Motocentrati

Motoracconto: il nostro Centro Italia in Moto
 
Partenza il: 08/07/2017
Ritorno il: 15/07/2017
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Siamo a luglio, in una settimana di caldo eccezionale, dopo il nostro primo Motoracconto, Mototoscana di primavera, ripartiamo in sella alla nostra moto per una nuova avventura che attraverserà Toscana, Umbria, Lazio, Marche e, in particolare, l’Abruzzo.

Partiamo pieni di dubbi sull’abbigliamento adatto, certo, raccomandate sarebbero le tute in pelle per ragioni di sicurezza ma a 40° come si fa? Indossiamo così giacca estiva traforata (anche troppo pesante), jeans da moto con protezioni, stivali in pelle (!), casco e via… sob… da subito ci accorgiamo che climaticamente sarà una settimana pesante ma… la valigia perfetta in moto è pura utopia!

1° TAPPA

Partiamo da Genova, un po’ di autostrada fino a Grosseto e poi decidiamo una prima deviazione dalla nostra meta serale. Facciamo una prima sosta per il pranzo a Porto Santo Stefano sull’Argentario per poi rientrare verso l’interno seguendo la zona del Viterbese (complice il solleone e l’annata secca il panorama è da film western) fino a Montefiascone e il Lago di Bolsena dove, ormai arrivati al pomeriggio, ci godiamo una fresca granita e un po’ di relax in riva al Lago. Completiamo la giornata con una serata ad Orvieto dove pernottiamo in un appartamento in centro. Dove avremmo dormito volentieri? In fondo al Pozzo di San Patrizio… bello frescooooo!

2° TAPPA

Si parte da Orvieto di buon mattino in direzione Abruzzo – zona del Gran Sasso. Una prima tappa ci porta con una bella strada che costeggia il Lago di Corbara a Todi ma, qualche difficoltà nel trovare un parcheggio comodo per la moto, il centro arroccato sulla collina, unito, purtroppo, al caldo ancora più insistente del giorno precedente, ci fanno desistere e così ci rimettiamo in marcia. Arriviamo a Spoleto un po’ prima di pranzo, ci facciamo forza e visitiamo il centro e pranziamo in un baretto in una delle vie pedonali. Tornati alla moto il termometro segna 44°! Ci buttiamo un po’ di acqua addosso e ripartiamo, dopo aver visitato l’Aquila, e giungiamo nel tardo pomeriggio in un borgo incantato dell’Abruzzo: Santo Stefano di Sessanio. Ci fermeremo due notti in una piccola e molto caratteristica casetta in pietra (http://www.residenza-latorre.it). Santo Stefano di Sessanio è interamente pedonale, ma circondato da alcuni piazzali dove parcheggiare auto/moto. Lungo le minuscole vie lastricate ci sono solo case in pietra, alcuni negozietti, alcuni ristoranti e un paio di alberghi diffusi… un incanto! Il borgo è stato colpito dal terremoto del 2009, ma la ricostruzione sta procedendo e i disagi sono minimi.

3° TAPPA

Lasciamo temporaneamente Santo Stefano di Sessanio e saliamo più in quota. Prima tappa la Rocca di Calascio… beh, qui hanno girato ‘Il nome della rosa’ e ‘Lady Hawke’…non servono altri dettagli: magico! Il panorama è molto particolare e ci ricorda un luogo lontano visitato un paio di anni fa, le Highlands Scozzesi. Con una bella strada panoramica, imperdibile per i motociclisti, proseguiamo per Castel del Monte, Campo Imperatore (soprannominato il Tibet d’Italia perché è un vasto altopiano), fino a raggiungere il rifugio Duca degli Abruzzi, dopo essere stati costretti prima a una breve sosta perché ci sono in corso le riprese di Top Gear America che prova la nuova Ferrari! Il vento a 2200 metri si fa sentire… finalmente un po’ di fresco!

L’itinerario prevedeva poi di prendere una deviazione in quota che, attraversando Fonte Cerreto, ci avrebbe portati fra pascoli e conifere fino al Lago di Campotosto. Purtroppo non avevamo percezione che questa zona, a differenza delle altre visitate, è stata colpita dal più recente terremoto (siamo vicinissimi ad Amatrice) e… prima una strada interrotta ci costringe ad una deviazione lunga che forse ha reso una sfacchinata eccessiva il viaggio e poi, arrivati a Campotosto, i cumuli di macerie, il bar del paese o di ciò che è rimasto del paese trasferitosi in un container, ci fanno rendere conto che toccare con mano i fatti è diverso che vederli in televisione. Siamo combattuti fra la volontà di lasciare il nostro piccolo contributo facendo comunque circolare un po’ di turismo in queste zone devastate e l’imbarazzo di spiare nelle disgrazie altrui e così… ci prendiamo un gelato e un caffè per poi fare ritorno a Santo Stefano di Sessanio e alla nostra casetta in pietra dove dormiremo per la seconda notte.

4° TAPPA

Oggi lasciamo Santo Stefano di Sessanio e la zona del Gran Sasso per dirigerci verso il Parco Nazionale d’Abruzzo. La sensazione sarà quella di passare dalle Highlands scozzesi alle foreste canadesi: due paesaggi completamente differenti!

