Noi cercavamo i Caraibi

2 protagonisti: io e il mio fidanzato (32enni) Soggiorno: 7 notti diventate 8 notti causa ritardo di 30 ore della compagnia Livingston. A noi è andata bene, 1 giorno in più gratis…mai capitato in tutta la nostra vita. Il Viva Dominicus Beach, bocciato: troppa gente, troppi lettini, troppo grande, TROPPO! I bungalow vista mare, tutti con la...
 
Partenza il: 01/03/2008
Ritorno il: 10/03/2008
Viaggiatori: in coppia

2 protagonisti: io e il mio fidanzato (32enni) Soggiorno: 7 notti diventate 8 notti causa ritardo di 30 ore della compagnia Livingston. A noi è andata bene, 1 giorno in più gratis…Mai capitato in tutta la nostra vita.

Il Viva Dominicus Beach, bocciato: troppa gente, troppi lettini, troppo grande, TROPPO! I bungalow vista mare, tutti con la loro verandina, sono davvero belli per la posizione: ti svegli e vedi il mare, esci dalla porta e sei in spiaggia… in compenso all’interno sono decisamente piccoli, più spartani e meno puliti delle stanze nei palazzi/condomini con ascensore senza vista mare. E’ un peccato! Il villaggio ha un’urbanistica dicotomica: passi dai bungalow col tetto in paglia e non si sa cos’altro, al palazzo, senza che ci sia linea di continuità. E’ un’ammucchiata di stili… il risultato è piuttosto penoso! Il verde è curato, ma potrebbe essere più rigoglioso. Dal mare le palme non mostrano i palazzi, ma se cammini per i vialetti del villaggio, ti sembra di passeggiare in un qualunque paese di mare… non ai Carabi! Il ristorante principale sembra una mensa aziendale… ahhhhh che dolore! Però se ti svegli presto e hai voglia di metterti in fila alle 8.00 del mattino (alle 8.15-8.30 hanno già esaurito tutti i posti!) per prenotare un posto in uno degli altri 4 ristoranti a disposizione su prenotazione per la cena, è fatta! ti godi la tua serata in riva al mare o in una location messicaneggiante.

Il mare invece è davvero gran bello, cristallino, basso in prossimità del bagnasciuga… la sabbia è bianchissima… evoca le spiagge della Sardegna, che non ha nulla da invidiare ai Caraibi… le ore migliori dalle 12.00 alle 14.00-15.00, quando tutti sono a mangiare… la spiaggia si svuota, il mare pure, e inizi ad apprezzare quello che hai: uno splendido mare e il tuo spazio vitale! Decisamente belli i tramonti: te li puoi godere sui lettoni a baldacchino bianchi, che restano stranamente liberi a quel ora… lo scenario è stupendo: il mare limpido ed il sole che tramonta esattamente in mezzo al mare con il cielo che si colora di tutte le sfumature del tramonto! Ci viene quasi da dire che è più bello di quello di Oia a Santorini, dove spesso trovi foschia, a Bayahibe no! Molto carine le feste OPEN BAR dopo lo spettacolo serale, peccato che finissero rigorosamente alle 24.30 per non disturbare troppo la quiete pubblica… Meno male che ci sono gli americani ad animare le serate con il loro esibizionismo cosmico.

I nostri giretti: 1. Isola di Saona 2. Escursione sui buggy e quad per i villaggi haitiani e campi di canna da zucchero 3. Punta Cana 4. Santo Domingo Saona.

