per le partenze e abbiamo paura di perdere l’aereo… Partiamo dal Marco Polo alle ore 8.10 (in realtà sono le 8.40 quando l’aereo decolla), 2 ore di volo fino a MADRID. Qui ci imbarchiamo in orario (contro tutte le previsioni) sul volo delle 12.30, ma rimaniamo fermi in attesa fino alle 13.30 perché in mezzo alla pista c’è qualcosa (una gomma?) che deve essere tolto (e ti pareva …). Arriviamo a MEXICO CITY alle 17.00 locali dopo 11.30 ore di volo, di cui l’ultima, a causa del cattivo tempo, parecchio tormentata…

In aeroporto passiamo subito all’Avis a controllare se la prenotazione della macchina che abbiamo effettuato dall’Italia esiste davvero (sembrerebbe di sì) e cambiamo U$ 200 a testa. Prendiamo un taxi ufficiale pre-pagato ($ 240) così siamo tranquille, ma evidentemete la tranquillità si paga … Arriviamo all’Hotel Metropol in Calle Moya tra Independencia e Articolo 123 e molto vicino all’ALAMEDA CENTRAL, che, sorpresa delle sorprese, è molto carino. Gioia e io andiamo a cena e ci mangiamo una zuppa di verdura. Io anche 2 uova con pomodoro e fagioli: mamma mia… infatti la notte mi rivolto nel letto per un bel po’… Poi dormiamo: siamo stravolte e la giornata di domani sarà impegnativa… SABATO 9 AGOSTO – 2° GIORNO Come da programma, dopo avere fatto abbondantemente colazione, alle 8.00 prendiamo in taxi (all’1 di notte eravamo già sveglie… colpa del fuso!), lo carichiamo di bagagli e ci dirigiamo verso l’ufficio dell’Avis di PASEO DE LA REFORMA. Con immensa sorpresa e gioia (ci sembra impossibile!) ci rendiamo subito conto che è un noleggiatore molto serio ed efficiente! (anche se siamo in Messico…): compiliamo dei moduli, ci preparano l’assicurazione, Gioia consegna la sua carta di credito come garanzia (si pagherà comunque alla fine). Nel mentre arriva il nostro super mezzo: una Wolfswagen Jetta blu notte brillante nuova fiammante! Ha perfino il cambio automatico, l’AC, l’impianto stereo e il serbatoio pieno!!! Mi offro (brillante idea!) di guidare in uscita da MEXICO CITY e quindi mi metto al volante per fare pratica (non ho mai usato il cambio automatico!): partiamo con la macchina che sgomma e inchioda (come nei film… quando qualcuno non sa guidare…)! Pensavo fosse più facile! Un po’ alla volta prendo confidenza e ci dirigiamo verso la nostra prima meta: TEOTIHUACÁN. Sono già le 9.30.

