Montieri Il borgo delle rose

Dalle miniere alla rivoluzione geotermica di oggi
 

In una radura del bosco sopra il paese, la Canonica di San Niccolò è un sito archeologico che consiglio di visitare. Ancora in gran parte da scavare, approfondire, decifrare. Con un’area cimiteriale e una chiesa a pianta circolare caratterizzata da 6 absidi. Unica in Italia. Sono stati rilevati i resti di un uomo vissuto tra il X e l’XI secolo di origine medioevale. Forse un cavaliere, sicuramente un personaggio importante. Dentro una fossa votiva è stata rinvenuta una fibula in oro decorato a filigrana. Un gioiello di grande pregio proveniente da una bottega orafa del Nord Italia o forse della Germania o di origine bizantina.

A Montieri il tempo sembra rallentare la sua corsa. Le chiacchiere seduti ai bar sulla strada principale. Qui i bar hanno nomi impegnativi, che rimandano ad atmosfere lontane. La Luna nel Pozzo è un locale storico, tornato a nuova vita da poco tempo. Ambiente moderno e coinvolgente. Il pozzo e la sua luna ci accolgono con il sorriso di Serena, che prepara pane e acciughe e il bicchiere di vino bianco raso fino all’orlo come non succede più in città. La mattina si fa colazione al fresco delle antiche fonti. La sera una birretta e un’occhiata alla partita di calcio in tv. A un tiro di schioppo, dall’altra parte della piazza del Municipio, il Country è l’altro bar del paese. Dietro il bancone c’è Gregor arrivato qui da tanti anni. Quella di Carla, merceria e bazar insieme, è uno di quei posti dove puoi trovare di tutto. Penelope, che magari vi accoglie acciambellata sul bancone a far le fusa, bianca con macchie nere e rosee, è la mascotte dell’emporio. Per la carne si va alla macelleria di Enrico, filiera corta secolare. La quarta generazione, dietro il bancone del piccolo negozio davanti al Municipio.

Eccolo, il Palazzo comunale, con la sua austera facciata imbandierata, lì quasi a vigilare sull’intera comunità. A pianterreno, l’Ufficio Turistico. Uno dei primi posti dove ci si ferma quando si arriva da qualche parte. Dietro al bancone si alternano Cecilia e Carlotta. Innamorate del proprio lavoro e di Montieri, mi regalano non soltanto depliants e cartine, ma anche aneddoti e pillole di storie locali. Sullo scaffale è in vendita, fresco di ristampa, “I minatori della Maremma” di Luciano Bianciardi e Carlo Cassola, Ex Cogita Editore. Uscito nel ’56, racconta la condizione sociale e umana dei minatori, dalla nascita delle prime società minerarie e dei villaggi operai alle lotte sindacali. Fino all’esplosione di grisù nelle profondità di Ribolla – non lontano da qui – nella quale persero la vita 43 minatori. Era il 4 maggio 1954. Carlotta mi dice che la presenza del libro su quello scaffale “rende omaggio ai nostri nonni che duramente hanno lavorato nelle viscere della terra”. Quando chiedo se posso parlare con qualcuno che ha lavorato in miniera, sono tutti concordi che devo parlare con Carlo Traditi.

Boccheggiano e la miniera di pirite di Campiano

Saliamo a Boccheggiano. Qui c’è la miniera di pirite di Campiano, una delle più grandi in Europa, in attività fino al 1994. L’appuntamento è alla sede delle Casse Mutue Riunite. Traditi è il presidente. Mi accoglie con un gran sorriso e una forte stretta di mano. Mi racconta del momento della chiusura della miniera. Dei corsi di aggiornamento proposti a chi perdeva il lavoro di una vita. Di come era difficile voltare pagina e magari trovarsi a destreggiarsi con un computer, “I tasti avrebbero dovuto essere grandi come tappi di sughero per poterci lavorare”. Il dispiacere più grande, a distanza di così tanto tempo, è realizzare che sono stati cancellati cento anni di vita in miniera. Una monocultura che aveva segnato queste terre. La possibilità è quella di un turismo dell’archeologia industriale, difficile comunque da portare avanti. Ma a Boccheggiano si vive ancora bene, con “le lucciole che d’estate illuminano la strada”.

Guarda la gallery
in_centro

verso_montieri

un_balcone_fiorito

un_angolo_di_gerfalco

travale

per_le_antiche_scale

montieri

le_macchie_gialle_delle_ginestre

le_colline_metallifere

la_campagna_intorno_a_montieri

rose_rosse

gerani

dalla_chiesa_di_san_giacomo

colori

chiesa_di_san_giacomo

chiesa_di_san_biagio_gerfalco

camminando

camini_fumanti

a_giro_per_il_paese



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Italia
    Diari di viaggio
    da barcis a venzone, tra natura e mummie

    Da Barcis a Venzone, tra natura e mummie

    Dopo la zona di Monfalcone, l'ultimo itinerario in Friuli Venezia Giulia prima della mia partenza, prevede una parte naturalistica, visita...

    Diari di viaggio
    montieri il borgo delle rose

    Montieri Il borgo delle rose

    Montieri, il borgo delle rose. Dalle miniere alla rivoluzione geotermica di oggiUn viaggio di tre giorni a Montieri, un paese...

    Diari di viaggio
    santarcangelo di romagna, un pomeriggio tra le mura del castello

    Santarcangelo di Romagna, un pomeriggio tra le mura del castello

    Non pensavo che una giornata di maggio potesse essere così calda e afosa. Spinta dalla mia solita determinata curiosità, borraccia e...

    Diari di viaggio
    insolita trieste

    Insolita Trieste

    Io e il mio compagno siamo stati a Trieste per il ponte dell’8 dicembre (8 – 12 dicembre 2021): 5 giorni che per noi, provenienti da...

    Diari di viaggio
    primavera in umbria

    Primavera in Umbria

    Ferie ad aprile, la primavera è alle porte e così, da amante della natura, scelgo una delle regioni più verdi in cui in passato ho...

    Diari di viaggio
    parco naturale regionale della lessinia

    Parco Naturale Regionale della Lessinia

    Parco Naturale Regionale della Lessinia - Ponte di VejaIn una giornata di pioggia, lungo l’impervio sentiero che mi portavano ai...

    Diari di viaggio
    cosa vedere a matera in 2 giorni

    Cosa vedere a Matera in 2 giorni

    Meravigliosa Matera la città dei Sassi, due giorni in questa splendida e affascinante città che mi ha letteralmente rapita.Matera...

    Diari di viaggio
    viaggio nell'eremo di santa caterina del sasso

    Viaggio nell’Eremo di Santa Caterina del Sasso

    Quello che vi porto a scoprire oggi è un luogo particolare, incastonato tra le rocce del Lago Maggiore. Ammetto e faccio mea culpa: questo...

    Diari di viaggio
    weekend nelle langhe

    Weekend nelle Langhe

    Quale periodo migliore per visitare le Langhe se non l’autunno? Il primo fine settimana di novembre decidiamo di partire per un weekend...

    Diari di viaggio
    napoli e capri connubio perfetto

    Napoli e Capri connubio perfetto

    Fare una vacanza a Napoli e Capri era da sempre il desiderio di mia sorella e il mio. La sua amica ci invitò alcuni giorni a casa sua e...