Messico – Yucatan e Chiapas in bus

Max e Stefy: Tour fai da te del Messico (Yucatan, Quintana Roo e Chiapas) Periodo 28-10-2008 / 19-11-2008 Spesa a testa Volo: 650 euro (Eurofly compresa assicurazione totale) In Messico: 1000 euro (trasferimenti bus/taxi, pernottamento, pasti, escursioni e tutto il resto) Luoghi visitati: Isla Mujeres - San Cristobal de Las Casas - San Juan...
 
Partenza il: 28/10/2008
Ritorno il: 19/11/2008
Viaggiatori: in coppia

Max e Stefy: Tour fai da te del Messico (Yucatan, Quintana Roo e Chiapas) Periodo 28-10-2008 / 19-11-2008 Spesa a testa Volo: 650 euro (Eurofly compresa assicurazione totale) In Messico: 1000 euro (trasferimenti bus/taxi, pernottamento, pasti, escursioni e tutto il resto) Luoghi visitati: Isla Mujeres – San Cristobal de Las Casas – San Juan Chamula – Agua Azul – Misol Hà – Palenque – Merida – Uxmal – Kabah – Cuzamà -Celestun ( Reserva Biosfera Rìa) – Chichen Itzà – Izamal – Playa del Carmen – Tulum – Cobà -Puerto Morelos 28/10 – Cancun Ciudad Meta Messico. Dopo aver scartato la Baja California per l’eccessivo costo del volo, e dopo aver dirottato la nostra scelta sullo Yucatan, passiamo i tre mesi che ci separano dalla partenza a documentarci su che itinerario fare, cosa vedere, quali hotel inserire nel nostro carnet. Alla fine è giunto il momento tanto atteso della partenza. Abbiamo acquistato i biglietti ai primi di settembre a un prezzo veramente conveniente: Eurofly 650 euro (compresa assicurazione totale per tutto il viaggio), e l’itinerario prevede uso degli autobus per le tappe principali di Yucatan, Quintana Roo e Chiapas.

Partiti da Milano il 28/10, con un po’ di ritardi a Milano (previsto 17:35, + 1 ora e mezza) e a Fiumicino (+ 1 ora), arriviamo a Cancun che e’ ormai notte fonda, ore 1.00 del 29/10. I pullman ADO terminano il servizio alle 23 quindi dobbiamo affidarci a un taxi collectivos che però ci tira una bella bidonata: prima 300 pesos, poi diventano 600, perché non riesce a fare il pieno del taxi. La bidonata continua con l’hotel Punta Allen scelto su LP (dovrebbe cambiare nome in Hotel Sucio). Ci arriviamo alle 2 e paghiamo subito i 300 pesos; arrivati in camera non osiamo spogliarci e dormiamo zero assoluto. 29/10 Isla Mujeres Ci alziamo alle 5.30, incapaci di rimanere in quella muffosa e indecente camera, doccia fredda ovviamente, e fuga per Isla Mujeres, la prima delle nostre tappe. Prendiamo un cappuccino al supermarket Oxxo, diventerà il nostro rito durante tutto il viaggio. Prendiamo un taxi onestissimo: 30 pesos per Puerto Juarez e ci imbarchiamo alle 7 per Isla Mujeres: in soli 15 minuti siamo sull’isola. Cerchiamo l’Hotel Bucanero in Av. Hidalgo, piccola camera ma molto decente e pulita al costo 770 p per due notti (desajuno incluido).

