Napoli e Capri connubio perfetto

Napoli e Capri sono sinonimo di cultura, mare e cucina per ogni palato
 

Fare una vacanza a Napoli e Capri era da sempre il desiderio di mia sorella e il mio. La sua amica ci invitò alcuni giorni a casa sua e noi accettammo. Il 26 luglio 2019, infatti, partimmo con il treno Intercity notte delle 23.52 da Parma per arrivare a Napoli alle 8.46. Sul binario c’era la nostra amica con il suo ragazzo, ci portarono a Mergellina, dove abitava con sua mamma.  Il nome Mergellina proviene dal greco bizantino margella che significa corallo, in onore della costa piena di colonie di coralli di un tempo. Questo luogo è molto amato dai napoletani, per le poesie e i dipinti. Una volta sistemate andammo al mercato La Torretta dove i commercianti urlano per attirare l’attenzione dei potenziali clienti.

La Fenestrella di Salvatore Di Giacomo

Nel pomeriggio assieme al suo ragazzo, ci recammo alla gelateria Sottozero a Marechiaro, famoso in tutto il mondo per la Fenestella del poeta Salvatore Di Giacomo, autore dell’omonima canzone La leggenda rivela che Salvatore si sia fatto ispirare dalla piccola finestra sul cui davanzale vi era un garofano bianco. La finestra esiste ancora oggi, per ricordarlo una lapide in marmo bianco con inciso la sua composizione e la sua data di scomparsa: aprile 1934.

Castel dell’Ovo

Il giorno dopo andammo a fare una passeggiata di mezz’ora sul lungomare Caracciolo, partendo dalla Rotonda Diaz fino al Castel dell’Ovo, posto sull’antico Isolotto di Megaride. Il suo nome deriva dall’uovo che Virgilio avrebbe nascosto segretamente in una gabbia con pesanti serrature nel sotterraneo. Il motivo di questo atto era che da “quell’ovo” pendevano i fatti e la fortuna del Castel Marino. Come si potrà immaginare il suo destino fu nefasto, crollò l’arcone che unisce i due scogli sul quale esso è costruito. La regina Giovanna I per evitare sciagure, sostituì l’uovo.

Piazza del Plebiscito

Al ritorno, ci dirigemmo in centro per visitare i negozi e Piazza del Plebiscito, simbolo di Napoli, percorrendo via Toledo. Il suo nome deriva dal latino plebiscitum, (plebs plebe popolo), citum (participio di sciscere, “stabilire”). In questa piazza di 25.000 metri quadri, pieno di colonne semicircolari, ci sono: la Prefettura, Palazzo Salerno, Palazzo Reale e la Basilica di San Francesco di Paola.

Pozzuoli

Un altro luogo che visitammo fu Pozzuoli, sita sul golfo dei campi Flegrei con un paesaggio pieno di colori, molto importante nell’epoca greca. In ogni suo angolo c’è il fenomeno del bradisismo: attività del vulcano che aumenta o diminuisce l’altezza della città rispetto al livello del mare. Uno dei simboli è l’Anfiteatro Flavio: qui si svolgevano spettacoli, la caciara dei venditori romani durante il mercato (macellum). Vi è anche il Tempio di Serapide, angoli del Rione Terra, l’acropoli di Pozzuoli e un paese abitato fin dal II secolo a.C. Un vero scrigno d’arte dove si conserva tra le sue mura e nei suoi sotterranei l’intera storia di Pozzuoli, dai greci ai romani e fino ai giorni nostri.

Capri

Il penultimo giorno raggiungemmo Capri, un’isola che si trova sul mar Tirreno nel Golfo di Napoli. Per arrivarci prendemmo il traghetto alle ore 8.05 traghetto Napoli Beverello, il più economico. Il viaggio per Marina Grande era durato 50 minuti, dopo pochi passi ci attendeva la funicolare che ci avrebbe portato al centro del paese. Il tour era iniziato dalla “Piazzetta” vicina alla via Camerelle piena di boutique di lusso, bar e ristoranti. Lì vicino c’era la chiesa principale dell’isola, la cattedrale di Santo Stefano col campanile. Al suo interno è custodito il busto in argento di San Costanzo, il santo protettore di Capri. Spostandosi dalla piazza, ci immergemmo nelle vie con i balconi fioriti delle ville a strapiombo sul mare.

Guarda la gallery
faraglionicapri

castellodell_ovo

fioricapribis

marechiaro

montagne

pozzuoli



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
rasiglia e orvieto

Rasiglia e Orvieto

È ideale trascorrere un weekend tra questi due borghi così diversi, ma abbastanza...

versailles e le ville lucchesi

Versailles e le Ville Lucchesi

Vi illustro un bell’itinerario di un giorno lontano dai centri affollati, da effettuare...

il castlèt-tour

Il castlèt-tour

Uno slow tour di 4 giorni per gli amanti dei viaggi fuori dalle rotte turistiche...

Leggi i Diari di viaggio su Italia
Diari di viaggio
insolita trieste

Insolita Trieste

Io e il mio compagno siamo stati a Trieste per il ponte dell’8 dicembre (8 – 12 dicembre 2021): 5 giorni che per noi, provenienti da...

Diari di viaggio
primavera in umbria

Primavera in Umbria

Ferie ad aprile, la primavera è alle porte e così, da amante della natura, scelgo una delle regioni più verdi in cui in passato ho...

Diari di viaggio
parco naturale regionale della lessinia

Parco Naturale Regionale della Lessinia

Parco Naturale Regionale della Lessinia - Ponte di Veja In una giornata di pioggia, lungo l’impervio sentiero che mi portavano ai...

Diari di viaggio
cosa vedere a matera in 2 giorni

Cosa vedere a Matera in 2 giorni

Meravigliosa Matera la città dei Sassi, due giorni in questa splendida e affascinante città che mi ha letteralmente rapita. Matera...

Diari di viaggio
viaggio nell'eremo di santa caterina del sasso

Viaggio nell’Eremo di Santa Caterina del Sasso

Quello che vi porto a scoprire oggi è un luogo particolare, incastonato tra le rocce del Lago Maggiore. Ammetto e faccio mea culpa: questo...

Diari di viaggio
weekend nelle langhe

Weekend nelle Langhe

Quale periodo migliore per visitare le Langhe se non l’autunno? Il primo fine settimana di novembre decidiamo di partire per un weekend...

Diari di viaggio
napoli e capri connubio perfetto

Napoli e Capri connubio perfetto

Fare una vacanza a Napoli e Capri era da sempre il desiderio di mia sorella e il mio. La sua amica ci invitò alcuni giorni a casa sua e...

Diari di viaggio
una giornata tra mare e trulli

Una giornata tra mare e trulli

Il nostro itinerario comincia da Matera, la città dei Sassi: dopo aver soggiornato 2 notti qui, spinti da consigli di amici e parenti, e...

Diari di viaggio
passeggiata per le vie di bobbio, il borgo più bello d'italia

Passeggiata per le vie di Bobbio, il borgo più bello d’Italia

Un programma televisivo di qualche anno fa l'ha decretato borgo più bello d'Italia ed io non potevo farmi sfuggire l'opportunità di...

Diari di viaggio
alla scoperta di san miniato

Alla scoperta di San Miniato

Percorrendo la superstrada Fi-Pi-Li, esattamente a metà strada tra Pisa e Firenze, si trova uno dei borghi più caratteristici della...