Mosca e San Pietroburgo 4

In Russia, meta un po’ insolita rispetto alle classiche vacanze estive
 
Partenza il: 26/07/2013
Ritorno il: 02/08/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Fasi preliminari per un viaggio in Russia: in un primo momento avevamo pensato di organizzarci autonomamente ma il rilascio del visto, l’obbligo della copertura assicurativa sanitaria e il voucher che ogni hotel deve rilasciare quale testimonianza dell’effettiva permanenza, ci hanno fatto desistere e ci siamo rivolti ad un’agenzia di viaggi. In base alle nostre esigenze (non volevamo un viaggio organizzato e desideravamo indipendenza) ci hanno proposto di appoggiarci ad un viaggio organizzato solo per quanto riguardasse la parte burocratica, il volo, gli hotel, i transfer e il treno da Mosca e San Pietroburgo. Una soluzione ottimale!

Nel primo pomeriggio del 26 luglio partiamo da Verona con un charter… Destinazione Mosca!! Il volo dura 3 ore e mezza e in Russia ci sono 2 ore di fuso orario. Atterrati, abbiamo il tempo di salire sul nostro bus e addentrarci nel traffico russo che il venerdì sera è più intenso del solito (i russi si spostano dalla città verso le dacie – le case di campagne dove trascorrere il week-end). Il nostro hotel, il Borodino, è molto bello e accogliente e nonostante sia leggermente fuori città, ha due stazioni della metropolitana vicine. La prima sera è dedicata alla scoperta del ristorante uzbeko e di un primo giro in centro per alcune foto di rito. La piazza Rossa e San Basilio sono sensazionali di notte quando la folla di turisti si dirada. Inoltre io e Roby sperimentiamo subito l’ebbrezza di prendere la metro in una città in cui pochissime persone conoscono l’inglese e dove le fermate sono scritte (ovviamente) solo in cirillico!

27 luglio: La prima giornata in terra moscovita è dedicata alla visita della Piazza Rossa e del Cremlino. I biglietti si acquistano in un piccolo casottino, dopo aver oltrepassato il giardino di Alessandrovsky, dove solitamente la coda è interminabile e l’organizzazione scarsa, ma tra un gesto e l’altro riusciamo ad entrare. All’interno è tutto sontuoso e molto “militarizzato”: un soldato è appositamente incaricato di assicurarsi che i turisti non abbandonino mai il marciapiede loro destinato. La visita permette di ammirare il Palazzo del Patriarca (Esterno), la Cattedrale dell’Assunzione, dell’Arcangelo e dell’Annunciazione, il Campanile di Ivan il Grande, l’Armeria, la Campana dello Zar e la Torre del Salvatore (orologio). Rimaniamo molto soddisfatti, soprattutto quando alle 12 inizia la parata militare (si ripete tutti i sabati a quell’ora e l’ultimo sabato del mese viene replicata nella Piazza Rossa alle 14).

Abbiamo ancora il tempo per la visita del Milite Ignoto, poi ci dirigiamo per pranzo verso il Gum, il centro commerciale in Piazza Rossa che, architettonicamente parlando, è meraviglioso. Il tempo di riprendere un po’ di energie e decidiamo di dedicare il resto della giornate a passeggiare per la via principale, via Arbat, tra shopping e locali. Stasera ristorante georgiano. Da provare assolutamente!

28 luglio: La mattinata inizia con la coda per visitare il Mausoleo di Lenin (è aperto solo alcuni giorni dalle 10 alle 13) ed è una meta d’obbligo se si va a Mosca. E’ impressionante il trattamento a base di acidi che deve essere fatto regolarmente al corpo di Lenin affinché si mantenga intatto. Qualora potesse interessarvi, è possibile tutt’oggi ricevere lo stesso trattamento di Lenin per la modica cifra di un milione di dollari..

La successiva tappa è la bellissima ed emozionate Chiesa di San Basilio, il simbolo di Mosca. Interessante è la più piccola e riservata chiesa di Kazan (sempre nella Piazza Rossa), più intima e con un’atmosfera ancora più suggestiva, soprattutto perché siamo entrati durante la celebrazione di una funzione religiosa ortodossa.

Per l’ultima sera abbiamo deciso di acquistare due biglietti per il balletto russo: molto emozionante, con coreografie straordinarie e cambi d’abito da mille e una notte per gli oltre 50 ballerini che compongono la compagnia. Da fare!

29 luglio: Il teatro Bolshoi e Tverskaya Street ci occupano l’ultima mattinata. Poi, a malincuore, ci dirigiamo in hotel dove ci attende il bus per portarci sino alla stazione ferroviaria (i controlli effettuati prima di poter accedere alla stazione sono paragonabili a quelli dell’aeroporto) da dove partirà il nostro treno che in 4.5 ore ci condurrà a San Pietroburgo. Alloggeremo in un Holiday Inn, leggermente fuori dal centro città, ma con una stazione della metro a 50 m.