Giriamo l’isola nella zona a nord, c’e’ vento, molto vento e molte nubi. Da Playa Norte percorriamo il malecon e intravediamo ancora presenti tutti gli effetti dell’uragano Wilma di qualche anno fa. Case private e Hotel diroccati, pavimentazione divelta, macerie, qualche costruzione in rifacimento, deve esserci stato un bel disastro. La zona downtown è molto caratteristica ed è l’ideale per due giorni di puro riposo. Gente cordiale e non invadente, bei localini e negozietti, peccato sia nuvoloso, e ciò durerà due-tre giorni. Ore 10 un po’ affamati ci catapultiamo da restaurant Amigos: cerveza sol y sandwich; con più di 24 ore di non riposo alle spalle ci dirigiamo verso la bellissima Playa Norte. Anche se il tempo rimane brutto siamo comunque entusiasti per ciò che si presenta ai nostri occhi: la sabbia è borotalco, il mare verde smeraldo, niente a che vedere con il nostro litorale veneziano, dove da anni ormai non osiamo più fare i bagni estivi. Il sole va e viene ma non ci importa, è troppa la felicità di essere qui in Mexico. Verso sera, poco prima delle 17.00, assistiamo a un tramonto spettacolare, con un buon margarita distesi sulla spiaggia, ammiriamo lo scendere lento del sole. La stanchezza comincia a farsi sentire, doccia (calda) e via subito in Avenida Hidalgo. I ristoratori richiamano la nostra attenzione ad ogni locale, e decidiamo alla fine per un ristorante di cucina tipica messicana. Alle 21 siamo già a letto devastati.

30/10 Alle 5.30 Stefy è già sveglia, cominciano i guai del fuso orario. Alle 6:30 scendiamo a fare colazione ma prima delle 8 non se ne parla. Giro mattiniero, in attesa di fare desayuno e poi noleggio scooter (250 pesos/giorno) per girare l’isola. Dopo soli 8 km siamo a Punta Sur, il cielo continua ad essere nuvoloso (di solito qui quando sale vento da nord dura per 42 ore), il mare qui è molto agitato. Lasciamo perdere le insignificanti rovine maya di questo tratto dell’isola e saliamo invece al faro dal quale si gode una vista magnifica del mare che separa la Isla alla costa di Cancun. Giriamo nella zona centrale dell’isola dove c’è la laguna e alcune abitazioni di locali, per poi dirigerci sulla costa ovest a Playa Lancheros. E’ molto bella, il mare è perfetto, ma la tranquillità dura poco per le orde di gringos che giungono in catamarani e barconi a intervalli di 3 ogni ora dalla vicinissima Cancun. Comunque troviamo il nostro angoletto di pace. All’una scompaiono le nuvole (per fortuna) e dopo un po’ ci pappiamo poc-chuc e tortillas al ristorantino sulla spiaggia. Verso le 16.30 ritorniamo in zona Norte per consegnare lo scooter e per non perdere il nuovo tramonto, stavolta annaffiato da due buoni mojtos. Il pranzetto ci ha riempito assai e non abbiamo fame, in compenso abbiamo invece tanto sonno ma, mentre ci docciamo, veniamo attirati da suoni di musica caraibica a tutto volume provenire da Av. Hidalgo. Scendiamo e localizziamo che proviene da El Ankla, un bar terrazza. Saliamo e…Mamma mia…Solo messicani uomini che mi squadrano Stefy da testa ai piedi. La musica è di una cantante agghindata come una ballerina di lap dance ma ‘abbastanza’ in carne. E’ bravissima sia a cantare che a ballare, piena di ritmo e di son, immersa all’inverosimile nel suo ruolo e aiutata in ciò da bicchierate di tequila tra una canzone e l’altra. Dopo aver bevuto rapidamente 2 cervezas al prezzo di 18 pesos (1 euro e 10!) usciamo abbastanza inquietati dal luogo. Un piccolo languorino mi assale, desisto però dalla proposta del rist. Marinos dove il pesce è ottimo, e optiamo invece per una semplice pizza in due. Di nuovo le 21 e di nuovo il sonno ci spacca. A letto. 31/10 Trascorriamo l’ultimo giorno a Isla Mujeres in spiaggia a Playa Norte. La giornata è stupendamente bella. Siamo i primi sulla spiaggia; lascio Stefy per andare prendere 2 cappuccini al Super e al ritorno la trovo con due lettini ‘gentilmente’ offerti dal messicano gestore/proprietario, che da buon latino la accalappia subito (scusante: visto che sono le 8 e siamo i primi in spiaggia le offre i lettini gratis). Alle 12 ci rechiamo in hotel a prendere le valigie per imbarcarci alle 13 per Cancun. Arrivati a Puerto Tuarez chiediamo al taxi di portarci alla stazione bus ADO e richiede 60 pesos. Contrattiamo visto che all’andata ne abbiamo pagati 30! Dico al tassista 30 pesos o andiamo in bus. Accetta con musone e quando ci scarica neanche ci saluta (ma chi se ne frega). Il pullman ADO per San Cristobal delle 14.30 è già partito e quindi dobbiamo aspettare quello OCC delle 15:45 dove ci sono solo 2 posti liberi:43/44 (vicino ai bagni… speriamo bene). Il viaggio è di 19 ORE e arriviamo alle 10:45 del 1/11. Il pullman è comodo ma 19 ore ti devastano; poi dopo Palenque, quando inizia la salita per le tortuose curve verso San Cristobal, inizia a farsi sentore l’odore dei bagni. Dopo poco diventa insopportabile. Così ci spostiamo verso i posti liberi più avanti, ma ormai ha invaso tutto il pullman (ci servirà da monito per le prossime prenotazioni).