La prima sosta sono le Gole di Stiffe che visitiamo con una visita guidata di circa 1h. Certo, non sono famosissime e nemmeno fra le più belle che abbiamo visto in giro per il mondo, ma sicuramente meritano una deviazione. Prendiamo poi una bella strada panoramica che sale in quota nel Parco del Silente e Velino per poi ridiscendere a Sulmona…ci sono 39,5°… impossibile visitarla… sosta granita e via, di nuovo in viaggio. Attraversiamo le Gole del Saggitario (MERAVIGLIOSE!), Scanno, Passo Godi (una piccola Svizzera) e, infine, arriviamo nel tardo pomeriggio a Pescasseroli. L’albergo prenotato (http://www.hoteldaniel.it), con piscina, ci consente di riprenderci dal grande caldo patito durante la giornata. Siamo nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo e tutto il paese gira intorno al mito dell’orso marsicano che si trova raffigurato un po’ ovunque.

5° TAPPA

Niente moto oggi… beh, ogni tanto ci vuole! Tolti gli stivali e i pantaloni con le protezioni, indossiamo scarpe da ginnastica e pantaloni da trekking. I percorsi non mancano, noi scegliamo di rimanere ‘comodi’ e vicini, ovvero in Val Fondillo dove, con una escursione di poco più di 4h fra andata e ritorno arriviamo prima alla Grotta delle Fate, con un comodo sentiero che segue un antico Tratturo e, successivamente, con un sentiero piuttosto ripido traguarda al Passo dell’Orso, un valico che segna il confine fra Abruzzo e Lazio. Pernottamento a Pescasseroli.

6-7° TAPPA

Lasciamo l’Abruzzo oggi. Per noi è stata una grande scoperta che consigliamo a tutti, motociclisti, e non. Ci dirigiamo un po’ più a nord dove passeremo gli ultimi due giorni un po’ più in relax prima di far rientro a casa. La zona scelta è quella di Porto Recanati, sia per fare una giornata di spiaggia sia per visitare (in parte) la zona del Conero. Sì, solo in parte perché in realtà abbiamo visitato solo Numana e Sirolo trascurando il Monte Conero perché quando dovevamo andare c’è stato un temporale… Soggiorniamo presso http://www.brigantinohotel.it, un tre stelle con una stupenda vista mare e una tranquilla spiaggia privata a servizio degli ospiti.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Abruzzo
    Diari di viaggio
    il mio cammino dei briganti

    Il mio cammino dei Briganti

    16.04.2022, Giorno 1 Sante Marie - Santo Stefano. (AQ)Sveglia alle 5.30, 6 ore di auto e siamo arrivati a Sante Marie, io e Mauro,...

    Diari di viaggio
    cocullo e il rito dei serpari

    Cocullo e il rito dei serpari

    Piccolo borgo abruzzese subito dopo Avezzano. La festa di San Domenico e il rito dei serpari coinvolge e incuriosisce turisti da tutta...

    Diari di viaggio
    weekend in abruzzo: cosa vedere nel parco nazionale della majella

    Weekend in Abruzzo: cosa vedere nel Parco Nazionale della Majella

    Un weekend in Abruzzo basta per apprezzare appieno la bellezza di questa regione? Forse no. Ma posso assicurarti che bastano solo due...

    Diari di viaggio
    san vito chietino tra mare, monti, trabocchi e buon cibo

    San Vito Chietino tra mare, monti, trabocchi e buon cibo

    San Vito Chietino è su una collina che si allunga fino al mare, affacciata sull’Adriatico nella Costa dei Trabocchi da cui si può...

    Diari di viaggio
    abruzzo per caso, dalle montagne al mare

    Abruzzo per caso, dalle montagne al mare

    Abbiamo “scoperto” l'Abruzzo per caso, nell’agosto del 2020. Il viaggio in Germania che avevamo organizzato era saltato a causa della...

    Diari di viaggio
    itinerario estivo tra gli eremi della majella

    Itinerario estivo tra gli Eremi della Majella

    Come ci eravamo ripromessi, a Giugno 2021 siamo tornati in Abruzzo, questa splendida regione dalla natura rigogliosa in mezzo alla quale si...

    Diari di viaggio
    abruzzo 2020

    Abruzzo 2020

    L'obiettivo che ci eravamo prefissi, io e mia moglie, era di immergerci nella natura in una regione che non avevamo mai visitato ma che ci...

    Se non ora, quando? Tour in moto lungo tutta l’Italia

    È dal 2014 che viviamo in the road insieme (io, Andrea; Sonia, la mia ufficiale in seconda; la nostra moto, una Royal Enfield Classic...

    Diari di viaggio
    abruzzo: tre giorni nelle terre pescaresi e chietine

    Abruzzo: tre giorni nelle terre Pescaresi e Chietine

    A cura della redazione di Turistipercaso.itChieti, Pescara e i loro territori sono spesso vissute come destinazioni di passaggio verso...

    Diari di viaggio
    parco nazionale d'abruzzo, lazio e molise

    Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

    1° Giorno 17 Settembre 2020: Montefiascone – L’Aquila – Sulmona. Quest’anno la nostra scelta è caduta...