Namibia, la natura allo stato puro

Un viaggio fai da te in un Paese dove la natura e la gente non finiscono mai di stupirti
 
Partenza il: 22/05/2014
Ritorno il: 14/06/2014
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

Otto anni dopo il Sud Africa io e la mia compagna Saty decidiamo che è giunta l’ora della Namibia. Non mi tratterò molto sulle note bellezze paesaggistiche, e consiglio a tutti di non cercarle troppo su internet, perchè ritengo che la sorpresa o l’eventuale delusione (ma premetto non sarà il caso della Namibia) di un luogo siano l’essenza di un bel viaggio.

Voglio solo aggiungere che vivendo a Milano avevamo bisogno di natura incontaminata, spazi, deserto, animali liberi, gente cordiale e tutto questo la Namibia lo offre. Le sensazioni sono indescrivibili, ognuno troverà le sue.

Abbiamo deciso di non fare un classico giro partendo ed arrivando a Windhoek ma di iniziare dalla capitale e, attraversando il Caprivi, finire il viaggio visitando le cascate vittoria. Dico subito che in questo caso l’aereo costa circa 100 euro in più ma: 1° si conosce il bellissimo Caprivi, 2° si vedono le spettacolari cascate vittoria, 3° si risparmia tempo e fatica. Il viaggio è durato poco più di 3 settimane ed il periodo scelto è stato maggio/giugno cioè un“fuori stagione” per 3 ragioni: meno turisti in giro, prezzi più bassi e assenza di piogge.

Il nostro è stato un viaggio fa da te; come hanno scritto altri viaggiatori il risparmio è sul 20% e c’è la soddisfazione di organizzarselo da soli.

AEREO: South african airways per forza di cose visto il ritorno da Livingston, costo 1000 euro, con scali a Jo’burg e Frankfurt.

AUTO: per il giro che abbiamo fatto noi (e comunque per quello che fanno la maggior parte dei turisti) è inutile noleggiare un 4×4. Se la stagione è secca, le strade non asfaltate sono ottime e comunque la velocità consigliata è da 60 a 100 km sempre. Noi abbiamo fatto 4500 km in tutta tranquillità; l’unico disagio può accadere nel raro momento in cui stanno asfaltando perchè nelle deviazioni la strada è più sconnessa (è successo una volta a sud di Katima). Per il noleggio il sito etosha.it si è rivelato ottimo: è una agenzia di Prato molto efficiente ed il Sig. Martini è gentilissimo e prodigo di consigli. Prezzo 35 euro al giorno, una toyota corolla con assicurazione completa, referente italiano in Namibia se ci dovessero essere problemi e con un economico drop off a Katima Mulilo.

BUS: da Katima Mulilo a Livingstone con Intercape Mainliner (25 euro) o a Victoria falls con Tutwa tours (100 euro).

DORMIRE: anch’io come altri “t per c” vi consiglio fortemente The cardboard box tavel shop (www.namibian.org). E’ una agenzia governativa namibiana. La loro professionalità è eccellente ed i loro prezzi per i lodges dentro o fuori i parchi o per i b&b sono gli stessi di una prenotazione diretta. Con loro abbiamo prenotato tutte le notti,20, dall’Italia ad esclusione di Uis, Grootfontein e Katima Mulilo. Lilly è stata una perfetta referente. Prima della partenza ha ricontrollato tutto ed essendoci stato un disguido con un lodge ci ha subito offerto gratuitamente un upgrade. Inoltre cartina e guida in omaggio trovati nel lodge a Windoek.

VACCINAZIONI: se trovate una zanzara a giugno, anche nel caprivi, portatemela. Il Sud Africa vuole la febbre gialla se passate dallo Zambia. Fatta ed ovviamente all’aeroporto manco guardata.

VALUTA: meglio avere sempre dei contanti in tasca anche se le carte sono accettate ormai quasi ovunque. Se passate da Jo’burg comprate dei rand che valgono benissimo in tutta la Namibia e nel caso potrete ricambiarli facilmente a fine viaggio o in altri paesi.