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Cancún
    Diari di viaggio
    messico pueblo magico

    Messico Pueblo Magico

    Svegli da quasi 48 ore, nel primo aereo era impossibile dormire causa vicino con attacchi di panico da dover gestire con tanto di mano di...

    Diari di viaggio
    messico e nuvole 9

    Messico e nuvole 9

    17/12/2019 Quest’anno saltiamo il Natale e tutte le feste a piè pari e ce ne andiamo in Messico! È finalmente arrivato l’atteso...

    Diari di viaggio
    tre settimane nel messico del sud

    Tre settimane nel Messico del sud

    me se non per farci una passeggiata, magari la sera per godersi lo spettacolo delle luci. Vicino l’imbarcadero c’è una piacevole...

    Diari di viaggio
    yucatan on the road

    Yucatan on the road

    a casa, raggiungiamo di nuovo Chiquilà dove ci aspetta un furgoncino che ci porterà direttamente in aeroporto a Cancún…Hasta...

    Diari di viaggio
    tour fai da te in guatemala

    Tour “fai da te” in Guatemala

    Eccoci qui al nostro quarto viaggio “fai da te”. Siamo partiti da Milano Malpensa il 28 gennaio per Guatemala City con American...

    Diari di viaggio
    in messico dallo yucatan al chiapas

    In Messico dallo Yucatan al Chiapas

    la pena x quest'esperienza. Ritorniamo, pranziamo e ci dirigiamo verso Bonanpak... un gioiello… il tour ideale. Siamo giunti in un posto...

    Diari di viaggio
    alla scoperta dei maya

    Alla scoperta dei Maya

    23/12/2016 Quest’anno abbiamo deciso di cambiare completamente meta per le nostre vacanze. Non ci muoveremo più verso l’Oriente,...

    Diari di viaggio
    magico yucatan

    Magico Yucatan

    Sul viaggio fai da te nello Yucatan, devo essere sincera, ci ho pensato e ripensato più volte: non tanto perché le foto delle sue spiagge...

    Diari di viaggio
    cancun e yucatan zaino in spalla con bimbo al seguito

    Cancun e Yucatan zaino in spalla con bimbo al seguito

    Approfittando dell’anno lavorativo trascorso a Città del Messico, ho visitato con mio figlio di 8 anni Cancún e la riviera Maya ben tre...

    Diari di viaggio
    alla scoperta del messico autentico

    Alla scoperta del Messico autentico

    La programmazione di questo meraviglioso viaggio è partita a Settembre 2016, una volta presi i biglietti aerei che da Roma Fiumicino ci...