Monaco di Baviera, itinerario per 48 ore

Il capoluogo della Baviera è una città con un'anima legata alla storia e alla tradizione. Vanta innumerevoli attrazioni, tra imponenti chiese, numerosi musei, importanti palazzi storici e immensi parchi
Scritto da: valery83
monaco di baviera, itinerario per 48 ore
Partenza il: 03/01/2016
Ritorno il: 05/01/2016
Viaggiatori: 1
Spesa: 500 €

La mia prima giornata è iniziata alla scoperta del centro storico.

Sono partita dalla famosa Marienplatz, nonché il vero cuore pulsante della città. La piazza è dominata dal Neue Rathaus, il Nuovo Municipio, che è un imponente edificio in stile neogotico. Un’alta torre, ben 81 metri di altezza, domina la facciata, e ospita la vera attrazione che ogni giorno cattura l’attenzione di centinaia di turisti, il Glockenspiel, il più grande carillon della Germania. Il carillon si sviluppa in due piani ed è composto da 43 campane e 32 statue a grandezza naturale in movimento.

Si aziona solo in determinati orari da novembre a febbraio ore 11,00 e 12,00 negli altri mesi anche alle ore 17,00.

In mezzo alla piazza si trova la Mariensaule, una colonna di marmo che sorregge una statua in bronzo dorato raffigurante la Madonna, con il bambino Gesù, con corona e lo scettro in mano. E’ la patrona della Baviera, ed è stata eretta nel 1638 per volontà del duca Massimiliano I, come ringraziamento per la liberazione della città dagli svedesi.

Vicinissimo alla piazza si trova la Frauenkirche, la cattedrale di Monaco, il simbolo per eccellenza del capoluogo bavarese. I suoi due campanili gemelli, alti 99 metri, con la cupola a forma di cipolla domina il centro storico della città. Non appena entrate nella cattedrale, appena prima della cancellata in ferro, potrete notare sul pavimento l’impronta di un piede, e la leggenda narra che quest’impronta sia del Diavolo! L’interno è formato da tre navate, e ci sono moltissime cose da vedere, le più importanti sono il monumento funebre di Ludwig IV il Bavaro, le reliquie di San Benno, il santo patrono di Monaco di Baviera, le figure gotiche in legno raffiguranti gli apostoli e il monumento dedicato a Papa Benedetto XVI.

Sempre dalla Marienplatz, mi sono diretta in direzione sud-est, su Rindermarkt, dove si trova la Peterskirche, la chiesa di San Pietro. Questa chiesa viene chiamata dai monacensi anche “Alter Peter”, perchè è la chiesa più vecchia di Monaco di Baviera. Al suo interno si trova un bellissimo altare Maggiore e una statua che raffigura San Pietro. All’esterno invece si trova la torre campanaria, alta 91 metri, e con una scalinata di ben 306 scalini si può godere di una vista a 360°gradi su tutta la città.

Costo del biglietto 2,00€.

Una volta scesi dal campanile, sulla sinistra, a pochi passi, troverete il Viktualienmarket, il più vecchio e famoso mercato di Monaco. In questo mercato troverete una vasta gamma di prodotti, specialità e prelibatezze tipiche del luogo, ed è un ottimo posticino per mangiare la celebre salsiccia bianca, con un brezel.

Nel pomeriggio mi sono diretta alla scoperta della Odeonsplatz, l’ho raggiunta sempre partendo dalla Marienplatz verso ovest, svoltando poco dopo sulla Weinstrasse, continuando infine sulla Theatinerstrasse. Questa bellissima piazza è dominata dalla Theatinekirche, la chiesa di San Gaetano. Questa chiesa in stile barocco italiano, riposano nel secondo altare i genitori di Ludwig II, mentre nella cripta sono sepolti i vari membri della famiglia Wittelsbach. Sempre nella piazza si trova la Feldherrnhalle, la copia ottocentesca della Loggia di Firenze. E’ alta 20 metri, ed è formata da una tripla arcata, e venne costruita per onorare gli eroi della Baviera. Ai lati della scalinata si trovano due sculture di leoni, e le statue del conte di Tilly e del conte von Wrede.

Vicinissimo a questa piazza si trova la Residenza, il palazzo reale di Monaco. Io non ho visto il suo interno, ma dicono che sia uno dei palazzi reali più grandi d’Europa.

Poi sono ritornata verso il centro, e lungo la Theatinerstrasse al n.32 ho trovato una pasticceria, la Maelu, dove nella vetrina erano esposti tantissimi dolcetti che non ho potuto resistere alla tentazione, e credetemi, se la troverete, sarà veramente difficile non entrare.

Infine ho terminato la serata, andando a cenare alla famosa birreria HB, l’Hofbrauhaus. La sua notorietà è dovuta soprattutto ad alcuni avvenimenti storici accaduti proprio nel salone al primo piano, come la salita al potere di Adolf Hitler. La sala al piano terra ha una capienza di 3.000 persone, e si può mangiare, bere una buona birra e trascorrere una allegra serata visto che c’è sempre un’orchestra che suona. Si trova in Platzl n.9 ed è aperta tutti i giorni dalle 9,00 alle 24,00.

Secondo e ultimo giorno in questa bellissima città

Alla mattina ho deciso di andare a visitare il campo di concentramento di Dachau. Secondo me la visita è quasi d’obbligo, perchè è giusto vedere di persona questi luoghi (solo in Germania se ne contano più di 15) che fanno parte della nostra storia, quella più crudele mai descritta.

Il campo di concentramento si raggiunge con la metropolita S2 fermata “Dachau”, e dopo si deve prendere l’autobus n.726 per “KZ – Gedenkstatte”. E’ aperto tutti i giorni, tranne il 24 dicembre. L’ingresso è libero, mentre l’audio-guida costa 3,00€. Alle 10,30 ogni giorno, nella sala cinema viene proiettato un documentario in lingua italiana.

Al pomeriggio mi sono spostata al Olympiapark, tappa imperdibile per chi come me è amante dello sport. E’stato realizzato nel 1972 in occasione delle Olimpiadi, e da qualche anno hanno costruito il nuovo stadio Allianz Arena. Vicino al Olympiapark si trova la sede centrale della BMW, con tanto di museo che racchiude la storia e i più famosi modelli automobilistici di questa casa.

L’Olympiapark si raggiunge con la linea metropolitana U3, fermata Olympiazentrum.

Infine ho concluso la giornata nelle storiche saune di Mullersches Volksbad. Si possono trovare diverse saune a 45 – 60 – 80 e infine la classica sauna finlandese a 92 gradi, più il bagno turco a 45 gradi con umidità al 100%. E’ stato un ottimo modo per concludere il mio soggiorno a Monaco.

Le saune si trovano proprio di fronte al Deutsches Museum e si raggiungono con la linea metropolitana S fermata Isartor, sono aperte tutti i giorni dalle 9,00 alle 23,00 e il biglietto di ingresso costa 17,00€.



    Commenti

    Lascia un commento

    Germania: leggi gli altri diari di viaggio