CONSIGLI : acqua sempre a portata di….bocca. Burro cacao. Sacchi di plastica per coprire i bagagli dalla polvere. Torcia. Binocolo. Cerata per victoria falls (ma si puo’ comprare anche là). Una sim namibiana da comprare in loco.

PERCORSO DEL VIAGGIO: wdh, sesriem, swako, brandberg, twyfelfontein, etosha, watemberg, grootfontein, kawango region, caprivi region, katima mulilo, victoria falls.

WINDOEK: città molto piacevole. Arrivando a mezzogiorno, abbiamo scelto di fermarci un giorno e mezzo sia per riposare sia perché il ritorno sarà da Livingstone. Non ci sono grandi monumenti da vedere però scoprire l’animazione di una capitale africana, era sabato, è stato comunque interessante. A noi è piaciuto molto il nuovissimo national museum vicino alla Christuskirche.

SESRIEM: qualsiasi strada facciate per arrivarci da Windoek lo spettacolo è assicurato. Il nulla è già intorno a voi. Dopo un’ottantina di km la strada non è più asfaltata ma comunque bella liscia ed il comportamento della nostra toyota corolla perfetto. A Sesriem alloggiamo al desert camp, vicinissimo all’entrata del parco,consigliatissimo. Le tende appoggiate su una struttura fissa sono ottime, il paesaggio intorno incredibile. Di sera camminate 10-20 metri e alzate gli occhi…..poi mi saprete dire. Come spesso accadrà abbiamo scelto la soluzione , dbb cioè dinner bed breakfast; la cena, un self service che definirei fantastico, viene servita nel più lussuoso sossusvlei lodge a soli facili 4 km di distanza. Oltre al risparmio, stare al desert camp è sicuramente più affascinante.

Nel parco la strada è asfaltata eccetto gli ultimi km dove verrete accompagnati per pochi nad dalle jeep dei ranger. Oltre allo spettacolo che tutti vi aspettate , non dimenticate di vedere il canyon.

SWAKOPMUND: prima di arrivare a Swako da Sesriem ci sono 2 piccoli passi che valgon bene una sosta almeno per la classica foto. Swako è una piacevole città da visitare passeggiando sul porto o sul lungomare. Da NON perdere è la gita “combo” a Walvis Bay; mattinata sul catamarano a vedere foche, delfini e pellicani nella baia e nel pomeriggio gita in jeep sulle dune del Namib. Indimenticabile! Ci sono varie compagnie che organizzano, ed anche il vostro b&b vi puo’ dare un consiglio e prenotare come è capitato a noi. Se avete una mezza giornata libera ,potete fare una gita carina visitando la valle della luna e la welwitschia drive.

BRANDBERG e TWYFELFONTEIN : dopo aver dormito nell’anonima UIS questa è la tappa più lunga che abbiamo fatto. Abbiamo attraversato il Damaraland, terra dai colori sgargianti e dai paesaggi infiniti per visitare il Brandberg e Twyfelfontein; sono 2 belle passeggiate facili e con la guida rispettivamente di 1 ora e ½ e 45 min ciascuna. Si vedono pitture rupestri dipinte ed incise nella roccia, ma quello che è affascinante è l’ambiente dove si cammina. Tra le 2 sceglierei la prima, più emozionante. A Xorixas iGowati è una media soluzione per dormire ma pessima per mangiare.

Guarda la gallery
caprivi-2gwe4

mamili national park



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Brandberg
    Diari di viaggio
    una namibia di colori e profumi che ti riempiono i sensi!

    Una Namibia di colori e profumi che ti riempiono i sensi!

    18 Luglio: Windhoek Atterriamo all’Aeroporto di Windhoek puntuali alle 6.30 del mattino; l’aria è pungente...d’altra parte siamo in...

    Diari di viaggio
    namibia, la natura allo stato puro

    Namibia, la natura allo stato puro

    Otto anni dopo il Sud Africa io e la mia compagna Saty decidiamo che è giunta l'ora della Namibia. Non mi tratterò molto sulle note...

    Video Itinerari