Milos, Folegandros, Sifnos in bus

Milos: é la regina delle spiagge. Il tour dell'isola in barca mostra ciò che difficilmente un'altra isola può offrire. Folégandros : ha la chiesa più panoramica di tutte le cicladi ed un bellissimo kastro. Sifnos: Un gioiello in assoluto e penso il Kastro più bello delle Cicladi.
Scritto da: adeliana
milos, folegandros, sifnos in bus
Partenza il: 28/07/2011
Ritorno il: 10/08/2011
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Milos: é la regina delle spiagge. Il tour dell’isola in barca mostra ciò che difficilmente un’altra isola può offrire. Folégandros : ha la chiesa più panoramica di tutte le cicladi ed un bellissimo kastro. Sifnos: Un gioiello in assoluto e penso il Kastro più bello delle Cicladi.

Dal 27.07.11 al 10.08.11

Se potete andare solo ad agosto andateci tranquillamente: confusione non ne abbiamo mai vista e ci ritornerò sicuramente ad agosto.

Se scrivo è perché devo fare un caloroso ringraziamento a tanti TPC perché proprio tutti i diari mi sono letta prima di partire e mi sono stati utilissimi per fare si che questa vacanza fosse vissuta al meglio e senza sorprese negative da tutti i punti di vista, ristoranti compresi.

Non volevo scrivere un diario questa volta perché poteva essere solo la ripetizione di notizie sulle bellissime località e spiagge ben descritte da altri e non avrebbe portato nulla di nuovo.

Se vi serve un diario completo, molto ben descritto, veritiero e ben dettagliato, leggete q uello di Silvia 79 “Grecia 2005: Atene, Milos e Santorini” che mi sono portata con me e che al mio ritorno ho lasciato ad alcuni turisti, mentre altri l’hanno letto in spiaggia e preso pure nota nei punti salienti.

Se volete alcuni consigli pratici per chi come noi non noleggia l’auto, leggete il mio diario. Prima di partire alcune nostre domande erano senza risposta (esempio: come faccio a raggiungere la spiaggia bellissima di MYTAKAS con accanto un porticciolo graziosissimo?) per cui vi posso dare alcuni consigli e suggerimenti.

Per sfatare le notizie di chi dice che utilizzare le navi non-veloci è quasi impossibile, dico che noi abbiamo proprio utilizzato solo navi-non-veloci, molto convenienti e sempre puntualissime (anche perché non corrono il pericolo di non partire per il meltemi come può succedere sia all’aereo piccolo che da Atene va a Milos che ad alcune navi veloci): avevamo la poltrona molto comoda nell’apposita area. Per un po’ ho dormito, poi sono salita sul ponte sopra per vedere le isole che si passavano ed i porticcioli dove entravamo.

Pireo/Milos il 28.08.11 – partenza alle 07.20 con nave Agios Georgios – con poltrona , ma i salotti avevano tantissimi posti vuoti – arrivo alle 14.30

Milos / Folegandros/Milos in 1 giorno e con la nave lenta abbiamo potuto arrivare alle 9.30 (mentre il catamarano arrivava alle 10.30) e ripartire alle 21.00 (mentre il catamarano riparte alle 18.00) con arrivo alle 23 spendendo in 2 solo 34 euro contro i 100 del catamarano – siamo così riusciti anche a cenare alla Chora e godere per più ore Folegandros.

Milos/Sifnos – partenza il 07.08.11 sempre con la nave Agios Georgios alle 15.30 ed arrivo a Sifnos alle 17.00

Sifnos/Pireo – partenza 09.08.11 sempre con la nave Agios Georgios alle ore 17.00 ed arrivo al Pireo alle ore 22.00

COSTO TOTALE euro 178 compreso l’invio in Italia dei biglietti (costo 15 euro) – poi abbiamo scoperto che potevamo tranquillamente ritirare i biglietti la mattina al porto anche se presto (ed era quello il nostro dubbio – ma una copia conosciuta al porto ci ha detto che alle 5 del mattino gli uffici erano già aperti)

Oltretutto si sosta anche a Serifos (che appare in tutto il suo splendore) ed a Kytnos , piccolissimo porticciolo che mi ha profondamente deluso per una costruzione, un orribile condominio a 6 piani nel bel centro del villaggio marino): per cui viaggio per nulla noioso.

E pensare che proprio il volo non diretto sull’isola di Milos mi aveva per anni fatto decidere per una località diversa da Milos.

A Milos consiglio vivamente di fare il tour completo dell’isola con la barca del “Captain Yiangos”

A 30 euro per persona. Per il pranzo libero si sosta all’isola di Kimolos dove c’è anche la spiaggia per fare il bagno. Si ha modo di vedere tutta l’isola e le diversità veramente sostanziali delle località che si vedono: rocce, falesie di tutti i colori, grotte e spiagge bellissime, miniere con sosta a 3 località per fare il bagno: KLEFTICO, FIROPOTAMOS e KALAMOS che, come giustamente scritto da una TPC è la spiaggia più bella di Milos non raggiungibile via terra: località che non si vedono se si fa il giro con altre barche che vanno solo fino a Kleftico (tra l’altro più costose) , che poi è un’andata e ritorno sempre dalla stessa parte.. Noi non ci siamo assolutamente stancati. Vedete di programmarla presto perché noi l’abbiamo fatta col mare liscio come l’olio, ed è così che si deve fare per non perdere la bellezza estrema dell’escursione. Poi per alcuni giorni le barche non sono uscite per il Meltemi e sono uscite col mare un po’ mosso. C’è comunque il diario di un TPC che vi dettaglia benissimo tutto il giro dell’isola ed anche quello avevo preso con me…..mi ero proprio ben preparata.

Per la mia vacanza avevo con me 2 macchine fotografiche per precauzione (vuoi che se per caso me se ne rompe una, dove trovo là una macchina fotografica?? E invece là si trova proprio tutto !!!) e nel tour dell’isola una con 200 foto già era completa.. Per fortuna avevo l’altra che ne può fare 1000.

I bus partono da ADAMAS (porto di Milos) e raggiungono quasi tutte le località in soli 20’. Costo del bus 1,60 cad. anche se si fa solo una sola fermata (come è capitato a noi a PAPAFRANGAS quando, con il mare mosso era praticamente noioso stare lì a lungo ed abbiamo quindi ripreso il bus per la fermata seguente per destinazione la bellissima spiaggia di Mytakas). Per cui per chi intende spostarsi è bene soggiornare ad Adamas che tra l’altro è una cittadina graziosa con tutto quanto serve: porto vicino per eventualmente spostarsi su altre isole, ottimi ristoranti (non fermatevi su quelli lungo il porto ( lì abbiamo cenato solo la prima sera, ma in altri posti ci siamo trovati molto, molto meglio), bus e l’indimenticabile/pasticceria/panetteria nella piazzetta dei bus ecc.



    Commenti

    Lascia un commento

    Atene: leggi gli altri diari di viaggio