Per mia immensa fortuna è sabato e la città non è brulicante di milioni di macchine di pendolari: si procede in scioltezza (si fa per dire…) per PASEO DE LA REFORMA, bellissimo viale alberato tra edifici e grattacieli ultramoderni e tecnologici: è una bella giornata di sole! Non fosse per la difficoltà immensa di guidare una macchina automatica, capire con che logica funzionano i semafori e i cartelli stradali, tenere a bada i messicani alla guida (ognuno si fa da sé le sue regole), trovare la strada giusta dopo esserci perse più volte (quante imprecazioni), chiedere informazioni a gente che non sa nemmeno il nome della via in cui abita, sarebbe andato tutto bene…!!! Non esistono cartelli stradali nè indicazioni, niente, completamente assenti!!! Nessuno che conosce la strada, nessuno che sa leggere cartine, niente di niente!!! Cominciamo bene… Arriviamo a TEOTIHUACÁN dopo aver percorso una specie di autostrada/tangenziale tra le favelas abbarbicate sulle colline e ordinate, si fa per dire, secondo un fittissimo reticolo angosciante e grigio (che impresa!), intorno alle 11.00: anche se ci sono già stata (per me è il secondo viaggio in Messico) la vista delle piramidi mi toglie ugualmente il fiato. Sono veramente maestose! Ovviamente scaliamo subito la superba PIRÁMIDE DEL SOL: per fortuna la grande massa di turisti deve ancora arrivare! E’ infatti ancora relativamente presto… Il panorama da lassù è veramente straordinario… ci sentiamo grandi! Tra 1.000 venditori ambulanti di ogni sorta di orrendi souvenir, che però devo dire sono molto discreti, camminiamo lungo la CALZADA DE LOS MUERTOS fino alla PIRÁMIDE DE LA LUNA. Non si può salire se non fino al primo livello: peccato! Volevamo fare una foto dalla stessa posizione in cui si è seduta Frida Kahlo! Rassegnate torniamo al SOL e proseguiamo fino alla CIUDADELA. Sfinite, sotto un sole che comincia ad essere pesante, anzi che si fa rovente, (abbiamo già l’abbronzatura cosiddetta da muratore), torniamo alla macchina che nel frattempo si è trasformata in un forno mobile e, dopo avere attaccato a manetta l’aria condizionata, andiamo a mangiare degli ottimi moles al Restaurant Techinanco, dietro la PIRÁMIDE DE LA LUNA (consigliato dalla Lonely Placet a gran ragione). Sono già le 14.20, dobbiamo partire! Giriamo all’infinito su e giù per l’autostrada, oramai la conosciamo a memoria, ma di indicazioni per QUERÉTARO neanche l’ombra, nessuno sa dov’è, mai sentito nominare… Ma non è mica in Alaska!!! Inizia a diluviare, c’è un traffico allucinante, incidenti vari, siamo in mezzo alle favelas senza un’apparente via di uscita, rimaniamo incolonnate un bel po’. Gioia mi dà il cambio alla guida, io non ce la faccio veramente più, sono logorata dalla tensione più che dalle ore di guida… Verso le 17/17.30 troviamo l’autostrada giusta su indicazione di un’addetta a un distributore, ormai TULA, nostra seconda tappa in programma, è persa: il sito chiude alle 17.00, ci dispiace moltissimo, pax. Smette di piovere e tra paesaggi semi-montani con pianure in alternanza e colline verdissime punteggiate da coltivazioni di mais, di agave e di non so che altro, tra mucche e laghetti giungiamo a QUERÉTARO (ore19.30). La giornata non vuole finire: facciamo fatica a trovare un albergo. Più o meno l’unico disponibile che rimane è l’Hotel Amberes ($ 532), Corregidora Sur No.188, [email protected], tel. 01 442 2128604, fax 01 442 2124151 che vuole il pagamento anticipato??? Per una camera piccola, brutta con 2 mini-letti, un bagno triste e una puzza di pipì nell’aria… Alla faccia delle 4 stelle! Senza docciarci, vista l’ora, andiamo a mangiare. La città, per quello che vediamo, è molto coccola: piazzette, zone pedonali, chiese, case coloniali colorate, localini alla moda, ristoranti e bar all’interno di vecchi palazzi con il patio fiorito… Un sacco di gente in giro, nell’insieme veramente accogliente! Ovviamente scegliamo il più bello e di “tendenza”: è il San Miguelito! Ogni tavolo ha sedie dipinte e piatti diversi dagli altri, tutti molto ricercati, c’è una fontana centrale, molti fiori, le arcate del patio color arancio sono percorse da una miriade di piccole lampadine accese, la musica è del genere Buddha Bar finchè arriva un tizio che comincia a cantare. Mangiamo molto bene ($ 254), ma questa cucina messicana ci è già pesante… Facciamo un giretto nei vicoli del centro tra bancarelle, spettacoli ambulanti e ristorantini illuminati ed esauste per la dura prova superata (ci sembra di essere in Messico da parecchi giorni…) ce ne andiamo a dormire.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Acapulco
    Diari di viaggio
    un natale pacifico in messico

    Un Natale “Pacifico” in Messico

    Le tanto agognate vacanze di Natale sono finalmente arrivate! Partiamo dall'aeroporto di Verona il 23/12 con un volo Air Dolomiti per...

    Diari di viaggio
    un mese e mezzo di puro messico

    Un mese e mezzo di puro Messico

    Milano - Madrid - 22.07.2007 Partenza da Milano Malpensa per Barcellona con volo Iberia alle 14.40. Arrivo a Barcellona alle 16.30 e...

    Diari di viaggio
    messico e california del sud

    Messico e California del sud

    e dalla spiaggia Medano siamo andati in barca a fotografare la formazione rocciosa “L’arco”. Il tratto di mare che divide il mar...

    Diari di viaggio
    messico, da città del messico a cancun

    Messico, da Città del Messico a Cancun

    più 200.000 pendolari che arrivano qui nel periodo di maggior afflusso turistico, la città e piena zeppa di ristoranti e discoteche,...

    Diari di viaggio
    da città del messico a cancun

    Da Città del Messico a Cancun

    Mattina, 29 novembre 1999 ci ritroviamo alla stazione di Riccione io (Emiliano), Cristian, Silvia, Michele e Gianluca per quello che...

    Diari di viaggio
    messico del sud e yucatan in auto

    Messico del Sud e Yucatan in AUTO

    Con l'occasione del matrimonio di un'amica messicana, decidiamo di farci una bella vacanza di due settimane abbondanti tra il Messico del...

    Diari di viaggio
    non il solito messico

    Non il solito messico

    VENERDI’ 8 AGOSTO – 1° GIORNO Finalmente ci siamo! Si parte! Abbiamo atteso 8 mesi questo giorno, è da dicembre che abbiamo prenotato...

    Diari di viaggio
    da mexico d.f. a cancun

    Da Mexico D.F. A Cancun

    Mexico d.F. (city) - Teotiuacan - taxco - acapulco - zipolite - san crisòbal (san juan de chamula) - palenque (rovine, misol ha agua clara...