Fortunatamente eravamo solo una ventina quel giorno e la giornata è stata stupenda. Abbiamo viste le stelle marine… ci dicono che si posso toccare, basta non tirale fuori dal mare… peccato che la maggior parte delle persone ha una foto con delle faccine sorridenti affiancate da una stella marina sollevata ad un palmo sul livello del mare… vabbè! Si passa poi dall’isola della pubblicità della Bacardi… ma accidenti, non si fa una sosta… l’intera spiaggia sembra deserta e l’aspetto è davvero quello che ci si aspetta dai carabi… poi si passa tra le mangrovie… ed infine si sbarca sull’isola di Saona. 5 minuti di passeggiatina tra gli alberi e le palme, ci è piaciuto farla scalzi, finalmente un po’ di senso di libertà, ed eccoci sulla spiaggia bianchissima, con le palme sul mare. E’ stato molto bello allontanarsi dal gruppetto di viaggio, dai venditori di olio di cocco e collanine e iniziare a camminare sulla spiaggia deserta e ritagliarci un posticino solo per noi all’ombra di una palma nana. Sabbia bianchissima, il mare caldo, le palme e nessuno, nessuno accanto a noi! peccato sia durato solo un’ora e mezza, perché l’escursione prevedeva il pranzo in un’altra zona dell’isola… abbiamo avuto giusto il tempo, andando via di vedere lo sbarco di una decina di lance, lì dove noi avevamo trovato il nostro angolo di paradiso.

Riposino all’ombra delle palme, senza nessun altro intorno… passeggiatina verso il mercatino dei batik ed eccoci di nuovo sulla lancia, direzione Viva, ma con sosta “vitamina R” e giochetto di gruppo! Buggy e quad pomeriggio uggioso, ha piovuto durante il pranzo e con un grande punto di domanda sulla testa saliamo sul pulmino coloratissimo che ci porta a prendere i super-power mezzi su 4 ruote! Noi iniziamo col quad… una nostra passione… ragazzi, quad da 150cc, mica pizza e fichi. Facciamo il giretto di prova, per verificare il livello di scioltezza nell’uso del mezzo… le guide ci spiegano cosa fare e procurano, per i furbacchioni che si presentano alle escursioni con le infradito, paia di scarpe anni ‘40 stile contadino… davvero “terribboli”… le lacrime agli occhi dalle risate e si parte, primi della fila! Saliscendi di stradine sterrate, qualche pianta di cotone (sono stupende!), villaggi di haitiani, sosta al fiume dove… ooooooooooohhhhh è stato girato RAMBO2, non so se mi spiego, no?!? … piantagioni di canna da zucchero a perdita d’occhio, i binari della ferrovia per il trasporto della stessa.

Inizia a piovere, arriva sui buggy il secondo gruppetto con i quali ci scambiamo il mezzo… vediamo di fronte a noi persone che sembrano essere uscite da una lotta nel fango, buggy stracolmi di fango, la pioggia dall’alto… intanto piccoli haitiani ci aiutano a pulire i buggy dal fango, ci chiedono caramelle, soldi, qualsiasi cosa per loro ha valore… ripartiamo e uno di questi piccolini si attacca al nostro buggy, come facevano secoli fa i ragazzini con le diligenze… ce ne accorgiamo in tempo, perché avevamo preso velocità e lui aveva paura di scendere… rallentiamo ci fermiamo e lo facciamo scendere… mi inizia a venire un nodo in gola.

Passiamo un altro villaggio e questa volta fiumane di bambini ci corrono dietro, alcuni sono scalzi e corrono velocissimi come Forrest Gump (una bimba ciccionissima, che correva più veloce degli altri, ha preso un intero pacchetto di tic tac e non lo ha nemmeno diviso con i suoi amichetti!!!), alcuni hanno la divisa della scuola, sono tanti e belli e corrono… ed il nodo alla gola aumenta! I loro villaggi sono un miscuglio di casecapanne, o cubotti in muratura, molte hanno i tetti in amianto, alcune le grate e i cancelli, segno della paura… i bambini che escono dalle scuole hanno le divise, quelle delle scuole pubbliche hanno gli stessi colori della divisa di blockbuster.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Caña
    Diari di viaggio
    noi cercavamo i caraibi

    Noi cercavamo i Caraibi

    2 protagonisti: io e il mio fidanzato (32enni) Soggiorno: 7 notti diventate 8 notti causa ritardo di 30 ore della compagnia Livingston. A...