Misteri del Monferrato

Tra leggenda o realtà?
 

Io e Ale decidiamo di fare una gita di fine stagione nel vicino Monferrato, un po’ per vedere i colori autunnali, un po’ per far visita a due cari amici. Così approfittando del nostro voucher Piemonte il 19/11/2021 partiamo per Asti. Iniziamo il viaggio con una giornata di sole passando per le Langhe e già si intravede a valle una nebbia fitta. I nostri amici intanto per telefono ci stanno avvertendo che ad Asti c’è un nebbione pazzesco e che non si vede a un palmo dal naso.

La cosa non ci preoccupa minimamente e procediamo con il nostro itinerario, destinazione Santo Stefano Belbo – Fondazione Cesare Pavese.

Lungo il tragitto non possiamo mancare di visitare il Museo a Cielo Aperto di Camo. Lì la nebbia si fa già sentire, quindi tolgo gli occhiali da sole e facciamo un giro ammirando le opere degli artisti. Una bella passeggiata in cima al paese senza godere del panorama, ma già tutta quell’arte riempie abbondantemente i nostri occhi. Un cartello cattura in particolare modo la mia curiosità: b.a.r.l.u.i.g.i. base aerospaziale ricercatori di luoghi di utopie indipendenti e geometrie ignote. E qui comincio a capire di essere nel posto giusto e che mi aspetteranno grandi sorprese.

Fondazione Pavese, Santo Stefano Belbo

Ci dirigiamo, quindi verso il paese di Santo Stefano Belbo e qui non si possono non ammirare le panchine a forma di libro raffiguranti le pagine dei racconti di Pavese. Arriviamo dalla Fondazione e perduti a fotografare panchine ci chiamano per entrare. Percorriamo la visita accompagnati dalla guida, ci si sente avvolti dalle colline e dai suoi libri, le fotografie raccontano dei suoi luoghi e di quei personaggi che lui intervistava e da cui nasceranno poi i suoi racconti. E mi colpisce quella pagina scritta di suo pugno sulla Sua copia dei ‘I dialoghi di Leucò’ ‘’Perdono tutti e a tutti chiedo perdono. Va bene? Non fate troppi pettegolezzi‘’. Una frase semplice che rispecchia la vita lì tra le campagne , dove tutti si conoscono, dove la gente vive di pettegolezzi e lui raccogliendoli e trascrivendoli ci ha scritto storie diventate famose in tutto il mondo.

Lasciamo Cesare Pavese dopo essere stati, per completare il tour, nella sua casa natia e ci dirigiamo verso in nostro hotel che poi è un Castello a Frassinello. La nebbia è fitta e sembra di essere avvolti in un lenzuolo, non si vede nulla. Seguendo Google Maps arriviamo sotto le mura del Castello. Lasciamo la macchina e decidiamo di salire a piedi lungo le mura, perché oltre non riusciamo a vedere nulla. La suspense aumenta, scendiamo dalla macchina e sentiamo la nebbia che ci avvolge, intorno il nulla e quella sensazione di umido che parte dai piedi ci fa un po’ rabbrividire. Arriviamo dal cancello di legno tipico di un Castello che si rispetti, vicino c’è una porticina entriamo e c’è una ragazza gentilissima che ci accompagna alla camera. La location è quella di un Castello medievale con il suo cortile e le scuderie. E’ lasciato con gli arredi di un tempo niente di sfarzoso, ma nel complesso molto fiabesco. Saliamo le scale, un grosso stemma di legno sovrasta le nostre teste ed entrando nella nostra camera ,che dà sul cortile , noto subito sul  letto il drappo a baldacchino tipico delle camere nobili e già mi sento una Contessa.

Guarda la gallery
img_20211121_221751_2

img_20211119_114913_2

img_20211119_130306_2

img_20211119_131053_2

img_20211119_144314_2

img_20211119_174635_2

img_20211119_200303_3



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Asti
    Diari di viaggio
    misteri del monferrato

    Misteri del Monferrato

    Io e Ale decidiamo di fare una gita di fine stagione nel vicino Monferrato, un po’ per vedere i colori autunnali, un po’ per far visita...

    Diari di viaggio
    compleanno nelle langhe e roero

    Compleanno nelle Langhe e Roero

    Era diverso tempo che volevo visitare la zona delle Langhe e del Roero, soprattutto dopo aver visto alcuni servizi in Tv che ne mostravano...

    Diari di viaggio
    vacanze nell’astigiano: una domenica di romanica follia

    Vacanze nell’Astigiano: una domenica di romanica follia

    Era dall'anno scorso che volevo provarci e domenica scorsa ci sono riuscito. Riuscito a scoprire quante antiche chiese e pievi del...

    Diari di viaggio
    che belle le langhe in autunno!

    Che belle le Langhe in Autunno!

    Era da tanto tempo che avevamo in mente le Langhe, senza mai trovare l’occasione giusta per partire: troppo freddo in inverno, troppo...

    Diari di viaggio
    la nebbia agli irti colli

    La nebbia agli irti colli

    rammarico è che c’è sempre una sottile coltre di nebbia che impedisce di godersi il panorama. Mi piacerebbe rivedere queste zone in una...

    Diari di viaggio
    fine settimana tra le langhe e il roero, senza scordare il monferrato

    Fine settimana tra le Langhe e il Roero, senza scordare il Monferrato

    male. Oggi, da bere solo acqua. Ripartendo decidiamo di evitare Santo Stefano Belbo, patria di Pavese, dato che in Marzo la sua casa-museo...

    Diari di viaggio
    weekend veloce ad asti

    Weekend veloce ad Asti

    Grazie a un cofanetto ricevuto in regalo, decidiamo di fare una gita ad Asti: partiamo sabato nel primo pomeriggio da Milano e in un'ora e...

    Diari di viaggio
    cento torri e mille poesie

    Cento torri e mille poesie

    carne cruda alla monferrina, con una terrina di carni bianche marinate nel passito, farcita con pistacchi e prugne, oltre all’ottimo...

    Diari di viaggio
    tra le colline del monferrato

    Tra le colline del Monferrato

    è stato divorato. Nel pomeriggio per smaltire il pranzo siamo andati a fare un giro in una cantina vinicola. E' vero, non ve l'avevo...

    Diari di viaggio
    alternativa langhe

    Alternativa Langhe

    Dopo un inverno lungo e piovoso la festività del Primo Maggio, soprattutto se, cadendo di venerdì, dà la possibilità di partire per un...