30 luglio: La gradevole temperatura e il sole splendente ci invitano a dirigerci di prima mattina verso il centro della città: scendiamo alla fermata metro sulla Prospettiva Nevsky e la prima tappa obbligatoria è la Cattedrale di Kazan, la cui struttura ricorda molto la Basilica di San Pietro a Roma. Iniziamo poi a passeggiare ammirando l’architettura della città e costeggiando la Neva fino a quando ci ritroviamo di fronte alla Cattedrale del Sangue Versato: l’esterno ricorda la Basilica di San Basilio con la sua influenza dell’arte russa medievale, mentre l’interno è una festa di colori, tra mosaici, piastrelle di ceramica e di vetro colorato. Il pomeriggio è invece dedicato ad ammirare il Campo di Marte, un’immensa zona verde in città dove poter rilassarsi passeggiando, facendo un picnic o leggendo all’ombra degli alberi, la Piazza del Palazzo con la sua colonna di Alessandro e, per finire la giornata, una fantastica gita in battello lungo i canali di San Pietroburgo.

31 luglio: Date le previsioni favorevoli, io e Roby decidiamo di recarci lungo la Neva (dietro all’Hermitage) dove partono gli aliscafi per Peterhof, la residenza estiva degli zar che si affaccia sul Golfo di Finlandia. La durata del trasporto è di circa 30 minuti con un costo intorno ai 25/30 euro andata e ritorno per persona.

Il primo impatto con la residenza ci lascia senza parole: una struttura meravigliosa con fontane, giochi d’acque e giardini da sogno (alcuni l’hanno soprannominata la Versailles russa). L’unica avvertenza riguarda il biglietto di entrata, in quanto ci sono diverse tariffe in base a quello che si vuole vedere, oppure un biglietto cumulativo sui 45 euro. Noi non avevamo molto tempo a disposizione quindi abbiamo optato per la visita dei giardini, che ci ha lasciati davvero soddisfatti. Ad ogni angolo, è possibile scorgere fontane di tutti i tipi con i più svariati giochi d’acqua.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Mosca
    Diari di viaggio
    san pietroburgo e mosca: tra cupole fatate e architettura staliniana

    San Pietroburgo e Mosca: tra cupole fatate e architettura staliniana

    Alcune info: Visto: per evitare possibili intoppi ed essendo distanti da ambasciata/consolato abbiamo affidato, con 3 mesi di anticipo, la...

    Diari di viaggio
    russia da san pietroburgo a mosca

    Russia da San Pietroburgo a Mosca

    La Russia per noi ha sempre avuto un un'immagine vagamente minacciosa e oscura per la sua storia, le rivoluzioni, la guerra fredda,...

    Diari di viaggio
    mosca: perché no?

    MOSCA: perché no?

    Partenza da Malpensa per Debrecen in Ungheria, dove abbiamo fatto una breve tappa per goderci una giornata rigenerante alle terme della...

    Diari di viaggio
    i viaggi dei barto: mosca, san pietroburgo e l'anello d'oro

    I viaggi dei Barto: Mosca, San Pietroburgo e l’Anello d’oro

    Partiamo il giorno 05/07 alle ore 17.30 da Pisa con volo Pobeda diretto a Mosca, compagnia oltre le più rosee aspettative (aereo...

    Diari di viaggio
    pasqua tra san pietroburgo e mosca

    Pasqua tra San Pietroburgo e Mosca

    Ecco il nostro racconto e tutte le info utili per una vacanza bellissima in terra russa VOLIVolo d’andata Milano-San Pietroburgo con...

    Diari di viaggio
    alla scoperta della terra dei maharaja

    Alla scoperta della Terra dei Maharaja

    Con una punta di timore per un viaggio che tutti ci hanno preannunciato non facile, io e il mio partner abbiamo deciso di organizzare il...

    Diari di viaggio
    crociera fluviale da san pietroburgo a mosca

    Crociera fluviale da San Pietroburgo a Mosca

    Una crociera che attraversa laghi e fiumi che parte da San Pietroburgo, arriva a Mosca e tocca Mandroga, Khizi, Goritzy, Yoroslav,...

    Diari di viaggio
    russia, consigli pratici

    Russia, consigli pratici

    tempo perso. Non c'era granché da vedere e molte parti erano chiuse; personale fra l'altro scortesissimo. Per gli amanti dei panorami, noi...

    Diari di viaggio
    mosca e san pietroburgo fai da te

    Mosca e San Pietroburgo fai da te

    Tour Mosca e San Pietroburgo fai da noi dall’1 al 10 maggio (10 giorni) Costi: € 1.000 € a persona (dettagli costi)Voto:...

    Diari di viaggio
    introduzione alla russia

    Introduzione alla Russia

    Dato il mio background universitario, questa meta era per me un po’ d’obbligo, un obbligo rimandato negli anni a causa della...